Che cosa ti spinge ad aiutare gli altri?

Sono su un aereo diretto a Pasadena per parlare alla conferenza Hay House I Can Do It, dove sarò circondato da autori di auto-aiuto spirituale ben intenzionati che si impegnano ad aiutare le persone a vivere le loro migliori vite. In questi eventi, di cui ho parlato molte volte ora, sentirò la gente venire da questi celebri autori di Hay House e sentire come le loro vite sono state salvate a causa dei libri che hanno scritto. Non ho dubbi che questi zampilli siano sinceramente cattivi. È un onore condividere il palco con questi pionieri che salvano la vita.

Ma (odio mettere un "ma" qui perché sono così grato a Hay House e così intimorito da alcuni di questi meravigliosi autori) qualcosa di tutto ciò mi preoccupa.

Cosa motiva i visionari?

Quando sono tornato dal World Domination Summit quest'estate, ho scritto questo post su ciò che spinge i veggenti a provare a cambiare il mondo. La conferenza era piena di buoni benintenzionati che cercavano di rendere il mondo un posto migliore. Le cose incredibili stavano nascendo come risultato di questo impulso a fare del bene. Ma non potei fare a meno di chiedermi se questo impulso di servire provenisse da una pura, nobile intenzione o se provenisse da una sorta di senso sottostante di indegnità o motivazione motivata dall'ego. In altre parole, perché facciamo ciò che facciamo?

Nei commenti a quel post sul World Domination Summit, alcune persone hanno sostenuto: "A chi importa perché? Finché il mondo sta traendo vantaggio da questi impulsi, perché interrogarli? "Eppure, come uno di quegli autori di auto-aiuto, i tipi più bravi che si impegnano a togliere il mio ego dal posto di guida e lasciare che il Divino prenda il volante, conta per me.

La tua autostima è legata a quanto sei utile?

Ho una teoria su tutto questo. Penso che quelli di noi che si impegnano in atti di altruismo per rendere il mondo un posto migliore lo facciano perché ci fanno sentire meglio con noi stessi. Qualcosa dentro di noi non si sente abbastanza buono / abbastanza valido / abbastanza degno a meno che non siamo devoti ad aiutare gli altri. Noi non crediamo che siamo buoni, preziosi e degni non a causa di alcuna azione esterna, ma perché tutti abbiamo dentro di noi una scintilla del Divino che ci rende intrinsecamente degni. Quindi usciamo e aiutiamo le persone, e le persone ci dicono come abbiamo salvato le loro vite, e poi ci sentiamo più degni. Abbiamo importanza perché contiamo su qualcun altro. Quindi i nostri ego preoccupati, spaventati, "mai abbastanza bravi" si sentono meglio.

Quindi cosa succederebbe se qualcuno agitasse una bacchetta magica e tutti i benefattori improvvisamente si svegliassero e sapessero, senza ombra di dubbio, che eravamo degni – senza tutti gli elogi, gli applausi e le lettere d'amore di quelli che abbiamo aiutato? Perderemmo ogni ambizione di aiutare gli altri? Ci sedremmo su una panchina del parco e ci crogioleremo nel nostro risveglio?

Io non la penso così

Il puro impulso di servire

Penso che sia parte della natura umana sentire l'impulso di alleviare la sofferenza degli altri esseri viventi. Quando Eckhart Tolle si svegliò e realizzò che tutto ciò che aveva sempre desiderato esisteva proprio qui nel momento presente, trascorse mesi seduti su una panchina del parco, crogiolandosi nella beatitudine del suo stato di risveglio. Improvvisamente si rese conto di essere un prezioso, degno figlio di Dio che non doveva fare nulla per guadagnarsi quella grazia. Ma Eckhart non è rimasto su quella panchina del parco per sempre. Ad un certo punto, un puro impulso a condividere con gli altri la beatitudine di ciò che stava vivendo nel momento presente lo spinse a scrivere The Power of Now e A New Earth . Non penso che la condivisione di questo messaggio sia stata motivata dall'ego. Penso che sia stato motivato da questo puro impulso ad alleviare la sofferenza degli altri che mancavano la beatitudine del momento presente vivendo nel passato o nel futuro.

Questa è solo la mia teoria, ma ora penso che siamo spesso motivati ​​a fare cose buone perché stiamo cercando di sentirci più degni. Ma è possibile sapere che siamo degni e serviamo ancora gli altri da un impulso puro e pulito per alleviare la sofferenza degli altri. (Martha Beck mi ha aiutato a imparare a distinguere qui.)

Non posso farlo

Quindi, mentre mi preparo a parlare a un pubblico di persone che spero di aiutare con le mie parole, sto facendo una meditazione degna in modo da poter ottenere il mio ego sul sedile posteriore e lasciare che il Divino mi usi al servizio di coloro che potrebbero soffrire. Ricordo il mio ego (la chiamo Victoria Rochester) che è già abbastanza buona / abbastanza valida / degna abbastanza da non entusiasmare i fan o le lunghe file al mio libro che firma o che si siede accanto a Louise Hay a cena. Sto chiedendo la guida divina. Sto realizzando, ironicamente, che sto parlando ad una conferenza I Can Do It, eppure, forse, come Tosha Silver ha suggerito, "I Can not Do It." O meglio, scelgo di non farlo – perché voglio lasciare che l'Universo lo faccia invece.

Questo è quello che spero di trasmettere a coloro che servo a questa conferenza. Non voglio semplicemente nutrire i loro ego spaventati, preoccupati, "non abbastanza bravi". Voglio aiutarli a ricordare che non devono farlo – che se ottengono il loro ego fuori strada e lasciano che il Divino prenda il comando, tutto andrà bene e alla fine troveranno la pace che stanno cercando.

Vuoi imparare?

Generosità, altruismo, atti caritatevoli e insegnamento di auto-aiuto sono tutti grandi. Non fraintendermi. Ma se ti senti costretto a essere di servizio, ti invito a esaminare le tue motivazioni. Stai cercando di nutrire il fantasma affamato dell'ego, che non si riempie mai, non importa quante persone aiuti? O sei motivato da quell'impulso pulito per alleviare la sofferenza degli altri? Condividi i tuoi pensieri nei commenti.

Sapendo che non posso farlo da solo,

Lissa

Solutions Collecting From Web of "Che cosa ti spinge ad aiutare gli altri?"