Che cosa significa per te una strategia nazionale per la prevenzione dei suicidi?

Lunedì i leader dell'assistenza sanitaria e del governo si sono riuniti per lanciare la nuova strategia nazionale per la prevenzione dei suicidi. Il Segretario per la Salute e Servizi Umani Kathleen Sebelius, il Surgeon General Dr. Regina Benjamin, il Segretario dell'Esercito John McHugh e il Vice Segretario degli Affari Veterani Scott Gould sono stati raggiunti da molti altri per condividere con il paese il primo aggiornamento della Strategia Nazionale in un decennio.

Per me, il lancio di una strategia nazionale riveduta è davvero un cerchio completo. È stato attraverso l'apprendimento della Strategia Nazionale originale quando ero alla scuola di specializzazione che ho iniziato a comprendere un approccio globale alla prevenzione del suicidio – piuttosto che un approccio "lanciare ogni stella marina nell'acqua". E ora, nel 2012, con il suicidio molto più sotto i riflettori di quanto non fosse nel 2001, quando è stata rilasciata la prima strategia nazionale, siamo ancora meglio pronti a vedere l'impatto delle persone che si preoccupano della prevenzione del suicidio che si uniscono per fare cambiamenti nel nostro nazione.

La strategia nazionale prevede 13 obiettivi e 60 obiettivi che promuovono la prevenzione del suicidio:

  • Promuovere un dialogo pubblico positivo; contrastare la vergogna, lo stigma e il silenzio; e costruire un sostegno pubblico per la prevenzione del suicidio.
  • Affrontare le esigenze dei gruppi vulnerabili e cercare di eliminare le disparità, adattando i programmi ai contesti culturali e situazionali in cui sono offerti.
  • Coordinando e integrando la prevenzione del suicidio con gli sforzi già esistenti rivolti alla salute e alla salute comportamentale e assicurando la continuità delle cure.
  • Promuovere cambiamenti nei sistemi, nelle politiche e negli ambienti che supporteranno e faciliteranno la prevenzione del suicidio e dei problemi correlati.
  • Riunire salute pubblica e salute comportamentale.
  • Promuovere sforzi per ridurre l'accesso a mezzi letali tra individui con rischi di suicidio identificati.
  • Applicare la base di conoscenze più aggiornata per la prevenzione del suicidio.

Cosa significa questo a terra? Speriamo che:

  • Altre figure pubbliche e persone normali parleranno della prevenzione del suicidio,
  • I gruppi a maggior rischio di suicidio otterranno l'attenzione che meritano,
  • La prevenzione del suicidio non sarà ancora un altro "silo" nel settore sanitario, ma una parte integrata di programmi e progetti incentrati su una serie di problemi di salute,
  • La prevenzione del suicidio sarà un'iniziativa top-down. Verranno creati sistemi che riducono la necessità per noi di provare a lanciare ogni stella marina nell'acqua,
  • Come le persone muoiono per suicidio – dove la gomma incontra la strada nella prevenzione del suicidio – sarà un'area di maggiore attenzione, e
  • Ricerca, ricerca, ricerca! E, quindi, la ricerca viene applicata alla pratica.

Di cosa sono più entusiasta?

La National Action Alliance for Suicide Prevention, un partenariato pubblico-privato fondato con l'obiettivo di portare insieme i changemakers nel governo, nel non profit e nel settore privato per lavorare alla prevenzione del suicidio, ha scelto le priorità per dirigere il proprio lavoro sulla base della strategia nazionale . Una di queste priorità è cambiare la conversazione pubblica sul suicidio e la prevenzione del suicidio.

Le storie che sentiremo sul suicidio e sulla prevenzione del suicidio saranno quelle che promuovono la speranza, la connessione, il sostegno sociale, la resilienza, il trattamento e il recupero.

Come qualcuno che lavora duramente ogni settimana su questo blog, non posso davvero aspettare.

Copyright 2012 Elana Premack Sandler, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Che cosa significa per te una strategia nazionale per la prevenzione dei suicidi?"