Che cosa significa essere mentalmente sani?

Oggi è la Giornata mondiale della salute mentale. Come parte della comunità di psicologia (di un certo tipo) sia come consumatore che come professionista nel campo della psicologia, cammino un confine tra la mia esperienza personale di ciò che alcuni potrebbero chiamare "malattia mentale" (depressione e ansia) e aiutare le persone che potrebbe essere chiamato o che si considerano "malati di mente". Come puoi vedere, ho qualche ambivalenza riguardo al termine "malattia mentale". Penso che il termine porti un'enorme quantità di stigma e che la maggior parte delle persone che cercano aiuto per i propri problemi di salute mentale non sia tanto malata quanto sbilanciata. Ovviamente, la malattia mentale è reale e molte persone soffrono incredibilmente di gravi malattie mentali. Ma la persona media che prende antidepressivi, per esempio, o farmaci anti-ansia prescritti, non sono "malati di mente", stanno semplicemente avendo difficoltà a trovare un sano equilibrio mentale.

Per me, la salute mentale si trova su un continuum. Non c'è posto dove saremo perfettamente mentalmente sani – come in, non avendo mai uno stato d'animo basso o agendo in modo malsano, senza mai parlare in modo negativo, senza mai bisogno di una fuga dalla realtà sotto forma di comportamento compulsivo – ma ci sono gradi di squilibrio, da occasionalmente sentirsi malinconici nei giorni grigi a psicosi deludenti in piena regola. Chiaramente, dal lato grave dello spettro, le persone hanno bisogno di assistenza medica professionale. Ma la maggior parte di noi che lotta si trova più vicina all'altra parte. Diventiamo tristi e non possiamo scuoterlo, essere ansiosi in certe situazioni, fare qualcosa (shopping, guardare la TV, giocare d'azzardo, bere, mangiare) a volte, o prendere decisioni non salutari radicate in problemi psicologici che abbiamo sviluppato durante il corso delle nostre vite.

Nel mio personale viaggio mentale, ho trovato due cose di estrema importanza nel vivere bene con le particolari tendenze del mio cervello: autocoscienza compassionevole e accettazione. Ho imparato che per far fronte bene alle carte che mi sono state date in termini di disposizione genetica, temperamento intrinseco e le ferite che la vita mi ha dato, devo innanzitutto prenderne delicatamente coscienza. Questo non significa vederli come difetti o punti deboli, ma come parte di me come i miei capelli, occhi e naso sono parte di me. Tutti conosciamo persone che odiano i loro capelli, occhi, naso o altra parte del corpo, e anche a volte vanno a drastiche (e costose) lunghezze per aggiustare quelle cose. Generalmente, anche quando qualcuno ha una trasformazione completa della chirurgia plastica, sono ancora infelici, perché l'infelicità è sempre andata più in profondità della particolare cosa di cui erano ossessionati. Per me, diventare compassionevolmente consapevole dei bisogni psicologici sottostanti che mi guidano (nel bene o nel male) significa che posso esplorare quei bisogni in un modo gentile piuttosto che cacciarli in una specie di missione di ricerca e distruzione che mi farà sentire rotto e debole. Non credo che i miei problemi psicologici "andranno mai". Tutto ciò che posso fare è conoscerli e imparare ad affrontarli meglio. Gli strumenti per questo, per me, includono la meditazione, la presenza mentale, l'esercizio fisico e il tempo nella natura, dormire abbastanza, mangiare bene, imparare a connettersi meglio con gli altri, vedere un terapeuta regolarmente, e sì, a volte assumere farmaci anti-ansia prescritti.

Allo stesso modo, l'accettazione non significa semplicemente sdraiarsi in un mucchio di lamenti e aspettare che il mio cervello mi faccia entrare, come talvolta ho sentito a voler fare; Accettare significa capire chi sono e non combattere contro quella conoscenza. Sono una persona – come tutti noi – con particolari tendenze, sia sane che malsane. Sarebbe una perdita di tempo, per non dire di essere incredibilmente irrispettoso di me stesso, di voler essere diverso da quello che sono nel mio cuore: un essere buono, gentile, premuroso e pieno di luce. Quando possiamo accettare chi siamo, possiamo andare a fare cambiamenti che ci rendano più di chi siamo già al di sotto di tutte le difese psicologiche e di altre sostanze che ci spingono a sfuggire al dolore che ci circonda. Questo rende anche più facile accettare gli altri per quello che sono veramente, e non per chi vogliamo che siano.

Quindi, in occasione della Giornata mondiale della salute mentale, incoraggio tutti noi a prenderci un po 'di tempo per congratularsi con noi stessi per aver raggiunto questo traguardo con le buone cose che abbiamo: l'amore per gli amici e la famiglia, la nostra salute (comunque possa essere. qualcuno disse una volta: "Se stai ancora respirando, stai bene"), le vite che siamo stati in grado di costruire, i nostri cervelli e corpi che ci hanno tenuti in vita. Anche se so che essere vivo a volte fa male, è importante prendersi il tempo per essere grati per ciò che abbiamo e per riconoscere con delicatezza i luoghi in cui possiamo cercare più equilibrio. Inoltre, in questo giorno, diamo un'occhiata a quelli che ci circondano – quegli esseri meravigliosi, amorevoli, a volte confusi e spettacolarmente irritanti – e inviamo loro anche compassione e accettazione. Come noi, stanno facendo del loro meglio e, come noi, potrebbero probabilmente apportare alcune modifiche. La vita è dura. Ma possiamo viverlo bene, anche con la malattia mentale o qualunque termine tu voglia usare, coltivando una gentile compassione verso noi stessi e gli altri.

Solutions Collecting From Web of "Che cosa significa essere mentalmente sani?"