Chrissy Metz mostra che lei è tutta di noi

Un Metz caloroso e fiducioso ha condiviso una storia personale di parzialità del peso.

Kate, il personaggio “non convenzionale, emotivo” di Chrissy Metz su This is Us della NBC, ha avuto un sacco di dolore nella sua vita, in parte centrato sulle reazioni degli altri al suo corpo e al suo peso. Lo stesso si potrebbe dire per Metz stessa. Ha condiviso una storia personale su quella cosa quando ho avuto il privilegio di incontrarla la scorsa settimana, nel backstage nel suo camerino al Wilbur Theatre durante il tour per il suo nuovo libro di memorie, This is Me .

Dopo essermi presentato e aver chiacchierato per un po ‘, ha condiviso una breve storia che mi sembrava fin troppo familiare, come direttore esecutivo di Green Mountain presso Fox Run, un ritiro femminile per un peso e un benessere salutari in cui aiutiamo le donne a fare pace con il cibo e il loro corpo: “La mia taglia rende alcune persone a disagio”, ha detto. “Di recente qualcuno sembrava assolutamente inorridito quando alzai le braccia sopra la mia testa, e muovevo il mio grasso carnoso. Credo che sia perché non si sentono a proprio agio nella propria pelle! Devo abbracciare le mie braccia grasse e la mia taglia. Hashtag: Questo sono io! Mi accetto ora, e poi se voglio cambiare, lo farò. ”

Molte persone che vivono in grandi corpi sperimentano questo tipo di microaggressioni – qualcuno che guarda in faccia il tuo corpo o fa una faccia – ed è dura. Infatti, un rapporto del Centro Rudd per la politica alimentare e l’obesità pubblicato sull’American Journal of Public Health conclude che stigmatizzare persone che vivono in grandi corpi “pone seri rischi per la loro salute psicologica e fisica, genera disparità di salute e interferisce con l’implementazione di sforzi efficaci di prevenzione dell’obesità. “I ricercatori continuano a dire che i dati sugli effetti sulla salute dello stigma sul peso lo fanno salire al livello sia di una questione di giustizia sociale che di una priorità nella sanità pubblica.

Nel suo nuovo libro, Metz mostra molto, come gli abusi fisici ed emotivi che ha sperimentato per mano del suo patrigno, che l’ha stimolata per il suo peso e ha fatto colpi verbali e fisici al suo “corpo offensivo”. Come specialista in disturbi alimentari, I vedere le ragioni chiare e molto comuni che ha rivolto al cibo da bambino. “Avevamo vissuto con una mancanza di cibo per così tanto tempo che quando era lì, mi sentivo come se dovessi mangiarlo prima che scomparisse”, scrive. “Il cibo era la mia unica felicità. Mi alzo nel cuore della notte e mangio. Avrei nascosto del cibo per mangiare in bagno. Biscotti, patatine Cose che mi daranno la breve beatitudine del torpore. ”

Nonostante la gravità di alcune delle cose di cui parla nel suo libro di memorie, Metz è un narratore nato naturale. Il suo libro ti coinvolge nel dolore e nella gioia della sua vita e ti lascia con ottimi consigli, come se tu fossi solo con la tua ragazza. Qualcosa che ho notato durante la lettura è che, indipendentemente da quello che stava succedendo, aveva quasi sempre amici, bestie. Era una calamita. Ed è così che ho sentito del suo libro, che ho finito in un pomeriggio. Anche la sua presenza sul palco del Wilbur era magnetica. Era a suo agio nella sua pelle, reale come il Coniglio di Velveteen, divertente nel suo parlare del Sud, a modo di cantare, qualcuno che potevi vedere essere BFF: “Tutte queste persone sono qui per vedermi? Non sanno che l’intero cast non è qui con me? ”

HarperCollins

Fonte: HarperCollins

I fan di Kate su This is Us ameranno imparare di più su Metz nel suo libro; ma c’è così tanto in This is Me per ogni donna che ha lottato con il peso, le dimensioni del corpo e il cibo. “È difficile non solo provare di nuovo quel dolore, ma rendersi conto che è tutto ancora lì, così vicino alla mia superficie”, scrive. “Credo che il dolore sia in ogni chilo che è ancora sul mio corpo. Ho riempito i miei sentimenti per così tanto tempo, devono venire e uscire lì per essere una vera guarigione. ”

Ti lascio con un’ultima boccata dal suo libro che riassume la speranza e la libertà del suo messaggio. Una frase sulle api: “Sai, è aerodinamicamente impossibile per le ali delle api mellifere sostenere il peso dei loro corpi per decollare e volare … eppure … eccoli …”

Riferimenti

R. Puhl, R., & Heuer, C. (2010). Stigma dell’obesità: considerazioni importanti per la salute pubblica, American Journal of Public Health 100 (6): 1019-1028

Solutions Collecting From Web of "Chrissy Metz mostra che lei è tutta di noi"