Chiavi per la resilienza

L'esercito usa il termine resilienza per descrivere tutto, dai programmi di condizionamento fisico ed emotivo allo stato psicologico vago ma benefico che si dovrebbe avere prima, durante e dopo lo schieramento. Ampiamente definita, la capacità di recupero è la capacità di riprendersi rapidamente dalle difficoltà e tornare alla propria forma originale.

Più importanti della definizione sono le cose che rendono una persona resiliente. In effetti, i principi del buon senso con applicazioni pratiche sono più utili dei concetti teorici.

Nel suo nuovo libro "Roadmap to Resilience", Donald Meichenbaum, psicologo e co-fondatore della terapia cognitivo-comportamentale, elenca le caratteristiche delle persone resilienti e non elastiche. Alcuni dei più critici:

Gente resiliente

■ Positivo vs. negativo. Gli individui resilienti tendono a promuovere emozioni positive più di quelle negative. Considerano la vita ottimisticamente e sono fiduciosi riguardo al futuro. Apprezzano l'umorismo e possono ridere di se stessi. Scelgono la gratitudine per il cinismo.

■ Orientato alle attività. Invece di aspettare passivamente per vedere cosa succede, le persone resilienti identificano i problemi che possono essere modificati e poi li cambiano. E quando qualcosa non può essere cambiato, imparano ad accettarlo.

■ Pensiero flessibile. La rigidità cognitiva è il nemico della resilienza. La capacità di pensare in piedi e generare soluzioni alternative, pensieri e idee è la chiave per mantenere la forza psicologica. Le opzioni limitate portano a soluzioni limitate.

■ Fitness e salute. Un aspetto importante della resilienza è il mantenimento di un'adeguata salute fisica ed evitando i rischi. Questo include regolare esercizio fisico, una corretta alimentazione, limitando o eliminando l'uso di alcol, tabacco e caffeina ed evitando comportamenti incuranti e spericolati.

Persone non resilienti

■ Disfattismo auto-focalizzato. Le persone non elastiche adottano un atteggiamento disfattista, considerandosi vittime e passanti con scarso controllo su ciò che accade loro. Intrattengono pensieri come "Sono infranto", "Sono debole" o "La vita è troppo dura".

■ Disimpegno emotivo. È facile ritirare emotivamente. La cosa più difficile è confrontarsi volutamente con i pensieri e le sensazioni che ci mettono a disagio. Negazione, isolamento ed evitamento sono le caratteristiche di una mancanza di capacità di recupero.

■ Evitare punti di vista concorrenti. Tendiamo a gravitare verso le persone che sono d'accordo con noi – e quando troviamo queste persone, ci aggrappiamo. Mentre può essere utile allinearsi con persone che condividono le nostre opinioni e supportano le nostre posizioni, rischiamo di rinforzare alcuni dei nostri pensieri e comportamenti disadattivi. Trovare persone che non hanno paura di sfidarti ogni tanto può aiutare la tua capacità di recupero.

Questa colonna apparve originariamente nella colonna del Military Times del Dr. Moore "Kevlar for the Mind".

Solutions Collecting From Web of "Chiavi per la resilienza"