Che cosa dovresti sapere su argomenti online

L'hai già visto molte volte: un amico pubblica una notizia su Facebook o su un altro sito di social media e qualcuno che non conosce inizia a criticare il loro punto di vista. Lo scambio si intensifica rapidamente e spesso funge da astante. Spesso il dibattito si muove rapidamente verso il basso in nome di chiamata o bullismo. Le persone che scrivono post incendiari semplicemente per disturbare sono conosciute come "troll". Ci sono anche persone – le chiamo "troll light" – che sembrano divertirsi a discutere senza alcuna intenzione di raggiungere alcun tipo di comprensione reciproca. C'è una semplice cartina di tornasole per determinare se qualcuno cade in una di queste due categorie: sei offeso o arrabbiato quando leggi i loro commenti? Ecco alcune cose che dovresti sapere sui poster di disturbo:

1. La personalità del troll

In un recente articolo pubblicato su Personality and Individual Differences, i ricercatori hanno chiesto a più di 1000 persone su quali aspetti del posting online di cui godono. Alcuni si divertono a chiacchierare, altri si divertono a discutere e altri ancora si divertono a trollare. Si scopre che i troll hanno stili di personalità marcatamente diversi: sono più narcisisti, machiavellici, psicopatici e sadici. Per dirla chiaramente, non sono persone con le quali ragionate. Pensa a ciò la prossima volta che sei tentato di coinvolgere una persona simile in una discussione online.

Profili di personalità degli utenti on-line

Altrettanto interessante per me è la scoperta che le persone che amano discutere di problemi online hanno mostrato un profilo simile, anche se molto meno estremo. Una personalità di "troll light" è una cugina di un vero troll in quanto il precedente gruppo probabilmente difende le proprie azioni sostenendo semplicemente di essere in discussione. In effetti, molte di queste persone si considerano in grado di riempire un ruolo cruciale ponendo costantemente dei post sui critici. In entrambi i casi, troll e troll light, esiste un profilo di personalità diverso rispetto a coloro che vogliono semplicemente chattare o discutere.

2. Pubblicazione anonima

A differenza dei tempi passati, quando si stampava un opuscolo o un piccolo libro, il pensiero e le risorse personali che esprimevano un'opinione su Internet hanno pochissime barriere all'entrata. Questo fatto è aggravato dall'idea che molti siti, tra cui Psychology Today , consentono la pubblicazione anonima. Sicuramente ci sono motivi legittimi per cui l'anonimato potrebbe essere un modo ragionevole per farsi venire i post-whistle, ma criticare un banale post sul blog probabilmente non è uno di questi. I troll a volte godono della protezione che l'anonimato offre loro e talvolta sfruttano il fatto che la pubblicazione anonima può consentire loro di postare due volte: una volta sotto il proprio nome e una volta sotto il nome utente anonimo (o fabbricato).

3. Una nota cautelativa sull'umorismo

È importante distinguere la pesca a traina dai tentativi di usare l'umorismo che semplicemente non colpiscono il bersaglio. Occasionalmente, le persone scrivono commenti che credono siano spiritosi senza capire che Internet non offre gli stessi segnali relativi a tono e tempismo che sono spesso parte integrante dell'umorismo di successo.

Nel 2005 Justin Krueger e i suoi colleghi hanno testato empiricamente le percezioni dell'umorismo tramite e-mail. Hanno usato i famosi proverbi Jack Handy di Saturday Night Live. Questi sono brevi e talvolta bizzarri proverbi con conclusioni inaspettate che molte persone trovano umoristiche come "Immagino di tutti i miei zii che mi sono piaciuti allo zio Caveman. Lo chiamavamo zio Caveman perché viveva in una grotta e perché a volte mangiava uno di noi. Più tardi abbiamo scoperto che era un orso. "

Per testare le previsioni della gente riguardo l'umorismo via e-mail, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di scegliere alcuni dei loro proverbi preferiti di Jack Handy e poi li hanno inviati via email a un altro partecipante. A ogni persona è stato chiesto di valutare quanto fosse divertente il detto e di prevedere quanto sarebbe stato divertente il destinatario pensarlo. Le persone avevano la tendenza a esagerare con il valore della commedia delle proprie e-mail, assegnando loro indici di umorismo che erano più del doppio delle valutazioni fornite dai destinatari effettivi. I ricercatori hanno concluso che, poiché gli individui possono "giocare" la battuta nella loro testa, compresi il tempo e il tono, le battute suona meglio di quanto non facciano in forma di e-mail. Questo è un formidabile promemoria per chiunque voglia usare il sarcasmo su Internet.

Troll: cosa puoi fare

La strategia più semplice per gestire i troll è ignorarli. Questo può essere più facile a dirsi che a farsi perché molti dei loro commenti sono oltraggiosi o infiammatori. A volte ti identificano. Ancora più difficile è evitare gli individui con la luce dei troll. Spesso si inseriscono nei forum di discussione con il pretesto di offrire utili critiche o di sollevare punti di discussione interessanti, anche se critici. Non farti ingannare. Non stanno cercando un terreno comune né stanno cercando discussioni fruttuose. Sentono di sapere cosa è meglio e sono in gran parte interessati a trasmettere quella opinione.

Un consiglio finale sul comportamento dei troll: non oltrepassare involontariamente la linea. Un metodo semplice per trattare bene gli altri online è quello di scambiare la curiosità per le critiche. Prova a fare domande, "Perché ci credi?" "Cosa dicono gli altri esperti?" "Quanto ritieni che la tua opinione sia?" Tratta i membri della tua comunità online come tratterai le persone che vivono nel tuo vicinato. Se non puoi, semplicemente ignorali.

Il dott. Robert Biswas-Diener è un ricercatore e istruttore. È affascinato dagli aspetti difficili della psicologia umana e ha scritto su questi argomenti nel suo libro di prossima uscita, co-autore del Dr. Todd Kashdan: The Upside of Your Dark Side: Perché essere tutto il tuo sé, non solo il tuo "bene" – Il successo e l'adempimento delle unità sono disponibili da Amazon, Barnes & Noble, Booksamillion, Powell's o Indie Bound.

Solutions Collecting From Web of "Che cosa dovresti sapere su argomenti online"