Che cosa hanno imparato i millennial riguardo i pregiudizi da questo test di Harvard

3dman_eu/Pixabay.com
Fonte: 3dman_eu / Pixabay.com

Immagina di tornare a casa da un simpatico ventenne che è sempre entusiasta di vederti, chiama "Mi manchi, tesoro" quando torni a casa dal lavoro e con chi non c'è mai alcun conflitto. I designer maschi Gatebox che hanno creato la ragazza virtuale olografica, Azuma Hikari, hanno appena rivelato il loro pregiudizio per un certo tipo di compagna.

Non c'è niente di intrinsecamente negativo in questo, naturalmente; il pregiudizio – la tendenza a favorire una cosa piuttosto che un'altra – è la scorciatoia mentale che tutti usiamo per navigare con successo in ambienti complessi quando siamo bombardati da più informazioni di quante possiamo affrontare. "Il problema arriva", dice Tiffany Jana, co-autrice di Overcoming Bias: Building Relationships Across Differences , "quando consenti ai pregiudizi inconsci – o ai ciechi – di influenzare il tuo comportamento e il modo in cui tratti gli altri". Questo problema è sempre più cruciale per millennials che presto, se non già, condurranno gruppi più eterogenei che mai.

Quindi, come fai a controllare che i tuoi pregiudizi non favoriscano inconsciamente certe persone e le pratiche sugli altri?

geralt/Pixabay.com
Fonte: geralt / Pixabay.com

Potresti iniziare prendendo uno dei Test di associazione di Project Implicit (IAT), ospitato dalla Harvard University. Questo è quello che ho chiesto a quattro persone di età compresa tra i 28 ei 30 anni: andare online, scegliere uno dei 14 argomenti proposti, trascorrere 10 minuti rispondendo alle domande degli scienziati di Harvard e di altri interessati a educare il pubblico su "pensieri e sentimenti al di fuori della consapevolezza cosciente e controllo ", e essere intervistato sui risultati. Mentre alcuni erano naturalmente ansiosi di scoprire potenzialmente che non erano così tolleranti come pensavano, lo IAT misura convinzioni, atteggiamenti e opinioni, non comportamento. Per esempio, scoprire di avere una preferenza per gli omosessuali, non significa che agirai in modo omofobico. Ciò che questi millennial hanno scoperto, tuttavia, ha rivelato alcune affascinanti intuizioni sugli influenzatori consci e inconsci del pregiudizio.

Dei quattro partecipanti solo il risultato del giurista cubano-americano di Eddie ha mostrato una "forte preferenza" che si allineava con il 75% del campione di partecipanti al web della IAT, per persone magre e obese. Spiegando perché, ha illustrato come il bias è uno dei meccanismi che tutti noi usiamo "per leggere le persone velocemente e navigare nel mondo in modo efficace". Dopo aver incontrato un agente immobiliare "piuttosto rotondeggiante", questo ha messo in guardia sul fatto che "essere sovrappeso e piuttosto arruffato in apparenza si tradurrà in una sorta di disorganizzazione professionale ".

La scelta del test da parte di Eddie era personalmente rilevante, come lo era per gli altri. All'inizio della scuola di legge era "appassionato di mantenere un'immagine professionale" anche perché "essere sovrappeso non si adatta all'immagine della legge, che è un campo molto conservativo", e potrebbe essere, "un ostacolo nel dire , cercando di influenzare una giuria. "

I risultati per gli altri millennial, tuttavia, erano "valori anomali", in gran parte influenzati dalle circostanze familiari e dall'educazione.

Liz Alexander
Fonte: Liz Alexander

Dopo aver preso il test della pelle, Priti, nato negli Stati Uniti da una famiglia del sudest asiatico, ha riportato una "leggera preferenza automatica per la pelle scura su persone dalla pelle chiara", un risultato trovato in appena il 7% del campione web di IAT. È anche troppo consapevole del fatto che gli standard indiani di bellezza favoriscono la pelle più chiara, perché la sua madre dalla pelle scura è stata presa in giro da bambino a Mumbai e ne parla ancora. Mentre Priti è stato educato a trattare tutti allo stesso modo, "Sembra che io abbia compensato eccessivamente l'altro capo della scala." Non fino a quando non ha fatto il test ha realizzato che trova anche più facile ricordare visivamente e descrivere le persone di colore piuttosto rispetto a quelli con la pelle chiara.

Sia Heather, una donna bianca, sia Matt, che è afro-americana, hanno preso il test chiamato Gender-Carriera – con risultati diversi ma allo stesso modo contrari. Heather, che lavora nella gestione dei dati per un'organizzazione di ricerca, ha riportato una "leggera associazione automatica con maschio e famiglia, e una donna con carriera", tipica di appena il 5% degli acquirenti IAT. Mentre questo è il contrario dello stereotipo, "Ha senso perché mio padre è rimasto a casa per essere il mio principale badante mentre mia madre lavorava", dice Heather.

Matt, d'altra parte, ha mostrato poca o nessuna associazione automatica tra femmina e famiglia e uomo con carriera, comune al 17% del campione web di IAT. Cresciuto da una madre single e fortemente influenzato da sua zia, "entrambi erano professionisti e incredibilmente imprenditoriali", Matt, educatore alla diversità, considera il suo risultato indicativo del suo punto di vista secondo cui le donne sono "leader molto capaci" che hanno mentorato e lo ha sostenuto durante tutta la sua carriera. Riflette anche la sua ricerca e il lavoro in corso, aiutando gli altri a capire la natura sistemica e istituzionale del pregiudizio in modo che possano iniziare ad aiutarlo ad eliminarlo.

La collega di Matt alla Wake Forest University, Shayla Herndon-Edmunds, direttrice della Diversity Education presso l'Office of Diversity and Inclusion, utilizza lo IAT da sei anni con studenti, docenti e personale per aiutare i partecipanti a elaborare i risultati in privato prima di imbarcarsi sulla "attività ad alto rischio" delle discussioni di gruppo. Mentre la consapevolezza è il primo passo, afferma Herndon-Edmunds, è importante cercare "una formazione per apprendere i passaggi, i suggerimenti e le migliori pratiche attuabili in modo che stiamo contribuendo a un trattamento equo per tutti".

geralt/pixabay.com
Fonte: geralt / pixabay.com

Un importante passo successivo, dice Tiffany Jana, riguarda ciò che questi quattro partecipanti hanno fatto in modo facile e veloce, il che avrebbe dovuto dare un senso al loro pregiudizio radicandolo nella realtà. Di solito, dice, ci vuole almeno una settimana dopo le reazioni che vanno dal chiamare i risultati "spazzatura" al sentirsi ansiosi di ciò che la parzialità dice di qualcuno. "Numerosi studi dimostrano che i livelli di bias sono coerenti tra generazioni se controllati per età. Ma essere fluente nel parlare e nel possedere pregiudizi apertamente sembra essere diverso per i millenni rispetto alle generazioni più anziane. "

Data l'attuale natura pervasiva dei pregiudizi di genere all'interno della comunità tecnologica, guardando avanti, questa deve essere una buona cosa. Destra?

( Nota aggiuntiva del 9 maggio 2017 : per coloro che criticano il test di pregiudizio implicito e ritengono che non sia valido, potresti essere interessato a un altro approccio trattato in un articolo intitolato: È così che finisce la discriminazione? Un nuovo approccio al pregiudizio implicito nell'Atlantico.)

(Una versione del mio articolo è apparso originariamente in Fast Company ad aprile 2017)

Solutions Collecting From Web of "Che cosa hanno imparato i millennial riguardo i pregiudizi da questo test di Harvard"