Chi sono gli idoli delle classi americane?

Nella frenesia talvolta guidata dal consumatore che è attualmente l'istruzione superiore (inserire qui un sospiro pesante ), la facoltà universitaria post-recessione spesso si pone questa domanda: "Che cosa vogliono gli studenti?" Cosa, in effetti? Facoltà di tutti i gradi, tipi di istituzioni e discipline, inclusi gli psicologi, come un coro greco oppresso, potrebbero rispondere all'unisono con "voti alti e senza lavoro per ottenerli". Ma non siamo cinici, vero? Vi sono ampie prove relative alle buone pratiche di insegnamento che possono contrastare le caratterizzazioni popolari peggiorative degli studenti e dei loro professori. Forse diventare un idolo di classe è possibile.

Nel mio ultimo blog, ho discusso alcune qualità che i grandi insegnanti possiedono. Questa volta, mi concentro su quelle qualità che gli studenti universitari segnalano preferendo nei loro insegnanti, cioè i tratti ideali piuttosto che tipici mostrati nell'aula del college. Ricordo ancora una volta la borsa di studio per l'insegnamento e l'apprendimento condotta dallo psicologo William Buskist e dai suoi colleghi dell'Università di Auburn. Alcuni anni fa, uno dei team di ricerca di Buskist ha esaminato le percezioni degli studenti universitari sulla differenza tra gli stili di insegnamento dei professori ideali e tipici. Hanno trovato alcune distinzioni interessanti che hanno implicazioni pratiche per insegnanti e studenti nell'aula di psicologia o in qualsiasi classe. Qui ci sono alcuni da considerare:

Obiettivi del corso e flessibilità . Gli studenti hanno bisogno di una struttura, così come vogliono sapere che cosa impareranno e faranno in una classe – l'ora del mistero non è mai gradita, né sorprese con le stringhe allegate (ho avuto un triste professore di filosofia al college che era solito fare un " sorpresa "la carta di un venerdì che doveva il lunedì successivo – posso ancora sentire il mio risentimento persistente). I professori ideali annunciano le loro intenzioni nelle prime fasi, spiegando cosa è dovuto quando e apportando correzioni di rotta solo quando necessario e solo quando sono utili agli studenti. Un corollario è che gli studenti vedono i professori ideali come coloro che accolgono gli input degli studenti (non il controllo, intendiamoci) riguardo a un corso (ad esempio, spostando una data di scadenza per un esame o un documento se il materiale pertinente non è stato ancora rivisto).

Accessibilità e contegno. I professori tipici sono visti come meno accessibili di quelli ideali; il primo si limita agli orari di ufficio distaccati, mentre il secondo prevede orari di incontro alternativi quando necessario. I professori ideali imparano i nomi dei loro studenti, usano l'umorismo in modo efficace e mostrano un modo informale e accessibile in classe (cioè amichevole ma non amici). I professori tipici sono un po 'più scortesi e distaccati. Essere un matto chiacchierando informalmente prima o dopo la lezione paga dividendi pedagogici. Questi semplici atti si sommano a una dimostrazione di rispetto per gli studenti, che a loro volta rispetteranno il professore (e con rispetto in una così breve offerta culturale in questi giorni, dovremmo lavorare per coltivarlo ogni volta che possiamo).

Tattiche di insegnamento. Nessuna vera sorpresa qui: i professori tipici fanno affidamento sulla lealtà provata e vera (ma a volte stancata). Quelli ideali si mescolano un po 'anche avendo discussioni di classe e usando dimostrazioni e attività in classe per integrare le lezioni.

Testare e valutare l'apprendimento. Gli istruttori ideali si basano su un bilanciamento di metodi sugli esami (ad es. Domande di saggi, articoli a risposta breve, spazi in bianco e domande a risposta multipla). I professori tipici tendono ad attenersi esclusivamente a un tipo di domanda sugli esami (ad esempio, risposta breve, scelta multipla).

Onestà accademica. Nonostante le affermazioni allarmistiche che l'imbroglio è dilagante nei campus universitari, gli studenti in realtà vogliono che vengano applicate le regole relative alla disonestà accademica (ad esempio, inganni, plagio). Più precisamente, gli studenti vogliono sapere se i loro istruttori hanno un serio impegno nell'indagare e nel giudicare le presunte violazioni. In termini pratici, ad esempio, il piano d'appoggio nel programma (l'approccio dell'insegnante tipico) è insufficiente: una spiegazione schietta e in classe delle convinzioni e dei piani di un membro di facoltà su tali questioni è benvenuta.

Come va, o come si fa a uscire da un tuffo al naso? Uno dei modi più semplici per imparare come sta andando una classe è, beh, chiedere – e non solo alla fine del termine quando le valutazioni vengono fatte regolarmente. Chiedi nel mezzo e alla fine. Tale feedback anonimo, scritto e informale può aiutare a correggere imperfezioni o incomprensioni e migliorare l'atmosfera di apprendimento per tutti. I professori ideali chiedono feedback due o più volte in un semestre; quelli tipici lo fanno durare fino alla fine e si basano su valutazioni post-mortem, rendendo così tardi per rimediare alle lamentele o spiegare meglio le cose.

Whoa-tutto questo significa che i professori dovrebbero assecondare gli studenti o essere ansiosi? No, per niente. I membri della facoltà non dovrebbero essere come il figlio di Willy Loman, Biff, che "è sempre stato benvoluto", se non altro nella mente di suo padre. Il problema non è né assurdità né indulgenza: si tratta di essere aperti, sopra le righe e articolati su cosa è cosa in una classe. Nessun segreto, nessuna sorpresa, nessuna assurdità. Solo chiarezza e sincerità. Gli studenti devono sapere fin dal primo giorno come procederà il corso e gli insegnanti devono solo seguire il corso.

Penso che ci siano altri due messaggi da portare a casa che possono essere tratti da queste percezioni degli studenti. (1) Ci sono azioni concrete che ogni insegnante può adottare per rendere l'aula un luogo più dinamico e piacevole da apprendere. (2) Detto questo, gli insegnanti di psicologia o qualsiasi disciplina non possono essere tutte le cose per tutti gli studenti – hanno bisogno di sviluppare uno stile che si adatti alle loro personalità, aule e interessi, così come le condizioni locali in un dipartimento e in un'istituzione più grande. La selettività, quindi, importa: scegli quelle azioni che puoi fare ragionevolmente e poi eseguirle in modo coerente ed entusiasta e anche tu puoi essere un idolo di insegnamento ideale.

(E qui c'è un amichevole ma sottolineato per gli studenti: la diversità nello stile dell'insegnamento è importante e deve essere accolta favorevolmente, quindi non aspettatevi che i tratti di un professore siano necessariamente quelli di un altro o di altri. .)

Come dimostrano le ricerche di Buskist e dei suoi colleghi, gli insegnanti ideali sono gradevoli, disponibili, aperti al cambiamento quando le circostanze lo richiedono, e abbastanza chiari sulle aspettative per le loro classi. Questi ideali sembrano ragionevoli, vero? Una conclusione che suggerisce che i buoni insegnanti sono fatti, non (nel senso Gaga-ian) nato in questo modo.

Solutions Collecting From Web of "Chi sono gli idoli delle classi americane?"