Che tipo di professionista della salute mentale è adatto a te?

di David J. Bridgett, Ph.D., e Michelle M. Lilly, Ph.D., collaboratori ospiti

Una volta deciso di cercare aiuto per le difficoltà emotive o comportamentali, il tipo di professionista della salute mentale scelto per il trattamento può essere una decisione difficile.

Questa decisione probabilmente coinvolgerà le tue convinzioni circa i costi e i benefici della terapia rispetto ai farmaci. La decisione di seguire un trattamento farmacologico da solo o in combinazione con altri trattamenti ti metterà in contatto con un professionista medico, come uno psichiatra. D'altra parte, uno psicologo o un altro tipo di professionista della salute mentale può essere tra le prime scelte quando si cerca terapia o consulenza, dato che pochi psichiatri offrono terapia.

Sebbene le tue convinzioni sul tipo di trattamento svolgeranno un ruolo chiave nel decidere quale tipo di professionista vedere, altri fattori importanti sono spesso trascurati, tra cui il seguente.

1) Qual è il problema che deve essere trattato?

Per identificare il miglior approccio terapeutico, è spesso necessario completare una valutazione approfondita prima di iniziare il trattamento. Molti professionisti della salute mentale inizieranno con una valutazione del genere, spesso chiamata valutazione diagnostica, per avere un'idea migliore di quale sia il problema presentato.

2) Qual è il miglior trattamento?

Questa è una domanda sempre più complessa. Per alcune difficoltà, i farmaci potrebbero essere il trattamento migliore, mentre per gli altri, una combinazione di farmaci e terapia potrebbe essere la migliore. Tuttavia, per altri problemi di salute mentale, la terapia o il counseling è probabilmente una buona opzione, e in alcuni casi un'opzione migliore rispetto ai farmaci. Seguono alcuni esempi specifici.

Sebbene la terapia o il counseling possano essere componenti importanti del trattamento, alcune condizioni per le quali il farmaco potrebbe essere ben adattato includono il disturbo bipolare, la schizofrenia e il disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD). Perché? La maggior parte delle prove scientifiche suggerisce che i farmaci sono efficaci per il trattamento dei sintomi principali di queste condizioni.

Per il trattamento dei sintomi principali dell'ADHD (ad es. Iperattività-impulsività e disattenzione), ad esempio, la ricerca suggerisce che i farmaci sono più efficaci degli interventi comportamentali (Van der Oord, Prins, Oosterlaan, & Emmelkamp, ​​2008). Tuttavia, molti bambini, adolescenti e adulti con ADHD sono anche ansiosi o hanno difficoltà a controllare la loro rabbia. Per questi individui, una combinazione di farmaci e trattamento comportamentale potrebbe essere la migliore (ad esempio, Jensen et al., 2001).

Per la depressione, alcuni farmaci hanno dimostrato efficacia nel ridurre i sintomi e le menomazioni associate alla condizione. D'altra parte, la psicoterapia e il counseling, e in particolare gli approcci di terapia cognitivo-comportamentale e interpersonale, hanno anche dimostrato una buona efficacia, anche rispetto ai farmaci (ad esempio, DeRubeis et al., 2005; Dimidjian et al., 2006).

Quindi qual è il migliore? Sfortunatamente, probabilmente non c'è una risposta "giusta", e la risposta spesso differisce per ogni individuo. Inoltre, i diversi approcci terapeutici per la depressione possono essere utilizzati per illustrare diverse considerazioni importanti aggiuntive.

Ad esempio, ci sono prove che farmaci e psicoterapia portano a cambiamenti simili nel funzionamento del cervello in quelli con diagnosi di depressione mentre il trattamento si svolge ei sintomi diventano meno gravi (Frewen et al., 2008; Kennedy et al., 2007). D'altra parte, ci sono prove che suggeriscono che le persone che sono principalmente trattate con farmaci per la depressione sono più a rischio di recidiva quando smettono di assumere farmaci (Dobson et al., 2008; Hollon et al., 2005). Questi punti illustrano che due trattamenti apparentemente diversi possono portare a risultati simili e che fattori come il rischio di recidiva potrebbero essere considerazioni importanti nella scelta di un approccio terapeutico e, di conseguenza, del fornitore del trattamento.

Per quanto riguarda l'ansia, sebbene i farmaci possano essere efficaci, gli studi sul trattamento hanno rilevato che gli interventi comportamentali sono altrettanto efficaci o addirittura sovraperformanti (ad esempio, Roshanaei-Moghaddam et al., 2011). A meno che non ci siano considerazioni complicate, molti professionisti della salute mentale raccomandano interventi comportamentali per il trattamento dell'ansia.

Altri tipi di problemi arrivano spesso all'attenzione dei professionisti della salute mentale. Ad esempio, le persone spesso cercano aiuto a causa di problemi con le relazioni interpersonali. Mentre un terapeuta esperto o un consulente può aiutare a determinare se c'è una condizione, come la depressione, che contribuisce a problemi di relazione, i problemi di relazione sono solitamente trattati con terapia o consulenza.

3) Quando dovrei notare gli effetti del trattamento?

Questa è una domanda fondamentale da porre al proprio fornitore prima e durante il trattamento. Contrariamente alla nozione di "terapia rapida" dei farmaci, alcuni farmaci possono richiedere diverse settimane per raggiungere l'efficacia terapeutica. Sul lato terapeutico della medaglia, la terapia e il counselling possono richiedere più tempo per avere effetti terapeutici, e in genere bisogna trovare il tempo di vedere un terapeuta o un consulente almeno una volta alla settimana.

4) Che tipo di professionista della salute mentale dovresti vedere?

I bravi professionisti della salute mentale, sia che si veda inizialmente uno psichiatra o che si veda un terapeuta, dovrebbero avere una certa conoscenza dell'intera gamma di opzioni di trattamento, nonché dell'esperienza nel trattamento dei disturbi che rientrano in aree coperte dalla loro pratica. È importante che tu chieda quanta esperienza il professionista della salute mentale che stai prendendo in considerazione nel trattare le persone che stanno vivendo problemi simili a quello che stai avendo.

Detto questo, per i trattamenti basati sui farmaci, uno psichiatra o un altro professionista medico qualificato saranno quasi sempre coinvolti nel trattamento. Se cerchi la psicoterapia o il counseling, ci sono un certo numero di possibilità, inclusi psicologi clinici o di counseling, assistenti sociali, consulenti o terapisti del matrimonio e della famiglia. Nel cercare supporto da qualsiasi tipo di professionista, vorrai assicurarti che siano autorizzati a praticare nel tuo stato.

5) Infine, cosa dovresti fare se il trattamento non sembra funzionare?

Per prima cosa, parla con il tuo fornitore di cure: è possibile che siano apportate alcune modifiche al trattamento. Troppo spesso la gente vede un consulente o terapeuta, decide che non gli piace quella particolare persona o approccio terapeutico, e smettere di cercare un trattamento. Sfortunatamente, queste persone spesso continuano a sentirsi infelici, e alcuni si sentono come se avessero avuto una terapia "fallita". Invece, iniziare il trattamento con un terapeuta diverso o cambiare direzione con il terapeuta attuale, potrebbe essere tutto ciò che è necessario. Anche se questo può sembrare scoraggiante, il trattamento per i problemi di salute mentale non è uno sforzo "taglia unica", e il cambiamento di trattamenti o di trattamenti per svariati motivi non è raro.

Alla fine della giornata, quando entri in contatto con un professionista della salute mentale, fai molte domande su cosa possono fare per te, come sarà il processo di trattamento e quali potrebbero essere le altre opzioni per il trattamento . Armare di te stesso con queste informazioni probabilmente ti aiuterà a lungo termine, ed è il primo passo per essere coinvolto attivamente nel tuo trattamento, che è un'altra parte importante dei risultati positivi del trattamento per le difficoltà di salute mentale.

Il Dr. David Bridgett è uno psicologo clinico e un assistente professore di psicologia presso la Northern Illinois University. La sua ricerca si concentra sulla psicopatologia dello sviluppo, compresi i fattori di rischio per le difficoltà comportamentali della prima infanzia come temperamento, emozione, autoregolazione e processi genitoriali e familiari. Clinicamente, ha lavorato con bambini e adolescenti con una serie di difficoltà di salute mentale.

La dottoressa Michelle Lilly è psicologa clinica e assistente alla cattedra di psicologia alla Northern Illinois University. La sua ricerca si concentra sulla salute mentale e il recupero nei sopravvissuti al trauma, compresa un'enfasi su coloro che subiscono violenza interpersonale e 911 telecomunicatori. La sua esperienza clinica ha coinvolto il trattamento di adulti, in prevalenza sopravvissuti a traumi, utilizzando approcci di trattamento cognitivo-comportamentale e interpersonale. È anche uno psicologo clinico autorizzato nello stato dell'Illinois.

Riferimenti

DeRubeis, RJ, Hollon, SD, Amsterdam, JD, Shelton, RC, Young, PR, Salomon, RM, O'Reardon, JP, … Gallop, R. (2005). Terapia cognitiva vs farmaci nel trattamento della depressione da moderata a grave. Archives of General Psychiatry, 62, 409-416.

Dimidjian, S., Hollon, SD, Dobson, KS, Schmaling, KB, Kohlenberg, RJ, Addis, ME, Gallop, R., … Jacobson, NS (2006). Studio randomizzato di attivazione comportamentale, terapia cognitiva e farmaci antidepressivi nel trattamento acuto di adulti con depressione maggiore. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 74, 658-670.

Dobson, KS, Hollon, S., D., Dimidjian, S., Schmaling, KB, Kohlenberg, RJ, Gallop, RJ, Rizvi, SL, e Gollan, JK (2008). Traccia randomizzata di attivazione comportamentale, terapia cognitiva e farmaci antidepressivi nella prevenzione delle recidive e delle recidive nella depressione maggiore. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 76, 468-477.

Frewen, PA, Dozois, DJA e Lanius, RA (2008). Studi di neuroimaging di interventi psicologici per disturbi dell'umore e dell'ansia: revisione empirica e metodologica. Rassegna di psicologia clinica, 28, 228-246.

Hollon, SD, Stewart, MO, & Strunk, D. (2006). Effetti duraturi per la terapia del comportamento cognitivo nel trattamento della depressione e dell'ansia. Annual Review of Psychology, 57, 285-315.

Jensen, PS, Hinshaw, SP, Kraemer, HC, Lenora, N., Newcorn, JH, Abikoff, HB, marzo, JS, … Vitiello, B. (2001). Risultati della comorbilità dell'ADHD dallo studio MTA: confronto dei sottogruppi di comorbidità. Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 40, 147-158.

Kennedy, SH, Konarski, JZ, Segal, ZV, Lau, MA, Biel, PJ, McIntyre, RS, e Mayberg, HS (2007). Differenze nel metabolismo del glucosio cerebrale tra responder e CBT e Venlafaxina in uno studio controllato randomizzato di 16 settimane. American Journal of Psychiatry, 164, 778-788.

Roshanaei-Moghaddam, B., Pauly, MC, Atkins, DC, Baldwin, SA, Stein, MB e Roy-Byrne, P. (2011). Effetti relativi della CBT e della farmacoterapia nella depressione rispetto all'ansia: i farmaci sono in qualche modo migliori per la depressione e la CBT è in qualche modo migliore per l'ansia? Depressione e ansia, 28, 560-567.

Van der Oord, S., Prins, PJM, Oosterlann, J., & Emmelkamp, ​​PMG (2008). Efficacia del metilfenidato, trattamenti psicosociali e loro combinazione in bambini in età scolare con ADHD: una meta-analisi. Rassegna di psicologia clinica, 28, 783-800.

Solutions Collecting From Web of "Che tipo di professionista della salute mentale è adatto a te?"