Charlie Sheen: Voyeurs "R" Us

Rispetto ad essere qualcuno,
essere qualcuno può sentirsi come se non fossi nessuno

Possiamo fissare, sorridere e vivere in modo indiretto attraverso i film di Charlie Sheen, "Lindsay Lohan e Tiger Woods" e poi guardarli mentre escono dalla scogliera senza che noi li seguiamo. Questo ci dà una via di fuga da quanto dolorosamente noiosi e insignificanti possiamo sentire.

L'Identificazione Introiettiva è il processo psicologico di prendere qualcuno nel nostro essere e sperimentarlo come se fossimo loro. Di solito è fatto per quanto riguarda le figure positive da Gesù Cristo a Dio ai modelli di ruolo, ma può essere fatto anche nei confronti di persone molto negative e autodistruttive come Charlie Sheen, Lindsay Lohan e altri.

Parte di ciò che alimenta è che la maggior parte di noi ha fame di vivere la vita, ma molti di noi hanno vite che possono sembrare così incredibilmente banali da non sembrare che ci sia molto da sperimentare. È quella fame che ci fa guardare gli sport, andare al cinema e alle opere teatrali, essere rivettati a American Idol , Dancing With the Stars , ecc. E fare molte cose che osserviamo piuttosto che partecipare effettivamente. È anche il motivo per cui acquistiamo fantasia automobili, vestiti stravaganti, gioielli, case lussuose e dipendenti.

La triste dipendenza, una volta iniziata, scatena un'enorme esplosione di un neurotrasmettitore chiamato dopamina e poi, una volta che ne abbiamo assaggiato e quanto sia terribile sentirsi schiantarsi da quell'impennata, iniziamo a cercare modi per mantenere alta la dopamina.

Ironia della sorte, Charlie Sheen e gli altri potrebbero essere assuefatti alle droghe, ma a causa del nostro bisogno di mantenere alti i nostri livelli di dopamina osservandoli e leggendoli, siamo diventati dipendenti da questo. L'unica differenza è che, fortunatamente, molti di noi riescono ancora a lavorare e tendono alle nostre amicizie e alle nostre famiglie, mentre Sheen e altri vanno giù da una scogliera.

Solutions Collecting From Web of "Charlie Sheen: Voyeurs "R" Us"