Che sapore del perfezionista sei? Importa!

Il perfezionismo arriva in almeno due sapori: adattativo e disadattivo. Il sapore disadattivo sembra avere radici sociali. (Fai il test di auto alla fine del post.)

Abbiamo discusso di tratti di personalità e procrastinazione nell'ultimo paio di post di blog, ma questi sono stati considerati al livello più alto della tassonomia del tratto di personalità. Oggi, voglio considerare un tratto di ordine inferiore, perfezionismo. Non è formalmente parte dei tratti di personalità di Big Five che abbiamo discusso.

Inizialmente era stato assunto, come suggerisce il diagramma, che il perfezionismo mina la nostra azione; tutto il perfezionismo era visto come disadattivo. Non è così semplice. Il perfezionismo è multidimensionale o c'è più di un sapore.

Il mio obiettivo oggi è uno studio relativamente recente riportato da Jeffrey Kilbert (stato dell'Oklahoma), Jennifer Langhinrichsen-Rohling e Motoko Saito (Università del Sud Alabama). Riportano sugli aspetti adattativi e disadattivi del perfezionismo orientato verso se stessi e contro prescritti socialmente. Nel fare questo, riassumono aspetti chiave della letteratura. Permettetemi di iniziare definendo alcuni termini.

Paul Hewitt e Gordon Flett hanno sviluppato una scala multidimensionale di perfezionismo con tre sottoscale o tipi di perfezionismo: auto-orientato, orientato verso l'altro e socialmente prescritto. Ecco una breve descrizione di ciascuno:

Perfezionisti auto-orientati: aderire a standard rigorosi pur mantenendo una forte motivazione per raggiungere la perfezione ed evitare il fallimento; impegnarsi in una severa autovalutazione.

Perfezionisti orientati agli altri: fissare standard non realistici per altri significativi (ad esempio, partner, figli, colleghi di lavoro) e una valutazione rigorosa delle prestazioni degli altri.

Perfezionisti socialmente prescritti: credono che gli altri sostengano aspettative non realistiche per il loro comportamento (e che non possano vivere fino a questo); prova la pressione esterna per essere perfetto, credi che gli altri li valutino criticamente.

Dei tre, il mio focus sarà sul perfezionismo auto-orientato e socialmente prescritto in quanto questi hanno mostrato relazioni diverse con misure di procrastinazione nella ricerca passata, e sono differenzialmente correlati a ciò che è stato definito perfezionismo adattativo e maladattativo. (Se ti interessa il perfezionismo orientato agli altri, ti consiglio di leggere "The no asshole rule" di Robert Sutton perché c'è un po 'di sovrapposizione qui, penso).

Concettualmente, il perfezionismo era stato considerato un tratto disadattivo nel complesso. Non importa quale sia la forma, il perfezionismo è stato considerato dannoso (da qui la figura che ho scelto per questo post). Tuttavia, un'altra scala multidimensionale di perfezionismo sviluppata da Randy Frost ha rivelato due sottostanti dimensioni per le sue sei sottoscale di perfezionismo: preoccupazione per gli errori, standard personali, aspettative dei genitori, critica dei genitori, dubbi sulle azioni e l'organizzazione. Queste due grandi dimensioni del perfezionismo sono state etichettate: sforzi positivi e preoccupazioni di valutazione disadattive.

Per quanto riguarda i tre tipi di Hewitt e Flett, Frost ha scoperto che la vasta dimensione degli "sforzi positivi" era legata al perfezionismo orientato verso se stessi e agli altri, così come le sue stesse sottoscizioni di alti standard e organizzazione. La ricerca di Frost ha anche dimostrato che gli sforzi positivi erano legati all'aumento delle emozioni positive e non era correlato alla depressione.

La seconda ampia dimensione delle preoccupazioni disadattive era correlata al perfezionismo socialmente prescritto da Hewitt e Flett, così come alle sottostanti preoccupazioni di Frost per gli errori, le critiche e le aspettative dei genitori e i dubbi sulle azioni. Questa dimensione delle preoccupazioni disadattive è stata trovata correlata a livelli più alti di affetti negativi (emozioni) e depressione, e altre ricerche hanno dimostrato che le preoccupazioni disadattive (perfezionismo socialmente prescrivibile) sono correlate a procrastinazione, depressione, ideazione suicidaria, minore autostima , ansia, perdita di autocontrollo e vergogna.

In breve, c'è una chiara evidenza che il perfezionismo non è un sapore disadattivo, e che una distinzione fondamentale è tra ciò che possiamo vedere come perfezionismo impostato da sé e perfezionismo imposto, o prescritto, socialmente. Data questa ricerca passata, Kilbert e i suoi colleghi volevano esplorare fino a che punto il perfezionismo auto-orientato potesse essere correlato ad altri tratti adattativi come l'autostima, l'autocontrollo percepito e la motivazione del successo. Allo stesso tempo, desideravano esplorare ulteriormente le potenziali associazioni negative con il perfezionismo socialmente prescritto

La loro ricerca
Kilbert e colleghi hanno usato una batteria di misure con un campione di 475 studenti. Come potreste aspettarvi dati i concetti sopra elencati, hanno misurato cose come perfezionismo, autostima, tendenza al successo, depressione, ansia, vergogna, senso di colpa e procrastinazione. Nelle loro analisi, hanno anche distinto i "tipi" di perfezionisti in un modo unico. Hanno creato i tipi utilizzando punteggi per perfezionismo auto-orientato e socialmente prescritto in combinazione. Ne risultarono quattro possibili tipi: basso-basso (basso su entrambe le forme di perfezionismo), solo perfezionismo auto-orientato, perfezionismo socialmente prescritto e infine alto su entrambe le scale. Potete vedere che questo continuum di 4 tipi sostanzialmente non è affatto perfezionista per avere punteggi alti su entrambi i tipi di perfezionismo.

I loro risultati
Data la varietà di raggruppamenti e variabili, non sorprende che i loro risultati siano diversi. Poiché il blog riguarda la procrastinazione, semplificherò le cose concentrandomi su questo aspetto dei risultati. Come riepilogano i risultati, "Per quanto riguarda la procrastinazione, i risultati indicano che SOLO SOCIALMENTE prescritti partecipanti hanno segnalato una tendenza a procrastinare più dei partecipanti SELF orientati SOLO e Generalmente perfezionisti. Inoltre, gli studenti non perfezionisti hanno procrastinato più di quanto non abbiano fatto i partecipanti SOLO orientati al SELF "(p.152).

Lo trovo molto interessante, ovviamente, poiché delinea chiaramente le prescrizioni socialiste del perfezionismo auto-orientato in relazione alla procrastinazione. Non solo le persone che riportano un perfezionismo superiore prescritto socialmente procrastinare di più, ma gli individui che sono descritti come perfezionisti auto-orientati in realtà procrastinare meno di non perfezionisti! Chiaramente, almeno in termini di procrastinazione, ci sono forme adattive e disadattive di perfezionismo.

E, solo perché aiuta a completare la storia, voglio aggiungere che i risultati di questo studio hanno anche rivelato che il perfezionismo auto-orientato era associato a livelli più alti di autocontrollo e motivazione del conseguimento, mentre il perfezionismo socialmente prescritto era associato negativamente a autostima, autocontrollo e motivazione del successo, e questa forma di perfezionismo maladattativa era significativamente correlata a livelli più alti di depressione, propensione al suicidio, ansia, vergogna e senso di colpa. La distinzione tra questi due tipi di perfezionismo è molto chiara.

L'implicazione di questi risultati per perfezionismo e procrastinazione
Ecco come Kilbert e colleghi hanno un senso generale dei risultati.

Perfezionisti auto-orientati
“. . . I perfezionisti auto-orientati sono coloro che traggono un senso di piacere dalle loro fatiche e dai loro sforzi, che a loro volta aumentano la loro autostima e motivazione per avere successo e alla fine li aiuta a sviluppare un senso di controllo sul loro ambiente. I perfezionisti auto-orientati possono quindi usare il loro piacere nelle loro realizzazioni come incoraggiamento a continuare e persino a migliorare il loro lavoro "(p.154).

Perfezionisti socialmente prescritti
"Al contrario, i perfezionisti socialmente prescritti possono essere paragonati ai perfezionisti nevrotici [un termine originariamente coniato da Hamachek] in quanto non traggono piacere dalle loro fatiche e dai loro sforzi e tendono a considerare il loro lavoro inadeguato o inferiore. Inoltre, riportano l'esperienza di pressioni esterne o coercizione per svolgere compiti. Pertanto, i sintomi disadattivi del perfezionista socialmente prescritto emergono non da un desiderio interiormente sentito di essere il migliore, ma più dalla paura del fallimento e / o dal desiderio di evitare imbarazzo, vergogna e senso di colpa "(p.154).

Allora, che tipo di perfezionista sei? Sembra fare una grande differenza!

Come fai a sapere se sei un perfezionista? Scopri i test di Psychology Today per saperne di più. Questo test di 44 elementi ti fornirà un feedback personale per il tuo punteggio complessivo di perfezionismo. Se desideri un feedback specifico per ciascuno dei tre tipi di perfezionismo discussi in questo post di blog, c'è una tassa (Nota: questo non è il mio test, e non sto promuovendo il suo utilizzo. Ti sto semplicemente rendendo consapevole di questa opzione se vuoi saperne di più).

Riferimento
Kilbert, JJ, Langhinrichsen-Rohling, J., & Saito, M. (2005). Aspetti adattivi e disadattivi del perfezionismo auto-orientato rispetto a quello socialmente prescritto. Journal of College Student Development, 46 , 141-156.

Altri documenti
Hewitt, PL, & Flett, GL (1991). Perfezionismo nel sé e contesti sociali: concettualizzazione, valutazione e associazione con la psicopatologia. Journal of Personality and Social Psychology, 60 . 456-470.

Frost, RO, Heimberg, CS, Holt, CS, Mattia. JI, & Neubauer, AL (1993). Un confronto tra due misure di perfezionismo. Personalità e differenze individuali, 14 , 119-126.

Solutions Collecting From Web of "Che sapore del perfezionista sei? Importa!"