Chi custodirà i guardiani?

Il satirico romano Giovenale (inizio del II secolo d.C.) chiese: "Chi guarderà i guardiani?" Nel contesto dell'applicazione della fedeltà coniugale. Chi custodirà i guardiani che i mariti hanno ingaggiato per guardare le loro mogli mentre sono via in guerra? C'è un dibattito tra i classisti su ciò che segue questa domanda sulla base della quale viene considerato il manoscritto. In una versione, la riga successiva recita: "La moglie progetta in anticipo e inizia con loro". In una versione di un manoscritto scoperto nel 1899, le righe dicevano: "Loro [i guardiani] tacciono sui segreti della ragazza e la prendono come il loro pagamento; tutti stanno tranquilli ". In entrambe le versioni, l'assunto è che le persone useranno naturalmente qualsiasi potere abbiano per creare un vantaggio.

Questa domanda su chi guarderà le sentinelle potrebbe anche essere estrapolata a questioni politiche più ampie (nel senso di governare). Anche se, naturalmente, il matrimonio e la sessualità sono politici. La domanda in genere si concentra su chi osserverà le persone responsabili della creazione o dell'applicazione delle leggi quando esse stesse potrebbero essere corrotte. Questa domanda ottiene una buona messa in onda nel dialogo di Platone, The Republic (380 BCE). La domanda dominante di The Republic è: "È meglio essere giusti o essere ingiusti?"

Glaucon, uno dei personaggi di The Republic , sostiene che la giustizia non è intrinsecamente buona; è qualcosa che ci viene imposto. La giustizia è un compromesso tra fare ingiustizie e farla franca (la situazione migliore e più vantaggiosa) e subire ingiustizie senza alcun potere di rappresaglia (la peggiore situazione). La giustizia è un mezzo o equilibrio che è tollerato non perché è buono, ma piuttosto è un male minore. Pratichiamo la giustizia con grande riluttanza.

Per argomentare, Glaucon si appella al mito dell'anello di Gige. Gige era un pastore al servizio del re di Lidia. Un giorno mentre si occupava del suo gregge, un enorme crepaccio si aprì davanti a lui. Quando scese per esplorare, vide molti meravigliosi manufatti tra cui un cavallo di bronzo vuoto con le porte. Aprendo le porte, trovò un cadavere con un anello d'oro. Gige mise l'anello al dito e se ne andò per la sua strada. Di ritorno con gli altri pastori, Gige fece girare l'anello al dito come fanno molte persone con gli anelli. Girato in una direzione, divenne invisibile. Girato l'altro, visibile di nuovo. Vedendo il potenziale dell'anello, Gige si posizionò per recarsi nella corte del re dove sedusse rapidamente la regina, la arruolò nell'aiutare a uccidere il re e prese il regno.

L'affermazione di Glaucon è che senza la paura di essere scoperti, le persone agiranno in modi che servono i propri interessi, indipendentemente dai costi per gli altri.

Per sottolineare ulteriormente il suo punto, Glaucon ci chiede di immaginare che ci siano due anelli di invisibilità. Metti un anello su un uomo ingiusto e l'altro su un uomo giusto. Secondo Glaucon, nessun uomo avrebbe abbastanza ferro nella sua costituzione per resistere al furto dagli altri, uccidere chiunque volesse, fare sesso con la moglie di qualcun altro, o liberare i prigionieri che voleva. Chi potrebbe resistere all'essere un dio tra gli uomini, Glaucon chiede. È la paura della punizione che in precedenza ha indotto gli uomini a percorrere strade diverse. Togliti quella paura e si incontreranno nello stesso posto.

Essere semplicemente non rende felice un uomo, afferma Glaucon. Un uomo che è ingiusto ma che è in grado di passare sarà più felice di un uomo che in realtà è solo ma che detesta discredito. La conclusione nell'argomentazione di Glaucon è che è meglio e sicuramente più vantaggioso essere ingiusti.

La prima volta che Gige ha torto l'anello, non era intenzionale. Una volta che iniziò a distorcerlo in modo da poter promuovere i propri interessi, si comportava intenzionalmente. La sua intenzionalità è in gran parte ciò che lo rende moralmente colpevole e ingiusto e quindi ha bisogno di guardare. È esattamente la persona che non dovrebbe essere un guardiano.

Le persone che si fanno delle eccezioni sottostando o riscrivendo le regole mentre oscurano e negano di farlo, hanno sicuramente bisogno di guardare. Questi comportamenti colpiscono molte persone come ipocriti, che evocano una reazione viscerale. Una difficoltà è che possiamo vedere l'ipocrisia negli altri molto più facilmente di quanto ognuno di noi possa vedere nel proprio io. Questo è il motivo per cui la storia dell'anello di Gige è rilevante.

È sempre utile cercare di immaginare le condizioni in cui qualcuno potrebbe giustificare la rotazione dell'anello. Molti dicono che non vorrebbero girare l'anello solo perché potrebbero; non lo userebbero solo per far avanzare i propri obiettivi individuali egoistici come fece Gyges. Non vorrebbero essere ipocriti. Si torcerebbero se la necessità lo richiedesse, e specialmente quando aiuterebbe altre persone.

Anche se una persona ha le migliori motivazioni e intenzioni nella torsione, c'è un pericolo intrinseco. Potrebbe essere più facile e più facile giustificare le svolte perché le barre per ciò che conta come "necessità" e "aiuto agli altri" continuano ad abbassarsi. Inoltre, la linea tra "aiutare gli altri" e "aiutare me stesso" viene trascurata. È meglio per ognuno di noi essere vigile delle nostre giustificazioni. Dobbiamo guardare noi stessi.

Per la cronaca, penso che Glaucon abbia torto riguardo alla natura umana. Vediamo troppi esempi – specialmente nel contesto di Harvey e Irma – di persone che agiscono disinteressatamente quando non c'è alcun vantaggio per loro.

Solutions Collecting From Web of "Chi custodirà i guardiani?"