Che dire dei rapimenti agli alieni?

Credendo che una pila di detriti da un dispositivo di test nucleari di sorveglianza militare trovata nel deserto del New Mexico nel 1947 fosse il relitto di un velivolo extraterrestre – beh, è ​​una credenza plausibile. Dovresti ignorare una grande quantità di prove convincenti convincenti e credere in una cospirazione governativa estremamente ampia ed estremamente segreta, ma, ehi, molte persone pensano in modo simile. Osservando il cielo notturno e vedendo navi aliene quando gli altri vedono Venere, aerei non convenzionali, strane formazioni stellari, aurore boreali, torri lampeggianti – o qualsiasi altra manifestazione visiva da un pot-pourri di fenomeni terrestri – hey, non è troppo strano. Alcune persone hanno più immaginazione di altre; riempiono gli spazi vuoti dove il resto di noi si attacca abbastanza vicino a ciò che i loro occhi dicono loro.

Ma i rapimenti alieni sono un altro insieme di pesci. Non si tratta di percepire stimoli ambigui in un certo modo o credere in cospirazioni. E ricorda, alcune cospirazioni accadono. Ma i rapimenti alieni? Gli extraterrestri rapiscono gli umani, li portano sulle loro navi spaziali, eseguono esperimenti su di loro, li aprono, li violentano, costringono le donne a sopportare bambini ibridi? Migliaia di persone credono di essere stati rapiti dagli alieni. I loro ricordi di queste esperienze sono vividi, dolorosi e terrificanti reali. Cosa c'è qui? Dovremmo credere alle loro storie?

I racconti di contatto alieno sono stati narrati per secoli. The Man in the Moone di Francis Godwin (1638) e Ralph Morris ' A Narrative and the Life and Astonishing Adventures of John Daniel (1751), sono presi oggi come finzione. Tuttavia, nel 1758, in Terra preoccupante nel nostro mondo solare , Emanuel Swedenborg affermò di aver effettivamente visitato tutti i pianeti allora conosciuti, che descrisse in grande dettaglio, tutti abitati da creature che avevano ideato società ideali. Ora sappiamo dell'esistenza di pianeti che non sono stati descritti da Swedenborg (Urano, Nettuno e Plutone – l'ultimo dei quali è stato declassato dagli astronomi come un pianeta), e sappiamo che quelli che ha descritto non hanno alcuna relazione con i suoi resoconti e Certo, tutte le prove che abbiamo dicono che sono disabitate. E in che modo Swedenborg sapeva che metà dei pianeti nel sistema solare erano gassosi e non potevano sostenere il peso di oggetti solidi, come gli umani? O che Venere è una serra tossica di acido solforico che non può supportare nessuna vita immaginabile. La verità è che non sapeva praticamente nulla di ciò che era nei pianeti del nostro sistema solare, e non poteva avere.

La letteratura pre-1947 sul contatto alieno di solito ha il contatto in visita su un altro pianeta. Queste narrazioni includono un resoconto dato nel 1890 da Helen Smith dei marziani che parla una lingua che suona molto simile al francese; nel 1906 da Sarah Weis, che descrisse in modo inesplorato i canali marziani inesistenti; nel 1918 da Aleister Crowley, che descrive il contatto con "Lam", un abitante di una lontana costellazione che ha una testa bulbosa e occhi piccoli e piccoli; e nel 1930 da un certo Willard Magoon, che descrisse Marte come un bellissimo, lussureggiante pianeta di foreste, parchi e giardini. I contatti di oggi non raccontano quasi mai storie di essere trasportati nel pianeta natale degli extraterrestri; invece, gli alieni sono qui, sulla Terra, e i contattati vengono spesso rapiti e portati su un'astronave aliena. Quando ascoltiamo o leggiamo un racconto di rapimenti alieni, ci troviamo di fronte al fenomeno degli "incontri ravvicinati del quarto tipo". Abductees (che preferisce il termine "contattati") descrive ogni tipo di contatto, in gran parte sessuale in natura. Il parallelismo con l'abuso rituale immaginario o inventato-satanico, spesso descritto negli anni '80 e '90, è estremamente forte.

John Mack, uno psichiatra di Harvard, sostenne l'idea che le storie che i suoi pazienti gli avevano raccontato di essere state rapite dagli alieni fossero letteralmente e concretamente veritiere. Le prove di Mack? Era convinto a causa dell'emozione intensa e sincera che accompagnava le loro storie e per la loro coerenza narrativa. Dovevano dire la verità, ragionò Mack, perché non avevano motivo di mentire, raccontavano le loro storie con riluttanza, le loro storie erano simili l'una all'altra e le loro sedute terapeutiche con lui erano piene di autentico terrore. Non stanno fingendo o cercando attenzione, ragionò Mack, né sono pazzi. Credono sinceramente che stanno dicendo la verità.

Membri di società folcloristiche e tribali hanno raccontato storie consistenti e piene di emozioni di essere attaccati, sedotti, arrestati, rapiti, minacciati o terrorizzati da fantasmi, folletti, elfi, demoni, fate, "vecchie streghe" e assortiti incubi e succubi, con grande intensità emotiva per migliaia di anni. Per Mack, il modo altamente emotivo in cui questi racconti gli furono narrati era l'osservazione empirica che lo convinse della realtà degli alieni sulla Terra.

Gli scienziati tendono ad essere scettici riguardo alle segnalazioni dei contatti. Il fatto che non puntino quasi mai a testimoni indipendenti che confermino le loro storie o che abbiano assistito al rapimento, anche se siano stati portati in un ambiente urbano come New York City, sembra essere poco preoccupante per i credenti. Per lo scienziato, questa considerazione rende l'affermazione altamente sospetta.

Il fatto che una proporzione notevolmente elevata di rapimenti si verifichi durante gli stati ipnotici (in uno stato di crepuscolo quando si addormenta) e ipnopomico (al risveglio) costringe gli scienziati a chiedersi se si tratta di allucinazioni, sogni, piuttosto che eventi reali del mondo reale. Per l'ufologo o il fedele UFO, questo problema è di scarsa importanza o interesse.

Il fatto che i contacte ritornano dalla loro esperienza con gli alieni in veicoli spaziali senza alcun ricordo fisico extraplanetario; un apparato di qualche tipo, un capo d'abbigliamento (apparentemente alieni non indossano mai vestiti), parte di una tuta spaziale (forse riescono a respirare la nostra atmosfera senza difficoltà), un pezzo di metallo, vetro, plastica (potrebbe essersi evoluto oltre e non hanno bisogno di questi materiali primitivi), cibo (forse non mangiano o bevono), qualcosa – qualsiasi cosa . Niente. E se ottengono un tale oggetto, dovrebbero portarlo allo Smithsonian, il Museo di Storia Naturale. Apparentemente non ce l'hanno. Perché gli scienziati non dovrebbero essere sospettosi? Gli ufologi non sembrano essere infastiditi da questi problemi; ma sarebbero estatici, come tutti noi faremmo, se un contattore sostenesse una storia con un solido pezzo di armamentario indubbiamente transgalattico.

I contendenti sostengono che gli alieni mostrano poteri che gli scienziati dicono che sono quasi impossibili. Si muovono attraverso oggetti solidi, si spostano da una posizione all'altra praticamente istantaneamente, trasportano gli umani sulla nave madre, compaiono davanti a intere città e rimangono inosservati. Non sorprende che molti scienziati rimangano estremamente scettici nei confronti dei reclami dei contattati. Gli ufologi invocano forze contrarie alle leggi della scienza e non offrono prove plausibili per sostenere le loro storie.

Il fatto che gli addotti ritornino affermando di aver avuto esperienze che normalmente lasciano tracce fisiche quando non mostrano segni evidenti, o insignificanti, chiaramente terreni, fa sì che lo scienziato sia estremamente scettico sul fatto che tali esperienze abbiano effettivamente avuto luogo. Le donne contattate riferiscono di essere state impregnate e allevate per la progenie ibrida aliena-umana, eppure i ginecologi non hanno rilevato tali cambiamenti fisici nei loro corpi. I referenti riferiscono di essere stati tagliati, ma non è possibile trovare cicatrici o solo cicatrici vecchie e convenzionali. Si dice che i dispositivi elettronici siano stati impiantati nel loro cervello, tuttavia, ancora, nessuno che sia indiscutibilmente extraplanetario è stato localizzato. Come spiegazione, i contattati sostengono che la tecnologia degli extraterrestri è così potente, così avanzata e sofisticata, che gli alieni possono dimostrare che tali interventi scompaiono o si confondono con il tessuto umano. Mack è d'accordo; sostiene che gli impianti sono stati recuperati dai corpi dei contattati, ma quando recuperati, risultano essere insignificanti e non incontestabilmente di origine extraterrestre. Sostiene che la struttura genetica o chimica del materiale nei corpi dei suoi pazienti conforme alle specifiche terrene è di scarsa importanza, poiché, ancora una volta, gli alieni sono in grado di alterare quel materiale. Gli scienziati e la maggior parte dei medici non la comprano. Di solito, questa questione è di poca o nessuna preoccupazione per gli addotti e gli ufologi.

Tali questioni probatorie non smentiscono le affermazioni dei contattori, ma spiegano perché molti scienziati sono scettici sulle affermazioni che attirano molti sostenitori ferventi e impegnati, e questo rimarrà il caso fino a quando gli esseri extraterrestri non ci faranno visita, o se ne andranno qualcosa dietro di loro è indiscutibilmente il loro, non il nostro.

 

 

 

Solutions Collecting From Web of "Che dire dei rapimenti agli alieni?"