Chi ha tempo per meditare? Tu fai!

Spesso mi viene chiesto quale sia l'unico modo più efficace per gestire la preoccupazione e l'ansia. La mia esperienza, e quella dei miei clienti, è di stare nel presente. Vedete, spesso non ci rendiamo conto che tutto ciò che è nel passato è sparito, con pochissimo o nulla che possiamo fare al riguardo. Quindi, quelli che tendono a rimuginare sul passato o "vivono nel passato" tendono alla tristezza e alla depressione. D'altra parte, tutto ciò che siamo preoccupati, ansiosi o spaventati, non è ancora successo. È tutto per il futuro e si basa su cose ancora da venire ("Cosa succede se perdo il mio lavoro? E se mio figlio non entra nella squadra? E se l'economia si gira verso il peggio?). Queste cose potrebbero accadere, e se e quando lo faranno, ti occuperai di loro. Ma come può ora preoccuparsi di loro? Non è così.

Come psicologo e allievo della mente e del comportamento umano, sono stato attratto dalle filosofie orientali del pensiero e dalle tecniche meditative associate alla vita presente del momento. Queste filosofie buddiste e Zen si sposano rimanendo presenti, distaccandosi dagli esiti (cioè ottenendo la promozione) e coltivando amorevole benevolenza e gratitudine. Un metodo primario per raggiungere il suddetto è quello di impegnarsi in una pratica di meditazione quotidiana. Per anni ho letto tutti i libri, ma ho continuato ad aspettare il tempo per iniziare una pratica regolare e frequentare un ritiro del fine settimana per dare il via a qualcosa. Come ogni buon perfezionista, avevo bisogno di farlo bene. Ho provato ad alzarmi presto, prima del solito per rispondere alle e-mail prima che i bambini si alzassero, ma non è durato a lungo. Ho provato a mettere da parte il tempo per meditare la sera dopo che i bambini sono andati a letto, ma mi sono trovato ad addormentarmi. Ho quindi provato a mettere da parte il tempo durante la giornata lavorativa, ma ho trovato che spesso si perdeva nella necessità di adattare un client, restituire le chiamate client e rispondere alle e-mail (quindi non avrei bisogno di alzarmi così presto).

Alla fine ho saputo di ciò che alcuni chiamano mediazione informale o in tempo reale. Ciò implica essere presenti nelle attività quotidiane, concentrandosi veramente su ciò che si sta facendo. Questo può essere fatto mentre guidi, lavi i piatti, piega il bucato e persino vai in bagno in una breve pausa. Finalmente qualcosa per cui avevo tempo! E anche tu. È davvero molto semplice Pratichi concentrandoti sul compito immediato a portata di mano. Non avrei mai pensato che fare i piatti e il bucato pieghevole potesse essere pacifico e ringiovanente. Mi concentro sul prendere i vestiti dal cesto, ogni fase del processo di piegatura, e poi li colloco nel mucchio giusto. Mi concentro sul risciacquo dei piatti, li metto in lavastoviglie, pulisco le pentole e vedo ogni piccolo pezzo di cibo che deve essere rimosso prima del risciacquo finale e il posizionamento sull'asciugamano. Mi concentro sulla strada, sulla macchina davanti a me e sulle strade che passano. Sento il mio piede premere l'acceleratore e la pressione lentamente sul freno.

Il risultato di questo? Sono presente nella mia vita quando sono concentrato sui piccoli compiti che costituiscono un giorno. La mia mente è calma, ma vigile. Sono rinfrescato piuttosto che impoverito. E, non sono preoccupato o ansioso quando sono nel presente. Tutte le cose di cui mi preoccupo tipicamente sono ancora lì da qualche parte, ed esistono ancora nel futuro per essere ancora, ma sto bene al momento. Ho ancora in programma di coltivare una pratica quotidiana formale ad un certo punto, ma per ora ho trovato un modo per meditare in un modo che si adatta alla mia vita attuale. La cosa bella della meditazione in tempo reale è che hai sempre tempo per questo perché lo stai facendo mentre vivi la tua vita normale. Soprattutto, ti sentirai meno preoccupato e ansioso quando rimarrai nel presente ogni volta che sarà possibile per tutta la giornata.

Chi ha tempo per meditare? Tu fai.

Solutions Collecting From Web of "Chi ha tempo per meditare? Tu fai!"