Chi conosce lo scoop? Riflessioni sulla mia politica di porta aperta

Ho sempre mantenuto una politica di porta aperta nel mio ufficio e, fatta eccezione per il confab occasionale che richiede privacy, è letteralmente aperto al mondo tutto il giorno ogni giorno. La grandiosa intenzione di questo

la politica è di dare il benvenuto agli atleti dei miei studenti e di essere disponibile se hanno bisogno di consigli, supporto, consiglio o semplicemente vogliono sedersi e chiacchierare. In sostanza è il mio modo di dire simbolicamente: "Portami i tuoi problemi e le tue preoccupazioni; Mi preoccupo per te e sono qui per aiutarti. "E allora perché, dato questo tipo di lodevole magnanimità, fai così pochi giocatori, di loro spontanea volontà, ad entrare dalla porta?

Daphne è un allenatore atletico certificato. Ha lavorato qui per più di trent'anni e fa parte di una squadra di formatori e stagisti che lavorano in una stanza rumorosa e affollata, circondata da atleti di tutte le forme e dimensioni. In diretto contrasto con me, quando si tratta di conoscere i problemi e le preoccupazioni dei miei atleti, lei sa tutto. Daphne sa chi sta lottando a scuola e perché; lei sa chi era fuori fino a tardi in una data notte della settimana; lei sa chi si è collegato con la fidanzata di qualcun altro a una festa; lei sa chi è arrabbiato, chi è triste e chi è infelice. In realtà, anche se in genere ho l'idea di cosa sta succedendo, conosco circa la metà dei dettagli succosi oa volte cruenti che lei conosce dei miei atleti.

Perché gli allenatori come me non sono nel giro con più informazioni? Dopotutto, quando reclutiamo i bambini al liceo, sviluppiamo un legame palpabile e arrivano sempre nel campus, così entusiasti ed entusiasti di avere l'opportunità di ricevere un'ottima educazione e giocare a calcio ad alto livello sotto la mia guida. Di solito c'è un ragionevole grado di vicinanza che porta con sé l'ottimismo per una forte relazione personale.

Tuttavia, una volta arrivati ​​a scuola, la percezione della maggior parte degli atleti di quel collegamento con l'allenatore si altera quando la relazione si trasforma da personale a pragmatica. L'allenatore che ha trascorso così tanto tempo viaggiando attraverso il paese per vederli giocare, conoscerli e la loro famiglia, chiamare e

scriverli per venire a scuola, ora è dall'altra parte di una sorta di fossato di freddezza; un divario che spesso manca di ostilità ma è comunque un prerequisito non detto di molti atleti. Non è più così accettabile essere vicini con l'allenatore perché, nonostante possano essere una brava persona con cui hanno stretti legami, portano ancora il titolo di Head Coach e, nel mondo degli atleti universitari e cultura adolescenziale, che richiede il mantenimento, o almeno la creazione della percezione di, una certa distanza.

Per molti studenti, in particolare quelli di livello superiore (che a loro volta influenzano i nuovi arrivati), l'allenatore viene considerato dal titolo o dalla posizione piuttosto che dal contenuto o dall'effetto della loro personalità e sebbene la relazione pre-universitaria sia raramente completamente persa con uno studente , inizia a ruotare attorno ad un asse alterato.
Nel corso degli anni ho visto che la mia realtà è simile a quella di quasi tutti gli altri allenatori del college e sono giunto ad accettare che sarò sempre guardato dai miei atleti in un modo "coach-first, person-second" e di conseguenza, nonostante i miei migliori sforzi, la soglia della mia porta aperta rimarrà probabilmente raramente attraversata, tranne nel caso di un disperato bisogno o di un'emergenza.

Grazie a Dio, allora, per Daphne e la stanza degli allenamenti! Mi ha detto che una volta all'interno dei confini sicuri di quella stanza e mentre si riscaldano le caviglie o si riscaldano i muscoli, gli atleti, con il minimo suggerimento, parlano apertamente e sinceramente di qualsiasi cosa, dalla scuola allo sport alla loro

vite personali. Lei e gli altri istruttori diventano quasi invisibili per loro e gli studenti hanno poca compunzione riguardo al contenuto osceno o autoincriminante o alla forma delle loro discussioni con lei o tra di loro. È a sua volta un luogo di confessione, spiegazione e rivelazione e chiaramente serve come un'opportunità per quel tipo di epurazione e liberazione terapeutica che non viene così facilmente nell'ufficio del coach.

È un ambiente che dimostra che gli atleti giovani studenti apprezzano la possibilità di parlare e condividere con gli adulti, ma non necessariamente con coloro che ritengono abbiano ruoli di autorità iconici. I formatori sono esenti a causa della loro "invisibilità" e perché non sono generalmente visti come figure di autorità (sebbene Daphne possa certamente stabilire la legge quando è richiesta!); allo stesso modo, gli assistenti possono anche avere maggiore libertà di accesso perché tendono ad essere più giovani e di solito visti, a torto oa ragione, come meno autorevoli degli head coach.

Mentre esiste il potenziale perché questa sia una situazione minacciosa o controproducente in cui le informazioni sono nascoste e i segreti dannosi vengono mantenuti, io la considero tutt'altro. L'esperienza mi ha insegnato a tenere la porta aperta, ma a non essere offeso o sorpreso se il flusso di studenti che lo attraversa è minimo e poco frequente; di conseguenza, se e quando ho bisogno di incontrare qualcuno, ho semplicemente programmato un momento per loro di entrare e sono invariabilmente felici di obbligare.

Tuttavia, mi ha anche insegnato che ciò che un allenatore conosce dei tuoi giocatori e delle loro vite è inestimabile e che la qualità della mia relazione con il trainer determinerà quanto o quanto poco informazioni utili vengo a scoprire. Daphne e io abbiamo lavorato insieme per molti anni e lei ha un filtro molto affidabile su ciò che ho bisogno di sapere e su ciò che non so. Rispetto la sua posizione privilegiata e cerco di non abusarne mai perché ha le intelligenze difficili da conquistare per sapere cosa è importante e cosa è banale e alla fine ha a cuore gli interessi di tutti gli interessati.

È innegabilmente difficile per un Head Coach, soprattutto se giovane e idealista, venire a patti con l'essere visto prima di tutto come un ruolo iconico o un titolo di lavoro piuttosto che essere visto come la persona aperta e solidale che si potrebbe desiderare di vedere. Alcuni fanno di tutto per "pal up" ai loro atleti che possono avere l'effetto di erodere decoro e rispetto da entrambe le parti. Il privilegio della leadership porta distanze indesiderate, anche per il manager più amato, il direttore, il capo, l'insegnante, il sovrintendente o addirittura l'allenatore; va, come si dice, con il territorio e non puoi costringere le persone ad amarti.

Qualcuno una volta mi ha detto che ci vuole un atleta del college di dieci anni per apprezzare il loro allenatore del college e finalmente "capirlo." Dopo vent'anni, sono ancora un po 'tristemente in attesa dell'illuminazione di alcune delle mie precedenti cariche, pur essendo contento di notare che molti altri hanno richiesto molto meno di un decennio per capire e apprezzare che le loro esperienze non erano solo di divertirsi con i loro compagni di squadra, vittorie e perdite e tempo di gioco, ma anche di connessioni e lezioni di vita da coach e altri adulti, spesso forgiate attraverso la lotta, sacrificio e avversità.

Quindi, mentre aspetto un nuovo anno scolastico in autunno, la mia politica sulla porta aperta e le mie buone intenzioni rimarranno. Tuttavia, Daphne non lo farà; si sta dirigendo verso una meritata pensione. Spero che lascerà il suo mantello dell'invisibilità e il suo retaggio di grande saggezza nella stanza di addestramento per chi prende il suo posto.

Solutions Collecting From Web of "Chi conosce lo scoop? Riflessioni sulla mia politica di porta aperta"