Che cosa? Non possiamo dire "Vagina?"

Dimmi che non è vero. Le voci sulla strada dicono che le reti televisive hanno bandito una compagnia di tamponi per fare una pubblicità che usa la parola "vagina". Ehm, esattamente come dovremmo parlare dei tamponi senza usare la parola vagina? E cosa c'è di sbagliato in questo? Vagina vagina vagina! (Ok, ho appena suonato come un ragazzino ribelle? Bene.)

Apparentemente, dopo che questo infame annuncio di tamponi è stato bandito da tre reti, hanno rimandato l'annuncio e sostituito "vagina" con "laggiù". Anche con questo cambiamento, due reti non avrebbero ancora eseguito la pubblicità. Il che significa che hanno fatto un annuncio tampone senza mai fare riferimento ai genitali femminili. Voglio dire … duh, gente. È come fare una pubblicità di birra senza mai riferirsi alla bocca, alle labbra o alla lingua. Le vagine sono dove i tamponi vanno.

Due passi indietro

Forse per nessuna sorpresa, la compagnia ha finito per uccidere la pubblicità. Torniamo al tavolo da disegno in cui si pubblicizzano spot per l'igiene femminile sulle donne che corrono sulla spiaggia con sciarpe bianche fluttuanti, senza riferimenti a nessuna parte dell'anatomia femminile.

Una volta che mi sono calmato dopo aver letto di questo, ho iniziato a pensare. Perché siamo così spaventati a parlare di ciò che ci rende straordinariamente femminili? Voglio dire, sul serio. Ogni singolo essere umano su questo pianeta è uscito da una di quelle cose che non siamo stati chiamati ad alta voce sulla rete televisiva. La vagina è la fonte di tutta la vita, il portale del piacere, il cuore vivente e traspirante del mondo. Ma oh no . Non pensare nemmeno a pronunciare la parola ad alta voce. Cosa dà?

Perché diventiamo schizzinosi?

Innanzitutto, un disclaimer. Sì, sono un medico dell'OB / GYN che ha scritto un libro intitolato What's Up Down There? Domande che chiederesti al tuo ginecologo se fosse la tua migliore amica. In realtà volevo nominarlo Coochie Confidential , ma il mio editore non me lo permetteva. Mi è stato detto che potevo usare la parola coochie – o la vagina o qualsiasi altro riferimento ai genitali femminili – ovunque desiderassi nel testo del libro. Ma non sulla copertina. Oh no Non in copertina. "Laggiù" era abbastanza suggestivo. Ho detto: "A proposito di Pussy Power?" (Tee hee.)

Quindi sì, probabilmente sono più a mio agio con le vagine che con l'umano medio. Ho trasportato altri bambini delle donne attraverso di loro. Ho fatto Pap test all'interno di loro. Ho operato su di loro. Scrivo di loro. Ho cambiato i pannolini di mia figlia. E probabilmente ho assistito a oltre 100.000 di loro in tutta la loro gloria femminile nel corso della mia vita. Ne ho persino uno mio! Quindi forse ho una prospettiva speciale nel sentirmi inorridito dal fatto che non ci è permesso usare la parola vagina in televisione. Ma dubito di essere solo.

Non sei così sicuro? Queste parole ti fanno sentire a disagio? Sei una delle nostre signore socialmente timide che non è stata educata a parlare dei tuoi pezzi femminili? Forse tua madre lo chiamava "Front bottom" o "wee wee" o "down there". Ma questo non significa che non possiamo fermare la follia e chiamarla così com'è. Vagina. Vagina. Dillo con me. VAGINA. (Sai, adesso stai ghignando, anche se ti stai dimenando.)

Ma è più di un semplice gioco, amici. La lingua è una parte fondamentale dell'empowerment. Come possiamo essere autorizzati a ESSERE esseri interi, belli che rivendicano la nostra femminilità se non possiamo parlarne ?

Cosa dirò a Oprah?

E – più immediatamente – mi chiedo di cosa parlerò quando uscirà il mio libro e io sono fuori sul circuito del talk show!

Non puoi vedermi ora? "Così Oprah. Sì, ho scritto un libro intitolato "What's Up [bleep] [bleep]. È un libro che si impegna ad aiutare le donne ad imparare ad amare i loro [bleep]. Per come la vedo io, devi amare i tuoi [bleep] per amarti. La maggior parte di noi ha tanta vergogna, imbarazzo e trauma nel nostro [bleep] che abbiamo perso la capacità di essere veramente gioiosi e vitali. Ho scritto questo libro per demistificare il [bip], per educare le donne riguardo [bleep] [bleep] e per ricordarti che sei assolutamente perfetto, proprio come sei. Sono qui per dirti [bleep] RULE! "

Ok, non è andata così bene. Forse ho bisogno di dipingere un'immagine di un piccolo cespuglio verde tagliato in un cuore. Poi ogni volta che ho bisogno di usare la parola "vagina", mi limiterò a sollevare il mio sostegno e sorridere. Hmm ….

Non sono solo

Ho scoperto che le donne bramano l'opportunità di parlare delle vagine. Ovunque vada, le donne si riuniscono e mi raccontano storie. Quando insegno laboratori e mi unisco alla comunità con le donne, ricreano naturalmente la tenda rossa e parlano di cosa li rende femminili. Forse sono io. Forse avere un migliore amico ginecologo lo fa uscire nelle donne. Ma penso che dobbiamo liberarci di questo stupido tabù e far brillare una luce rosa brillante su ciò che ci rende donne.

Non sono il solo a pensarla così. Secondo uno studio condotto online nell'agosto 2009 da Harris Interactive per conto di Kotex, tra più di 1.600 donne nordamericane di età compresa tra 14 e 35 anni, 7 donne su 10 ritengono che sia tempo per la società di cambiare il modo in cui parla della salute vaginale, ma meno di metà (45%) si sente autorizzata a fare la differenza.

In risposta a questo, Kotex ha lanciato una campagna per far parlare le donne. Hanno creato una serie di annunci isterici che prendono in giro l'intera sterilità delle pubblicità per l'igiene femminile. (Voglio dire davvero, gente, i periodi sono disordinati, diventa reale.

Dico complimenti a loro. Diciamolo com'è. Diamo inizio alla festa. Diciamo VAGINA. E cambiamo il modo in cui la televisione (e il resto del mondo) parla di cosa significhi essere una donna. Voglio dire, andiamo. Li abbiamo tutti presi. Non c'è nulla di sporco, di vergognoso o di cattivo gusto nei loro confronti. E non dimenticare Le vagine fanno girare il mondo.

Cosa ne pensi? Diteci come vi sentite. Tutto questo V-talk ti spegne? Sei disgustato? Dilagato? Incazzato? Acceso? Dai. Torna coi piedi per terra. Piatto…

Lissa Rankin è un medico OB / GYN, un autore, un artista professionista rappresentato a livello nazionale, nonché il fondatore di Owning Pink, una comunità online impegnata a costruire una comunità autentica e responsabilizzando le donne a riprendersi il loro mondo. Sta attualmente ridefinendo la salute delle donne al Owning Pink Centre, la sua pratica a Mill Valley, in California. Lei è l'autrice del prossimo What's Up Down There: Domande che chiederesti al tuo ginecologo se fosse la tua migliore amica (St. Martin's Press, ottobre 2010).

Solutions Collecting From Web of "Che cosa? Non possiamo dire "Vagina?""