Che cosa è esattamente "il miglior interesse del bambino"?

L'articolo 3 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia richiede che gli Stati membri osservino il "miglior interesse del bambino come una considerazione primaria in tutte le azioni riguardanti i minori, intraprese da istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, tribunali, autorità amministrative o legislativi ". Come per la maggior parte degli articoli della Convenzione, tuttavia, una comprensione chiara e precisa del concetto di" interesse migliore "rimane elusivo, al punto che è soggetto a interpretazioni contrastanti. Ciò è particolarmente vero nel regno della genitorialità dopo il divorzio, in cui giudizi discrezionali soggettivi e carichi di valore sono all'ordine del giorno. Le opinioni degli esperti forniscono poca chiarezza e i responsabili delle decisioni vengono sconcertati quando gli viene chiesto di definire con precisione cosa intendono per "interessi migliori". E le definizioni degli esperti spesso si scontrano con ciò che i bambini e i genitori stessi considerano gli elementi chiave del concetto.

Suggerirei che quando parliamo dei "migliori interessi" dei bambini, dovremmo preoccuparci principalmente dei loro bisogni essenziali, aiutare i bambini a crescere e svilupparsi e raggiungere le loro capacità nella massima misura possibile. I bisogni sono i nutrimenti o le condizioni essenziali per la crescita e l'integrità di un bambino, e per ogni necessità c'è una corrispondente responsabilità. Nel regno della genitorialità dopo il divorzio, un approccio incentrato sull'infanzia pone le esigenze dei bambini in prima linea nelle considerazioni di "migliori interessi", insieme alle corrispondenti responsabilità istituzionali dei genitori e delle istituzioni in merito a tali bisogni. Se è possibile dimostrare che alcune modalità di vita, come la genitorialità condivisa, rispondono meglio ai bisogni fondamentali dei bambini, ciò fornisce un argomento convincente per l'adozione di tali disposizioni come standard legale. In effetti, è responsabilità delle istituzioni sociali, incluse istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, tribunali, autorità amministrative o organi legislativi, sostenere tali accordi.

Sono i figli di genitori separati che sono forse più vulnerabili a non soddisfare i loro bisogni essenziali, per due motivi principali. In primo luogo, i genitori subiscono molteplici perdite, transizioni e crisi e, di conseguenza, sono relativamente insensibili ai bisogni dei loro figli. In secondo luogo, i genitori sono in gran parte lasciati non supportati rispetto a queste transizioni e nell'adempimento delle loro responsabilità nei confronti dei bisogni dei loro figli, e in ultima analisi i bambini pagano il prezzo.

Per ogni esigenza dei bambini c'è una responsabilità corrispondente. Suggerisco che un nuovo approccio, un orientamento responsabilità-per-necessità per i migliori interessi dei bambini, è vitale per il futuro benessere dei figli di separazione e divorzio. Ed è responsabilità delle istituzioni sociali come i tribunali sostenere i genitori nell'adempimento delle loro responsabilità genitoriali ai bisogni dei loro figli, e non indebolirli, che è esattamente ciò che sta accadendo ai bambini all'interno dell'attuale contraddittorio, "vincitore-presa "tutto". Sebbene l'attuale politica e pratica legale enfatizzi il primato del "miglior interesse del bambino" come criterio nella determinazione della custodia dei figli, all'interno di un sistema contraddittorio basato sui diritti, i bisogni essenziali dei bambini sono spesso trascurati e la loro sicurezza, sicurezza e relazioni di attaccamento primarie sono messi a rischio. L'ostilità derivante dal processo contraddittorio e la perdita di un genitore come caregiver primario sono i più forti predittori di esiti negativi per i bambini.

La definizione stessa di "il miglior interesse del bambino" differisce notevolmente tra bambini e genitori da un lato, e tra giuristi e magistrati dall'altro, secondo uno studio del 2000 di Pruett e dei suoi colleghi. I giudici si concentrano sui deficit parentali quando determinano il "miglior interesse del bambino"; i genitori definiscono i "migliori interessi" in termini di bisogni dei bambini e le loro capacità di soddisfare tali esigenze.

Le opinioni dei genitori sui bisogni essenziali dei bambini sono state al centro di molti dei miei studi empirici sui bambini in famiglie separate. Nella mia ricerca (Kruk, 2010), ho scoperto che sebbene i bisogni fisici dei bambini fossero identificati dai genitori, nella grande maggioranza dei casi, i bisogni emotivi, psicologici, sociali, morali e spirituali dei bambini erano considerati di fondamentale importanza. Contrariamente alle opinioni di alcuni magistrati, i genitori indicano che il bisogno primario dei bambini è il coinvolgimento attivo e responsabile di entrambi i genitori nelle loro vite, anche nei casi di alto conflitto genitoriale. Corrispondentemente, la grande maggioranza dei genitori favorisce una presunzione legale di responsabilità parentale condivisa nei casi contestati.

La ricerca sui bambini e il divorzio ha identificato una vasta gamma di fattori che influenzano l'adattamento dei bambini alle conseguenze del divorzio. Principali tra questi sono i bisogni dei bambini per il mantenimento di relazioni parentali significative con l'amore di entrambi i genitori; essere protetti dal conflitto genitoriale in corso e dalla violenza familiare; stabilità nelle loro routine quotidiane; e sicurezza finanziaria. Tutti questi sono gravemente compromessi nel contesto del divorzio contraddittorio.

Oggi viene avanzato un approccio alternativo al "miglior interesse del bambino" che suggerisce che il nostro punto di partenza per garantire la giustizia ai figli di genitori separati dovrebbe essere un'alleanza o una carta delle responsabilità istituzionali dei genitori e dei bambini ai bisogni essenziali dei bambini. Tra le responsabilità primarie vi è quella di garantire che i bisogni dei bambini per il mantenimento di relazioni genitoriali significative e l'amore di entrambi i genitori, essendo protetti dai conflitti parentali in corso e dalla violenza familiare, e la stabilità nella loro routine quotidiana siano protetti.

Il punto di partenza di tale patto o carta è l'enumerazione dei bisogni essenziali dei figli dei bambini dopo la separazione dei genitori. I bisogni fisici sono forse i più facili da identificare: cibo, calore, sonno, salute, riposo, esercizio fisico, aria fresca. I bisogni psicologici, sociali, morali e spirituali, d'altra parte, sono un po 'più ambigui, ma non meno essenziali per il benessere dei figli del divorzio. Sono questi i bisogni "metafisici" dei bambini che saranno oggetto del mio prossimo ingresso.

Pruett, MK et al (2000). Opinioni dei genitori e degli avvocati sul miglior interesse del bambino. Rivista di divorzio e matrimonio, 33 , 47-63.

Kruk, E. (2010). "Le responsabilità istituzionali dei genitori e dei bisogni sociali dei bambini nella transizione al divorzio." J ournal of Men's Studies, 18 (2), 159-178.

Solutions Collecting From Web of "Che cosa è esattamente "il miglior interesse del bambino"?"