Chi era il più grande psicologo?

Nella maggior parte dei regni dello sforzo umano, nessuna persona si distingue mai come chiaramente maggiore degli altri grandi in quel campo. Sarebbe impossibile dire chi fosse il più grande filosofo, o fisico, artista, giocatore di baseball o stella del cinema. Perché così tanti sono grandi, nessuna persona brilla mai più luminosa.

La psicologia è un'eccezione: Charles Darwin torreggia su questo campo.

Nato 204 anni fa, Darwin era profondamente interessato a confrontare la psicologia umana e animale come un caso di prova e affascinante applicazione della teoria evolutiva.

La sua attenta osservazione naturalistica, combinata con una profonda intuizione psicologica, ha completamente cambiato il modo in cui intendiamo la natura umana.

Le conclusioni fondamentali di Darwin:

• Siamo animali – solo una parte del grande quadro della creazione, non il suo scopo.

• I nostri istinti, emozioni e intelletto si sono evoluti da un antenato primate comune esattamente come la nostra forma corporea.

• Possiamo capire meglio noi stessi studiando i passaggi psicologici, oltre che fisici, in quella evoluzione.

• La nostra psicologia è il prodotto della selezione naturale e sessuale di varianti di probabilità adattive riproduttive – non era prevista o ispirata dall'intervento divino.

• La mente e la sua coscienza sono un prodotto del funzionamento del cervello in un modo che non è essenzialmente diverso dal fatto che la digestione è una funzione dell'intestino.

• La psicologia può essere studiata utilizzando gli strumenti sperimentali e osservazionali standard della scienza.

• Le persone in tutto il mondo, nonostante le differenze nelle loro abitudini attuali, sono fratelli e sorelle all'interno di una specie umana, condividendo le stesse emozioni di base e la stessa dotazione intellettuale.

• Il bambino è padre di un uomo: possiamo conoscere la psicologia dell'individuo e l'evoluzione della specie studiando attentamente la maturazione dei comportamenti nei neonati e nei bambini.

• Gli istinti non sono completamente fissi ma interagiscono con l'ambiente.

• Le forze inconsce giocano un ruolo importante nell'influenzare i nostri comportamenti.

E Darwin stabilì anche nuovi metodi di studio psicologico che da allora sono diventati standard nel campo:

• La sua affermazione che possiamo imparare di più su noi stessi studiando i babbuini piuttosto che leggendo i grandi filosofi creò il campo della psicologia evolutiva e fornì l'opportunità di approfondimenti profondi sulla motivazione e sul comportamento umano.

• Lo "schizzo biografico di un neonato" di Darwin che dettaglia le sue osservazioni minuziose e naturalistiche sullo sviluppo emotivo, intellettuale, interpersonale e morale del suo primogenito ha creato il campo dello sviluppo infantile.

• Il metodo di Darwin di studiare le emozioni e le espressioni facciali usando le fotografie commissionate a questo scopo è ancora uno strumento di ricerca enormemente fruttuoso.

• Darwin ha condotto il primo sondaggio in psicologia, uno strumento scritto che raccoglie informazioni da scienziati e missionari per mostrare l'universalità delle emozioni umane in tutto il mondo.

• Darwin è stato anche pioniere nell'introspezione soggettiva, inclusa l'autoanalisi dei propri sogni.

È sorprendente che Darwin abbia fatto la maggior parte delle sue principali scoperte psicologiche prima del suo trentesimo compleanno e ancor prima di rendersi conto che la selezione naturale è il meccanismo dell'evoluzione.

Conservò queste scoperte in un cassetto per 35 anni prima di pubblicarle, in parte perché era un meticoloso collezionista di fatti prima di presentare teorie; in parte perché si è reso conto che il mondo non era pronto per una visione così materialistica dell'uomo; e in parte perché non gli piaceva il confronto con i critici.

Newton si descriveva modestamente come un nano seduto sulle spalle dei giganti precedenti. In psicologia, era Freud seduto sulle spalle di Darwin, che applicava le intuizioni evolutive di Darwin al vasto mondo dei sintomi psicologici, dei sogni, del mito, dell'arte, dell'antropologia e delle vicissitudini della vita quotidiana.

Freud aveva 26 anni quando Darwin morì e non si incontrarono mai, ma quasi tutti i suoi mentori erano entusiasti darwinisti.

Ai tempi di Freud, psicologi e neuroscienziati parlavano tutti "Darwin" anche se non sempre se ne rendevano conto; proprio come oggi tutti noi inconsciamente parliamo un dialetto di 'Freud'.

Il biografo di Freud Ernest Jones definì Freud 'il Darwin della mente'. Di fatto, Darwin era il Darwin della mente, con Freud come il suo grande divulgatore.

Il più importante passo avanti nella nostra comprensione della psicologia umana è stata la consapevolezza che gran parte della nostra vita mentale è automatica, inconscia e al di fuori del controllo della nostra ragione o volontà.

Molti filosofi, scienziati e scrittori hanno aiutato a esplorare questo regno dell'inconscio, prima e dopo Darwin.

Ma Darwin è stato di gran lunga il più importante perché, collegando la mente dell'uomo con il nostro primato passato, è stato in grado di riempire così tanti spazi vuoti, spiegando perché facciamo ciò che facciamo e sentiamo ciò che proviamo.

La psicologia è stata un'elaborazione enormemente eccitante, ma per lo più derivativa, del grande modello intuito da Darwin 175 anni fa. Ora abbiamo i meravigliosi nuovi strumenti della scienza neuro e cognitiva per esplorare come il cervello fa mente, ma la nostra moderna concezione della natura umana era tutto lì nei quaderni di Darwin.

Solutions Collecting From Web of "Chi era il più grande psicologo?"