Cerco terreno comune 3: riaffermazione dell'impegno americano

"The First New Nation." Questo è ciò che il sociologo politico Seymour Martin Lipset definì l'impresa americana. Eravamo le prime persone, o almeno così sosteneva, a ribellarsi con successo contro il nostro colonizzatore europeo e, dopo averlo fatto, ad affrontare il compito di fondare una nazione moderna. La maggior parte di noi oggi è orgogliosa del successo dei nostri fondatori. Ma sappiamo anche che il loro grande progetto rimane incompiuto, anzi non è mai stato progettato per essere completato. Collettivamente e individualmente, gli americani hanno sempre vissuto nel futuro molto più che in passato. Tutti noi siamo incoraggiati ad armeggiare e inventare e a fare cose, incluso noi stessi, meglio di prima.

I due precedenti saggi hanno offerto opinioni contrastanti su questo processo di cambiamento. Quelli che si definiscono conservatori sono più riconciliati con le fragilità della natura umana. Triste o no, le persone hanno bisogno di proteggersi e consolidare il loro interesse personale. Le alleanze basate sulla famiglia, la religione, l'etnia e la comunità locale sono utili a questo riguardo. I progressisti, d'altra parte, immaginano nuovi modelli di connessione sociale che affrontano le sfide di una società globale in rapida espansione, urbanizzante e diversificante. Il futuro richiede differenti concezioni di comunità e, con queste, nuove idee sui diritti e le responsabilità delle persone?

Molti degli scritti di questa serie hanno commentato le tensioni inerenti all'esperimento americano. Come abbiamo visto, la prospettiva dei risultati individuali, perseguita a parole dell'aspirante, brilla. L'auto-creazione è forse il tema dominante della nostra mitologia individualista. Ci viene detto di migliorare noi stessi acquisendo istruzione, lavoro, amici, familiari e proprietà di ogni descrizione. Sogni lontani – siano questi televisori più grandi, case di vacanza, lavori con un ufficio d'angolo, nuovi sposi o luoghi in paradiso – devono essere valutati strategicamente e poi realizzati. Le posizioni migliori nella vita sono quelle in cui l'occupante si siede in modo semplice e controlla tutto ciò che si trova sotto. Creature sociali, ci piace vedere e essere visti in contesti favorevoli.

L'altra parte del sogno americano riconosce il nostro rispetto per le altre persone, che presumibilmente sono simili a noi nelle loro preoccupazioni e impegni. Per coloro che sostengono l'approccio competitivo di questo paese alle relazioni umane, ciò significa riconoscere l'ideale del "fair play". Ma al di là di tale competizione, questo valore indica l'importanza della fiducia e della cooperazione. La maggior parte delle "cose ​​buone della vita" non possono essere acquisite interamente con i nostri sforzi. Abbiamo bisogno di altre persone per aiutarci a realizzare le nostre ambizioni, per darci l'approvazione per quello che abbiamo fatto e per aiutarci a riprenderci dai nostri fallimenti. La libertà è una condizione sociale, che è salvaguardata, volontariamente, da milioni di persone.

Tali tensioni Lipset ha capito chiaramente. E ha anche visto come l'uguaglianza – non solo delle condizioni ma anche delle opportunità – veniva annullata dalla ricerca della ricchezza, sia da parte di individui sia da parte di organizzazioni. The First New Nation è stata pubblicata più di 50 anni fa. Chi oggi dichiarerebbe la sua tesi sbagliata?

La mia preoccupazione in questo saggio è di discutere le prospettive di chiusura della divisione filosofica tra rosso e blu, che ora caratterizza la società americana. Non vedo alcun punto nel dichiarare una posizione – conservatrice o progressista – superiore. Dopo tutto, ci sono un'abbondanza di commentatori radiofonici e televisivi, editorialisti di giornali e sponsor di siti Web che si dedicano a questo compito.

Né penso sia sufficiente dire che non abbiamo un linguaggio persuasivo, e quindi guida le idee, per le sfide che affrontiamo. Quel punto di vista, può essere ricordato, è stato presentato da Robert Bellah e dai suoi colleghi nel loro libro di rottura, Abitudini del cuore. Gli americani possono mancare di coerenti supporti culturali per concettualizzare il benessere e riconoscere il loro debito reciproco. Ma dire frasi non sono abbastanza. Come ogni insegnante sa, coloro che dovrebbero essere istruiti devono vedere la pertinenza di ciò che viene insegnato.

Per lo stesso motivo, l'esortazione morale è malriposta. Probabilmente, il mondo sarebbe un posto migliore se avessimo amato i nostri vicini come noi stessi, trasformato l'altra guancia dopo essere stati colpiti, e donato molte delle nostre cose in beneficenza. Senza dubbio, dovremmo essere più auto-disciplinati. Molti di noi bevono, mangiano e fumano troppo e commettono innumerevoli altre indiscrezioni che hanno contagiato e afflitto gli uomini nel corso dei secoli. Tale "riarmo morale", per usare termini che erano alla moda un paio di decenni fa, non è mai inappropriato. Ma non è il corso che seguo di seguito.

Invece, vorrei concentrare la discussione sui modi in cui i gruppi ideologicamente divisi possono superare "posizioni" pubblicamente proclamate per comunicare su questioni di interesse condiviso – sul concetto di "interesse personale".

Fare questo, dovrebbe essere riconosciuto immediatamente, sembra essere l'esatto contrario di ciò che è necessario ora. L'interesse personale, come la maggior parte di noi lo capisce, connota la ricerca privatizzante e acquisitiva di individui. Secondo quel credo, le persone dovrebbero essere "autosufficienti". Dovrebbero difendersi da sole, costruire forti recinti, coltivare i propri orti e riflettere su questioni difficili nei recessi della propria coscienza. Dovrebbero armarsi per le difficoltà della vita. In che modo tutto ciò porta a conversazioni migliori su preoccupazioni comuni in un periodo di cambiamenti rapidi e di ampia portata?

La mia risposta – e un tema coerente di questa serie di saggi – è di espandere le idee sia di "sé" che di "interesse".

Non discuto il fatto che molti di noi continuano a pensare al "sé" nella moda del diciannovesimo secolo appena descritta. Noi equipariamo noi stessi con i confini del corpo e della mente; il sé è ammobiliato e difeso dai beni: membri della famiglia, case, conti bancari, animali domestici e credenze immagazzinate nella mente. Questa visione, articolata dal grande psicologo William James, ha molto da raccomandare. E le persone che si concettualizzano in questi termini sono spesso feroci nelle loro qualità di fermezza, carattere, capacità di recupero e determinazione morale.

Ma il concetto del sé privatizzato, come lo stesso James lo ha riconosciuto, non è mai stato del tutto adeguato. Le persone non si distinguono dal mondo; loro vivono al suo interno. Riconoscono le proprie responsabilità agli altri; sanno di dipendere da questi altri per soddisfare i loro bisogni fondamentali; anzi, si identificano con tali persone. Quale adulto – almeno quello che ammireremmo tutti noi – proclama l'interesse personale a spese della sua famiglia? Chi è incurante dei sentimenti degli amici più cari? Chi ruba ai loro figli o distrugge le tombe dei loro nonni? La maggior parte di noi riconosce le nostre connessioni con altre persone, in particolare quelle che amiamo, ma anche quelle che ci forniscono i servizi di cui abbiamo bisogno.

Credo che siano solo le persone "moderne" che mantengono questa pretesa di autosufficienza. Le persone nel passato – e nelle società tradizionali – sanno ancora che la loro stessa esistenza dipende dai gruppi che li proteggono e garantiscono loro le loro identità. Essere esclusi da questi contesti di definizione è una cosa terribile. Limitano tutti, sì. Ma sono anche fonti di essere.

Per noi moderni, quindi, la sfida è riconoscere l'estensione delle nostre relazioni con gli altri. Chiaramente, i nostri obblighi nei confronti dei nostri coniugi e figli sono trattati legalmente. Ci sentiamo moralmente legati ad altri parenti, compresi i nostri genitori. Ci piacciono i nostri amici. Noi tolleriamo gli altri nelle nostre chiese, nei luoghi di lavoro e nelle scuole. Oltre a questo, gli impegni diventano confusi.

Ma abbiamo torto a concepire le nostre auto-connessioni in modo così ristretto. Se crolliamo per strada, dipendiamo interamente dal passante utile. Quando le nostre vite sono minacciate, ci affidiamo ai primi soccorritori: vigili del fuoco, soccorritori e personale ospedaliero. Le nostre amate libertà sono protette dai nostri agenti di polizia e personale militare. Saremmo sciocchi a dichiararci indipendenti da loro.

Ma dipendiamo anche dalle persone (comunemente invisibili) che consegnano la nostra posta e i nostri giornali. Ci sono i cassieri del negozio e i ristoranti che ci trattano cortesemente. Guidiamo treni e autobus e facciamo riparare le nostre macchine da persone di cui ci fidiamo. Quando i nostri sistemi di riscaldamento si spengono o le lavatrici si rompono, vogliamo che persone di riparazione oneste e competenti entrino nelle nostre case. Ci aspettiamo lo stesso livello di impegno da parte dei nostri insegnanti, leader religiosi, avvocati, dentisti, terapisti e allenatori. È possibile concepire queste persone semplicemente come mercenari. Ma credo che molti di noi riconoscano che sono molto più di questo. Sono le persone molto reali – con interessi e preoccupazioni che differiscono poco dalla nostra – che rendono possibili le nostre vite. Molti di loro ci tengono a un livello personale; e loro ricambiano i nostri sentimenti.

È abbastanza facile riconoscere alcune connessioni alle persone che vediamo regolarmente. Ma che dire di quelli che non vediamo, anzi, non vedranno mai? Qualcuno, presumibilmente, sta raccogliendo i frutti e le verdure che mangiamo. Altri li confezionano e li portano nei nostri negozi. Gli umani raccolgono spazzatura e puliscono le strade. Spianano le strade. Quelle stesse persone pagano le tasse e quindi supportano i servizi pubblici che usiamo. Fanno acquisti in alcuni degli stessi negozi che facciamo e sono in linea con noi. A volte, tengono le porte per lasciarci passare e noi ricambiamo la loro cortesia.

Cosa hanno a che fare questi estranei con noi? Perché dovremmo preoccuparci se le loro vite sono relativamente sicure e confortevoli? Importa se i loro figli sono ben istruiti, se le loro famiglie sono religiose o patriottiche, se si impegnano in una società civile ordinata?

Ci sono alcune persone che scelgono di vivere all'interno di un complesso recintato, lontano dagli intrecci della società. Ma il resto di noi vive profondamente nel mondo più ampio. Abbiamo contatti, se non solo sguardi di reciproco riconoscimento, con migliaia di persone, molte delle quali estranee e semi-estranee. È interamente nel regno del nostro interesse personale che tali persone condividono una visione della vita simile alla nostra.

Per dirla come una domanda, cosa ci giova se le nostre strade e luoghi pubblici sono pericolosi? Perché dovremmo volere la piaga della salute pubblica dell'abuso di droghe o il problema strettamente correlato degli atti criminali da parte di coloro che devono ottenere la loro correzione? È nell'interesse di chiunque sostenere una "seconda economia" criminale, per ingombrare le enormi spese di arrestare e perseguire tali persone, o di avere un'alta percentuale della popolazione nelle carceri che fungono da scuole per la criminalità e avvelenare le possibilità degli occupanti di -entrare nelle impostazioni più ordinarie della società?

Questo non è un argomento per il trattamento ammorbidito di coloro che commettono atti terribili. Invece, mi chiedo se sia nell'interesse di queste stesse persone – e delle loro famiglie – avere modelli di lavoro più convenzionali, che sostengano un corso di vita stabile. Quella stabilità, o almeno così sostengo, andrebbe a vantaggio anche di noi.

Dopotutto, un sistema sanitario nazionale forte non aiuterebbe a impedire che le malattie raggiungessero livelli terribili di disabilità e raggiungesse i livelli di spesa catastrofici dei nostri pronto soccorso? Che dire di un allenamento più intenso per i giovani adulti – e non solo per il college – che darebbe loro un senso dell'orientamento e una serie di abilità preziose? Abbiamo davvero bisogno di "deserti del cibo" in alcune parti del paese e, a loro volta, della cultura del cibo spazzatura che molti di noi sostengono? Perché dovremmo tollerare dipendenze verso la metanfetamina, il crack e l'eroina e verso i drogati dei ricchi?

I progressisti rispondono a questi problemi con richieste di educazione intensificata, sistemi di sostegno governativo ed espansioni dell'assicurazione sanitaria. Identificano alcuni gruppi svantaggiati come richiedenti un'attenzione particolare per quanto riguarda questi servizi. Vogliono che le persone più ricche – e le società più agiate – paghino le tasse che riflettono le loro capacità.

I conservatori in genere suggeriscono il ruolo dell'impresa privata – e del sistema di mercato nel suo complesso – nel rispondere a queste preoccupazioni. Sottolineano la responsabilità degli individui – e delle famiglie – di fabbricare le proprie vite. Si dice che gli Stati Uniti siano la terra delle opportunità, con possibilità ancora aperte per coloro che perseverano.

Queste due posizioni non sono contraddittorie. Né è né, di per sé, soddisfacente. Il sostegno del governo non garantirà traiettorie di vita stabili a chi è attualmente emarginato. Allo stesso modo, l'incoraggiamento morale di persone animate e laboriose farà ben poco senza il punto finale di lavori dignitosi. Alcuni degli svantaggiati avanzeranno; la stragrande maggioranza no.

E 'sicuramente una delle grandi ironie della storia che l'economia più forte del mondo, che apre le sue porte a più di un milione di immigrati all'anno, dovrebbe avere grandi sacche di privazioni e disperazione. Negli ultimi 30 anni circa, i cittadini più ricchi hanno fatto bene. La globalizzazione ha fatto sì che le aziende possano condurre le loro operazioni all'estero, con risorse e manodopera a basso costo e norme ambientali lassiste. I mercati vengono ampliati, i profitti realizzati, ma con quali conseguenze per i lavoratori in questo paese. Il lavoro degli immigrati – in gran parte non documentato – è ammiccato, persino apprezzato apertamente. Perché risponde a sottocomponenti in lavori sia qualificati che non qualificati, garantisce una forza lavoro altamente motivata e insicura e mantiene bassi i salari e i benefici. Gli immigrati acquistano beni e servizi qui, pagano le tasse e contribuiscono in altro modo alla stabilità economica.

Tutto il merito di coloro che sono stati in grado di avanzare in questo modo – e nel processo di costruire la stabilità di cui questo paese ha bisogno. Ma è anche chiaro che i cittadini di vecchia data hanno perso la posizione. Non hanno tenuto il passo con i gruppi avvantaggiati, né a livello di reddito né a livello generale di qualità della vita. Questo è inaccettabile.

Sappiamo tutti che il carattere dell'economia sta cambiando. I lavori nelle cosiddette industrie della conoscenza, compresi quelli che richiedono complicate capacità tecniche, si sono espansi. Quindi avere un lavoro nel settore dei servizi, dove i lavoratori affrontano le esigenze personali e interpersonali dei loro clienti. Ma i posti di lavoro nel settore manifatturiero e delle risorse si sono ridotti drasticamente, in gran parte grazie all'automazione e all'onnipresenza generale della macchina. Niente di tutto questo è una novità. Ma sia i conservatori che i progressisti a questo punto non hanno affrontato il problema di come la maggior parte degli americani negli anni a venire troverà lavoro stabile, significativo e dignitosamente pagato.

Coloro che credono fortemente nel nostro sistema di libera impresa – e nei contributi generali delle imprese al nostro modo di vivere – devono prevedere quel sistema di reimpiego. Una cosa è dare lavoro a lavoratori sottopagati in Cina, nelle Filippine e in Vietnam; confrontarsi con i bisogni dei lavoratori americani è tutt'altra cosa.

Chi crede fermamente nel ruolo del governo deve concepire sistemi di sostegno che incoraggino i datori di lavoro e i dipendenti. L'allenamento non è abbastanza È richiesto un supporto strategico per aziende e lavoratori. Questo paese è troppo ricco per non avere scuole e assistenza sanitaria adeguate, comunità sicure e disposizioni per le persone che devono avere una pensione decente.

Per essere sicuri, le difficoltà abbondano nel decidere quali tipi di incentivi, supporti e protezioni sono appropriati al carattere di questa nazione e che saranno efficaci. Ma la maggior parte della gente, o almeno così credo, si impegna sul tema generale qui espresso: avere un paese prospero e stabile che premia coloro che si impegnano nel "benessere generale" di quel paese, nonché nel loro progresso privato.

In un articolo molto citato, il sociologo Herbert Gans ha scritto, satiricamente, che la povertà ha le sue "funzioni". Le persone di alto rango, o almeno così sosteneva, trovano conforto nell'esistenza dei meno fortunati. I poveri fanno il lavoro sporco della società; comprano i beni e i servizi scadenti; forniscono posti di lavoro per le persone della classe media che si occupano dei loro "bisogni". Le persone povere ci portano droghe e sesso illeciti. Forniscono spettacoli del sistema di giustizia penale al lavoro. Assorbono le prime ondate di recessione economica e deleterio cambiamento sociale. Per lo più, dà il resto di noi piacere, e una sorta di status, per sapere che ci sono milioni sotto di noi.

Di nuovo, Gans stava scrivendo satiricamente. Ci sono risposte migliori alle difficoltà della società rispetto a una sottoclasse permanente. Né i poveri devono "recitare" le loro lamentele per essere riconosciuti. Credo che molti di noi siano ben consapevoli che i nostri "sé migliori" sono in grado di trascendere le nostre più ristrette visioni di chi siamo. Le nostre tradizioni religiose sono ugualmente chiare a questo riguardo. La sfida, sia per il blu sia per il rosso, è abbandonare la rumorosa retorica e considerare seriamente come il bene personale e pubblico possa essere integrato.

Solutions Collecting From Web of "Cerco terreno comune 3: riaffermazione dell'impegno americano"