Che cosa succede se ci fossero cerimonie comunitarie per contrassegnare il divorzio?

I rituali sono solitamente associati alle occasioni importanti della vita: nascita, morte e, per coloro che sono ammessi, matrimonio.

Ci sono anche quelle volte nel ciclo di vita in cui, sebbene l'evento non sia meno significativo, non viene contrassegnato da cerimonie o osservanze. A volte può essere più una perdita ambigua, come un aborto, o qualcosa vissuto ai margini della vergogna, come l'aborto. Un grande silenzio circonda queste occasioni. Sono comunque perdite, ma non meritano un rituale per segnarli, o per sperimentarli in comunità con gli altri.

Questo è solitamente il caso del divorzio.

Diverse settimane fa, ho partecipato a un "rituale" di divorzio, e sono venuto via così commosso dall'esperienza che ho deciso di condividere qui sul mio blog PT: Family.Life.

La mia amica Yasmin ha riunito un gruppo eclettico di familiari e amici che si sono riuniti in eventi che si sono svolti sabato sera e domenica pomeriggio a Filadelfia. Proprio come un matrimonio, molti di noi erano in precedenza estranei e si unirono in una rete di collegamento con il nostro amico comune.

Yasmin ci aveva uniti per segnare la fine e la transizione del suo divorzio.
Bene, quella fu la mia particolare svolta nell'evento, ma per Yasmin, si trattava più di dire "grazie" ad ogni amico, che, nei suoi modi unici, l'aveva aiutata negli ultimi cinque anni di profondo e profondo dolore, ricerca e, in definitiva, completamento. Ha osservato che il suo matrimonio è avvenuto in comunità, ma è stato chiuso da solo e in silenzio. Stava tentando di alterare ciò che questa cultura fa rispetto alla dissoluzione di un matrimonio.

Era piuttosto un cast di personaggi: cugini, zie e zii, i migliori amici dell'ex marito, alcuni che hanno guidato molte ore per essere lì. C'era un terapeuta e un rebirther, quelli che conoscevano Yasmin solo dopo la separazione, il suo migliore amico della quinta elementare, il nuovo fidanzato.

E anche se non potevo definirlo una celebrazione – anche se a volte si sentiva gioioso e celebrativo, era anche segnato dalle lacrime – a volte ci sforziamo persino di articolare ciò che ci ha commosso così profondamente nello spazio che è stato creato.

Il fulcro era un pasto per 28 che Yasmin aveva organizzato in un ristorante locale quella domenica pomeriggio. In una stanza privata, in un tavolo ben arredato, abbiamo brindato e cenato, mentre ognuno si è alternato per parlare delle nostre esperienze, sia con Yasmin, sia nelle nostre vite, di rottura inaspettata ed eventuale transizione verso un nuovo posto.

Questo processo mi ha ricordato che, in quanto terapeuta familiare, sono spesso esposto a convinzioni sulla natura distruttiva del divorzio. E in generale, come cultura, ci siamo abituati a sentire solo una versione della storia del divorzio: l'amaro divorzio in alto conflitto che si traduce in una famiglia "distrutta". Con i miei clienti che potrebbero essere alla ricerca di prospettive alternative alla fine di un matrimonio, consiglio sempre i libri di Connie Ahrons: Il buon divorzio: tenere insieme la famiglia quando il tuo matrimonio si allontana, e , siamo ancora in famiglia: i bambini che crescono Devo dire del divorzio dei genitori.

Insieme, questi libri narrano il potenziale di un'altra storia sul divorzio, che non deve decimare tutti i soggetti coinvolti. Ahrons cita la nota antropologa Margaret Mead, che è stata sposata e divorziata tre volte; un giornalista ha chiesto dei suoi matrimoni "falliti", ai quali ha risposto, "Non ho avuto matrimoni falliti. Sono stato sposato tre volte e ogni matrimonio ha avuto successo. "

Ahrons afferma: "Ha continuato spiegando che aveva attraversato diverse fasi della vita molto distinte e aveva scelto ogni volta un compagno diverso, uno che poteva soddisfare i suoi bisogni e le sue priorità. Ha anche suggerito nei suoi scritti … che il suo modello di monogamia seriale era l'onda del futuro. "

Forse questa evoluzione lontana dalle previsioni catastrofiche sulle conseguenze del divorzio può essere vista corrispondere a mutamenti paralleli nei significati del matrimonio. Nel matrimonio, una storia: come l'amore conquistò il matrimonio, la storica di famiglia Stephanie Coontz discute la nozione molto moderna di sposarsi per amore romantico e le elevate aspettative (e maggiori delusioni) di quella partnership quando non è più principalmente un accordo economico tra famiglie. Eppure, anche se il divorzio ha perso la sua stigmatizzazione e molte famiglie ricostituite apportano salutari adattamenti alle loro vite post-divorzio, è chiaro che le transizioni stesse possono rimanere dolorose e confuse.

Anch'io vivo in una famiglia post-divorzio, binucleare, e posso dire senza dubbio che c'era molto più dolore associato al mio divorzio di quanto avessi mai immaginato. Mi viene in mente la frase di un film, "passare attraverso un divorzio è come essere in un incidente d'auto, ogni giorno, per due anni." Oppure, come mio figlio di 15 anni ha detto: "La cosa peggiore di un divorzio è che per stare con un genitore devi salutare l'altro ".

Il rituale che ho seguito per Yasmin è stato, nelle sue parole, un indicatore di "attraversare una pietra miliare di crescita e sviluppo e celebrare la straordinaria generosità di coloro che erano con me". Le cerimonie del fine settimana hanno aggiunto un testo molto più ricco alle storie del suo matrimonio e del divorzio.

L'atto di condividere, tra una comunità di testimoni, le storie di speranza e impegno, di crescita e cambiamento, di dolore e dolore, sì, ma anche di rinascita e il potenziale per una nuova, ancora più ampia vita fornisce un antidoto al il silenzio che altrimenti collude con le prospettive limitate che teniamo per le famiglie del divorzio.

Per coloro che sono interessati, ecco alcune risorse:

Rituali di divorzio religioso:
http://www.beliefnet.com/Love-Family/Life-Events/Guide-To-Religious-Divo…

Le cerimonie di divorzio che ti aiutano a "festeggiare la vita dopo il divorzio":

http://www.ivillage.com/divorce-ceremonies-celebrate-your-life-post-marr…

Solutions Collecting From Web of "Che cosa succede se ci fossero cerimonie comunitarie per contrassegnare il divorzio?"