Charles Manson: il culto della personalità che circonda un assassino

Il famigerato assassino Charles Manson è morto all'età di 83 anni dopo aver scontato quarant'anni in un carcere statale californiano per una serie di uccisioni perpetrate da membri di una setta / comune denominata "famiglia Manson".

Manson si è distinto per il suo particolare fascino psicologico e repulsione a causa della sua presunta capacità di esercitare una tale presa mentale sugli altri, inducendoli a compiere uccisioni brutali sotto la sua influenza.

This work was created by a government unit (including state, county, and municipal government agencies) of the State of California and is subject to disclosure under the Public Records Act. It is a public record that was not created by an agency which state law has allowed to claim copyright and is therefore in the public domain in the United States.
Fonte: Questo lavoro è stato creato da un'unità governativa (compresi gli enti statali, provinciali e municipali) dello Stato della California ed è soggetto alla divulgazione ai sensi della Public Records Act. È un documento pubblico che non è stato creato da un'agenzia che la legge statale ha permesso di rivendicare il copyright ed è quindi di pubblico dominio negli Stati Uniti.

Questo potere sugli altri sembrava resistere fino quasi alla fine della sua vita; gli è stata concessa nel 2014 una licenza di matrimonio per sposare Afton Burton che all'epoca aveva 26 anni. La licenza di matrimonio è scaduta nel febbraio 2015. Eppure il loro rapporto era presumibilmente durato quasi 10 anni, con Afton che gli aveva scritto per la prima volta da adolescente.

Poiché stava scontando una condanna a vita, ai due non erano permesse le visite coniugali.

Manson orchestrò un gruppo di seguaci che intraprese una sparatoria omicida avvenuta tra luglio e agosto 1969. Uccisero l'attrice Sharon Tate, che era incinta di otto mesi e mezzo e sposata con il regista Roman Polanski, ma fu pugnalata più volte mentre supplicava per la vita del suo bambino non ancora nato.

Altre quattro persone a casa di Tate sono state anche selvaggiamente assassinate mentre il giorno dopo, una coppia a Los Angeles, Leno e Rosemary LaBianca, sono state uccise dai seguaci di Manson. Gli omicidi divennero noti collettivamente come omicidi della Tate-LaBianca.

Manson non era presente in nessuna di queste uccisioni, ma è stato comunque condannato per omicidio per aver diretto i suoi seguaci all'omicidio. Tale capacità di controllare gli altri si trova all'interno di una particolare personalità, o è più il risultato di particolari bisogni psicologici nei seguaci che vengono manipolati e sfruttati da una personalità subdola?

Esiste persino un termine all'interno della psicologia forense chiamato "hybristophilia", variamente definito come attratto o addirittura stimolato eroticamente da individui pericolosi. Alcuni specialisti ritengono che questo sia un tipo di attrazione perturbata più o meno allo stesso modo in cui le persone possono fissarsi su altri feticci, spesso definiti perversioni o parafilie.

Questo fenomeno delle donne che sono attratte e persino alla fine sposano infami assassini è ben noto.

Sheila Isenberg ha proposto varie teorie psicologiche intriganti nel suo libro "Women Who Love Men Who Kill". Ha intervistato 30 donne sposate con detenuti nel braccio della morte. Sosteneva che tali donne erano state abusate nelle loro vite precedenti, così che una relazione con un uomo dietro le sbarre diventa, paradossalmente, forse la relazione più sicura possibile.

Sheila Isenberg suggerisce che il matrimonio con famigerati serial killer come Charles Manson offre ad alcune donne che soffrono di bassa autostima il brivido della fama. Forse la notorietà di un killer fornisce un senso di valore. Più grande è l'impatto del suo crimine, più è importante per lei.

Charlyne Gelt, una psicologa californiana, ha studiato in profondità 26 donne, che hanno iniziato rapporti con detenuti e condannati a morte dopo essere stati incarcerati.

Il suo studio non era di assassini di massa di alto profilo, come Charles Manson, un crimine che è relativamente raro. La ricerca di Gelt è stata pubblicata come un libro intitolato "Angeli di Hades", che sondava le forze nascoste dietro un simile disegno magnetico e demistificando le relazioni distruttive.

Il dottor Gelt ha scoperto che queste donne erano spesso di successo, istruite, educate e fiduciose, non corrispondenti allo stereotipo popolare di essere "disfunzionali". Hanno sperimentato, a loro avviso, l'amore genuino e l'intimità emotiva del prigioniero, e questa è stata la prima volta che hanno avuto una simile attrazione. Molte delle donne hanno spiegato che quando hanno incontrato il prigioniero, hanno avuto il senso di connettersi con la loro anima gemella.

Il dott. Gelt sostiene che tutte le restrizioni in carcere al contatto fisico sembrano involontariamente contribuire a un'intimità ancora più intensa precedentemente non soddisfatta. Propone che alcune donne siano guidate da forti forze inconsce per riparare o salvare un criminale dai loro difetti perché questo è un modo inconscio di affrontare una ferita emotiva infantile all'interno delle donne stesse.

Il dott. Gelt sostiene che l'ambiente carcerario può, in qualche modo, persino replicare l'atmosfera emotivamente carica, a volte pericolosa dell'ambiente familiare della prima infanzia di queste donne.

Altri sostengono che divenire apparentemente indispensabili per qualcuno che è completamente dipendente da loro, solo forse come un bambino, significa che in queste donne molto primitive è come guariscono da un trauma infantile.

Forse queste donne sono spesso "curate" perfino dalla prigione, o sedotte dall'apparente vulnerabilità degli uomini imprigionati, ei prigionieri possono essere molto manipolativi, spiegando che il loro caso è difettoso, il che fa emergere l'istinto materno e di soccorso in alcune donne .

Micael Dahlén e Magnus Söderlund, della Stockholm School of Economics, propongono che gli assassini possano essere idolatrati e trovati attraenti proprio per il loro comportamento omicida.

Il loro studio, pubblicato sul Journal of Social Psychology , è intitolato 'The Homicidol Effect: Investigating Murder as a Fitness Signal.' 'Homicidol' è una fusione di 'Omicidi' e 'Idoli'.

Micael Dahlén e Magnus Söderlund sottolineano che le indagini hanno rilevato che il 91% degli uomini e l'84% delle donne hanno avuto vere fantasie sull'uccisione di qualcuno e che gli esseri umani probabilmente hanno un adattamento evoluto per la carneficina perché nei nostri ambienti ancestrali, la capacità di commettere un omicidio potrebbe essere considerato un tipo di "idoneità" genetica o evolutiva in termini di sopravvivenza.

Nei tempi antichi, l'omicidio poteva consentire l'acquisizione del territorio dei rivali, l'accesso sessuale al compagno di un concorrente, la protezione delle proprie risorse, la coltivazione di una reputazione feroce che scoraggia la mobilitazione dei nemici e la prevenzione degli intrusi dall'accoppiamento con il proprio partner.

Se la capacità di commettere un omicidio è una sorta di idoneità genetica, Dahlén e Söderlund hanno provato una previsione secondo cui un assassino viene percepito dagli osservatori moderni come un concorrente in forma e, quindi, come un partner attraente. Questo perché il nostro cervello si è evoluto per sopravvivere in condizioni antiche, non in quelle del mondo moderno molto più recente.

In due esperimenti un totale di 460 soggetti ha valutato le loro percezioni di una persona, in cui metà delle descrizioni includeva informazioni su un omicidio commesso sotto forma di una singola frase: "qualche tempo fa, John (Jane) ha ucciso una persona".

Lo studio straordinario ha scoperto che uccidere gli atteggiamenti degli osservatori potenziati e persino l'inclinazione a interagire con una persona. Gli osservatori sessuali opposti furono trovati più inclini a associare l'intento benigno all'atto dell'omicidio, come pensare che l'omicidio non fosse colpa della persona.

I ricercatori hanno scoperto che osservatori di sesso opposto hanno valutato le intenzioni di un assassino in modo più favorevole rispetto agli osservatori dello stesso sesso, sottolineando che questa scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per i processi giudiziari. Inoltre suggeriscono che i loro risultati spiegano perché gli assassini di alto profilo raggiungono uno stato simile ad un idolo, che definiscono l'effetto "omicidolo".

Micael Dahlén e Magnus Söderlund indicano numerosi esempi dell'effetto "Homicidol" nel loro articolo.

Amanda Knox è diventata "Foxy Knoxy" con adolescenti dappertutto e ha ricevuto posta da fan da tutto il mondo dopo essere stata accusata di aver ucciso il suo compagno di stanza in Italia nel 2007; il "Cannibal giapponese" Issei Sagawa, che dopo aver commesso un omicidio di alto profilo negli anni '80 ha lanciato una carriera come autore popolare e conduttore di talk show televisivo; e Charles Manson ispirò artisti musicali come Guns n 'Roses (che registrò una delle sue canzoni) e Marilyn Manson (che prese il suo nome).

Ma Russil Durrant, dell'Istituto di Criminologia dell'Università di Wellington, in Nuova Zelanda, sottolinea che l'idea di psicologia evolutiva che in qualche modo ci siamo evoluti per uccidere è problematica.

Nel suo studio intitolato "Born to kill? Una valutazione critica della teoria dell'adattamento agli omicidi, 'Russil Durrant sostiene che tra molti problemi con la teoria, è la questione di quanto fosse comune l'omicidio nel nostro passato evolutivo.

La sua analisi, pubblicata sulla rivista " Aggression and Violent Behaviour", riporta cifre che a livello globale, circa 520.000 persone erano al momento della pubblicazione di quello studio (2009) vittime di omicidio ogni anno. Secondo un rapporto del 2013 dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), tra il 2005 e il 2012, il tasso medio di omicidi negli Stati Uniti è stato di 4,9 per 100.000 abitanti rispetto al tasso medio a livello mondiale, pari a 6,2.

Sulla base dei dati per gli Stati Uniti in quel momento in cui Russil Durrant ha pubblicato il suo studio, il tasso complessivo di omicidi annuale era di circa 5,6 per 100.000 individui, il che si traduceva in un rischio di morte di circa uno su 225 nel corso della vita.

Da quella prospettiva, forse l'omicidio non sembra un evento raro.

Michael Spychaj della Wilfrid Laurier University in una recente tesi e dissertazione dal titolo "Gli assassini seriali sono interessanti, non sono eroi": confini morali, gestione dell'identità e lavoro emotivo all'interno di una comunità online, "esplora varie teorie su come è seriale gli assassini oggi attirano il fandom attraverso le fiorenti comunità online.

Il suo studio pubblicato nel 2017 esplora varie teorie, incluso quello "fandom" assassino, "consente ai fan di vivere vicariamente qualcosa che è al di fuori dei confini della normale vita di tutti i giorni. Considera anche una teoria secondo la quale gli assassini seriali possono agire come "idoli di distruzione", rappresentando una sorta di definitiva ribellione contro la legge e l'ordine e la società in generale. Questo serve a stimolare un brivido e il senso di libertà per procura.

Alcuni sostengono che l'innocenza della rivoluzione hippy contro-cultura della massima libertà, iniziata negli anni '60, sia terminata, in parte perché è stata uccisa da Charles Manson.

Una versione di questo articolo è stata pubblicata per la prima volta su The Huffington Post.

Solutions Collecting From Web of "Charles Manson: il culto della personalità che circonda un assassino"