Chi sono? Gli effetti del disturbo bipolare sull'identità

Recentemente un lettore ha scritto su quanto sia difficile avere un senso dell'identità – per sentirsi come se sapesse chi è. Essenzialmente stava dicendo che fa male quando la gente dice "Non ti prendo! Si cambia tutto il tempo. Chi sei? "Le sue preoccupazioni hanno senso. Se hai un disturbo dello spettro bipolare, può essere difficile avere un'identità coerente. Nei prossimi post, esploreremo gli effetti del disturbo dello spettro bipolare sull'identità.

Cos'è l'identità?

Alcuni scienziati pensano che la nostra identità rifletta i nostri schemi sottostanti. Gli schemi sono strutture mentali composte da pensieri, sentimenti, sensazioni, atteggiamenti e ricordi che sono collegati tra loro attorno a un tema comune.

Alcuni degli schemi che abbiamo sono legati al nostro senso di sé: la nostra identità personale. Questi schemi sono plasmati dalle nostre esperienze di vita e riflettono la nostra interpretazione di queste esperienze. Possiamo pensare a questi schemi come a rappresentazioni interne dei nostri valori più importanti e delle nostre paure più profonde.

Schemi sulla nostra identità personale possono essere organizzati intorno a temi di competenza, accettabilità, amabilità e forza, tra gli altri temi. I pensieri, i sentimenti e i ricordi che associamo a ciascun tema si sviluppano nel tempo. Rappresentano le nostre osservazioni di noi stessi in azione nel mondo e nelle relazioni con gli altri.

Se siamo in grado di raggiungere i nostri obiettivi a scuola, possiamo sviluppare uno schema sulla nostra competenza. Se impariamo ad andare d'accordo con altre persone, possiamo sviluppare uno schema sulla nostra accettabilità. Se siamo trattati con affetto, possiamo sviluppare uno schema sulla nostra amabilità.

Quando gli schemi sono attivati ​​dagli eventi, sono accompagnati da una cascata di altri effetti. Ad esempio, quando facciamo bene a scuola, attiviamo uno schema sulla competenza. Sentiamo benessere o orgoglio. Ricordiamo altre volte che abbiamo fatto bene. Abbiamo sensazioni di leggerezza e facilità. Pensiamo a cose positive sulle nostre capacità e prevediamo di riuscire in futuro.

Ma lo sviluppo della malattia bipolare può avere un effetto significativo sugli schemi che abbiamo di noi stessi. Il disturbo bipolare è una malattia biologica, ma queste interruzioni biologiche influenzano il nostro comportamento e i nostri processi mentali. A loro volta, questi cambiamenti possono avere un effetto significativo sulla nostra capacità di funzionare nel mondo e di relazionarsi con gli altri. Mentre osserviamo questi cambiamenti e abbiamo nuove esperienze a causa del disturbo bipolare, possiamo sviluppare un nuovo set di schemi. Per esempio:

– Se i sintomi del disturbo bipolare interferiscono con la nostra capacità di concentrarci e pianificare e interrompere la nostra capacità di lavorare o studiare, possiamo sviluppare schemi di incompetenza.

– Se il disturbo bipolare ci spingeva a comportarci in un modo imprevedibile o insolito (cioè, eravamo aggressivi, impulsivi o ipersessuali), potremmo sviluppare schemi riguardo alla nostra inaccettabilità.

– Se siamo stati respinti dagli altri e abbiamo perso le relazioni, potremmo sviluppare schemi per non essere amabili.

Gli schemi sono potenti, perché non sperimentiamo i temi semplicemente come idee o pensieri. Il tema centrale è legato a sensazioni, immagini, ricordi e sentimenti. E la combinazione dei pensieri sottostanti con la realtà fisica dei sentimenti e delle sensazioni può rendere questi schemi "veri". Non importa quanto irrazionale lo sappiamo, se gli eventi attivano uno schema sull'essere non amabili, ci sentiremo non amabili.

Gli schemi che si sviluppano a seguito del disturbo bipolare possono comunque rimanere attivi, anche quando i sintomi bipolari si attenuano e il comportamento sintomatico è sotto controllo.

Diamo un'occhiata a un esempio. Al liceo e al college, Julianne era una studentessa di successo. Voleva intraprendere la carriera nella pubblicità e ha ottenuto un ottimo lavoro subito dopo la laurea. Stava formando un'identità positiva, riflettendo schemi di competenza e forza. Stava sviluppando la sua identità come professionista creativo.

Poi, nella sua metà degli anni '20, Julianne sviluppò un grave disturbo bipolare. Come molte altre persone con disturbo bipolare, ha avuto diversi episodi di depressione prolungata o episodi di stato misti che sono durati molti mesi. I sintomi acuti del disturbo bipolare hanno disabilitato la sua capacità di concentrazione o piano efficace. Non poteva lavorare, e non aveva nemmeno abbastanza energia per provarci.

L'esperienza di essere malati e disabili ha favorito lo sviluppo di schemi di incompetenza, fallimento e debolezza. In questi schemi, le convinzioni sull'incompetenza e il fallimento erano legate a ricordi di sentirsi delusi o frustrati; a brutte sensazioni di affaticamento e pressione; e a pensieri negativi su se stessa e il suo futuro. Aveva paura di provare a lavorare di nuovo.

Ma quando Julianne migliorò e il suo umore si stabilizzò, riuscì a tornare al lavoro. Poteva concentrare la sua attenzione sulle sue responsabilità. Quando ha fatto bene, ha iniziato a provare un certo orgoglio, anche se il sentimento non è durato troppo a lungo. Dopo un anno, ha iniziato a sviluppare un'identità positiva come professionista per sviluppare schemi di competenza e forza.

Recentemente ha avuto alcuni problemi in un progetto molto difficile, e il suo capo si è lamentato del suo lavoro. Non una grande lamentela, più come una piccola spinta. Ora Julianne vuole lasciare il lavoro. Si sente come se non volesse più lavorare nella sua professione. Pensa che questo lavoro non è importante e non è quello che vuole fare più, comunque!

Perché succede? Perché Julianne non può mantenere un'identità positiva come professionista, anche quando ci sono alti e bassi al lavoro?

I problemi al lavoro possono attivare schemi negativi di fallimento per chiunque. Ma per Julianne, questi schemi sono molto intensi. Gli eventi che hanno innescato lo sviluppo dei suoi schemi sull'essere incompetenti e deboli sono stati traumatici. Aveva un forte dolore emotivo e il suo sogno di progredire nella sua carriera era andato in frantumi. Gli schemi che si sviluppano in queste condizioni traumatiche sono facilmente attivati ​​o attivati. (A meno che non impariamo a riconoscere e ad affrontarli).

Anche un piccolo accenno di critica da parte del suo capo ha attivato gli schemi negativi di Julianne: schemi di fallimento, incompetenza e debolezza. E quando questi schemi e tutte le sensazioni e sensazioni collegate furono attivate, Julianne sentì che non poteva più tollerare il lavoro. Non voleva nessuna parte della sua professione. Non si fidava più delle sue capacità e della sua resistenza.

Gli amici e la famiglia di Julianne (e il suo capo) erano confusi dalla sua forte reazione a questo problema sul lavoro. Ricordano il mese prima quando Julianne disse loro che amava il suo lavoro. Adesso vuole andarsene. Julianne ha fatto così bene; i vividi ricordi delle sue famiglie sulla sua malattia sono svaniti. E non hanno ancora capito come si possano sviluppare schemi e nuove identità dopo lo sviluppo del disturbo dello spettro bipolare. È difficile per loro capire cosa dire o fare.

È anche difficile per Julianne. Come la maggior parte di noi, Julianne non era consapevole di avere questi schemi. Gli schemi possono operare al di fuori della vostra consapevolezza. Possono influenzare il tuo comportamento senza la tua conoscenza cosciente. (In effetti, uno dei compiti della psicoterapia è quello di aiutare a etichettare e riconoscere questi schemi).

Quando abbiamo avuto la possibilità di parlare, Julianne ha potuto riconoscere gli schemi che ha sviluppato quando era molto malata. Poteva vedere il modo in cui sono ancora in bilico sullo sfondo e sono stati attivati ​​da questi eventi al lavoro. E poi era più capace di mettere le cose in prospettiva.

Julianne sta sviluppando una nuova identità, un'identità che riflette la sua capacità di accettare e affrontare le sfide del disturbo bipolare, nonché le sfide della sua vita personale e professionale. Sta sviluppando un'identità diversa da quella che aveva prima di sviluppare il disturbo bipolare, ma un'identità che è ancora reale e affermativa. Man mano che cresce e assume nuove responsabilità e vive attraverso gli alti e bassi del disturbo bipolare, svilupperà un nuovo senso di sé integrato.

Nel prossimo post: gli schemi possono anche essere attivati ​​da circostanze che aumentano o diminuiscono la tua energia, aumentano il tuo stato d'animo negativo, innescano memorie dolorose, ecc. Parleremo di come i cambiamenti stagionali o legati allo stato d'animo possono attivare schemi diversi e creare cambiamenti in identità.

Solutions Collecting From Web of "Chi sono? Gli effetti del disturbo bipolare sull'identità"