Cercare la validazione online non porta vera felicità

Pixabay
Fonte: Pixabay

Nel mondo interconnesso di oggi, i social media sono un importante canale di comunicazione e una parte importante della vita quotidiana. Ci sono così tanti aspetti positivi: non solo i social media ci permettono di connetterci facilmente con i nostri cari e di metterci al passo con gli amici, ma offrono anche intrattenimento, ultime notizie e tendenze più interessanti praticamente da ogni parte del mondo. Allo stesso tempo, c'è qualcosa di un po 'inquietante nel modo in cui i social media cercano costantemente di valutare i loro utenti. Quanti "ha gradito" il tuo post oggi?

La pressione per essere socialmente accettati e celebrati può essere troppo da gestire e può influire negativamente sull'autostima di molti utenti dei social media. Una situazione su una persona reale lo svela: Essena O'Neill, una giovane esperta dei social media australiani, ha recentemente annunciato che avrebbe lasciato i social media perché l'aveva costretta a "confrontarsi costantemente con gli altri" e "misurare la sua autosufficienza". vale il numero di "Mi piace" che otterrebbero i suoi messaggi.

Essena ha ammesso di aver sempre desiderato essere popolare sui social media. Ha seguito da vicino altre celebrità dei social media e ha cercato di emularle per costruirsi il proprio seguito. Inserendo scatti glamour di se stessa e della sua vita apparentemente perfetta, è riuscita a raggiungere i suoi "obiettivi". Eppure, nonostante abbia centinaia di migliaia di follower su YouTube e Instagram, la star del cinema ha confessato in uno dei suoi video su YouTube che invece di portarla alla felicità, i social media in realtà l'hanno "consumata". E così, incapace di sopportare la pressione di dover mostrare continuamente la sua vita perfetta e il sé perfetto, ha chiuso alcuni dei suoi canali mediatici, mentre ristrutturava gli altri per riflettere la sua vera personalità.

Una cosa su cui questo giovane australiano ha ragione al cento per cento – "i social media non sono la vita reale". La storia di Essena mette a fuoco qualcosa che potresti tendere a dimenticare: quello che vedi non è sempre quello che ottieni.

La situazione di Essena è solo un'istantanea di ciò che accade a molte persone. Per molti, la vita dei social media è inseparabile dalla vita reale: puoi cercare la connettività sociale, l'accettazione e l'approvazione, e puoi farlo più spesso rispetto a quando faccia a faccia. Quando vai a cena a parlare con un amico, probabilmente non racconti una storia e poi chiedi loro di "piace" o "vota"!

Le persone con un'elevata sicurezza di sé sono influenzate in modo meno negativo dai social media rispetto a coloro a cui manca la fiducia in se stessi. Confrontandosi costantemente con immagini apparentemente perfette online, gli utenti dei social media la cui mancanza di fiducia in se stessi può diventare più ansiosi o depressi rispetto a ciò che altri sembrano avere e loro no. Quel sentimento fastidioso di non essere in grado di misurarsi porterà solo a una minore sicurezza in se stessi ea un'erosione del proprio valore. Ogni accesso può eliminare un po 'di più di ogni buon sentimento che una persona potrebbe aver avuto.

Se scopri di essere influenzato negativamente dai social media – "Perché la mia vita non è così?" – potrebbe essere il momento di rivalutare cosa significa per te e come vuoi utilizzarlo. Non è necessario rinunciare completamente, ma assumere il controllo della sua gestione. Se non sei infastidito dalle foto perfette degli altri, fa bene a te! Ricorda solo che, come le foto di una rivista, è solo un'istantanea della vita di qualcuno.

  1. Scollegare. Sì, puoi farne a meno qualche volta! In effetti, i social media creano dipendenza: non lasciarti coinvolgere troppo. Se noti che i social media influenzano negativamente il tuo stato d'animo, il sonno o la capacità di funzionare, potresti aver bisogno di un controllo di realtà e possibilmente di una pausa da esso. Scegli di andare online solo in un momento specifico della giornata e non andare su "controlla rapidamente se è successo qualcosa di nuovo" ogni cinque minuti. Non spendere più di 20 minuti per sessione, dal momento che più tempo passi online, più ti fissi sul social networking. Ricorda che la tua vita sui social media è solo una piccola parte della tua vita reale e non del tuo intero mondo.
  2. Astenersi dai confronti. Confrontarsi con gli altri è un esercizio di futilità. Anche se può sembrare che la vita di tutti gli altri sia semplicemente favolosa mentre tu sei l'unica che lotta attraverso di essa, in fondo sai che non è vero. Ognuno sembra intelligente, felice, in forma e vivendo a giudicare dai post che fanno ai loro social network, ma non è esattamente il punto di condivisione dei social media? Alcune anime coraggiose parleranno delle loro lotte, ma soprattutto è un mezzo che permette alle persone di mostrare al resto del mondo il meglio di ciò che sta accadendo. Stai spesso guardando un piccolo frammento della loro realtà senza alcun contesto. Non puoi – e non devi – confrontare tutto ciò che sei con ciò che è essenzialmente una raccolta di auto-pubblicità accuratamente selezionate.
  3. Rivedi la tua auto-conversazione. Non è l'approvazione del pubblico, ma come ti senti di te stesso che determina realmente la qualità della tua vita. Se dici cose negative su di te, abbastanza presto arriverai a crederci. Tuttavia, è vero anche il contrario. Sii gentile nel tuo auto-giudizio: mentre pensi a come puoi migliorare, non dimenticare di darti credito per ciò che hai raggiunto e di cosa sei capace.
  4. Investire in cose che ti fanno sentire bene con te stesso. Non lasciare che i social media dominino la tua vita e decidi quanto sei felice e in salute. Non abbatterti se il tuo nuovo caricamento non ha ottenuto la risposta che speravi; se tu fossi felice con lui, questo è tutto ciò che conta. Sei molto più che il tuo personaggio online – ricorda, abbraccia e celebra questo.
  5. Riscopri la comunicazione faccia a faccia. Mentre i social media sono un grande canale di comunicazione, non dovrebbero sostituire le interazioni e le relazioni della vita reale. Sì, la comunicazione interpersonale richiede più impegno, ma allo stesso tempo ha un valore maggiore delle connessioni online. Alla fine della giornata, non è il tuo dispositivo digitale o le tue classifiche di social network ad offrire il massimo comfort quando sei triste. È bello avere un sacco di gente online che fa il tifo per te, ma quando puoi davvero parlare con qualcuno, o sederti con loro, spesso ti danno forza e sostegno che è molto diverso da quello che puoi ottenere in un semplice post.

Solutions Collecting From Web of "Cercare la validazione online non porta vera felicità"