Chi ti credi di essere? Perché potresti sbagliare

Perché non ti vedi esattamente

“Ero l’estroverso della mia famiglia, non quello bello, non quello intelligente, e sicuramente non quello di talento.” Questa affermazione da mia paziente mi ha colto un po ‘di sorpresa. Non era solo il fatto che fosse (per ragioni piuttosto obiettive) una donna attraente, intelligente e compiuta che mi ha colpito. Era il tono di una comoda accettazione, l’atteggiamento di scrollare le spalle di “questo è solo quello che sono”, che mi ha dato una pausa.

La mia perplessità durò solo un attimo, perché, purtroppo, questo è il tipo di affermazione casuale che sono abituato a sentire dai pazienti. Con un tono di certezza che si userebbe per nominare il tempo o la città in cui sono nati, affermano: “Mio fratello è stato il fortunato.” “Mia sorella era la stella.” “Io ero il bambino / il temperamento / il selvaggio / il ragazzo facile / il ragazzo timido, ecc. “Chiedere a qualcuno di completare la frase” Ero il ____ nella mia famiglia “, e di solito non ci vuole molto per loro per riempire lo spazio vuoto.

I modi in cui siamo stati visti e trattati nella nostra famiglia di origine molto presto nella nostra esistenza hanno un forte impatto sui modi in cui ci vediamo durante le nostre vite. Le identità che sono state proiettate su di noi potrebbero essere state palesi, ma potrebbero anche essere state sottili. Uno sguardo di routine di lieve disgusto da parte di un genitore, la mancanza di affetto o gioia che sentivano in nostra presenza, un accumulo che abbiamo vissuto come forzato e falso, o la presunta critica utile espressa in uno “sforzo per aiutarci a migliorare noi stessi” “- tutti questi atteggiamenti parlati e non detti sono stati interiorizzati dalle nostre menti in rapido sviluppo, che erano desiderose di dare un senso a noi stessi e ai nostri dintorni. Questo è vero anche se queste definizioni di noi hanno poca somiglianza con chi siamo veramente.

Gran parte di ciò che consideriamo essere il modo in cui siamo fonti di idee iniziali che abbiamo ricevuto dai nostri genitori o da altri autorevoli custodi. Ad esempio, se fossimo visti come bisognosi e i nostri bisogni fossero schiaccianti per i nostri genitori, potremmo aver percepito noi stessi come egoisti o invadenti. Potremmo essere cresciuti sentendo come se dovessimo essere invadenti e persistenti per ottenere ciò che vogliamo. Oppure, potremmo essere sovracompensati ritirandoci verso l’interno e allontanandoci dall’esprimere i nostri bisogni e desideri nella speranza di non farci più male.

Se fossimo idealizzati nella nostra famiglia per essere autosufficienti e “a bassa manutenzione”, potremmo essere cresciuti sentendosi colpevoli di chiedere qualsiasi cosa. Possiamo credere che dobbiamo essere indipendenti e non chiedere mai aiuto o fare troppo affidamento sugli altri. Se fossimo visti come selvaggi e fuori controllo, forse ci saremmo addentrati nell’idea che semplicemente non possiamo fare a meno di fare casini e di essere irresponsabili.

Quando le persone hanno l’idea sbagliata su chi sono i figli piccoli, devono affrontare una potenziale durata nel tentativo di provare o smentire tale identità. Il problema è che raramente uno di questi due estremi rappresenta chi siamo veramente. Se fossimo sempre quella “rumorosa”, potremmo pensare che dobbiamo intrattenere e essere al centro dell’attenzione, o potremmo pensare di dover tenere la bocca chiusa per evitare di annoiare gli altri. Questi adattamenti non servono necessariamente il nostro miglior interesse, catturano il nostro potenziale o riflettono su come vogliamo vivere le nostre vite.

Ad esempio, un uomo che aveva lottato per sviluppare una relazione romantica voleva rompere il suo schema ed essere in una relazione seria e amorevole. Di volta in volta, si era trovato più attratto dalle donne che erano auto-focalizzate, distanti e lontane. Quando una donna che usciva mostrava un vero interesse per lui, rideva delle sue battute, e esternamente esprimeva attrazione, si allontanava e perdeva interesse. Eppure, quando una donna gli dava un’attenzione intermittente, un minuto caldo e inseguente, un altro minuto assorto, freddo e introvabile, si sentiva più attratto da lei. Sapeva di lottare per non essere amato da quando era bambino, eppure, continuava a scegliere partner che lo facevano sentire non amato. Era come se cercasse di smentire la sua vecchia identità vincendo l’affetto di queste donne elusive, mentre contemporaneamente dimostrava la sua vecchia identità, perché non avrebbe mai potuto ottenere il loro amore. Era più comodo per lui sostenere il senso negativo di sé che aveva imparato da bambino che si sentiva non voluto che vedere se stesso attraverso gli occhi di qualcuno che lo vedeva in modo diverso.

Accettando il fatto che siamo stati visti e proiettati in modi che avevano più a che fare con i nostri genitori, i modi in cui ci hanno fatto sentire e il ruolo che ci hanno assegnato che non con noi non è un esercizio destinato a farci sentire vittime o impotenti . Piuttosto, è pensato per essere un atto di empowerment e differenziazione. Quando accettiamo che le nostre prime relazioni e queste vecchie identità guidano un modo di sentire su di noi che spesso non ha nulla a che fare con ciò che siamo, ci diamo il permesso di abbattere i muri del nostro passato e costruire un nuovo senso più realistico di se stesso. Possiamo provare compassione per noi stessi come bambini che hanno interiorizzato quelle proiezioni. Possiamo apprezzare che ora siamo adulti che fanno le nostre scelte e formano i nostri valori. Infine, possiamo prendere provvedimenti immediati che riflettano ciò che vogliamo e chi siamo senza le concezioni ponderate di chi abbiamo creduto di essere, per così tanto tempo.

Solutions Collecting From Web of "Chi ti credi di essere? Perché potresti sbagliare"