Chi (o cosa) sceglie pensieri sani?

Che cosa farai quando incontrerai due idee diverse nello stesso giorno, ognuna di loro non solo irresistibile e apparentemente piena di verità, ma anche apparentemente in conflitto tra loro? Una risposta è quella di pensare attraverso le idee scrivendo su di loro, e quindi pubblicando i risultati per vedere cosa pensano gli altri.

La prima idea che ho incontrato stamattina è tratta da un saggio di Ed Gibney su come domare le emozioni per migliorare la salute mentale. Ero abbastanza incuriosito dalla definizione del romanzo di follia in questo saggio:

La follia è l'incapacità della ragione di controllare le emozioni, sia attraverso la chimica del cervello che non risponde alle valutazioni cognitive o alle valutazioni cognitive che rifiutano di rispondere alla realtà. Questa mancanza di controllo varia anche da lieve (nevrotica) a estrema (psicotica). Il trattamento per la pazzia deve essere basato sulla giusta causa e gravità della malattia.

Mi piace questa definizione perché si adatta bene a ciò che sappiamo in questo momento riguardo alle terapie più efficaci per i problemi psicologici. Due dei problemi più comuni che portano le persone a cercare la terapia sono l'ansia e la depressione. Sentirsi ansiosi o depressi è una normale risposta adattiva a certe situazioni, ma a volte queste emozioni sfuggono al controllo, diventando impropriamente pervasive e / o intense. Per tutti tranne le forme più gravi di questi disturbi, la terapia cognitiva tende ad essere il trattamento più efficace. Nelle terapie cognitive, le persone imparano come rivalutare la loro situazione. Quando le persone possono pensare alle loro situazioni in modi che sono forse più realistici delle valutazioni strette e distorte che li lasciano impantanati in ansia o depressione, hanno la possibilità di ridurre o addirittura di dissipare i sentimenti inappropriati che li rendono infelici.

A volte, tuttavia, l'ansia o la depressione possono essere così gravi che la persona non può impegnarsi in valutazioni cognitive. In questi casi, i farmaci possono migliorare la chimica del cervello fino al punto in cui la persona può iniziare a utilizzare le tecniche cognitive per migliorare la propria condizione. La linea di fondo è che essere in grado realisticamente la ragione per evitare la perdita del controllo sui sentimenti risulta essere una buona definizione di sanità mentale. [Nota: "sanità mentale" è in realtà un termine legale piuttosto che una categoria diagnostica; ma Gibney e io stiamo usando questa parola in modo colloquiale.]

Ma poi la mattina dopo ho incontrato un articolo del New Scientist che mette in discussione l'idea di avere un controllo cosciente e razionale su tutto. Secondo gli psicologi Peter Halligan e David Oakley, l'esperienza cosciente è una trasmissione da processi cerebrali inconsci piuttosto che un agente che controlla e dirige il nostro comportamento. La prova di questa posizione proviene da esperimenti che dimostrano che la consapevolezza delle intenzioni di muoversi si verifica dopo, non prima: i muscoli e le aree del cervello si preparano per il movimento. Contrariamente alla nostra percezione che le intenzioni sono scelte consapevoli, le intenzioni nascono effettivamente nell'inconscio e diventiamo consapevoli delle nostre intenzioni dopo che sono già state formate. Secondo Halligan e Oakley, tutti i contenuti dell'esperienza cosciente, inclusa l'auto-consapevolezza, i pensieri, i sentimenti e le intenzioni, sono riflessioni dell'attività inconscia: cose che accadono a noi piuttosto che eventi che controlliamo coscientemente.

La tesi di Halligan-Oakley causa problemi per il suggerimento di Gibney secondo cui la sanità mentale è il risultato del controllo cosciente delle nostre valutazioni cognitive della nostra situazione. Secondo Halligan e Oakley, la coscienza non ha alcun controllo sulle valutazioni cognitive. Invece, le valutazioni cognitive sono prodotte dall'attività inconscia e ci rendiamo conto delle nostre valutazioni cognitive dopo che sono state formate. Anche la scelta tra i possibili modi di guardare a una situazione è inconscia, non cosciente. Quindi, se riusciamo a ridurre i sentimenti negativi inappropriati trovando un modo migliore di guardare alla nostra situazione, questo è qualcosa che accade a noi piuttosto che il risultato dell'intenzione consapevole di guardare la nostra situazione in modo diverso. In altre parole, il ragionamento consapevole non ha mai la capacità di controllare le emozioni, quindi se definiamo la pazzia come "l'incapacità della ragione di controllare le emozioni", allora tutti noi siamo pazzi per tutto il tempo.

L'unico modo che vedo da questo enigma è di rinunciare all'idea che il nostro senso che il nostro sé cosciente e ragionatore sia la fonte di rivalutazioni cognitive e dia credito a processi che sono inaccessibili alla consapevolezza cosciente. Il sé cosciente non è il genio che si presenta con un nuovo modo di guardare alle cose che porta a un miglioramento del benessere psicologico. Quando si verificano utili revisioni cognitive, questo è un prodotto fortunato dei processi inconsci. Le persone che hanno la fortuna di gestire utili valutazioni cognitive sono sane; quelli il cui inconscio non può rivalutare o valutare in modo non realistico sono pazzi.

Oakley continua a suggerire che la funzione evoluta di "auto-narrazione" generata inconsciamente, vissuta consapevolmente "è la reciproca regolamentazione del comportamento degli altri attraverso la condivisione selettiva delle nostre narrazioni personali. Dice che ciò permette che "il contenuto mentale degli individui [venga] modificato da influenze esterne come l'educazione e altre forme di socializzazione". Suggerirei che un'importante influenza esterna è la terapia. Spero che il tuo inconscio ti guidi a cercare la terapia quando ne hai bisogno.

Solutions Collecting From Web of "Chi (o cosa) sceglie pensieri sani?"