Chi era George Washington?

Questo blog piuttosto lungo è stato co-autore di mio padre, il dottor Peter R. Henriques, professore emerito di storia alla George Mason University, che ha scritto diversi libri e ha tenuto centinaia di discorsi sulla vita e il carattere di George Washington. Diversi anni fa siamo stati coautori di un capitolo sull'uomo visto attraverso la lente dell'approccio unificato e destinato a includerlo nel libro di mio padre, Realistic Visionary . Tuttavia, l'editore e i revisori hanno riscontrato che era mal riposto. Abbiamo sempre pensato che fosse un pezzo interessante e un buon esempio di come attraversare la storia con la psicologia, e così abbiamo deciso di condividerlo qui, su quello che sarebbe il 283 ° compleanno di GW. Il capitolo originale era piuttosto lungo e ha introdotto sia la Matrice di Influenza che l'Ipotesi di Giustificazione e ha esaminato la sua vita attraverso quegli obiettivi. Qui lo abbiamo accorciato un po '(anche se è ancora un po' lungo per un blog) e in gran parte rimosso lo sfondo su questi concetti e invece ci siamo concentrati principalmente sulle unità relazionali che hanno formato il suo personaggio. Inoltre, poiché si tratta di un blog, abbiamo ridotto notevolmente i riferimenti, ma sono disponibili su richiesta.

The Influence Matrix è un modello integrativo di motivazione sociale ed emozione (vedi diagramma sotto e qui per ulteriori informazioni) che crediamo possa essere utile per comprendere i motivi relazionali che hanno guidato George Washington. Dal momento che era uno dei leader più influenti nella storia, una previsione interessante nasce da Matrix. Nello specifico, ci si aspetterebbe che i temi del potere, dell'amore e della libertà dovrebbero essere molto importanti nel suo personaggio, e dovrebbe avere un forte senso di ciascuno di questi tre motivi (le linee blu, rossa e verde, rispettivamente). Inoltre, la Matrice suggerisce che i conflitti che ha sperimentato dentro se stesso e con gli altri possono essere ben compresi in termini di tensioni tra queste varie dimensioni e il suo desiderio di riconciliare queste pulsioni potenzialmente conflittuali. In effetti, analizzando la storia della vita di GW, sembra che questo sia il caso. In effetti, si può vedere la sua vita straordinaria come un riflesso della navigazione trionfante del potere, dell'amore e della libertà.

https://www.psychologytoday.com/blog/theory-knowledge/201112/the-influence-matrix

Riguardo al suo bisogno generale di valore relazionale (la linea nera), anche un esame superficiale rivela che Washington è stato spinto intensamente a massimizzare la sua influenza sociale. Come ha affermato un autore, "Durante tutta la sua vita, l'ambizione di distinzione si è trasformata in George Washington come una dinamo, generando l'incredibile energia con cui ha prodotto il suo più grande traguardo storico – se stesso." Per capire da dove proveniva questa incredibile spinta, è utile per analizzare la struttura di base di carattere di Washington in termini di temperamenti (o tratti), abilità e insiemi motivazionali dinamici, che sono tutti esistiti ed emersi in un particolare contesto di sviluppo.

I temperamenti si riferiscono ai fondamenti della personalità e sono le tendenze disposizionali di base che un individuo dimostra nell'interagire con il suo ambiente. I due tratti più importanti identificati dagli psicologi della personalità sono l'extraversione e il nevroticismo. L'extraversione si riferisce al grado in cui un individuo è energico, guidato, estroverso, si concentra sugli obiettivi che si avvicinano e tende verso le emozioni positive (le mappe di Extraversione sul quadrante in alto a destra sulla matrice). Al contrario, il nevroticismo è il grado in cui un individuo è preoccupato per il rischio, si concentra sull'evitare esiti negativi, è difensivo e pessimista e tende verso le emozioni negative (mappe del nevroticismo sul quadrante in basso a sinistra). Nell'estroversione, l'enfasi è sull'acquisizione, mentre nel nevroticismo il focus è sull'evitare la perdita. Quando si esaminano i comportamenti e gli atteggiamenti di Washington nel corso della sua vita, la sua energia e ambizione, la sua spinta verso la realizzazione e la sua volontà di rischiare di fronte a un grave pericolo sono sorprendenti, e la conclusione forte è che il Generale era, in termini di base temperamento, molto estroverso e poco nevrotico.

In molti modi, l'aspetto più interessante (e spesso più difficile) dell'analisi della struttura dei caratteri di un individuo è il tentativo di comprendere l'insieme dinamico di forze motivazionali che spingono un individuo verso determinati obiettivi. Il compito in questo caso è reso ancora più difficile dal momento che esistono informazioni limitate sulla prima infanzia di Washington, che sarebbero necessarie per comprendere come la sua esperienza di vita abbia plasmato questo elemento del suo personaggio. Tuttavia, mentre gran parte dell'infanzia di GW rimarrà per sempre avvolta nel mistero e nell'incertezza, ci sono alcuni fatti salienti. La famiglia di Washington era di second'ordine e le prospettive del giovane GW di avanzare al livello più alto subirono un duro colpo quando suo padre morì nel 1743. Washington all'epoca aveva undici anni, ma lo ricordò più tardi quando accadde "solo dieci", che Forse suggerisce che GW si sentì abbandonato da suo padre ancor prima della sua morte. Il rapporto di George Washington con sua madre, Mary Ball Washington, rimane controverso, ma è difficile leggere le sue lettere sopravvissute degli anni 1750 e immaginarla come tutt'altro che esigente e auto-assorbita, molto più preoccupata dei suoi problemi rispetto a quelli che la affrontano figlio. Sembra molto probabile che tali attributi in lei fossero presenti quando GW era un giovane.

Matrix aiuta a organizzare questi fattori in un modo che permetta di formulare ipotesi su come la combinazione di fattori possa aver influenzato il set motivazionale del giovane GW. Per lo meno, sembra che l'interazione tra madre bisognosa, madre che controlla, la mancanza di un padre, la sua alta disposizione estroversa / bassa nevrotica, la sua forte spinta per il progresso, e il suo riconoscimento che gli altri hanno avuto di meglio di lui è stato un ricetta per sensazioni significative di frustrazione da adolescente. Il racconto di Custis della giovane Washington che corre un cavallo vivace finché non è caduto morto ha l'anello della verità. Così esprime il desiderio espresso da Thomas 6th Lord Fairfax che il giovane George acquisisca un migliore controllo sul suo temperamento.

http://www.amazon.com/Realistic-Visionary-Portrait-George-Washington/dp/0813927412

Molte teorie psicologiche suggeriscono che forti esigenze di potere e eccessivo autocontrollo riflettono un compenso per una paura o insicurezza sottostante. E sembra plausibile che questa dinamica stia operando in una certa misura a Washington. In effetti, uno studio psicologico arrivò addirittura a dire che, "Inascoltato da suo padre, non amato da sua madre, sempre dolorosamente sensibile alla sua mancanza di educazione, socialmente imbarazzante e inarticolato, frustrato nell'amore, George Washington compensò cercando gloria in guerra e politica e distinzione sociale ed economica nell'acquisizione ossessiva della terra ". Sebbene questa analisi sia semplicistica ed estrema, è probabile che almeno una parte del forte bisogno di GW per l'autosufficienza e l'ambizione intensa derivino da un tentativo di compensare infanzia che non ha pienamente soddisfatto i suoi bisogni di amore e attenzione.

Fortunatamente per GW, se ha affrontato la frustrazione nella sua casa a Ferry Farm, ha trovato sia un rifugio che un'ispirazione nel suo rapporto con il fratellastro Lawrence e la potente famiglia Fairfax. Non erano solo i modelli di ruolo, ma anche i mecenati, e GW fece tutto il possibile per adattarsi al modello prescritto dalla sua società che si rifletteva così bene nella vita a Belvoir. Le sue connessioni a Belvoir, le sue capacità naturali, in particolare in matematica, e la sua padronanza del rilevamento in giovane età gli hanno offerto una strada per il successo e il successo. Senza una simile strada, sembra molto probabile che GW avrebbe vissuto una vita frustrata e piena di conflitti. Tuttavia, con esso è stato in grado di tracciare il suo corso di vita su un percorso che alla fine sarebbe culminato nell'internalizzazione dei più alti standard di onore, integrità e dovere.

L'ambizione di Washington, unita alla sua disposizione di base, costituiva una combinazione rischiosa, specialmente nelle circostanze pericolose che affrontò nello svolgimento di operazioni militari a cui era opposta una parte significativa della popolazione. Come ha confessato al Governatore Dinwiddie, "In tutte le cose incontro la più grande opposizione", ma il giovane Colonnello ha insistito perché eseguisse le sue istruzioni nel "Servizio di Sua Maestà" a meno che i suoi avversari "non eseguano ciò che minacciano, io, e" per spegnere il cervello. '"Questo approccio senza paura e il desiderio di gloria a volte hanno portato a imprese spericolate che hanno ridotto al minimo o non hanno preso in considerazione il rischio reale. Washington si è messo in pericolo di tanto in tanto, e la sua sopravvivenza in queste imprese è stata forse più una conseguenza di fortuna che di buon senso. Ma sopravvivere ha fatto e con le credenziali che alla fine gli avrebbe dato la sua possibilità di grande gloria e fama.

I motivi del potere di Washington rimasero salienti durante gli anni tra il 1759 e il 1775, mentre lavorava instancabilmente verso il successo e salendo in cima alla scala sociale come il completo gentiluomo della Virginia, in cui il successo comportava di essere indipendente e nel controllo del suo ambiente come possibile. Ciò significava essere ricchi e la conditio sine qua non dell'attrattiva di Martha Custis come futura moglie era la sua grande ricchezza. La sua corrispondenza superstite chiarisce che egli aveva "una preoccupazione spudorata per il suo stesso interesse economico", specialmente quando sospettava che fosse truffato per denaro o terra. È difficile sottovalutare ciò che Edmund Morgan ha descritto come "l'occhio costante, diffidente e spesso freddo di GW nel realizzare un profitto".

Qualcosa di perfezionista e con un bisogno quasi ossessivo di avere il controllo, GW potrebbe essere un uomo molto difficile per chi lavorare. Mentre era onesto e onesto nei suoi affari, era esigente e preciso, immaginando cosa gli fosse dovuto al centesimo o all'oncia. Raramente era soddisfatto dei suoi lavoratori, e questo era vero per i suoi lavoratori bianchi tanto quanto per i suoi schiavi neri. Le sue strette apprese ai suoi sorveglianti e dirigenti sono un esempio calzante. Un fiume di sarcasmo attraversa la corrispondenza di GW mentre di volta in volta le persone non riuscivano a vivere secondo i suoi alti e rigorosi standard. Il ricco mercante di Alessandria, John Carlyle, che aveva sposato una delle figlie di William Fairfax, era un buon amico di Washington per un certo numero di anni. Tuttavia, i rapporti commerciali tra Washington e Carlyle furono interrotti e la loro amicizia si interruppe nel 1767 a seguito di un malinteso sorto su come interpretare il contratto di grano di Washington con la partnership di Carlyle & Adam. Tali incidenti non erano atipici.

Era anche implacabile nel cercare di assicurarsi di aver ricevuto la "crema del raccolto", quando le terre occidentali furono divise tra i veterani della guerra franco-indiana. Ha giustificato il suo trattamento preferenziale sostenendo che senza i suoi sforzi incessanti e costosi, nessuno avrebbe ricevuto un acro di terra. Quando uno dei suoi colleghi ufficiali interrogò l'operazione, GW rese il suo umbrage cristallino. "Poiché non sono abituato a ricevere tale da nessun Uomo, né avrei preso la stessa lingua da te personalmente, senza farti sentire qualche segno del mio risentimento; Ti consiglierei di essere cauto scrivendomi un secondo dello stesso tenore; anche se ho capito che eri ubriaco quando l'hai fatto, eppure lasciami andare a dirtelo, che l'ubriachezza non è una scusa per la maleducazione; e questo, ma per la tua stupidità e sottigliezza che avresti potuto conoscere, frequentando le Gazette pubbliche (in particolare Rinds del 14 gennaio) che avevi la tua intera quantità di diecimila acri di terra. "GW era chiaramente non qualcuno con cui scherzare, e le sfide per il suo senso di diritto potevano essere soddisfatte con tirate rabbiose e orgogliose.

Se GW fosse stato semplicemente acquisitivo e preoccupato dei propri interessi, non sarebbe stato una figura molto attraente. C'era, ovviamente, molto più che interesse personale e potere che motivava Washington come piantatrice della Virginia. C'era anche un altissimo senso dell'onore e un forte senso di noblesse oblige. Pochi uomini erano più caritatevoli, dando denaro e cibo ai bisognosi, pagando per l'educazione e sostenendo non solo molti membri della sua famiglia allargata, ma anche figli di amici. Per esempio, nel 1769 promise un prestito di £ 25 all'anno per il sostegno del figlio di William Ramsay a Princeton per "finché fosse necessario" per completare la sua istruzione. Washington ha persino provveduto alla continuazione di questa rendita vitalizia in caso di sua morte prima che William finisse. "Nessun altro ritorno è previsto o desiderato", ha assicurato Ramsay, "che non lo accetti con la stessa libertà e buona volontà con cui è stato creato." Inoltre, a causa di una divulgazione accidentale, sappiamo di un grande dono che Washington ha fatto nonostante gli abbia dato istruzioni specifiche di rimanere anonimo. Quanti altri doni anonimi ha dato dove sono state eseguite le sue istruzioni?

Se si dovesse sintetizzare GW in termini tratti-simili su Matrix alla vigilia della Guerra per l'Indipendenza, si concluderebbe che era il più alto sull'asse del potere, ma anche molto alto sia sugli assi d'amore che di autonomia. Aveva lottato con successo per il controllo e l'indipendenza, ma lo aveva equilibrato con un forte senso di responsabilità civica. Era, a detta di tutti, un piantatore della Virginia di successo, benestante, rispettato e influente. Tuttavia, come osserva Douglas Adair, George Washington, in un certo senso, aveva messo gli occhi bassi. Cercava il successo piuttosto che la fama. Ora, tuttavia, il destino gli avrebbe offerto nuove opportunità e anche gravi sfide.

George Washington è stato scelto all'unanimità per guidare il nuovo esercito continentale per proteggere i diritti dell'America. Era l'uomo giusto nel posto giusto al momento giusto, e questa fu la grande svolta nella vita di Washington. Essere al comando dell'Esercito Continentale ha messo alla prova il personaggio di George Washington in molti modi diversi. Sotto le mutate circostanze, scoprì che bilanciare le sue forti pulsioni di potere, amore e autonomia sarebbe stato più difficile che mai. Il successo non sarebbe facile, ma il successo in una "causa gloriosa" potrebbe portare a una fama duratura. Ma anche se raggiunto, né il successo né la fama sarebbero arrivati ​​senza un prezzo pesante.

L'ambivalenza di Washington nell'accettare il ruolo di comandante derivava in parte dal timore che non sarebbe stato in grado di svolgere il compito e in parte dal timore che la sua reputazione ne soffrisse a causa di un fallimento. Come parte del suo stile di giustificazione, GW offriva regolarmente esclusioni di responsabilità che non sarebbe in grado di eseguire un determinato compito – e quindi non dovrebbe essere incolpato di un successivo fallimento poiché ha accettato la responsabilità solo sotto costrizione e dopo la divulgazione completa. In un secondo momento, la sua ammiratrice, Eliza Powel, annotò: "Sembra avere una diffidenza invincibile delle sue capacità." C'è una verità in questa osservazione, ma deve essere mitigata. Sotto la sua diffidenza, GW aveva infatti fiducia nelle sue capacità. Sentiva nel profondo che era un uomo straordinario, e un attento esame rivela che tendeva a credere che tutto funzionasse in modo più fluido ed efficiente con lui al timone di quando non lo era.

Paul Longmore ha ragione nel sottolineare che in molti modi, il generale Washington si considerava un attore che recitava in un grande dramma storico. Washington tendeva a vedere la vita come teatro [usava spesso immagini teatrali nella sua corrispondenza], e conosceva il personaggio che desiderava suonare. Ma Longmore ha anche ragione nel sostenere che GW non stava "recitando" fingendo di essere qualcuno che non era. Condivise i valori che era venuto ad incarnare e divenne ciò che sembrava essere, un'incarnazione dei più alti ideali della sua virtuosa guida. A differenza di alcune delle sue azioni nella guerra francese e indiana, la condotta di GW nella rivoluzione americana è praticamente irreprensibile. La sua combinazione di dignità con amabilità, di potere con diffidenza, di abilità con modestia, ha colpito quasi tutti. [Naturalmente, il generale aveva i suoi critici e alcuni nemici, ma non ci può essere dubbio che egli torreggiava su tutti gli altri nei cuori del popolo americano.]

Dimostrando il suo totale impegno per la causa, Washington non solo servì senza stipendio, ma servì anche senza un permesso. Sarebbero passati più di sei anni prima che vedesse di nuovo il suo amato Mount Vernon – ei suoi quattro nipotini, tutti insieme e per la prima volta. Con gli standard del XVIII secolo, era un esempio di virtù nel non approfittare della sua posizione. E, anche quando offriva un potere dittatoriale virtuale, era scrupoloso nel riconoscere l'autorità civile sull'esercito, lasciando un'eredità inestimabile a questo riguardo, come in tanti altri. Infine, quando la vittoria fu raggiunta dopo Yorktown, Washington stupì il mondo e assicurò la sua fama ritirandosi volontariamente, rinunciando al potere e tornando alla sua fattoria – un moderno Cincinnato, il classico eroe romano che lasciò la sua fattoria, guidò l'esercito romano alla vittoria e poi si ritirò nella sua fattoria.

Naturalmente, un breve paragrafo riassuntivo ignora la posizione incredibilmente difficile e frustrante in cui GW si è trovato, tentando di mantenere un esercito sul campo e sconfiggere formidabili forze britanniche in una guerra durata oltre otto anni. La mancanza di truppe addestrate, l'inaffidabilità delle milizie, l'assenza di una moneta stabile, la drastica scarsità di munizioni e rifornimenti, il sentimento lealista in gran parte del paese, le continue difficoltà con i suoi alleati francesi, i meschini battibecchi tra i vari stati e la loro paura di ogni controllo da parte di un'autorità centrale, unita alla gelosia e all'intrigo all'interno delle forze americane e al Congresso continentale, contribuirono a rendere il compito praticamente impossibile. La perseveranza e l'ostinata determinazione di Washington in vista di tali ostacoli erano davvero notevoli. Ha dimostrato ciò che Robert Morris ha definito "una pazienza nella sofferenza".

Cosa lo ha fatto andare avanti? Certamente, credeva fermamente nella "causa gloriosa" dell'indipendenza americana e nella visione di un paese libero basato su principi repubblicani. Sempre di più, il suo amore per il paese divenne la sua passione dominante. Il suo forte ego divenne sussunto sotto il suo patriottismo. Inoltre, aveva una volontà indomabile, una determinazione ferrea e una notevole autodisciplina. Sapeva che non era nel potere dell'uomo comandare il successo, ma avrebbe fatto tutto il possibile per meritarlo. È interessante notare che si è paragonato a "uno schiavo perfetto che si cimenta in tante circostanze imbarazzanti come mai è toccato al destino di un uomo; e come motivi puri come mai l'uomo è stato influenzato da, per promuovere la causa, e il servizio in cui mi ero imbattuto "[Questa citazione proviene dai suoi tempi in quanto presidente]. Tra le miserie della guerra, scrisse suo cugino: "Mi chiedi come sarò ricompensato per tutto questo? C'è una ricompensa che nulla può privarmi di me, e cioè la consapevolezza di aver fatto il mio dovere con la più rigida rettitudine, e la più scrupolosa esattezza, e la certa conoscenza, che se dovessimo, alla fine, fallire nel presente concorso, non è dovuto alla mancanza di sforzo in me "[GW a Lund 19 maggio 1780]. Era la Washington d'epoca, sostenendo che se la colpa dovesse cadere, non dovrebbe cadere su di lui legittimamente. Aveva fatto tutto quello che un uomo poteva fare.

A differenza di Napoleone e di tanti altri grandi costruttori della nazione, non aveva una sete inestinguibile per il potere e il dominio. Ma sembrava avere un bisogno quasi disperato per l'affetto e l'ammirazione dei suoi simili, specialmente per quelli che considerava "uomini degni di essere". Di volta in volta, in un modo o nell'altro, Washington ha chiarito che ciò che desiderava maggiormente era il "più grande premio terrestre: l'approvazione e l'affetto di un popolo libero". Il desiderio di Washington di "approvazione" può essere illustrato dal fatto che ha usato oltre 600 volte nell'aggiunta di Fitzpatrick alle sue carte. GW ha capito che la purezza di un eroismo perfetto era la volontà di essere premiati solo in fama, non in premi materiali. [Wills] Questo è ciò che ha reso la sua pensione volontaria e il ritorno a Mount Vernon e alla vita privata così speciale e ha attirato commenti da tutto il mondo. Come lo storico vincitore del premio Pulitzer, Gordon Woods, osserva in modo percettibile, "Washington non era ingenuo. Era ben consapevole dell'effetto che avrebbero avuto le sue dimissioni. Stava cercando di vivere fino all'immagine dell'età di un patriota disinteressato classico che dedica la sua vita al suo paese "e poi si ritira nella sua fattoria.

Washington, tuttavia, non tornò a Mount Vernon solo per fare un punto filosofico sulla rinuncia al potere. Mount Vernon era il suo hobby e la sua casa, e simboleggiava le sue origini, i suoi risultati e le sue aspirazioni. GW identificò Mount Vernon con la sua libertà e autonomia, lontano dalle preoccupazioni e dalle responsabilità pubbliche, e lo bramò per tutta la lunga lotta per l'indipendenza, come in seguito avrebbe desiderato durante la sua presidenza. A differenza di molti rivoluzionari, GW aveva una psiche sana e aveva una casa e una famiglia a cui era fortemente legato e al quale desiderava fortemente ritornare.

Il prezzo della fama si dimostrò molto buono e portò con sé una responsabilità grande e duratura. L'amore di Washington per il paese, il suo senso del dovere e il desiderio di proteggere la sua reputazione [perché il posto di Washington nella storia era ormai inseparabilmente legato al destino dell'America] lo portò a concludere a malincuore che doveva ancora una volta sollevare il pesante fardello del pubblico leadership sotto forma di diventare il primo presidente del nascente paese. Come ha condiviso con Lafayette, "Come te, mio ​​caro signore, ho sospirato per la pensione – come me, ho paura, devi continuare il sacrificio." [19 marzo 1791]

Per altri lunghi otto anni, Washington fu ancora una volta costretto a mettere la sua mente "sul filo". Usando l'inestimabile valore della sua grande popolarità come incarnazione delle virtù rivoluzionarie, Washington lavorò instancabilmente per promuovere la sua visione dell'America come un grande e nazione unita. Dal suo punto di vista, ha sacrificato la sua facilità e il suo piacere per il bene del paese senza alcuna speranza o aspettativa di ricompensa se non l'approvazione di persone con la mente giusta. Pertanto, qualsiasi accusa che egli chiedesse l'ingrandimento personale era intollerabile. In una riunione di gabinetto, è praticamente esploso, insistendo sul fatto che "era piuttosto nella tomba che nella sua situazione attuale che avrebbe preferito essere nella sua fattoria piuttosto che essere diventato imperatore del mondo eppure lo stavano accusando di voler essere un re."

Durante tutta la sua vita, Washington è sempre stata particolarmente sensibile alle critiche, specialmente quando qualcuno ha messo in dubbio le sue intenzioni. Questa estrema sensibilità alle critiche – Jefferson credeva che il Presidente "sente queste cose [le critiche] più di qualsiasi altro uomo che conosca" – può forse essere considerato il rovescio della sua insaziabile necessità di approvazione. Se questa necessità fosse connessa alla mancanza di approvazione da parte di sua madre quando era più giovane è naturalmente discutibile, ma nonostante le dichiarazioni di rinuncia di Washington, ha chiaramente bisogno di essere approvato dagli altri. GW non era così autosufficiente o rimosso dai giudizi degli altri come qualcuno come il suo vicino, George Mason, che sembrava più a suo agio senza l'approvazione del mondo se non fosse d'accordo con lui.

Forse una parte della sensibilità di Washington derivava dalla paura che potesse esserci un elemento di verità nella critica al desiderio di Washington di ottenere l'ingrandimento personale. C'era qualche validità per le accuse dei critici? Se è vero che il potere corrompe, Washington non era in qualche modo corrotta? Se no, perché no? George Washington ha sicuramente avuto difficoltà a riconoscere la profondità e il potere della sua ambizione, e può essere visto come camminare "sul filo del rasoio dell'ambizione con la paura e l'ansia; paura di scivolare nell'auto-esaltazione. "[Brookhiser]

La "giustificazione finale" di Washington per le sue azioni più tardi nella vita era quella di ottenere l'approvazione e il riconoscimento per il suo disinteressato servizio al suo paese, per cercare quel tipo di fama che era lodevole agli occhi del mondo, mentre non lo desiderava. Ha desiderato ciò che un ammiratore ha chiamato "Honest Fame"; e sebbene GW desiderasse disperatamente entrare nel "Temple of Fame", voleva solo entrarvi attraverso le "Porte del Tempio della Virtù". Questa enfasi sul servizio disinteressato [il trucco del personaggio che salda l'ego verso uno scopo più ampio – Emery] e l'integrità dei principi è il modo in cui GW ha navigato le tensioni tra il suo interesse personale e l'interesse degli altri. Ha cercato di trasformare qualsiasi impulso auto-esagerato in servizio pubblico. Alla fine, sembra che Washington abbia risolto un potenziale conflitto convincendo se stesso ei suoi compatrioti che stava agendo esclusivamente per l'interesse del suo paese. Di volta in volta ha annunciato al mondo che il suo motivo di guida era quello del servizio disinteressato.

Facendo affermazioni così esplicite, Washington stabilì standard elevati che gli consentivano di evitare che scivolasse nell'auto-esaltazione – il suo sistema di giustificazione era ora definito contro di esso. La tensione tra il suo sottostante motivo di auto-valorizzazione e la sua giustificazione consapevole che egli operava in un servizio disinteressato, rivelò alcuni comportamenti interessati. Ad esempio, mentre si preparava ad entrare a New York City per la sua inaugurazione come primo presidente della nazione, scrisse al Governatore, "Posso assicurarti, con la massima sincerità, che nessuna ricezione può essere così congeniale ai miei sentimenti come una voce tranquilla privo di cerimonie "[Al GOVERNATORE GEORGE CLINTON di Mount Vernon, 25 marzo 1789]. Washington deve aver saputo che una tale richiesta non sarebbe stata seguita. Il suo ingresso in città attirò inevitabilmente grandi folle, tutti desiderosi di intravedere il loro eroe e partecipare a un momento storico. Ha fatto lo stesso tipo di richiesta sincera, ma chiaramente irrealistica, quando ha redatto la sua volontà e il suo testamento. "È mio preciso desiderio che il mio cadavere venga sepolto in modo privato, senza parata o orazione funebre".

Perché un uomo così realistico farebbe una richiesta così irrealistica? Come molte altre volte prima, avrebbe dimostrato ancora una volta al mondo – e a se stesso – che aveva agito solo per il bene del paese, e ora che il suo servizio nel suo paese era finito, avrebbe sottolineato la sua vittoria su qualsiasi desideroso di fama e gloria chiedendo espressamente di essere seppellito in una cerimonia puramente privata. La richiesta comporterebbe l'immagine del mondo di lui e la sua immagine di se stesso. Eppure Washington sapeva quasi certamente a livello subconscio che quella era una richiesta che sarebbe stata onorata nella culatta.

Alcuni critici potrebbero dire che l'eccessivo amore per la fama di GW è la sua "più grande debolezza morale" [Schwartz], ma ciò che è veramente impressionante è il modo in cui ha incanalato la sua grande ambizione in modo positivo. "Le massicce passioni che hanno scatenato l'anima di Washington hanno richiesto la creazione di meccanismi di controllo ugualmente massicci che alla fine hanno servito così bene la nazione … La lotta psicologica per l'autocontrollo ha preparato GW a compiere il coronamento della sua carriera, il ritiro dal potere. Ciò che potremmo chiamare la muscolosità interna di Washington è, ovviamente, impossibile da vedere, ma è impressionante quanto il suo meraviglioso fisico. "[Ellis]

Il nostro punto di vista è che Washington non era veramente "disinteressato", ma nemmeno era strettamente "egoista". Aveva un profondo amore per se stesso che trovava soddisfazione nel cercare di comportarsi sempre in modo onorevole. Nella conclusione percettiva di Paul Longmore, "Il ritorno degli straordinari sforzi di George Washington suscitò un desiderio di distinzione, un desiderio di stima pubblica che alla fine divenne una ricerca di immortalità storica. Dietro la sua sbalorditiva esibizione ha suscitato quella mescolanza di egotismo e patriottismo, egoismo e apertura mentale che gli storici hanno definito lo stimolo della fama. "

In breve, quello che inizialmente era un forte impulso organizzativo per il progresso e l'influenza di GW nei suoi primi anni si fonde con gli interessi del suo paese che ha amato molto mentre avanzava nei suoi anni. E, come suggerito da Matrix, sono stati i modi trionfali in cui ha navigato le tensioni intrinseche tra potere, amore e libertà che ha guadagnato il suo posto nella storia del nostro paese come l'unico fondatore veramente indispensabile. E per questo merita sentiti complimenti per quello che sarebbe stato il suo 283 ° compleanno.

Solutions Collecting From Web of "Chi era George Washington?"