Chimp Grief e gli elementi costitutivi della tristezza umana

Altri animali non possono raggiungere uno stato emotivo complesso come la depressione umana. Destra? La depressione umana coinvolge stati come tristezza o senso di colpa. Non si può sapere se altri animali possano provare tristezza o senso di colpa perché non possono dirci che sono tristi o colpevoli. La difficoltà di entrare nella mente degli animali e l'orgoglio dell'unicità umana ha fatto resistere molti all'idea di depressione in altre specie (nonostante il fatto che testiamo farmaci antidepressivi su altri animali).

Le pubblicazioni appena pubblicate su Current Biology forniscono nuove prove sul dolore degli scimpanzé che mostrano notevoli parallelismi tra scimpanzé e reazioni comportamentali umane fino alla fine della vita. La più avvincente è un'osservazione scrupolosamente dettagliata di un mese di tre scimpanzé in cattività (Blossom, Rosie e Chippy) come un quarto scimpanzé, Pansy, gravemente malato e morto. I guardiani hanno deciso di permettere agli altri scimpanzè di stare con lei mentre moriva, mentre un gruppo di ricerca, guidato dallo psicologo James Anderson, osservava le loro reazioni. Il fatto che gli scimpanzé siano stati osservati continuamente, sistematicamente e meticolosamente per un periodo di trenta giorni, conferisce al documento una maggiore credibilità rispetto alle relazioni precedenti, che erano in gran parte aneddotiche.

C'è un passaggio sorprendente che descrive le reazioni degli scimpanzé dopo la morte di Pansy.

Il giorno dopo i tre scimpanzé superstiti furono profondamente soggiogati. Dalla zona giorno guardarono in silenzio mentre due custodi abbassavano Pansy dalla piattaforma, la portavano nel corridoio di uscita, la mettevano in un sacco a tracolla e la caricavano in un veicolo che veniva poi portato via. Rimasero sottomessi il giorno seguente mentre la zona notte veniva pulita e disinfettata e veniva fornita una nuova cannuccia. Quando le porte di collegamento furono aperte, Blossom e Rosie entrarono con esitazione, ma Chippy rifiutò; invece mostrò i suoi sorrisi e fece forti richiami di allarme, facendo sì che le due femmine tornassero rapidamente da lui. Le porte furono lasciate aperte, ma gli scimpanzé dormirono nell'area del giorno, e Chippy di nuovo si rifiutò di entrare nella zona notte il giorno seguente. Per cinque notti consecutive nessuno scimpanzé si è annidato sulla piattaforma in cui Pansy è morto, ma questa piattaforma è stata utilizzata per nidificare ogni sera dello studio di 29 notti. Rosie fu la prima a riprendere a nidificare lì.

Come continua il rapporto, può essere facile dimenticare che si tratta di scimpanzé e non di una famiglia umana toccata dalla morte.

Durante gli ultimi giorni di Pansy gli altri erano silenziosi e attenti a lei, e cambiavano i loro schemi di nidificazione (rispetto, cura, dolore anticipatore). Quando Pansy morì, sembravano testare i segni della vita esaminando attentamente la sua bocca e manipolando le sue membra (test per polso o respiro). Poco dopo, il maschio adulto attaccò la femmina morta, probabilmente tentando di svegliarla (tentativo di rianimazione); gli attacchi possono anche aver espresso rabbia o frustrazione (negazione, sentimenti di rabbia nei confronti del defunto). La figlia adulta è rimasta vicino al cadavere della madre per tutta la notte (veglia notturna), mentre Blossom ha curato Chippy per una quantità straordinaria di tempo (consolazione, sostegno sociale). Tutti e tre gli scimpanzé hanno cambiato spesso postura durante la notte (sonno disturbato). Hanno rimosso la paglia dal corpo di Pansy il mattino dopo (pulizia del corpo). Per settimane dopo la morte, i sopravvissuti rimanevano letargici e tranquilli e mangiavano meno del normale (dolore, lutto). Evitavano di dormire sulla piattaforma del letto di morte per diversi giorni (lasciando intatti oggetti o luoghi associati al defunto).

Se uno scimpanzé si comporta come un essere umano in una situazione (morte di un parente) che sarebbe un forte stimolo per il dolore umano, quanto di un salto è inferire che l'animale possa anche sperimentare uno stato interno simile all'esperienza umana di lutto (tristezza)?
Penso che il salto sia molto piccolo.
dolore da scimpanzè

Queste osservazioni controllate di scimpanzé addolorati possono dirci dei mattoni della tristezza e della depressione umana? Per non dimenticare, mentre la vita è vecchia di miliardi di anni, i mammiferi sono in giro da 300 milioni di anni, e gli umani solo per poche centinaia di migliaia. Dato il conservatorismo dell'evoluzione (condividiamo quasi il 99 percento dei nostri geni con gli scimpanzé), la maggior parte dei nostri adattamenti si è sviluppata in specie che non avevano lingua o cultura. L'umore è un primo esempio di un adattamento che ha un linguaggio preceduto (il che spiega perché non è così facile ragionare sulla propria via d'uscita da una depressione!).

Gli umori si sono bloccati perché hanno una funzione. Gli alti stati d'animo ci portano a perseguire più efficientemente i premi. Gli stati d'animo bassi concentrano la nostra attenzione sugli ostacoli sul nostro cammino. In gran parte perché identifichiamo lo stato d'animo con il linguaggio usato per descrivere l'umore, tendiamo a rifiutare l'idea che anche altre specie abbiano l'umore. Eppure il linguaggio non è necessario per trarre beneficio dall'attività organizzativa degli stati d'animo. Sicuramente, la capacità dell'umore ha aiutato i nostri antenati di mammiferi a perseguire obiettivi legati alla sopravvivenza anche prima che ci fossero etichette per la miseria o l'euforia – hanno avuto un impulso di umore quando erano sulla buona strada per trovare un compagno, cibo o un nuovo alleato e un umore abbandona quando i loro sforzi non sono stati ripagati, quando si trovavano in situazioni in cui non c'era nulla da fare.

Nei sopravvissuti di Pansy, vediamo reazioni alla profonda perdita di un parente stretto, una situazione che potrebbe sopravvivere nella sopravvivenza selvaggia per l'intero gruppo. È logico che una tale perdita possa innescare la serie di comportamenti così ben documentati nell'articolo di Current Biology. È troppo prendere in considerazione questa tristezza? Senza essere in grado di comunicare con Blossom e Chippy, le prove saranno sempre presuntive, ma tutto ciò che riguarda il comportamento degli scimpanzè suggerisce che stanno abitando in uno stato d'animo basso in cui la loro normale attività viene interrotta e sono costretti a disegnare insieme per analizzare e far fronte a una perdita. La tristezza avvolge noi umani in un bozzolo in cui ci fermiamo e analizziamo ciò che è andato storto. È logico che gli scimpanzé siano equipaggiati con lo stesso bozzolo.

Ha importanza che gli scimpanzé non possano riferire che sono tristi? Sotto questo aspetto sono come un neonato di nove mesi, umano o un adulto con Alzheimer avanzato che non ha la capacità di descrivere il proprio stato interiore come un adulto umano linguisticamente competente. Se neghiamo la tristezza di questi scimpanzé, dobbiamo negare la tristezza ai milioni di esseri umani che non possono riferire sui loro sentimenti.

Ha importanza che i precipitanti della tristezza umana siano più idiosincratici dei precipitanti della tristezza degli scimpanzé? Dalla sposa lasciata sull'altare a un inaspettato licenziamento per una serie mondiale di sconfitte in innings extra, sì, gli antecedenti della tristezza umana sono quasi ridicolmente molteplici. Eppure c'è un tema centrale della perdita che attraversa le specie. In questo senso, siamo tutti sopravvissuti di Pansy.

Solutions Collecting From Web of "Chimp Grief e gli elementi costitutivi della tristezza umana"