Chi ha paura di Noam Chomsky?

L’influenza di Chomsky sulla psicologia cala?

Chi ha paura? Me. Ma andiamo avanti comunque.

Noam Chomsky è una figura polarizzante nella moderna vita intellettuale. Meglio conosciuto nel discorso popolare per le sue critiche radicali alla politica estera degli Stati Uniti, ha scritto innumerevoli libri di successo su questo e su argomenti politici correlati. È come un filosofo e linguista, tuttavia, che è probabile che sia ricordato al meglio intellettualmente, portando alcuni a rivendicarlo come il più importante intellettuale del nostro tempo, alla pari, per esempio, di Aristotele o di Cartesio.

Ha avuto una grande influenza sulla psicologia. Per oltre la metà del 20 ° secolo, la psicologia era dominata dal comportamentismo, l’idea che la psicologia riguardasse ciò che le persone effettivamente fanno, piuttosto che ciò che sta accadendo nelle loro menti. Nel 1957 il comportamentista BF Skinner pubblicò il suo monumentale libro Verbal Behaviour , un tentativo basato sul comportamento per raggiungere un vertice psicologico, la spiegazione del linguaggio, il più elusivo delle facoltà umane.

Nello stesso anno, Chomsky pubblicò un volume sottile chiamato Syntactic Structures , basato sulla sua tesi di dottorato, che sosteneva che il linguaggio non è una questione di comportamento appreso, ma dipende da regole innate. Queste regole furono in seguito chiamate “grammatica universale”, comuni a tutti gli umani ma negate a tutte le altre creature.

Entrambi i libri, penso, sono più o meno illeggibili, ma hanno segnato il 1957 come anno di svolta nella storia della scienza psicologica, e hanno anche lasciato il segno su filosofia e linguistica.

Due anni dopo, Chomsky pubblicò una recensione – una demolizione, si potrebbe dire – del libro di Skinner. Lo stesso comportamentismo si ridusse rapidamente, sostituito da quella che venne chiamata la “rivoluzione cognitiva”. Ratti (e piccioni) si dispersero dai laboratori psicologici, come se fossero stati portati via da un Pifferaio magico, e furono sostituiti da studenti universitari. La mente stessa era tornata.

Anche l’ascesa del computer digitale ha avuto un ruolo, una tendenza che continua con una velocità allarmante. Persino gli umani possono sparire dal laboratorio e forse il posto di lavoro, sostituito da macchine intelligenti. Lo stesso Chomsky, tuttavia, è rimasto in disparte dalla deriva alla scienza cognitiva, e ha persistito con tentativi talvolta opachi di spiegare come funziona la grammatica. Nel 1982, il linguista James D. McCawley pubblicò un libro dal titolo scherzoso Thirty Million Theories of Grammar . È diventato peggio.

Opaco, o semplicemente al di là della comprensione di semplici mortali? L’immensa reputazione intellettuale di Chomsky dipende dalla semplice premessa che se non riesci a capirlo, deve essere profondo? La mia sensazione è che se si cerca di penetrare nei meandri della scrittura di Chomsky, sembra sempre più in disaccordo con la realtà biologica e psicologica.

Per cominciare, c’è la domanda dei circa 6.000 linguaggi del mondo, ognuno più o meno impenetrabile agli altri. Come può esserci una “grammatica universale” alla base di tutti loro? Chomsky seppellisce questo problema supponendo che la grammatica universale, o quello che chiama anche linguaggio interno, non sia progettata per la comunicazione. È un modo di pensiero unicamente umano, simbolico, ricorsivo e infinitamente variabile. Il linguaggio comunicativo – o quello che alcuni chomskiani chiamano linguaggio esterno – rappresenta semplicemente (a Chomsky) modi poco interessanti in cui le persone di culture diverse esternano i loro pensieri.

In secondo luogo, Chomsky sostiene che questo linguaggio interno di pensiero è apparso in un singolo momento epocale in un singolo umano, che Chomsky chiama capricciosamente Prometeo, negli ultimi 100.000 anni – ben dopo che la nostra stessa specie è emersa. Sembra più miracoloso che scientifico.

Inoltre non ha senso in termini di evoluzione. Grandi cambiamenti non accadono in un unico passaggio. E uno deve chiedersi come avrebbe fatto Prometheus. A chi avrebbe parlato? Cosa potrebbe essere adattivo alla comunicazione, o anche al pensiero, quando c’è solo un individuo capace di farlo?

La domanda su come il linguaggio e il pensiero umani si sono evoluti è una delle sfide biologiche del nostro tempo. Chomsky ha avuto importanti anticipazioni sulla natura del linguaggio, ma siamo andati avanti.

Solutions Collecting From Web of "Chi ha paura di Noam Chomsky?"