Chiamare un disturbo: il caso del disturbo d'ansia sociale

American Journal of Psychiatry, Aug. 2003
Fonte: American Journal of Psychiatry, agosto 2003

In una lettera all'American Journal of Psychiatry, tre ricercatori hanno sostenuto nel maggio 2012 che sarebbe stato "appropriato" che il disturbo d'ansia sociale fosse reso "l'etichetta diagnostica ufficiale nel DSM-5. "Il disturbo era stato elencato nel DSM-IVTR come" 300.23 Fobia sociale (disturbo d'ansia sociale) "e almeno dal 2000, quando uno degli stessi psichiatri ha pubblicato una lettera simile negli Archivi di Psichiatria Generale, sperando di influenzare anche in quella prossima edizione, sono stati fatti tentativi per invertire l'ordine dei termini, anche per eliminare completamente la parte della "fobia sociale".

I ricercatori hanno avuto successo al secondo tentativo. "La caratteristica essenziale del disturbo d'ansia sociale " , inizia la descrizione del DSM-5 , "è una paura o ansia marcata o intensa di situazioni sociali in cui l'individuo può essere scrutato da altri". La precedente edizione aveva indicato, molto più liberamente, che "potrebbe verificarsi imbarazzo", che entrambe le edizioni indicano potrebbe essere "legato alla situazione o predisposto per la situazione", rendendo possibile la diagnosi in entrambi i casi. L'elemento chiave, secondo il DSM-5, è che "l'individuo teme che lui o lei agisca in un modo o mostri sintomi di ansia che saranno valutati negativamente (cioè, sarà umiliante o imbarazzante, porterà al rifiuto o offendere altri "Gli scenari identificativi includono l'ansia di tipo pubblico oltre a mangiare, bere, scrivere e persino indicare in pubblico, a causa della paura di essere imbarazzati dal fatto che gli altri vedono le mani tremare.

Poiché l'ansia di tipo pubblico è naturalmente diffusa nella popolazione generale e la timidezza auto-riferita, secondo due psicologi di Stanford, colpisce "quasi il 50% (48,7% +/- 2%)" dei nordamericani (Henderson e Zimbardo), uno Deve chiedersi perché mai in quel primo momento le citazioni del genere sono state elencate nell'influente manuale psichiatrico. Nel corso degli anni, le ripetute task force del DSM hanno aggiunto paure e comportamenti comuni che hanno drasticamente ridotto la soglia diagnostica del disturbo, aumentando notevolmente sia i suoi tassi di prevalenza che il rischio di diagnosi errate tra quelli con timidezza da lieve a grave. I segni di "angoscia marcata" nel SAD, secondo l'ultima edizione del manuale, ora includono la preoccupazione di dire la cosa sbagliata – una paura che ad un certo punto affligge quasi tutti sul pianeta.

Tuttavia, anche se il DSM-5 include anche, come segni diagnostabili di SAD nei bambini, "congelamento", "aggrapparsi" e "contrazione", nonché semplicemente "apparire [di essere] eccessivamente timidi" (nonostante i lettori di avvertimento non confondere la SAD con timidezza) e permette la diagnosi di adulti che semplicemente "temono situazioni sociali", purché riconoscano che la paura è "eccessiva o irragionevole", gli scrittori di lettere del 2012, Laura C. Bruce, Richard G. Heimberg e Meredith E. Coles, preoccupato che "la menomazione associata al disturbo" avesse portato, incredibilmente, alla sua "minimizzazione". Apparentemente, i suoi criteri diagnostici erano insufficientemente espansivi e necessitavano di un ampliamento ancora maggiore.

La lettera è un esempio da manuale di come, usando termini caricati come "minimizzazione", i ricercatori possono regolare ed espandere un disturbo prima stipulato come "cronico" fino a quando la sua barra diagnostica è impostata così bassa che quasi chiunque può inciampare su di esso.

"Usando i dati raccolti da un sondaggio telefonico dei residenti dello Stato di New York", continuarono gli scrittori di lettere, "abbiamo esaminato se il nome del disturbo influisce sulla necessità percepita di trattamento. Per ottenere i numeri di telefono è stata utilizzata la selezione casuale delle cifre … In totale, hanno partecipato 806 persone. "

"Gli intervistati hanno ascoltato una breve vignetta che descrive una persona che sperimenta il disagio nelle situazioni sociali e spesso evita gli eventi sociali. Questi sintomi sono stati etichettati come fobia sociale o disturbo d'ansia sociale, e gli intervistati hanno indicato se la persona dovrebbe cercare un trattamento di salute mentale. "

I risultati erano dubbi a dir poco. "Cinquantotto rispondenti hanno risposto che non sapevano (N = 40) o hanno rifiutato di rispondere (N = 18). Dei rimanenti 748 intervistati, l'83,2 percento riteneva che i sintomi identificati come disturbo d'ansia sociale meritassero un trattamento rispetto al 75,8 percento che riteneva che i sintomi etichettati come fobia sociale giustificassero il trattamento. "

Ovviamente, un modo di vedere questo sarebbe dire che sulla base di tali abbozzate descrizioni, il 75-83% degli intervistati era disposto a concedere una diagnosi DSM , qualcosa che potremmo trovare rivelatore e inquietante.

Tuttavia, lungi dal concludere che l'opinione pubblica fosse eccessivamente disposta a presumere che i timidi e introversi soffrissero di disturbi psichiatrici, gli scrittori di lettere concludevano: "Questi risultati sono incoraggianti. Nonostante una probabilità leggermente maggiore di raccomandare un trattamento per il disturbo d'ansia sociale, la stragrande maggioranza degli intervistati ha sostenuto la ricerca di aiuto indipendentemente dal nome della diagnosi. "

"I nostri risultati", hanno aggiunto della differenza del 7,4% tra i loro due gruppi di intervistati, "suggeriscono che l'uso del termine 'disturbo d'ansia sociale' aumenta la probabilità che la condizione venga percepita come un trattamento". In breve, hanno scritto l' American Journal of Psychiatry sostiene che la reazione di soli 55 newyorkesi casuali a un questionario telefonico che offre "brevi vignette" di ansia sociale dovrebbe determinare se il disturbo psichiatrico viene rinominato. Hanno avuto successo.

Più che un esempio da manuale di "parentesi graffa diagnostica", termine di Peter Kramer, in cui gli psichiatri spostano all'infinito i pali, impostando una serie di criteri diagnostici solo per argomentare in seguito che "minimizzano" la condizione, la lettera dimostra che l'avvertimento del DSM non confondere SAD con la timidezza è di per sé completamente privo di significato: gli esempi e le vignette del solo manuale ripetutamente confondono i due, rendendo quasi impossibile distinguerli.

christopherlane.org Seguimi su Twitter @christophlane

Riferimenti

American Psychiatric Association. 2013. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione. Washington, DC: American Psychiatric Association.

American Psychiatric Association. 2000. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, testo della 4a edizione rivisto. Washington, DC: American Psychiatric Association.

Henderson, Lynne e Philip Zimbardo (in corso di stampa) "Timidezza e ansia sociale ". Ansia sociale: prospettive cliniche, di sviluppo e sociali, 3a ed. Chennai, India: Elsevie.

Lane, Christopher. 2007. Timidezza: come il comportamento normale è diventato una malattia . New Haven: Yale University Press.

Liebowitz, Michael R; Richard G. Heimberg; David M. Fresco; John Travers; e Murray B. Stein. 2000. "Fobia sociale o disturbo d'ansia sociale: cosa c'è in un nome?" Arch. Gen. Psychiatry 57 (2): 191-92.

Solutions Collecting From Web of "Chiamare un disturbo: il caso del disturbo d'ansia sociale"