Chi beneficia maggiormente di un’economia in piena espansione?

La prosperità gioca i preferiti in modi inaspettati.

La qualità della vita in alcune comunità povere rimane incredibilmente negativa. Nel frattempo gli investitori di Wall Street stanno facendo scoppiare i tappi di champagne. Chi sta davvero beneficiando della crescita economica? Le conclusioni degli esperti di disuguaglianza potrebbero scioccarti.

La questione di alcuni individui o gruppi che sfruttano gli altri è sempre stata fonte di preoccupazione nelle società umane. Questo riflette una storia evolutiva della competizione darwiniana.

Il problema di equità

Le società umane di sussistenza prima dell’agricoltura erano sempre aggressivamente egualitarie (1). L’intrusione delle maggiori disparità di ricchezza introdusse il privilegio ereditario nelle prime città e città.

Oggi la disuguaglianza è accettabile se accompagnata da miglioramenti pervasivi della qualità della vita per tutti? Questo è l’affare del diavolo offerto dallo sviluppo economico.

Non tutti traggono vantaggio dalla crescita economica in un’economia globale. I rumble del malcontento nella cintura di ruggine americana sono stati evidenti per decenni e sono stati evidenziati dal crollo finanziario del 2008 e dalla sua distruzione del patrimonio netto dei poveri.

Anche città come Detroit e Flint sono in grado di rinnovarsi grazie a un afflusso di capitali per l’avvoltoio e altri elementi di impresa e rinnovamento. Le questioni restano meno ottimistiche nelle aree rurali come le depresse regioni minerarie del West Virginia.

Una storia dell’orrore in West Virginia

Poco prima delle elezioni del 2016, la PBS Newshour ha trasmesso un segmento sui problemi affrontati dalla gente comune nel West Virginia. Ciò che era particolarmente scioccante in questa storia era che era difficile riconoscere questo posto come appartenente al paese più ricco del mondo al culmine del suo potere economico.

Si ricorda l’orrore vissuto dagli americani ordinari quando le telecamere seguirono Robert Kennedy nelle baracche del povero rurale del Sud.

Le vite dei poveri delle campagne della West Virginia sembravano disperate quanto la situazione di quelli incontrati da Kennedy. Oltre a diverse generazioni che vivono in condizioni di povertà, ci sono stati problemi di malattie croniche, malattie industriali, sotto occupazione, bassi salari, mancanza di istruzione, disperazione e tossicodipendenza.

Il pathos della loro situazione è stato evidenziato dal dover attendere un anno per ricevere un trattamento fornito da una clinica dentistica gratuita. Naturalmente, questa è la situazione di molte persone nei paesi del terzo mondo che beneficiano della carità di gruppi come Medici senza frontiere.

Mentre ci sono certamente dei perdenti in un’economia americana in piena espansione, tutto ciò che sappiamo sulla storia economica indica che lo sviluppo economico comporta enormi aumenti nella qualità generale della vita, come ho sottolineato in un altro post.

I vantaggi in salute, longevità, reddito disponibile, tempo libero, beni materiali e servizi sono enormi. Se la qualità della vita è notevolmente migliorata, perché gli economisti e tutti gli altri sono così preoccupati della distribuzione dei benefici tra i ricchi rispetto a tutti gli altri?

Chi beneficia di più: la verità scioccante

Gli effetti negativi di una distribuzione diseguale del reddito vanno da una bassa coesione sociale e uno scarso coinvolgimento della comunità verso l’alta criminalità, l’abuso di droghe e persino, ridurre l’aspettativa di vita e l’obesità (2,3).

In un libro ampiamente letto, Thomas Piketty offre una panoramica deprimente delle economie moderne in cui la disuguaglianza inevitabilmente aumenta (4). La ragione di fondo è abbastanza semplice. I salari nei paesi sviluppati sono piuttosto statici, mentre i rendimenti di capitale tendono ad aumentare, come dimostra l’aumento vertiginoso della ricchezza del mercato azionario negli ultimi decenni.

Naturalmente, gran parte di questa ricchezza finanziaria è ereditaria. Così si ottiene una élite ereditaria il cui vantaggio attuale rispetto ai lavoratori rivaleggia con quello degli anni Venti, un periodo di speculazioni finanziarie che precedette la Grande Depressione.

Una visione molto più sfumata è offerta da Branko Milanovic, uno dei principali studiosi sulla disuguaglianza dei redditi (5). Guardando ai paesi di tutto il mondo per un lungo periodo (1988-2011), Milanovic ha scoperto che il guadagno cumulativo nel reddito reale è in realtà il più alto per le persone che guadagnano appena leggermente sopra la media (il 55 ° percentile).

Solo il più basso dieci percento dei percettori ha fatto peggio del primo percento dei percettori. Contrariamente al triste scenario di Pikety, egli vede “guadagni molto forti intorno alla metà della distribuzione del reddito globale, ma un rallentamento dei guadagni tra l’1% superiore globale”.

Ovviamente i guadagni ai più alti guadagni sono sensibili al periodo di tempo studiato. Se il crollo finanziario del 2008 è escluso, l’élite fa molto meglio. Vale anche la pena sottolineare che i guadagni relativi a un reddito iniziale elevato valgono in termini assoluti più di un analogo aumento proporzionale per i lavoratori a reddito medio.

Il quadro roseo di Milanovic per l’economia globale oscura anche il crollo della classe media nei paesi sviluppati, con una percentuale che scende dal 32% al 27% negli Stati Uniti tra gli anni ’80 e il 2010 a causa del deterioramento delle condizioni per i professionisti dovuto alla sostituzione tecnologica di fotografi, giornalisti , tipografi e altri le cui abilità precedentemente valutate hanno perso il loro valore. Allo stesso tempo, la percentuale di reddito che raggiunge il 5% dei percettori di reddito superiore è passata dal 16% al 19%.

E allora?

I risultati di Milanevic dimostrano una conclusione molto ottimistica, ovvero che la maggior parte dei guadagni economici va alla classe media, anche se i più poveri vengono lasciati indietro, e anche se la classe media soffre di un calo nel numero di professionisti ben pagati.

Sepolto in tutto questo è una verità molto oscura sulle economie moderne. Questo è che sebbene la crescita economica aumenti effettivamente tutte le barche, vi sono anche periodici forti aumenti di disuguaglianza e ingiustizia.

La verità ancora più oscura è che il modo più efficace per ridurre l’ineguaglianza è distruggere la ricchezza. Che si tratti della Grande Depressione o della Seconda Guerra Mondiale, il conseguente danno finanziario spesso colpisce i ricchi più di altri.

Poi c’è la possibilità di distruggere le persone in modo che ci sia più ricchezza da girare. Questo è quello che è successo con la peste nera del quattordicesimo secolo quando i sopravvissuti hanno visto aumentare i salari, aumentando la ricchezza generale.

Sul versante positivo, Milanevic osserva che il declino delle disuguaglianze nel secondo dopoguerra è avvenuto nel contesto sia di un’impennata del capitalismo privato che di ingenti investimenti pubblici nelle infrastrutture. Lo sviluppo economico in tutto il mondo porta crescenti disuguaglianze. I paesi comunisti cresciuti lentamente hanno mantenuto una maggiore uguaglianza di reddito.

Chiunque desideri una maggiore uguaglianza di reddito deve essere attento a ciò che desidera. Chi vuole la Morte Nera, il Comunismo o una guerra mondiale ?!

Riferimenti

1 Boehm, C. (2000). Gerarchia nella foresta. Cambridge, MA; Harvard University Press.

2 Zuckerman, P. (2008). Società senza Dio: ciò che le nazioni meno religiose possono dirci della contentezza. New York: New York University Press.

3 Wilkinson, R., & Pickett, K. (2010). Il livello spirituale: perché una maggiore uguaglianza rende le società più forti. New York: Bloomsbury Press.

4 Piketty, T. (2014). Capitale nel ventunesimo secolo. Harvard University Press: Cambridge, MA.

5 Milanovic, B. (2016). Disuguaglianza globale. La stampa Belknap della Harvard University Press: Cambridge, MA.

Solutions Collecting From Web of "Chi beneficia maggiormente di un’economia in piena espansione?"