Che succede con l'uso di droghe illegali?

Nora Volkow, National Institutes of Health, Public Domain
Fonte: Nora Volkow, National Institutes of Health, Public Domain

L'uso illegale di droghe è un argomento scottante, ad esempio la legalizzazione della marijuana, lo svapo e l'abuso di oppioidi. Per aiutare a risolvere questi problemi, nell'odierna intervista su The Eminents , ho parlato con la dottoressa Nora Volkow, direttrice dell'Istituto nazionale antidroga.

Ha pubblicato più di 600 articoli peer-reviewed ed è membro dell'Istituto di Medicina dell'Accademia Nazionale delle Scienze. È stata nominata una delle "100 persone che formano il nostro mondo" di TIME , "Una delle 20 persone da guardare" di Newsweek , "100 donne più potenti" di The Washingtonian e "Innovatore dell'anno" di US News . È stata profilata sui 60 minuti della CBS .

MARTY NEMKO: La marijuana è legale in Colorado da 3 anni e mezzo. Cosa abbiamo imparato da questo?

NORA VOLKOW: C'è stato un aumento degli abbandoni scolastici, incidenti stradali fatali e reati legati all'uso di marijuana. NOTA: un commentatore ha chiesto i dati dietro tali asserzioni. QUI è la recensione più autorevole che ho trovato sugli effetti di legalizzazione del pot del Colorado. MN.

Questi non erano problemi che gli elettori o legislatori del Colorado avevano adeguatamente considerato prima della legalizzazione. Spero che il resto del paese, anzi il resto del mondo, imparerà dall'esperienza del Colorado in modo che possano evitare alcune delle conseguenze negative.

Sono particolarmente preoccupato per l'uso della marijuana da parte degli adolescenti poiché il loro cervello è ancora in via di sviluppo, il che li rende più sensibili agli effetti collaterali dei farmaci. Per molti anni, gli studi hanno costantemente dimostrato che le persone che usano la marijuana hanno prestazioni cognitive peggiori.

Ad esempio, nei Paesi Bassi, dove la marijuana è legale, c'è stato un periodo in cui era illegale per gli studenti stranieri comprare la droga. I ricercatori hanno scoperto che durante questo periodo i risultati scolastici sono aumentati. Naturalmente, anche se è reversibile, una diminuzione causata dalla marijuana nell'apprendimento degli studenti è un problema serio. Purtroppo, ci sono prove crescenti che l'uso regolare di marijuana, specialmente durante l'adolescenza, può portare a deficit cognitivi di lunga durata e a cambiamenti persistenti nella struttura e nella funzione del cervello.

MN: C'è stato, per esempio, che un importante studio longitudinale ha scoperto che anche a distanza di anni dall'interruzione dell'uso di marijuana, il declino del QI, la perdita di memoria e la diminuzione della funzione esecutiva persistevano. E aneddoticamente, molte persone hanno osservato la sindrome dei fumatori di pentole: memoria più povera e meno motivazione di persone altrimenti simili. Certamente, questo potrebbe essere un problema di correlazione / causalità: gli adolescenti che usavano spesso il vaso erano già predisposti a problemi emotivi e mancanza di motivazione. Ma quella vasta prova aneddotica sembrerebbe fornire ulteriori motivi di preoccupazione per la legalizzazione della marijuana: gravi effetti collaterali potrebbero durare a lungo.

NV: La perdita di motivazione con la marijuana è particolarmente devastante perché influenzerà la capacità di una persona non solo educativa ma professionale. Quando pensi a questo a livello di popolazione, puoi capire perché è tremendamente preoccupante aumentare l'accesso a un farmaco che il pubblico crede sia benigno ma, di fatto, probabilmente riduce la motivazione e la guida.

È triste come la gente decida sulla sicurezza di un farmaco basandosi su un aneddoto: "Ma la Persona X fumava marijuana quando erano giovani e ha avuto successo." Ovviamente, un individuo, ad esempio, potrebbe fumare sigarette e vivere fino a 100 anni ma ciò non significa che il fumo di sigaretta non sia dannoso per la salute.

Aggiornamento: un lettore mi ha appena inviato il rapporto sulla marijuana di HealthCanada, il servizio sanitario canadese. MN.

MN: Ciò indica il problema delle scuole che insegnano materiale meno importante di come pensare in modo probabilistico.

NV: Sì. Quando cerchiamo di prevedere cosa accadrà a una popolazione, a una nazione, non possiamo fare affidamento su un aneddoto.

MN: Da un lato, stiamo torcendo le nostre mani collettive su se gli Stati Uniti saranno competitivi nell'economia globale, mentre stiamo facendo il giro verso una politica che renderà la nostra popolazione meno intelligente e più emotivamente turbata.

NV: Questo è un argomento che faccio costantemente: vogliamo essere una nazione di persone lapidate in un'epoca di globalizzazione in cui la concorrenza è feroce? Impariamo dalla storia: l'Inghilterra ha aiutato a sottomettere la Cina portando l'oppio in quel paese. È un modo incredibile per minare una popolazione.

Nelle discussioni sulla legalizzazione, dobbiamo anche considerare che creeremmo un'industria che farebbe più soldi più che le persone consumano la droga. Pertanto, la legalizzazione potrebbe portare a un'industria molto potente con un forte potere pubblicitario e un potere di lobbying che renderebbero difficile la regolamentazione.

MN: Molte persone pensano che lo svapare sia più sicuro del fumo perché è più facile sui polmoni. E ', netto, più sicuro?

NV: Se usato con cartucce di olio, lo svapo consente livelli molto alti di 9-THC (principio attivo della marijuana) nel cervello. Ciò aumenta la probabilità di dipendenza e di effetti avversi come la psicosi, l'aritmia cardiaca e l'iperemesi: non è possibile interrompere il vomito. Può anche essere associato a patologia vascolare e fenomeni simili a ictus nel cervello e nel cuore. Sebbene lo svapo possa proteggerti dai prodotti tossici derivati ​​dalla combustione della pianta di marijuana, non protegge dagli effetti negativi del 9-THC, in particolare se consumato a dosi elevate.

MN: E con la legalizzazione, potrebbero le aziende produttrici di tabacco / pot, competere tra loro, lavorare per creare le versioni più forti, che combinate con lo svapo aumenteranno ancora di più i pericoli?

NV: Prevedo anche che daranno sapore ai loro prodotti e in caso contrario li diversificheranno per renderli più attraenti, proprio come le aziende hanno fatto con il tabacco.

MN: Nonostante tutti i dati spaventosi che stai segnalando, la nazione sembra muoversi verso la legalizzazione della marijuana per scopi ricreativi. I tuoi pensieri?

NV: la legalizzazione faciliterebbe l'accesso alla marijuana e cambierà le norme culturali. Ciò porterebbe ad un aumento del numero di persone che lo usano regolarmente, il che probabilmente aumenterebbe gli effetti avversi sulla salute della droga nella popolazione.

Tuttavia, la legalizzazione è distinta dalla depenalizzazione. La legalizzazione consentirebbe un mercato aperto per la produzione e l'accesso alla marijuana mentre la depenalizzazione influenzerebbe il modo in cui la società si occupa dell'utente. L'abuso di droga è una malattia del cervello, non un problema criminale. E incarcerare qualcuno per uso rischia di esacerbare il problema a causa della cultura carceraria e della difficoltà di reintegrarsi nella società dopo una condanna. Invece di spendere in carcere, dovremmo spendere per la ricerca sull'abuso di droghe, la prevenzione e il trattamento della malattia.

MN: Uno dei pochi principi indiscussi della psicologia è che ottieni di più da ciò che premi, meno da ciò che punisci. Quindi se la nazione, come ha fatto New York City, ha fatto una sanzione per la marijuana con una multa, come un biglietto di parcheggio, la società ottiene l'effetto disincentivante della punizione senza gli svantaggi della carcerazione. Essere d'accordo?

NV: Stai facendo una proposta interessante che varrebbe la pena di test pilota. Quello che stai proponendo è essenzialmente una tassa sull'uso di droghe. E i dati supportano che l'aumento delle tasse su alcol e tabacco riduce l'uso, specialmente tra gli adolescenti che hanno meno soldi da spendere. E sì, tassandolo, stai rinforzando negativamente l'uso di droghe.

MN: Un'obiezione a quella tassa sarebbe che sarebbe regressiva: sproporzionatamente pagata dai poveri. Forse questa preoccupazione potrebbe essere affrontata utilizzando le entrate derivanti dalle multe per l'uso di droghe per la prevenzione e il trattamento mirati delle droghe.

NV: assolutamente. Come ho detto, la tua idea avrebbe bisogno di essere testata dal pilota.

MN: ti preoccupa che la depenalizzazione possa ridurre la paura di rappresaglie da parte degli utenti e quindi aumentare l'uso?

NV: Quando si considera la depenalizzazione, il nostro paese deve attuare gli sforzi di prevenzione aggressiva e l'accesso alle cure, come abbiamo fatto con il tabacco. Tuttavia, non possiamo permetterci di aspettare per attuare tali misure per 50 anni e la perdita di milioni di vite, come accaduto con il tabacco.

MN: Ma se ci sono voluti 50 anni e milioni di vite per fare anche qualche differenza nell'uso del tabacco, quanto sei ottimista che l'educazione alla droga e gli sforzi di prevenzione funzioneranno abbastanza bene prima che altre vite possano essere danneggiate?

NV: Vorrei poterti dire che ero più ottimista. Non abbiamo avuto abbastanza successo per quanto riguarda il tabacco e l'alcol. Dobbiamo imparare da ciò che ha funzionato nel passato, adattarsi alle nuove sfide e rendersi conto che ciò richiederà investimenti in risorse e sforzi significativi.

MN: Mi preoccupo che limitare l'educazione alla droga a fatti e statistiche sia meno avvincente di raccontare storie umane delle persone colpite, delle loro famiglie, dei loro luoghi di lavoro, delle vittime di incidenti automobilistici.

NV: sono d'accordo. La gente vuole così credere che ci sia un farmaco che li fa sentire bene mentre cura i disturbi e senza effetti collaterali negativi che sono inclini al pensiero magico.

MN: parli di curare i disturbi. Non è vero che per alcuni pazienti, ad esempio, i pazienti affetti da cancro o epilessia, la marijuana può essere una droga utile?

NV: L'industria e gli avvocati della marijuana non stanno promuovendo fatti: è una campagna pubblicitaria . Se la marijuana viene propagandata come una medicina, come qualsiasi farmaco, deve soddisfare i requisiti standard della FDA: presentare alla FDA i rigorosi studi che dimostrano la sicurezza della marijuana e l'efficacia sufficiente a giustificare gli effetti collaterali. Se approvata, la marijuana potrebbe quindi essere disponibile nei normali negozi di droga. Non c'è bisogno di dispensari di marijuana.

MN: l' uso di oppiacei, come la morfina, l'ossicodone e l'eroina è aumentato. Perché?

NV: Una delle cause è che nel 2000, la Commissione mista per l'accreditamento degli ospedali ha iniziato a richiedere che gli ospedali vagliassero e fornissero un'adeguata gestione del dolore ai loro pazienti. Ciò ha innescato una sovra-prescrizione di farmaci oppiacei per condizioni di dolore per i quali non erano indicati. Ciò ha facilitato la diversione e l'abuso degli oppiacei prescritti e in alcuni pazienti la dipendenza. Alcune di queste persone poi passarono all'eroina meno costosa. Di conseguenza, dal 2007 c'è stato un aumento quasi quadruplo del numero di vittime associate all'eroina e al fentanil, una potente droga sintetica oppiaceo usata per pizzicare l'eroina.

MN: In quell'eroina è più probabile che venga tagliata con sostanze nocive, non è un argomento per la sua legalizzazione?

NV: Se legalizzi l'eroina, i tassi di overdose salirebbero alle stelle, mio ​​Dio! Le conseguenze negative sarebbero verosimilmente così brusche e devastanti da provocare rapidamente l'annullamento della legalizzazione.

MN: Quando eri adolescente, hai avuto problemi con alcol, sigarette o droghe?

NV: Quando avevo 16 o 17 anni, alle feste, volevo adattarmi e provare alcolici qua e là ma non faceva molto per me. Non mi piace quando il mio cervello è confuso, né in uno stato di passività. Per quanto riguarda il tabacco, a 16 anni, ho avuto un'affascinante insegnante di francese che fumava e volevo emularla, quindi ho provato a fumare un paio di volte, ma non mi piaceva.

Da adolescente, sono stato esposto a molte cose stimolanti: buone scuole, sport, attività artistiche, lingue, escursioni in famiglia e viaggi in spiaggia. Quindi non avevo bisogno di ricorrere ai farmaci per rendere la mia vita più interessante. Tuttavia ero un'adolescente ribelle, quindi non so come avrei reagito se qualcuno mi avesse offerto una droga illegale da adolescente. Fortunatamente, non sono mai stato in quella situazione.

MN: Hai detto che l'alcol non è stato molto piacevole per te, ma alcune persone trovano gli effetti avvincenti, forse una differenza nel modo in cui un farmaco interagisce con un singolo cervello.

NV: assolutamente. Questa è un'area importante per la ricerca, per identificare i fattori genetici nei diversi modi in cui le persone rispondono ai farmaci e nella vulnerabilità alla dipendenza.

MN: hai familiari che sono stati colpiti dall'alcol?

NV: Sì, un nonno e uno zio, entrambi dalla parte di mia madre, che hanno sofferto di alcolismo. Sfortunatamente, non ho mai incontrato mio nonno, che non era in grado di controllare il suo alcolismo e si suicidò prima che gli fosse permesso di lasciare la Spagna e unirsi alla sua famiglia in Messico. Mio zio era un uomo molto generoso e carismatico e ho visto come l'alcolismo lo compromettesse in modi molto devastanti per lui, la sua famiglia e tutti quelli che lo circondavano.

MN: concentriamoci su soluzioni specifiche. Gli scienziati hanno identificato i tipi di prevenzione e trattamenti che funzionano meglio per quel tipo di persone?

NV: Esistono interventi di prevenzione basati su prove mirate ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie che coinvolgono anche le scuole e le comunità. Alcuni di questi sono universali; altri sono fatti su misura per quelli a maggior rischio. Offriamo ampie risorse sulla prevenzione e sul trattamento.

MN: Quali sono le prospettive per Nora Volkow?

NV: Voglio aiutare la società a trattare l'abuso di droghe come un problema di salute pubblica, non criminale. Abbiamo anche bisogno di migliori terapie per i disturbi da abuso di sostanze: farmaci e nuove strategie come vaccini e interventi per invertire i cambiamenti indotti dal farmaco nel cervello. Come ricercatore, voglio comprendere meglio i fattori biologici che determinano il modo in cui un individuo risponde ai farmaci e utilizzare tali informazioni per il trattamento e la prevenzione individualizzati. Sono appassionato di quello che faccio e non ho intenzione di cambiare la mia traiettoria di carriera fino a quando non ci riesco.

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo nuovo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko.

Solutions Collecting From Web of "Che succede con l'uso di droghe illegali?"