Che ruolo svolge l'empatia nell'intelligence?

Why didn't Neandertals domesticate wolves when our ancestors did?

Perché i Neanderthal non hanno addomesticato i lupi quando i nostri antenati hanno fatto? Foto di Robert Dewar attraverso Creative commons

Nella prima parte di questo post, ho scritto su uno studio meraviglioso di Paul Mellars e Jennifer French che ha mostrato perché siamo sopravvissuti quando i nostri cugini più vicini, i Neanderthal, si estinsero. Non fare errori; I Neanderthal erano ominidi molto capaci e intelligenti. Ma Mellars e French hanno dimostrato in modo sbalorditivo quanto siano più moderni gli umani moderni dei Neanderthal quando hanno entrambi abitato in Europa tra circa 45.000 e 35.000 anni fa. In misura dopo misura, gli esseri umani moderni hanno superato i Neanderthal nella caccia alla grande selvaggina e nell'ottenere più cibo dallo stesso habitat. Gli umani moderni vivevano in gruppi più numerosi dei Neanderthal, creavano siti più grandi e creavano più strumenti. I Mellars e lo studio francese mostrano chiaramente che i nostri antenati hanno semplicemente superato e affrancato i Neandertal fino a quando l'ultima specie, retta, costruttiva e intelligente, non è più sopravvissuta.

Come lo abbiamo fatto? Cosa ci ha dato un così grande vantaggio rispetto ai nostri concorrenti?

Ho un suggerimento: cani.

Negli ultimi anni, i paleontologi hanno prodotto prove notevoli del fatto che i cani non sono solo i nostri "migliori" amici ma anche i nostri più vecchi amici. Solo quanti anni ha sorpreso. Nel 2009, un team guidato dal paleontologo belga Mietje Germonpre ha prodotto prove convincenti che i cani domestici più anziani ancora conosciuti provenivano dalla grotta di Goyet, un sito in Belgio. Questo di per sé non è sorprendente. Ciò che sorprendeva era la datazione al radiocarbonio sui resti del cane: circa 32.000 anni fa – ben 20.000 anni prima di qualsiasi altro animale domestico.

Come spesso accade con risultati sorprendenti, non tutti erano certi che i risultati ottenuti da Germonpré e dal suo team fossero corretti. Ma la datazione del cane Goyet è stata ora confermata da un'altra data radiometrica e l'analisi statistica delle dimensioni e della forma dei crani e dei denti che hanno identificato il cane Goyet e altri due come cani domestici, non lupi, è impeccabile.

Molto recentemente, il team ha ampliato il loro campione di teschi fossili di canidi, per vedere se il grande divario tra il cane di Goyet e il prossimo cane fossile più antico, circa 17.000 anni fa, potesse essere riempito. Dopo tutto, se i cani fossero addomesticati a 32.000 anni fa, ci dovrebbero essere resti di cani nei successivi 15.000 anni, giusto?

Studiando altri nove teschi antichi, hanno confermato che altri tre erano cani antichi, da Prĕdmostí, nella Repubblica Ceca, un sito datato a circa 27.000 anni fa. Altri due erano antichi lupi e quattro non si univano fortemente con cani o lupi. Incredibilmente, questi quattro teschi potevano essere ibridi di cani lupo.

Un altro teschio canid con molte caratteristiche di doglike è stato recentemente studiato dallo scienziato siberiano Nicholai Ovodov e dalla sua squadra. Viene dalla grotta Razboinichya, in Siberia, e risale alla stessa età del cane Goyet. Questa squadra non ha usato le stesse potenti tecniche statistiche del gruppo di Germonpré, ma ha concluso che il cranio Razboinichya è un "cane incipiente" – un animale in una fase iniziale del processo di addomesticamento – perché mostra anche alcune caratteristiche che giudicano essere più simile al lupo.

Tutte queste ricerche chiariscono che i cani sono stati addomesticati almeno 32.000 anni fa. E, anche se i Neanderthal vivevano e lasciavano siti in Europa durante lo stesso periodo, tutti i cani antichi provengono da siti con strumenti in pietra e ossa che sono inconfondibilmente dei tipi associati agli umani moderni, non ai Neanderthal.

Perché i Neanderthal non hanno addomesticato i cani è una domanda aperta. I Neanderthal erano sopravvissuti da millenni in un ambiente difficile. Perché non erano in grado di addomesticare i lupi e trasformarli in cani? Forse non avevano la necessaria capacità di entrare in empatia con un'altra specie, ma i Neanderthal erano buoni cacciatori che richiedono una capacità di osservare e capire le abitudini della preda. Forse hanno cercato di addomesticare i lupi – forse hanno visto quanto fossero utili quei "lupi" dall'aspetto divertente agli umani moderni – eppure attraverso il processo casuale noto come sciocchezza, semplicemente non ci sono riusciti. Non lo sappiamo ancora.

Facciamo un passo indietro e chiediamo: quanta differenza avrebbero fatto i cani domestici ai nostri antenati? Parecchio. Poiché ci sono ossa degli arti e in alcuni casi interi scheletri dei cani a Prĕdmostí, la squadra di Germonpré è stata in grado di calcolare con precisione le loro dimensioni corporee. Erano cani grossi e pesanti, che andavano da 75 a 90 libbre e un'altezza di almeno 2 piedi all'altezza delle spalle, circa le dimensioni dei moderni pastori tedeschi. Sebbene non fossero abbastanza grandi come i moderni lupi eurasiatici, erano animali potenti.

Quale vantaggio avrebbero offerto questi cani ai nostri antenati?

Prendendo un indizio dagli altri animali trovati negli stessi siti dei cani fossili, Germonpré e il suo team suggeriscono che questi cani potrebbero essere stati preziosi come animali da soma. Con l'eccezione del fossile assemblaggio dalla grotta di Goyet, ogni altro sito di cani primitivi è dominato da ossa di mammut, la più grande preda animale in vita al momento. Ad esempio, nel Prĕdmostí, il 75% dei resti sono ossa di elefante, per un totale di almeno 1000 mammut singoli. Tra le altre cose, questo fatto stabilisce che i nostri antenati non stavano solo uccidendo un sacco di animali molto, molto grandi, stavano spostando le carcasse attorno al paesaggio. I grandi canidi sono il secondo animale più comune al Prĕdmostí e rappresentati in 103 singoli animali.

Un mammut rappresenta una quantità enorme di carne, sufficiente a nutrire un gruppo considerevole per un certo periodo, in particolare nei climi freddi dove la carne può essere congelata. (Un mammut vivo pesava circa 12.000-16.000 libbre, ossa incluse). Uccidere un mammut è di per sé un compito formidabile, ma come si ottiene una casa di mammut dopo averlo ucciso? Niente cavalli o buoi, niente carrelli, niente ruote. Non hai scelta. Hai semplicemente tagliato il mammut e portato a casa a pezzi. E i cani grandi e robusti che tirano carne e ossa legate a un dispositivo semplice come un travois o anche impacchettati su una grande pelle sarebbero un aiuto straordinario.

Anche se non si stesse prendendo una preda così colossale, il valore degli animali da soma sarebbe enorme nel trasportare altre prede comuni, come i cavalli selvaggi o gli alci (conosciuti come cervi rossi in Europa). Se un Neandertal uccideva un alce che pesava "solo" circa 1.000 libbre, avrebbe dovuto trascinare a casa probabilmente 500 libbre di quella dopo aver massacrato il campo. Ad esempio, il compito sarebbe lungo e faticoso. Dal momento che ho vissuto per anni nel centro rurale della Pennsylvania, so che i moderni cacciatori di cervi troppo spesso soffrono di attacchi di cuore che trascinano le carcasse da 100 libbre di cervi dalla coda bianca al camion. Se un umano antico ma moderno del tempo uccidesse un animale più grande come un alce, avrebbe solo dovuto tagliarlo e lasciare che il branco di cani lo portasse a casa. I cani possono trasportare attrezzature per la caccia e la vita, legna da ardere, carne o anche contenitori di acqua piena.

Cani delle dimensioni di un pastore husky o tedesco possono trasportare pacchi fino a quasi 50 libbre di peso. Alcuni antropologi hanno sostenuto che, senza i cani da soma, gli umani non avrebbero potuto sistemare le regioni più settentrionali del mondo o raggiungere il Nord America. Sicuramente sollevare gli umani dal peso letterale del trasporto di prede così grandi cambierebbe considerevolmente il loro bilancio energetico.

Ma il trasporto non è l'unico vantaggio offerto da un cane di grandi dimensioni. I vasti registri scritti della caccia nell'Europa medievale mostrano che cani di grossa taglia, chiamati lymer, venivano usati per rintracciare le prede dall'odore o circondare cervi o altri grandi animali e tenerli in un posto mentre i cacciatori si avvicinavano. (I segugi della vista, come i levrieri, tendono ad essere più piccoli dei segugi del profumo.) Con animali feroci e aggressivi come il cinghiale, a volte venivano addestrati cani pesanti per afferrarli da un orecchio per immobilizzarli. Con cani ben addestrati, i cacciatori medievali potevano portare decine di cervi, alci o cinghiali in un solo giorno.

Non dovremmo dimenticare uno dei reali benefici dei cani; sono caldi, morbidi e complici. E poiché i cani sono territoriali, il loro abbaiare aiuta a mettere in guardia gli umani dalla presenza di lupi o altri grandi carnivori nell'area, proprio come oggi i cani avvertono gli alaskans di orsi polari affamati.

Sì, un cane era un amico estremamente prezioso, allora come adesso. Guardare al passato ci mostra quanto siano cruciali probabilmente la sopravvivenza della nostra specie. Forse quella stretta, antica connessione con i cani è il motivo per cui appaiono così raramente nell'arte rupestre preistorica, che raramente rappresenta le persone. Tuttavia, i denti dei canidi erano comunemente trafitti da indossare come gioielli e alcuni dei teschi di cani antichi mostrano segni di ocra, il che implica che una sorta di rituale è stato effettuato dopo la morte di un cane. Forse i primi cani erano considerati più umani che animali. Il passato non è sempre così diverso dal presente, dopo tutto.

Solutions Collecting From Web of "Che ruolo svolge l'empatia nell'intelligence?"