Chi dice che gli estroversi diventano leader migliori? Parte 2

Freshidea/Dollarphoto
Fonte: Freshidea / Dollarphoto

Nella prima parte di questa intervista, Andy Johnson, autore di Introvert Revolution: Leading Authentically in un mondo che dice che non si può , discute idee sbagliate e pregiudizi che circondano la leadership introversa. In questa seconda parte, offre strumenti, suggerimenti e ulteriori approfondimenti per aiutare i leader introversi a prosperare in un mondo mondiale estroverso.

NA: Qual è uno strumento preferito che consigli ai leader introversi?

AJ: Come accennato nel mio libro, il profilo DISC è un ottimo modo per comprendere lo stile comportamentale e il temperamento in un modo neutrale rispetto ai valori. Nel modello DISC, non c'è giusto o sbagliato, né patologico o sano, solo diversi modi di pensare, sentire e comportarsi, che sono tutti normali e sani. Mi piace anche che DISC misuri le due parti dell'introversione e le due parti dell'estroversione e che le persone cadano in uno di 384 pattern. Queste sfumature li aiutano a capire meglio se stessi. Questo modello è rivoluzionario per individui e organizzazioni.

Nel mio lavoro di consulenza, quasi sempre utilizzo un secondo strumento chiamato Motivation Insights in collaborazione con DISC. Mentre DISC risponde alla domanda su come le persone tendono a comportarsi, Motivation Insights risponde alla domanda più profonda del perché. Valuta la motivazione sul posto di lavoro in relazione a sei unità primarie. Sono giunto alla conclusione che le nostre pulsioni, i valori, le passioni e le motivazioni fondamentali – non solo i nostri comportamenti esteriori e i nostri temperamenti – sono legati al continuum yin-yang. Penso che molti introversi abbiano delle pulsioni yin oltre al loro temperamento yin, facendoli sentire ancora più fuori dalla realtà della cultura yang competitiva dell'Occidente.

Freshidea/Dollarphoto
Fonte: Freshidea / Dollarphoto

NA: Che consiglio offri agli estroversi che riferiscono agli introversi di aiutarli a "gestire bene"?

AJ: Gli estroversi riescono bene a "ottenerlo": comprendendo le reali differenze fisiologiche tra loro e i loro capi introversi. Lasciatemi condividere alcuni consigli pratici per gli estroversi. In primo luogo, sii paziente. Smetti di spingere per avere risposte immediate e fai spazio al tuo capo introverso per arrivare alla loro conclusione al proprio ritmo. Quindi, usa meno hype. Riduci l'approccio delle "vendite" quando vuoi che i tuoi pensieri e le tue idee siano ascoltati. Un altro suggerimento importante è usare la comunicazione scritta. Molti introversi apprezzano la parola scritta; ci permette di vedere pensieri su carta e di considerarli attentamente. Infine, evitare sorprese; alla maggior parte degli introversi non piacciono. Normalmente apprezziamo un buon "heads-up" per quanto riguarda i cambiamenti imminenti.

NA: Che consiglio offri agli introversi che gestiscono gli estroversi?

AJ: Proprio come gli introversi possono essere fraintesi dai loro capi estroversi, gli estroversi che riportano agli introversi possono essere grossolanamente fraintesi. Ecco alcuni modi pratici per i leader introversi per gestire meglio i membri del team estroversi. Inizia accettando gli estroversi così come sono. Non cercare di renderli più introversi. Celebra le loro differenze ed esprimi il tuo apprezzamento per l'equilibrio necessario che portano alla squadra. Quindi, capisci le tue differenze. L'estroversione è una realtà fisiologica – un bisogno di una maggiore stimolazione verso l'esterno – che coinvolge diversi percorsi neuronali e neurotrasmettitori. Quindi aiuta ogni persona a raggiungere il successo nel contesto del suo temperamento e del suo cablaggio.

Tieni presente che il tuo stile più lento può essere frustrante per gli estroversi. Quando possibile, prendi il tuo ritmo per abbinare meglio il loro. Infine, mirare a sfruttare i punti di forza complementari degli estroversi. Possono portare le risorse in tavola come ottimismo, speranza, umorismo, energia, guida e competitività. Al contrario, gli introversi sono più inclini a una visione realistica o pessimistica. Ammira l'ottimismo degli estroversi e lasciati ispirare.

Rob/Dollarphoto
Fonte: Rob / Dollarphoto

NA: C'è qualcos'altro che vorresti aggiungere?

AJ: Potresti notare che la maggior parte dei leader nel movimento introverso sono donne. Penso che ciò sia dovuto a un ulteriore livello di stigma per gli uomini che "escono allo scoperto" come introversi. Ci vengono raccontati tutti i tipi di miti su cosa significhi essere un "vero uomo", la maggior parte dei quali sono direttamente in disaccordo con il fatto di essere i nostri sé autenticamente introversi. Essendo un maschio apertamente introverso tra così tante colleghe in questo movimento, spero di poter convalidare altri uomini introversi. Questo è un argomento di fondamentale importanza per oltre il cinquanta per cento degli uomini americani.

NA: Grazie ancora per aver condiviso il tuo incoraggiamento e la tua esperienza. Ecco i leader introversi e il potere di equilibrare minuziosamente lo yin e lo yang!

* Ha anche scritto "extraverts" di Carl Jung e le comunità del MBTI® e altre valutazioni della personalità come il Five Factor Model.

Copyright 2015 © Nancy Ancowitz

Solutions Collecting From Web of "Chi dice che gli estroversi diventano leader migliori? Parte 2"