Chi ha bisogno di tutti questi dispositivi digitali?

La rivoluzione digitale ha cambiato il modo in cui viviamo. La vita è diventata più veloce, più effimera e praticamente istantanea. La nostra pazienza si è assottigliata, le nostre capacità di attenzione si sono accorciate e la nostra iperconnettività ha sostituito l'interazione personale.

Nel giro di soli quindici anni, la nostra capacità di prestare attenzione è stata ridotta di un terzo secondo uno studio recente commissionato da Microsoft. In effetti, lo studio rivela che le persone tendono a perdere concentrazione dopo soli otto secondi mentre i nostri famigerati amici pesci rossi possono pensare almeno nove.

La vita senza cellulari è per molti impensabile. Secondo uno studio commissionato da Nokia, la persona media controlla il proprio telefono ogni sei minuti e mezzo. La nostra ossessione per All Things Digital ha dato origine a una nuova condizione medica chiamata nomofobia, la paura di rimanere senza il cellulare. Se ti metti a sudare freddo quando lasci il telefono a casa, potresti essere uno dei tanti afflitti dal disturbo di attaccamento del cellulare.

Non ci sentiamo allo stesso modo sui nostri tablet perché, secondo Smashing Magazine, non producono le stesse emozioni dei nostri telefoni cellulari. Consideriamo i tablet come dispositivi a casa che scorriamo sui nostri giri mentre guardiamo le notizie in televisione. Ma ecco! I nostri telefoni cellulari sono una storia completamente diversa. Evocano un senso di profonda connessione emotiva con il mondo esterno, non importa dove siamo.

"I telefoni cellulari sono avvincenti allo stesso modo delle slot machine", ha detto il dott. Fran Walfish, bambino, coppia e psicoterapeuta e autore di famiglia a Beverly Hills, in California, è stato riferito alla rivista online Medical Daily. "L'immediatezza della risposta, della gratificazione e dell'eccitazione si combinano per rendere l'utente più desideroso e desidera di più ora."

Isriya Paireepairit, used with permission
Fonte: Isriya Paireepairit, usato con permesso

E così è stato quando una società di PR globale mi ha chiesto di provare il nuovo Mate 8 di Huawei. Il pensiero di tenere un cellulare nuovo lucido con uno schermo sproporzionatamente grande, rispetto al mio iPhone 4S infantile, era troppo bello per resistere. Un dispositivo gestito da Android, Mate 8 mi ha entusiasmato con la sua lunga durata della batteria, la sua alta fedeltà sia nel suono che nelle immagini. Non riuscivo a far funzionare il telefono perché la mia scheda SIM non andava bene, ma mi sono divertito e ha scoperto il piacevole rilassamento dei miei occhi di mezza età che fissavano uno schermo più grande con una migliore definizione del colore. Mi sentivo un po 'come un tradimento, accarezzando il dispositivo mentre il mio iPhone sedeva tristemente sul mio comodino. Ma presto mi sono stancato del Mate 8 perché il suo sistema operativo ha posto troppe domande come un vicino ficcanaso, ben intenzionato, che si invita a far parte del barbecue di famiglia. Non avevo bisogno di tutte le campane e i fischietti, che, mio ​​figlio adolescente mi ha detto con pratica noia, avrei potuto facilmente spegnere. Ma come? Il Mate 8 non è intuitivo come il mio iPhone e, anche se potrebbe avere un aspetto più bello e super-modello, non ha la fermezza di un iPhone, che è più simile a un buon amico che non fa tutte quelle domande , ma è semplicemente lì per te quando hai bisogno di lei. Inoltre, la dimensione di esso – con la sua allungata allungata – è più approssimativa a un tablet che a un telefono cellulare.

Non sentirò l'attaccamento con il nuovo telefono di Huawei in qualunque momento presto. Devo ammettere che sono abbastanza legato a quello che ho già.

Solutions Collecting From Web of "Chi ha bisogno di tutti questi dispositivi digitali?"