Chi vuol essere un terrorista?

"Gli americani si rifiutano di essere terrorizzati", ha dichiarato il presidente Barack Obama all'indomani degli attentati alla maratona di Boston, "In fin dei conti, questo è quello che ricorderemo di questa settimana." Credetemi, e ho qualche bella proprietà sulla spiaggia in Arizona per venderti

Gli attentati di Boston hanno provocato la più intensa dimostrazione di forze dell'ordine e copertura dei media dall'11 settembre. La Grande Boston era in pieno blocco: "una città fantasma", "una città in preda al terrore", "una zona di guerra", gridavano i titoli dei giornali. Il trasporto pubblico è stato fermato, è stata proclamata una no-fly zone, le persone hanno detto di rimanere in casa, le scuole e le università chiuse e centinaia di agenti dell'FBI sono stati richiamati da altre inchieste urgenti per concentrarsi esclusivamente sul caso – insieme a migliaia e migliaia di altri stati federali e agenti di città equipaggiati con armi pesanti e veicoli blindati. Tutto si avvicinava alla legge marziale, con tutti gli strumenti dello stato di sicurezza mobilitati per rintracciare una coppia di giovani immigrati con esplosivi a bassa tecnologia e armi leggere che non riuscivano a riconciliare i loro problemi di identità e divennero terroristi dilettanti.

Non che gli eventi non fossero scioccanti e brutali. Ma questo, ovviamente, fa parte della generale reazione americana al terrorismo dall'11 settembre, dove forse mai nella storia ce ne sono così pochi, armati di così pochi mezzi, che hanno causato tanta paura in così tanti. In effetti, come con gli anarchici un secolo fa, è proprio la reazione fuori misura che gli sponsor del terrorismo hanno sempre contato per terrorizzare.

Non c'è niente da paragonare al dolore dei genitori il cui figlio è stato assassinato, come Martin Richard, di 8 anni, tranne forse per il dolore collettivo di molti genitori, come per i 20 bambini uccisi a Newtown. Eppure, nonostante la probabilità che un bambino, o chiunque altro nel nostro paese, venga uccisa da una bomba terrorista è molto più piccola di quella di essere uccisa da una pistola non registrata – o addirittura essere uccisa da un tosaerba o da un impianto di fertilizzazione non regolamentato – il nostro i politici e il pubblico sembrano probabilmente continuare acriticamente a sostenere le stravaganti misure associate a una politica irrazionale di "tolleranza zero" per il terrorismo, in opposizione alla tolleranza molto più che a zero per quasi tutte le altre minacce di violenza. Ma considerando i 300 milioni di dollari stimati che il seguito dell'attentato di Boston è già costato, e le bilioni di cui la risposta nazionale al terrorismo è costata poco più di un decennio, il pubblico merita una risposta più motivata. Non possiamo mai, mai essere assolutamente al sicuro, non importa quanto tesoro spendiamo o quante libertà civili sacrifichiamo.

Mentre c'è sempre la possibilità che gli investigatori trovino connessioni straniere e complotti più ampi oltre le azioni dei due uomini, ciò che sappiamo del terrorismo suggerisce che ciò che già sappiamo dell'attentato di Boston non giustifica la risposta sproporzionata, inclusa la "sicurezza globale" avviso "Autorità statunitensi rilasciate tramite Interpol per 190 paesi. Anche se gli attentatori di Boston si dimostrassero parte di una più ampia rete di aspiranti jihadisti, come gli attentatori suicidi della metropolitana di Londra del 2005, o avevano programmato più operazioni prima di morire in un tripudio di gloria, come hanno fatto gli attentatori di Madrid nel 2004, essere cavalieri sotto lo stendardo del Profeta non potrebbe mai da solo scatenare lo scempio che la nostra reazione a loro fa.

I fratelli Tsarnaev, autoproclamati bombardieri di Boston, sono stati descritti da vicini, amici e parenti come giovani normali – "tipi regolari di Cambridge". Hanno lasciato il conflitto ceceno anni fa e sono immigrati negli Stati Uniti come richiedenti asilo sotto il Programma di reinsediamento dei rifugiati del governo. Tamerlan, il più anziano, era sposato con una figlia di 3 anni. Un ex pugile dei pesi massimi Golden Globe che amava vestirsi come John Travolta una volta pensava di competere per gli Stati Uniti prima che la sua richiesta di cittadinanza venisse negata. Negli ultimi anni è stato sempre più attratto dall'Islam radicale. In un saggio fotografico sulla sua passione per il pugilato, si è preoccupato del fatto che "non ho un solo amico americano, non li capisco". Si lamentava "non ci sono più valori", rinuncia al bere perché "Dio ha detto che non c'è alcool “.

La pagina YouTube di Tamerlan pubblica video di clerici islamici radicali dalla Cecenia e altrove, arringando l'Occidente mentre le bombe esplodono sullo sfondo. Nel 2011 l'FBI ha interrogato Tamerlan sulla richiesta della Russia di collegamenti con estremisti ceceni, ma l'inchiesta ha rilevato "nessuna informazione dispregiativa". Sebbene le forze russe si siano ritirate dalla Cecenia nel 2009, la violenza si è protratta nel vicino Dagestan, dove Tamelan ha visitato suo padre l'anno scorso, e forse collegato con gli istigatori jihadisti che lo hanno motivato ad agire. Come il padre dell'omicida pilota dell'11 settembre Mohammed Atta, il padre di Tamerlan afferma che il suo ragazzo è stato incastrato e ucciso. La sua ultima comunicazione telefonica segnalata quando la polizia ha iniziato a sparare è stata "Mama, ti amo" (come con il plotter principale degli attentati di Madrid del 2004, Jamal Ahmidan, prima che lui e i suoi amici si facessero saltare in aria quando erano bloccati dalla polizia).

Il fratello minore Dzhokhar, studente del secondo anno dell'Università del Massachusetts a Dartmouth, ha giocato a calcio intramurale. Il giorno dopo il bombardamento è andato ai dormitori, ha lavorato in palestra, e più tardi quella notte è andato a una festa alla quale hanno partecipato alcuni dei suoi compagni di calcio. Conosciuto dai suoi amici come "Jahar", è entrato all'università con una borsa di studio, ma ultimamente aveva fallito le sue lezioni. Ha frequentato altri studenti, ha avuto un rapporto facile con gli altri giovani uomini e donne, quasi mai ha parlato di politica, e non è mai stato considerato un attivista o simpatizzante islamista o persino particolarmente religioso. Mentre parenti, amici e insegnanti descrivono costantemente Jahar come "sempre sorridente", "con un cuore d'oro", i conoscenti dicono che Tamerlan "non ha mai sorriso" e "era aggressivo". Un cugino ha detto che ha avvertito Jahar di essere suscettibile alla "cattiva influenza" "Del fratello maggiore che amava. Negli ultimi mesi, i tweet di Jahar iniziarono a diventare più cupi: "Non correrò, ti sparo tutti fuori #thugliving", "Ti sembro molto più sofista? questi cani sanno che stanno abbaiando contro un leone, "" Ho ucciso Abe Lincoln durante il mio pisolino di due ore #intensedream. "Ma dichiarando che questo assassino ribelle che è un cittadino naturalizzato come" nemico combattente "confina con Orwellian.

Sotto la sponsorizzazione del Dipartimento della Difesa, il nostro team di ricerca multidisciplinare e multinazionale ha condotto studi sul campo e analisi dei processi mentali e sociali coinvolti nella radicalizzazione in patria e all'estero. I nostri risultati indicano che i cospiratori terroristici contro le popolazioni civili occidentali tendono a non essere parti di sofisticate organizzazioni di comando e controllo straniere. Piuttosto, appartengono a reti sciolte e familiari di familiari e amici che muoiono non solo per una causa, ma per l'altro. I jihadisti coprono praticamente la distribuzione normale della popolazione: ci sono pochissimi psicopatici e sociopatici, pochi brillanti pensatori e strateghi. Gli aspiranti jihadisti oggi sono per lo più adulti emergenti nelle fasi di transizione della loro vita – studenti, immigrati, in cerca di lavoro o compagni – che sono particolarmente inclini a movimenti che promettono una causa significativa, cameratismo, avventura e gloria. La maggior parte ha una formazione secolare, diventando "rinata" nella causa jihadista nella tarda adolescenza o ventenne. Il percorso verso la radicalizzazione può richiedere anni, mesi o solo giorni, a seconda delle vulnerabilità personali e dell'influenza degli altri. Occasionalmente c'è un collegamento con un parente, o un amico di un amico, che ha qualche connessione oltreoceano con qualcuno che può ottenere loro un po 'di allenamento e motivazione per mettere in valigia un sacchetto di esplosivo o tirare un grilletto, ma Internet e social i media sono in genere sufficienti per la radicalizzazione e persino per la preparazione operativa.

Il risultato non è un movimento terroristico gerarchico, comandato a livello centrale, ma un complesso decentralizzato, auto-organizzante e in continua evoluzione di reti sociali basato su adattamenti contingenti a eventi in evoluzione. Queste non sono vere "cellule", ma solo gruppi di giovani per lo più che si motivano reciprocamente all'interno di "confraternite" di parenti reali e fittizi. Spesso, infatti, esiste una figura di fratello maggiore, una personalità dominante che mobilita gli altri nel gruppo. Ma raramente c'è un'autorità preponderante o una figura paterna. (In particolare, per questi giovani di transizione, spesso c'è un'assenza di un vero padre).

Alcuni dei complotti di maggior successo, come gli attentati di Madrid e Londra, sono così anarchici, fluidi e improbabili che sono riusciti a eludere il rilevamento nonostante il fatto che le agenzie di intelligence e di polizia seguissero da tempo alcuni degli attori. Tre elementi chiave caratterizzano l'"anarchia organizzata" che caratterizza il moderno violento attivismo islamico: gli obiettivi ultimi sono vaghi e superficiali (spesso non più profondi della vendetta contro l'ingiustizia percepita contro i musulmani di tutto il mondo); le modalità di azione sono decise in modo pragmatico sulla base di prove ed errori o sulla base del residuo di apprendimento da incidenti di esperienze passate; e quelli che si uniscono non vengono reclutati ma sono auto-cercatori collegati localmente – spesso dalla stessa famiglia, quartiere o chat room di Internet – la cui connessione con la jihad globale è più virtuale che materiale. Al Qaeda e gli associati non reclutano così tanto da attrarre individui scontenti che hanno già deciso di intraprendere la strada dell'estremismo violento con l'aiuto di familiari, amici o pochi compagni di viaggio.

Come i giovani che hanno compiuto gli attacchi di Madrid e Londra, la maggior parte dei plotter jihadisti sono disaffezionati giovani provenienti da comunità di immigrati della diaspora che prima si uniscono all'ampio sentimento di protesta contro "l'attacco globale all'Islam" prima di spostarsi in un universo parallelo più stretto. Spesso lasciano la moschea o vengono espulsi perché le loro interruzioni dei sermoni e discussioni del venerdì, quando urlano contro l'Imam e altri per "mettere su o zitto" per il jihad, non sono più tollerati. Tagliano i legami con ex compagni che ritengono troppo timidi per agire, si allontanano dalle mogli e dalle fidanzate e cementano legami con amici e parenti disposti a scioperare. Emergono dal loro bozzolo con il forte impegno di uccidere e morire se necessario, ma senza una chiara pianificazione di contingenza per ciò che potrebbe accadere dopo l'attacco iniziale.

Per la prima volta nella storia umana, si è verificato un massiccio risveglio politico guidato dai media – stimolato dall'avvento di Internet, dei social media e della televisione via cavo – che da un lato può motivare il rispetto universale dei diritti umani, ma dall'altro consentire, ad esempio, ai musulmani del Borneo di sacrificarsi per la Palestina, l'Afghanistan o la Cecenia – nonostante quasi nessun contatto o storia condivisa negli ultimi 50.000 anni circa. Quando l'ingiustizia globale percepita risuona con aspirazioni personali frustrate, allora l'indignazione morale dà un significato universale e spinge alla radicalizzazione e all'azione violenta.

Ma la nozione popolare di "scontro di civiltà" tra Islam e Occidente è tristemente fuorviante. L'estremismo violento non rappresenta la rinascita delle culture tradizionali, ma il loro collasso, in quanto giovani immacolati dalle tradizioni millenarie si aggirano intorno alla ricerca di un'identità sociale che dia un significato personale. Questo è il lato oscuro della globalizzazione.

Prendi Faisal Shahzad, l'aspirante bombardiere di Times Square nel 2010, o Maj Nadal Hasan, che nel 2009 uccise 13 commilitoni a Fort Hood. Entrambi erano apparentemente ispirati dalla retorica online di Anwar al-Awlaki, un ex predicatore di una moschea della Virginia del Nord che è stata uccisa da un drone statunitense in Yemen nel 2011. Sebbene molti commentatori sono giunti alla conclusione che Awlaki e il suo clan hanno subdolamente "lavato il cervello" e "reclutato" Shahzad e Hassan, in realtà hanno cercato il popolare predicatore di Internet perché erano già radicalizzati al punto da volere ulteriori indicazioni per agire. Come osserva il consulente terrorista del Dipartimento della Difesa Marc Sageman: "proprio come hai visto il maggiore Hasan inviare 21 e-mail ad Awlaki, che lo rimanda due, hai persone che cercano questi ragazzi e chiedono loro un consiglio." Oltre l'80 percento di tutto i complotti sia in Europa che negli Stati Uniti sono inventati dal basso verso l'alto, dalla maggior parte dei giovani che si collegano l'un l'altro.

Ci sono molte tasche di giovani immigrati e rifugiati sfollati in questo paese, con ancora più delle solite lotte di sviluppo personale. I giovani somali sembrano avere particolari difficoltà e pochi si stanno muovendo verso la Jihad violenta. È un buon momento per pensare a come ci relazioniamo con loro, anche se ci sono probabilmente più errori facili che soluzioni facili. Ma i tentativi politici di collegare questi problemi a questioni molto diverse dell'immigrazione clandestina non fanno che aumentare la paura.

Soprattutto per i giovani uomini, il combattimento mortale con una "banda di fratelli" al servizio di una grande causa offre la massima avventura e la massima stima agli occhi di molti e, più profondamente, nei cuori dei loro coetanei. Per molte anime insoddisfatte nel mondo di oggi, il jihad è una causa eroica che mantiene la promessa che chiunque, da qualunque parte, possa lasciare un segno contro il paese più potente della storia del mondo. Ma poiché gli aspiranti jihadisti prosperano e agiscono meglio in piccoli gruppi auto-organizzati all'interno di reti di familiari e amici – non in grandi movimenti o eserciti – la loro minaccia può solo eguagliare le loro ambizioni se alimentata ben al di là della forza effettiva dalla pubblicità. Oggi, mentre la maggior parte delle nazioni tende a evitare di pubblicizzare le loro uccisioni più sfrenate – comprese le uccisioni civili che potrebbero essere etichettate come "terrorismo di stato" (dalle pulizie etniche alle morti "collaterali" dai droni) – la pubblicità è l'ossigeno che spara al terrorismo moderno.

Non si tratta di schierare "ogni elemento del nostro potere nazionale" contro gli aspiranti jihadisti e coloro che ispirano loro che l'estremismo violento sarà fermato, come ha dichiarato una volta il presidente Obama. Sebbene l'intelligence ad ampio raggio, il buon lavoro di polizia e la preparazione alla sicurezza (compresa la difesa militare e delle forze dell'ordine) sia necessaria per tracciare e contrastare l'espansione degli affiliati di Al Qaeda nella penisola arabica, in Siria (e forse in Giordania), in Nord Africa e Africa orientale, questo è insufficiente. Mentre Mitt Romney ha scherzato, "non possiamo uccidere il nostro modo di uscire da questo casino".

I risultati della ricerca sul "suicidio del copione" (dove l'indicatore più forte dell'effetto copione è quanto copertura mediatica riceve un suicidio) suggeriscono chiaramente che la moderazione dei media può ridurre il contagio del terrorismo. Infatti, come ha osservato l'epidemiologa della Columbia University, Madelyn Gould: "Non avremmo un mercato pubblicitario da un miliardo di dollari in questo paese (gli Stati Uniti) se le persone non pensassero di poter influenzare il comportamento di qualcun altro".

Il vero problema deriva dal più ampio problema dell'azione collettiva: è nostro interesse comune negare l'esposizione mediatica ai terroristi, ma ogni sbocco mediatico in un mercato competitivo e non regolamentato è tentato di rompere il patto trionfando con le notizie. Il compianto scienziato politico Nobel Elinor Ostrom ha trascorso la parte migliore della sua vita cercando di affrontare il problema di come regolamentare meglio "i beni comuni" ("beni pubblici" acqua e foreste meteorologiche, o spazio informativo e mediatico). Colpendo migliaia di casi in tutto il mondo, ha trovato che l'autoregolamentazione locale è il modo più efficiente e duraturo per prevenire l'abuso e l'abuso dei beni comuni, e il controllo del governo centrale è il più problematico.

Ci sono esempi riusciti di auto-moderazione dei media del passato. Nel 1982, le uccisioni da Tylenol intrecciate con cianuro nei negozi dell'area di Chicago sono state seguite da una miriade di manomissioni che sono state trattate senza fiato dai media fino a quando le autorità pubbliche ei media non si sono resi conto che questa copertura stava generando ulteriori manomissioni. Il Dipartimento di Giustizia, ha lavorato con i mezzi di informazione per reprimere la copertura e, mirabile detttu, le manomissioni affusolate. Naturalmente, i mezzi di comunicazione di allora erano notevolmente omogenei rispetto ad oggi, ed è indubbiamente più facile mantenere le manomissioni silenziose rispetto agli attentati nei luoghi pubblici. Ma il principio rimane lo stesso.

Possiamo rompere la vera, se non pianificata, alleanza tra terrorismo e media attraverso una migliore segnalazione per il bene sociale, che potrebbe rivelarsi la migliore strategia di business di tutti (le persone amano il business che li aiuta e gli altri trovano la felicità, non la paura) . Sarà una dura battuta, lo so: molti uomini e donne ai livelli più alti del governo, dell'esercito, dell'intelligence e delle forze dell'ordine capiscono che la reazione eccessiva al terrorismo aiuta i terroristi a radicalizzare e terrorizzare, ma la potente se maladjusted relazione tra l'establishment politico e il business dei media subordina drasticamente la ragione alla sensazione. (Come un funzionario anziano dell'FBI una volta mi ha detto in una riunione al parlamento britannico: "Se sostenessi qualcosa di meno della tolleranza zero per il terrorismo, mi avrebbero impiccato alle palle dalla cupola del Congresso!").

Tuttavia, se possiamo imparare a praticare il contenimento e mostrare la capacità di recupero delle persone che continuano a vivere con le loro vite anche di fronte a atrocità come Boston, allora il terrorismo fallirà.

Copyright Scott Atran, autore di Talking to the Enemy: Faith Brotherhood e the (un) Making of Terrorists (HarperCollins)

Solutions Collecting From Web of "Chi vuol essere un terrorista?"