Certezza morale e vero credente

Crescere cattolico negli anni '40 e '50 è stato un esercizio nella gestione della paura. Mi sentivo sotto il controllo della chiesa con una promessa di salvezza basata su una serie di proibizioni e pene minacciate che assicuravano che rimanevo trattabile, ansioso e pieno di sensi di colpa.
L'idea che trovavo più intimidatoria era l'equivalenza spesso ripetuta di "pensiero, parola e azione". Non veniva fatta alcuna considerazione per la natura incontrollabile delle fantasie e dei sentimenti. Invece, l'incapacità di trattenerli era visto come, non semplicemente un precursore del peccato, ma come il peccato stesso. Il genio del marketing della chiesa era evidente nel fornire l'unica via di fuga per le nostre anime immortali attraverso il sacramento della confessione.
Ogni settimana mi sedevo fuori dal confessionale, rovinando il mio cervello per dei peccati che sarebbero stati convincenti ma che non richiedevano una penitenza più lunga di un paio di rosari. Immaginavo che se avessi esposto le profondità deplorevoli della mia immaginazione giovanile che sarebbe stato necessario niente di meno che una fustigazione pubblica per espiare un tale peccato. Ho regolarmente confessato di aver inavvertitamente mangiato carne venerdì, il che aveva il vantaggio di essere un peccato mortale e in qualche modo cancellabile con alcuni Padre nostro e Ave Maria.
Una volta all'anno nella Chiesa di San Paolo Apostolo, alla congregazione era richiesto di alzarsi in piedi e recitare il pegno della "Legione della decenza", il braccio della chiesa che decretava quali libri e film erano vietati ai fedeli. Era di una domenica all'età di 16 anni che ho fatto quella che sarebbe stata l'ultima interruzione con la fede cattolica di mia madre, rifiutando di alzarmi e giurare che avrei rispettato le proscrizioni della Legione.
Come è successo, ero, nel mio stato adolescenziale impazzito per sesso, determinato a vedere il film di recente uscita, "The Outlaw" ("SENSATION Too Startling To Describe!") Che mostrava una scena di Jane Russell che si arrampicava sul letto, completamente vestita , con Billy the Kid (Jack Beutel). In realtà, è stato l'effetto prodotto dal reggiseno a ponte sospeso progettato da Howard Hughes, indossato da Miss Russell, che all'epoca mi sembrava più interessante.
Il desiderio di vedere un film può sembrare un motivo banale per rompere con la fede in cui è stato sollevato, ma è così. Penso di essere solo stanco di sentirmi in colpa per pensieri e impulsi che conoscevo ampiamente condivisi. (Io, naturalmente, non mi ero mai reso conto allora di quanto fossero condivisi – ea volte agiti – dai sacerdoti che controllavano così le nostre vite spirituali).
Quando andai a West Point, la chiesa di domenica era un evento richiesto, così scelsi di marciare verso la Cappella protestante, dove la musica era migliore, nessuno recitava il latino, e "i soldati cristiani in andata" avevano una rilevanza letterale. Alcuni anni dopo mi sono ritrovato in Vietnam.
Suppongo che non avrei dovuto sorprendermi del fatto che il Corpo dei cappellani, come il Corpo medico, fosse una sussidiaria interamente posseduta dai militari e si preoccupasse di fornire una sorta di giustificazione teologica per il compito da svolgere invece di limitarsi a prestare assistenza alle anime di i soldati. Era consuetudine chiudere il briefing di ogni sera con una preghiera. Una notte, il nostro ufficiale in comando si rivolse al cappellano e gli chiese: "Per che cosa dovremmo pregare stasera, cappellano? Che ne dici di un grande numero di corpi? "Il Cappellano fece come segue:" Aiutaci, Signore, ad adempiere l'ordine permanente del reggimento. Cerchiamo di trovare i bastardi, poi ci concentriamo. "

Di tutte le storie con cui regolare le nostre vite, perché non scegliere quella che infligge il minimo danno ad altre persone? Il problema con la fede più profondamente radicata è che richiede ai suoi aderenti di considerare la loro particolare soluzione al puzzle della vita come l'unica valida. A prescindere dall'arroganza di una tale ipotesi, c'è una credenza implicita che si ha quindi il diritto di imporre le proprie risposte agli altri.
È la sua forma più gioiosa che questa spinta al proselitismo diventi uno sforzo per "condividere la buona notizia" della salvezza. Il vantaggio di questo approccio dal punto di vista della società in generale è che coloro che non sono interessati possono cambiare il canale; nessuno è tenuto ad ascoltare. Sfortunatamente, le persone che sono piene dello Spirito Santo spesso non sono soddisfatte semplicemente per persuadere. Prima o poi il bisogno di costringere gli altri ad ascoltare comincia ad emergere. Così hanno bisogno di infliggere una preghiera pubblica e settaria agli studenti; o l'obbligo di iniziare gare atletiche e lauree invocando Gesù; o l'assoluta necessità di avere "sotto Dio" incluso nella grande religione secolare che è il patriottismo.
Anche se fossimo tutti costretti ad ascoltare le preghiere pubbliche dei fedeli (perché, ci si chiede, un Dio onnipotente richiede una lode così frequente?) Le cose non sarebbero intollerabili. Ma, ovviamente, le parole non sono abbastanza. Se uno è a conoscenza della verità rivelata, coloro che non ascolteranno devono essere costretti a conformarsi alla parola di Dio. Non è sufficiente che i benestanti perdano le loro anime e le loro possibilità di vita eterna, devono prima perdere il diritto di vivere in questo mondo secondo le proprie luci.
Il tema che attraversa qualsiasi credenza coercitiva fondamentalista, sia nel Dio dell'Islam che nel Dio dell'Antico Testamento, è che alla fine dobbiamo corrispondere alle nostre strutture sociali e governative ai precetti del Corano o della Bibbia (come interpretato da i veri credenti). I talebani in Afghanistan e i mullah in Iran ci hanno dato un'idea di ciò che assomiglia a una simile società, in cui la chiesa è lo stato. Non è una bella immagine e ricorda, curiosamente, la struttura sociale del comunismo ateo interpretata dalla leadership sovietica nel ventesimo secolo.
L'elemento che tutte queste società hanno in comune è la regola della paura e la passione per la pena di morte per trattare con eretici e miscredenti. Sono, in effetti, affezionati alla punizione in generale. Se si considera la visione fondamentalista cristiana di argomenti così diversi come l'aborto, il matrimonio gay, il controllo delle armi, la pena capitale e corporale, la ricerca sulle cellule staminali, la contraccezione, il creazionismo, i problemi della fine della vita e la preghiera scolastica, si trova la stessa cosa: quelli chi non è d'accordo con la dottrina fondamentalista merita di essere punito. Ciò include le persone che fanno sesso al di fuori del matrimonio, in particolare le madri non sposate e le persone gay, coloro che non credono nella divinità di Gesù Cristo, coloro che soffrono di malattie (diabete giovanile, Parkinson, Alzheimer) che potrebbero trarre beneficio dalla ricerca sulle cellule staminali e infine quelli sfortunati che i loro cervelli muoiono davanti ai loro corpi. Trovo difficile credere che una teocrazia cristiana sarebbe più gradevole di una islamica.
L'essenza della democrazia (e, per coincidenza, della salute mentale) è la libertà di scelta, la scelta di vivere la propria vita come piace a patto che non si intrometta nei diritti degli altri. Il nucleo del credo fondamentalista, tuttavia, è la limitazione della scelta ("Non devi … .."). Non per i fedeli sono le aree grigie del relativismo morale che deplorano in "umanesimo secolare". Insistono sugli assoluti morali espressi nella loro particolare interpretazione della Bibbia.
Le persone profondamente religiose sono, per definizione, certe che hanno ragione riguardo alle questioni fondamentali dell'esistenza umana. È nella natura di coloro che sono imbevuti di fede avere completa fiducia nella realtà (inamovibile) di una particolare divinità e certezza in una specifica interpretazione di alcuni gruppi di scritti religiosi che pretendono di rivelare la volontà di Dio.
Per qualche ragione, forse l'amore umano di una buona storia, sembra anche necessario creare un avversario metafisico per la nostra divinità scelta, un'incarnazione del male che, per pura corruzione non spiegata, compete per la nostra fedeltà e anime immortali. È questo conflitto cosmico che dà origine alla visione a due alternative degli eventi umani che ha implicazioni così distruttive per le relazioni tra persone e nazioni in un mondo diverso e ambiguo.
Questa è, almeno come la "lezione dell'11 settembre": la credenza che definiva gli attentatori suicidi era che erano impegnati in un atto profondamente religioso, colpendo il cuore secolare degli infedeli. Il loro grado di certezza non può essere messo in dubbio e le loro ultime parole quasi certamente erano Allah Akbar, Dio è grande. Si consideravano "scelti".

C'è al momento una "guerra culturale" condotta per l'anima di questo paese. Da una parte ci sono persone che conferirebbero personalità su una microscopica raccolta di cellule mentre sostenevano la guerra preventiva e la pena capitale, che vede la moralità in termini di proibizioni, che vorrebbe che tutti noi adorassimo lo stesso Dio vendicativo (ma compassionevole). Sono persone che hanno una visione chiara del paradiso e dell'inferno e che sanno chi appartiene. A loro piace, soprattutto, mantenere le cose semplici.
Di tutti i diritti garantiti dalla nostra costituzione e dalle nostre leggi, quella che viene raramente discussa ma goduta universalmente è il diritto di essere lasciati soli. L'esercizio di questo diritto richiede non solo la libertà di religione, ma anche la libertà dalla religione. Non è abbastanza avvertimento che i fondamentalisti ci hanno dato il presidente più bellicoso (Bring'em on! ") In memoria, qualcuno che ci ha portato in una" crociata "contro i" malfattori "- che, ovviamente, si rivelano fondamentalisti di una striscia diversa?

Lo spirito della democrazia si basa sulla convinzione che nessuno ha un angolo nella verità. Siamo tutti esseri umani fallibili, che lottano per creare un mondo in cui rispettiamo il diritto degli altri di inquadrare le proprie convinzioni sulle grandi domande della vita nel modo che a loro sembra migliore. Se c'è un'esistenza oltre questa, non può essere in un posto che ammette una piccola parte dell'umanità basata su un incidente di nascita o fede. Se il cielo ci ha obbligato a vivere con questi teocratici che adorano l'idolattezza, che attendono il rapimento e adorano gli idoli, molti di noi potrebbero semplicemente optare per l'alternativa.
Nella lunga storia dell'umanità ci sono state molte storie per spiegare l'origine e lo scopo della vita, per confortarci di fronte alle disgrazie e alle ingiustizie che ci circondano e per darci speranza di fronte alla morte che è il nostro comune destino. Si desidera ardentemente una storia che promuova l'idea che le nostre concezioni di Dio e il suo ruolo nelle nostre vite siano varie e culturalmente determinate, che sia arrogante supporre che una fede sia superiore a un'altra. Qualunque sia la propria concezione del paradiso, l'inferno sulla terra è creato dai tentativi di promuovere coercitivamente un insieme di credenze rispetto ad un altro. Desidero ardentemente l'emergere di una fede la cui dottrina fondamentale approva l'umiltà e la tolleranza. L'idea principale dietro una tale chiesa sarebbe che Dio apprezzi le opere buone sulla pietà. E il comandamento essenziale sarebbe "Tu manterrai la tua religione a te stesso".

Solutions Collecting From Web of "Certezza morale e vero credente"