Chat Chit radiofonico

BBC Radio Sussex Studio

Durante le recenti vacanze natalizie, sono apparsa su un programma radiofonico della BBC di prima mattina ospitato dal cappellano della Sussex University, Gavin Ashenden. (Gavin è anche uno dei cappellani di Sua Maestà la Regina). Ha chiesto se, come uno psichiatra esperto di scienze, ho avuto qualche difficoltà a credere in Gesù e nel messaggio di Natale, e mi è sembrato di godere della risposta "inequivocabile" che gli ho dato : "sì e no". Sì, da un punto di vista, ma non da un altro, una prospettiva più profonda che ha avuto per me un'importanza fondamentale fin dall'infanzia.

È difficile immaginare come possa essere avvenuta una nascita vergine. Questo è meno che tu non faccia l'esperimento, a meno che tu non metta alla prova le conseguenze della storia del Vangelo nella tua vita. In questo modo diventa più sulla pratica che sulla credenza.

I principi dell'evoluzione darwiniana potrebbero sembrare altrettanto improbabili, fino a quando non ti impegni con loro e cerchi le prove. Gli scienziati ci chiedono di accettare molti fatti e spiegazioni straordinari; per esempio, alcuni grammi di materia possono combinarsi con una forza esplosiva sufficiente a distruggere una città e spegnere migliaia di vite in pochi secondi. Chi l'avrebbe mai creduto, fino a quando le immagini più crude di Hiroshima sono arrivate così vividamente e innegabilmente davanti ai nostri occhi complicati?

Ho detto al Reverendo Gavin che la parola "credenza" è problematica per me. Lo considero come un attaccamento implicito: la forma più forte di attaccamento a un'idea o a un'ideologia; qualcosa che una persona potrebbe essere riluttante a lasciare andare, anche di fronte a argomentazioni ragionate o di fronte a prove contrarie.

Rev Gavin Ashenden

Riferendosi alla storia cristiana, piuttosto che "credere", ho detto, "Cerco di vivere la mia vita con l'assunto che è tutto vero", nel senso (in un modo che non ho avuto il tempo di spiegare) che un intuito e la visione poetica di una realtà amorevole è tanto importante per noi umani quanto la verità (scientifica) letterale. Dopotutto, la neuroscienza ci dice che abbiamo due lati del nostro cervello. Comunicano tra loro, ma ognuno è adattato in modo diverso, permettendoci di sviluppare le abilità necessarie per apprezzare le cose sia analiticamente che poeticamente allo stesso tempo. In questo modo possiamo costruire un apprezzamento e una comprensione più completi e olistici di noi stessi e del nostro universo.

Ho amato la teoria dell'evoluzione da quando l'ho imparato a scuola. Amo la realtà poetica a cui punta: temi, ripetizioni, rime riproduttive, ritmi, distici e colori, creatività, continuità, bellezza, molteplicità senza soluzione di continuità, magnificenza, vastità e universalità … Ma, secondo me, una teoria biologica non lo fa adattarsi particolarmente bene alle dimensioni più elevate della psicologia personale o sociale, molto meno alla spiritualità. In altre parole, non può spiegare tutto.

Presepe con figure etiopi

È, naturalmente, il lavoro di una vita per esplorare la dimensione spirituale dell'esperienza umana. La ricerca è saggezza, un tipo di conoscenza sacra e compassionevole: la conoscenza di come essere e comportarsi. Questo è distinto dalla conoscenza fattuale, il tipo che si ottiene dalla scienza, la conoscenza derivata principalmente dalla misurazione, e dal chiedere "come" piuttosto che "perché".

Alla radio, ho detto a Gavin che il messaggio di Natale è essenzialmente uno di amore e redenzione. "Potrebbe non essere vero, ma funziona … e funziona sempre." Questo prete affabile mi disse allora che la nostra parola "credere" è connessa al "belieben" tedesco, che in origine significava "tenere amati". Non è quindi tanto la base per un argomento intellettuale muscolare. E 'piuttosto quello che fai tesoro, perché hai trovato che funziona.

Questo mi ha ricordato che, insegnando, incoraggiavo gli studenti di medicina a chiedere ai pazienti cosa è più prezioso e significativo nella loro vita, perché spesso è la porta della loro spiritualità.

Sembra importante aiutare le persone a scoprire e ad accedere a fonti di coraggio, speranza e forza al loro interno mentre sono malate o sofferenti. Questo è il motivo per cui i professionisti dell'assistenza sanitaria e sociale sono saggi nel fare domande come: "Ti consideri religioso o spirituale in qualche modo?" E "Cosa ti aiuta di più quando le cose vanno male?"

Uno studente che ha fatto questo è tornato a dire che il suo paziente (con una grave condizione medica) aveva risposto molto positivamente, e aveva parlato animatamente per qualche tempo, alla fine ringraziando lo studente per aver dedicato tempo e problemi ad ascoltare. La studentessa, con un chiaro scintillio di gioia nei suoi occhi, ha poi riferito con orgoglio al suo gruppo di pari, "È la prima volta in tre anni da studente di medicina che mi sento come se avessi davvero aiutato qualcuno".

Le persone guaritrici sono molto più che curare o sopprimere i sintomi. Oltre alla conoscenza basata sull'evidenza, richiede saggezza empatica e compassionevole. La guarigione implica aiutare le persone a sentirsi di nuovo integre; e nel tentativo di guarire gli altri, ci avviciniamo alla totalità noi stessi.

Copyright Larry Culliford

Solutions Collecting From Web of "Chat Chit radiofonico"