Chi sta parlando per l'assicurato?

I progressisti oggi sembrano interessarsi molto di più alle persone prive di copertura medica rispetto a quelle con essa. E, in superficie, questo ha molto senso. La sofferenza e l'ansia dei non assicurati sono, invero, una vergogna nazionale. Obamacare ridurrà, nel prossimo decennio, il numero di non assicurati da 55 a 33 milioni. E la sinistra continuerà a lottare per l'assistenza sanitaria universale.

Ma la maggior parte degli americani oggi ha un'assicurazione medica; hanno attraverso Medicare, i loro datori di lavoro, piani individuali o Medicaid. La copertura potrebbe essere incoerente o, nel caso di Medicaid, decisamente scarsa, ma c'è copertura. Il problema non è la copertura ma il fatto che la cura che fornisce la copertura spesso fa schifo, e siamo così abituati alla sua bassa qualità che non lo sappiamo nemmeno. Di conseguenza, non creiamo uno striscione politico per affrontare la qualità delle cure che riceviamo.

Quelli con una copertura abbastanza decisa non vedono nulla nella riforma dell'assistenza sanitaria per loro. Come è attualmente incorniciato, non c'è – ed è colpa nostra, non loro. I progressisti attirano sempre i valori di equità e giustizia, ma troppo spesso è per avvantaggiare o salvare "l'altro". Di conseguenza, non possiamo galvanizzare il numero di attivisti e elettori di cui abbiamo bisogno per rimodellare disperatamente un sistema sanitario ne ha bisogno.

Un mio amico lavora nel reparto ambulatoriale in una grande catena ospedaliera. Ha assegnato 30 minuti per i nuovi pazienti, i pazienti che hanno spesso problemi con più sistemi e 15 minuti per gli appuntamenti di follow-up. Poi ha una lunga serie di diagrammi da fare. Ha pagato per 8 ore al giorno, ma di solito lavora 10-11. Crede che i suoi pazienti siano, nel migliore dei casi, mantenuti al loro livello attuale.

Un altro amico, tuttavia, che è economicamente benestante, ha assunto un "concierge doctor" che può permettersi di trascorrere molto tempo con i suoi pazienti, fare chiamate a domicilio e, soprattutto, prendere tempo per riflettere su ciò di cui i suoi pazienti hanno bisogno. I suoi pazienti sono migliorati.

Questa non è una novità flash. Tutti sanno ora – o dovrebbero sapere – che quando i medici trascorrono più tempo con i loro pazienti, ascoltano e cercano di capirli, i loro pazienti migliorano, sono più conformi al trattamento e usano meno il "sistema". E non siamo tutti stati vittimizzati da questo sistema a un livello piccolo ma personale quando abbiamo dovuto sopportare lunghe attese in piena sala d'aspetto o avere difficoltà a superare il front office per parlare telefonicamente con i nostri medici? E, infine, la maggior parte di noi non ha avuto incontri con medici tormentati da superlavoro, distratti da telefonate o altre priorità, e apparentemente motivati ​​a dare una diagnosi, scrivere una prescrizione e portarci fuori dal loro ufficio?

Siamo così abituati a questo tipo di assistenza che pensiamo che la frustrazione dei nostri bisogni perfettamente normali di cura ed empatia sia inappropriata e ci accontentiamo dello status quo e lo chiamiamo "abbastanza buono".

Ma non lo è. La prova è che quando incontriamo medici o infermieri che sembrano sinceramente curiosi, riflessivi, premurosi e attenti, non possiamo smettere di cantare le loro lodi.

Medici e infermieri non sono il problema – alcuni sono persino eroi. E conosciamo l'avidità e la quasi criminalità delle compagnie assicurative. Inoltre, siamo anche in armi che combattono contro quelle forze politiche che vogliono fermare la riforma dell'assistenza sanitaria per uno stretto vantaggio politico. Non sto sostenendo che non dovremmo continuare a lottare per rendere il sistema meno costoso per chi lo ha, e cure di base per chi non lo fa.

Ma dovremmo anche lottare per creare un sistema che si prenda cura di noi. Gli attivisti che cercano di aiutare i non assicurati dovrebbero anche avviare una conversazione sulla pessima assistenza offerta alle persone con assicurazione – non solo i costi o le franchigie, ma i costi psicologici e umani che tutti noi sopportiamo nelle nostre interazioni quotidiane con un sistema che ci tratta troppo spesso con indifferenza.

Immagina se facessimo pensare alle persone di allenare e rimborsare i dottori che erano sinceramente interessati ai loro pazienti, fossero bravi ascoltatori, offrissero empatia e supporto insieme ai farmaci e si prendessero il tempo necessario per fornire un'assistenza completa? Molti studenti medici e infermieri entrano nei loro campi per fare proprio questo, ma sono radicati dal debito e dalle necessità istituzionali esterne di rinunciare a quell'etica.

Penso che se ci alzassimo per prenderci cura e non semplicemente per avere più accesso alle cure, potremmo impegnarci senza impegno e dare a tutti la possibilità di creare un sistema sanitario migliore. Vorremmo anche sfidare il cinismo prevalente nella nostra cultura e nel movimento progressista sul parlare di qualcosa di diverso dall'equità e dall'economia. Mentre sono di vitale importanza, le persone hanno bisogno di fornitori e ambienti di cura quando sono malati, non solo di accedere a un sistema che tratta il corpo ma ferisce il cuore e l'anima.

Solutions Collecting From Web of "Chi sta parlando per l'assicurato?"