Chiunque può farlo, sono serio!

Sto scrivendo questo dal mezzo dell'Oceano Atlantico, appena a nord dell'Equatore. Sto insegnando lezioni su "Altruismo e giustizia sociale" mentre navighiamo per il mondo a Semester at Sea, un programma universitario accademico che enfatizza gli studi sul campo. Le mie classi stanno davvero saltando dai punti per i progetti di servizio che stiamo facendo mentre trascorrono una settimana in ogni porto, lavorando in scuole, ospedali, orfanotrofi e agenzie comunitarie. Lo scopo dichiarato dei corsi è quello di ispirare le persone a diventare più direttamente coinvolte nel servizio per aiutare coloro che sono più trascurati ed emarginati. Abbiamo persone a bordo della nave che sono interessate a questioni relative alla povertà, al rinnovamento urbano, agli abusi sessuali, alla schiavitù infantile, ai diritti umani, al genocidio, all'agricoltura sostenibile, alla responsabilità ambientale, alla giustizia riparativa e ad altre idee che non sono ancora del tutto articolate.

L'obiettivo del nostro lavoro insieme è aiutare ogni partecipante a scoprire o creare qualche progetto che possa fare la differenza nel mondo, a livello locale o globale. Sto dimostrando loro quanto sia sorprendentemente facile iniziare uno sforzo del genere, da chiunque, ovunque. Tutto ciò che serve è un gesto, un'azione per aiutare qualcuno e dallo sforzo possono crescere altre possibilità. Ho parlato in un precedente articolo su come il mio progetto con Empower Nepali Girls ha iniziato salvando solo una ragazza a cui non era permesso frequentare la scuola e da quel primo sforzo e l'aiuto di tanti altri ora stiamo operando in più di una dozzina di aree in tutto Paese. Chiunque può farlo ovunque che parla al loro cuore.

Abbiamo appena navigato per 1.000 miglia lungo il Rio delle Amazzoni, poi abbiamo percorso altre 100 miglia in barca, autobus, traghetto, un altro autobus, poi una canoa, nella giungla, in un remoto villaggio di poche dozzine di capanne e una scuola in rovina. Abbiamo passato diversi giorni a ristrutturare la scuola, costruendo un ponte su un torrente per migliorare l'accesso, ma ancora più importante, abbiamo passato del tempo con i bambini e gli insegnanti. Questo è un posto dove cacciano ancora con archi e frecce, dove non hanno mai avuto visitatori nordamericani, dove sono stati praticamente ignorati e trascurati dal loro governo nazionale. Sono persi, dimenticati, eppure spettacolarmente felici nella loro vita quotidiana e grati che ci siamo presentati per prestare assistenza.

È esilarante cercare di comunicare sulle cose più elementari. Gli abitanti del villaggio non parlano una parola di inglese, o spagnolo, quindi facciamo del nostro meglio con il nostro magro portoghese. Mi guardo intorno e vedo alcuni membri del nostro equipaggio che martellano, segano, dipingono, mentre altri giocano con i bambini: calcio, anello intorno al rosa, anatra, anatra, oca, pallavolo, truccabimbi. Stiamo scambiando parole inglesi per il dialetto locale, ognuno di noi grato per i regali. Quando notano la nostra energia che cade sotto il brutale sole tropicale, ci riempiono di caffè brasiliano denso, dolce e fragrante in piccole tazze. Siamo coperti di punture d'insetto, pelle bruciata dal sole, esausti, eppure deliranti, felici e contenti. Tutti stanno ridacchiando e abbracciandosi l'un l'altro.

Per molti del nostro team, questa è la loro prima esperienza coinvolta in un importante progetto di servizio, specialmente uno in un ambiente così nuovo. Stiamo dormendo tutti insieme su amache infilate in una specie di casa sull'albero. Mangiamo riso e fagioli con alcuni pezzi di carne che in seguito imparammo a cavallo, o potrebbe essere stata quella gru di cinque piedi che qualche bambino ha portato da poche ore fa. Per quanto esotici e stimolanti per l'ambiente, così difficile come arrivare a questo posto nel centro esatto della parte più remota del continente sudamericano, esistono esigenze simili all'interno delle nostre comunità. Ho con me la prossima generazione di idealisti e altruisti, giovani che vogliono cambiare il mondo, chi cambierà il mondo. Questo è solo il primo mese del nostro viaggio nel mondo che continuerà lanciando progetti simili attraverso i continenti africano e asiatico. Ma non è necessario viaggiare a metà strada in tutto il mondo per fare la differenza.

Chiunque può farlo. Dovunque. Inizia con il primo passo. E quel primo gesto deve coinvolgere nel trovare / scoprire / creare una causa che è cara al tuo cuore e tocca la tua anima. Questo lavoro è così difficile, così impegnativo, così frustrante a volte, che spesso si sente inutile e poco apprezzato, che è fondamentale che la missione ti sostenga nel lungo periodo. Quanti progetti di questo tipo hai iniziato nella tua vita che hanno perso significato o slancio dopo l'iniziale ondata di entusiasmo? Quante volte nella tua vita hai preso impegni per cause che hai detto che erano così importanti ma alla fine hai perso interesse? Con quale frequenza hai letto articoli come questo, annuito a te stesso e hai promesso che avresti seguito qualcosa di interessante, solo per avere giorni "dimenticati" o addirittura ore più tardi?

Quello che sto proponendo è che ti impegni ad un progetto piccolo e modesto che fornisce un servizio a un gruppo di persone bisognose. Dì agli altri quello che stai facendo, quindi è più difficile tornare indietro. Meglio ancora, invita gli altri a unirsi a te in modo da costruire una comunità di persone che la pensano allo stesso modo e che possono sostenersi a vicenda. Trova qualcosa che non è lavoro, ma piuttosto si sente come un dono che stai dando a te stesso tanto quanto agli altri. Ti è permesso, anche incoraggiato, di essere egoista riguardo a questo. Non è un caso che io abbia scelto di lavorare in Nepal, amo le montagne e le persone lì; Mi sento a casa. Potrei facilmente fare questo lavoro di recupero delle ragazze in Ghana, Tailandia, Colombia o Los Angeles, ma voglio premiare me stesso, sostenermi, lavorando dove mi sento più ispirato. Quindi dovresti, dovunque sia, con chiunque possa essere.

Solo l'inizio.

Solutions Collecting From Web of "Chiunque può farlo, sono serio!"