Che cos'è il Karma e perché dovrebbe esserci importante?

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Il karma è diventato un argomento controverso. Poiché scrivo regolarmente sul dolore e la malattia cronici, sento molte persone che vogliono sapere perché stanno lottando con la loro salute quando altri non lo sono. Molti di loro pensano che la loro cattiva salute sia una retribuzione karmica per qualche passata azione negativa, e che si siano ammalati perché devono abbandonare questo "cattivo karma". Vedono il karma come una sorta di sistema giudiziario esterno dove sono condannati soffrire in base a qualche atto negativo che non riescono nemmeno a ricordare.

Con sincero rispetto per le opinioni degli altri, non credo che questo sia coerente con il significato del karma come il Buddha l'ha insegnato. Chiaro e semplice, nella psicologia buddista, il karma riguarda la natura delle nostre intenzioni, le nostre intenzioni in questo preciso istante.

La traduzione letterale del karma dal sanscrito è "azione", ma il Buddha ha spesso detto che il karma significa "intenzione":

Intenzione, ti dico, è il karma. Con l'intenzione, si fa karma attraverso il corpo, la parola e l'intelletto. (AN 6.63)

Per capire cosa intendesse il Buddha, pensa che le nostre azioni abbiano due componenti:

(1) il nostro "comportamento spoglio" e

(2) la nostra intenzione dietro quel comportamento.

(Nota: la parola "azione" include l'azione fisica, la parola e i pensieri, l'equivalente di "corpo, parola e intelletto" nella citata citazione dal Buddha). Ciò che importa formare il nostro carattere non è il "comportamento spoglio" questo costituisce la nostra azione ma la nostra intenzione di impegnarci in quell'azione. E, come disse il Buddha: l'intenzione è karma.

Considera l'azione fisica di maneggiare un coltello. Il semplice comportamento = maneggiare un coltello. Ma l'intenzione dietro quell'azione potrebbe essere quella di eseguire un intervento chirurgico salva-vita o potrebbe essere quello di pugnalare qualcuno con rabbia o derubarlo. Il Buddha ha identificato sei intenzioni che sono la forza motivante dietro le nostre azioni:

  • buona volontà (o gentilezza)
  • compassione
  • generosità
  • malevolenza (o rabbia)
  • crudeltà
  • avidità

Notate come le prime tre intenzioni rispecchiano le ultime tre: buona volontà / cattiva volontà; compassione / crudeltà; la generosità / avarizia.

Le azioni che si basano sulle prime tre intenzioni non sono dannose per noi stessi e per gli altri e risultano nell'alleviare la sofferenza. L'intenzione del chirurgo che maneggia un coltello per salvare una vita è di buona volontà, e forse anche di compassione e generosità.

Al contrario, le azioni basate sulle ultime tre intenzioni sono dannose. L'intenzione della persona che maneggia un coltello con rabbia o per rubare l'altro è di malevolenza o avidità e intensifica la sofferenza in questo mondo.

La stessa analisi applicata all'atto fisico di impugnare un coltello si applica alla parola. Se un uomo urla a qualcuno, "Non muoverti!", È il suo "comportamento spregevole". Ma la sua intenzione potrebbe essere basata sulla buona volontà (cercare di impedire alla persona di fare un passo davanti a una macchina in movimento) o potrebbe essere basato sulla cattiva volontà (le parole "non si muovono" vengono pronunciate con una pistola premuta contro la schiena dell'altra persona).

La stessa analisi si applica ai pensieri. Se pensiamo ai senzatetto, questo è il contenuto scarno dei nostri pensieri. Ma la nostra intenzione dietro quel pensiero potrebbe essere compassionevole (sperando che trovino un posto dove stare al caldo in inverno) o potrebbe essere crudele (sperando che si congelino al freddo).

Piantare semi comportamentali che formano il nostro personaggio

Il karma è fondamentale per il nostro sviluppo come esseri umani saggi, premurosi e amorevoli perché, se agiamo in base a un'intenzione non dannosa, ci predisponiamo ad agire di nuovo in quel modo. In altre parole, piantiamo un seme comportamentale. Iniziamo a formare un'abitudine. Al contrario, se agiamo in base a un'intenzione dannosa, ci predisponiamo ad agire di nuovo in quel modo, rendendo più probabile che la prossima volta che il nostro comportamento sarà dannoso.

Ecco cosa ha detto il Buddha su questo argomento:

Qualunque cosa una persona pensi e mediti di frequente, diventa l'inclinazione della sua mente … Se il pensiero di una persona è spesso imbevuto di cattiva volontà … la sua mente è piegata da quel pensiero intriso di malevolenza … (MN19)

La parola chiave in questa citazione è "inclinazione". Ogni volta che la nostra intenzione è di malevolenza, la nostra inclinazione a rispondere con malevolenza è rafforzata. In altre parole, è più probabile che agiamo per cattiva volontà in futuro. Viceversa, ogni volta che la nostra intenzione è di essere gentili, la nostra inclinazione a rispondere con gentilezza è rafforzata. In effetti, stiamo imparando a essere gentili e quindi saremo più propensi a essere gentili in futuro. La stessa analisi si applica alle altre quattro intenzioni.

E così, rispondendo con gentilezza, compassione e generosità, ci trasformiamo in una persona che è gentile, compassionevole e generosa. Stiamo formando il nostro personaggio. Questo, a sua volta, ha un effetto positivo sul mondo che ci circonda. (E naturalmente, il contrario è vero, dovremmo rispondere al mondo con malevolenza, crudeltà e avidità).

La chiave per imparare ad inclinarci verso intenzioni non dannose è riflettere se il nostro discorso o azione proposti intensificheranno la sofferenza per noi stessi e per gli altri o li alleggeriremo. Praticare la consapevolezza aiuta perché ci rende più consapevoli delle nostre tendenze reattive. Quindi, invece di agire impulsivamente per abitudine, saremo più in grado di esaminare le nostre intenzioni prima di agire.

Le implicazioni di questo possono cambiare la vita. Significa che abbiamo la capacità di cambiare noi stessi, non importa quanto siano radicate le nostre abitudini. Come disse il Buddha, "Intendendosi, si fa karma …" Quindi, con l'intenzione di non nuocere, noi "facciamo" il karma, nel senso che la persona che diventiamo è gentile, compassionevole e generosa.

Il karma è un insegnamento profondo, degno della nostra attenzione attenta.

Poscritto: parlando personalmente, credo di essere malato perché sono in un corpo e i corpi si ammalano, sono feriti e sono vecchi. Questa è l'essenza della prima nobile verità del Buddha.

© 2012 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri;

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015)

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni e opzioni di acquisto.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Ti potrebbe piacere anche "Chi era il Buddha?"

Solutions Collecting From Web of "Che cos'è il Karma e perché dovrebbe esserci importante?"