Cerca i tuoi perché e trova la felicità.

Wikipedia Commons, public domain
Simon Sinek ispira …
Fonte: Wikipedia Commons, dominio pubblico

Nel 2009 Simon Sinek ha dato quello che è risultato essere uno dei discorsi TED più popolari di sempre, "Inizia con Perché: come i grandi leader ispirano tutti ad agire". Il suo messaggio era "La gente non compra quello che fai; comprano perché lo fai. E quello che fai dimostra semplicemente quello in cui credi. " Ha dato ad Apple un esempio, una società che credeva di poter fare le cose in modo diverso, sempre innovativo, e che impiegava persone che credevano la stessa cosa e voleva lavorare per Apple perché lavorando da soli i progetti li hanno sfidati e ispirati, non perché ha reso Apple più denaro. Il "Golden Circle" schematico di Sinek conteneva "Cosa fai" nel cerchio esterno (crea computer e denaro), "Come lo fai" nel cerchio intermedio (impiega ingegnosi nerd informatici) e "Perché lo fai" (perché noi condividere una passione per innovare e farlo in modo diverso) nel cerchio centrale. Ha anche dato l'esempio di Martin Luther King che ha attirato la gente per ascoltarlo senza il beneficio della pubblicità e del marketing, ma perché credeva in qualcosa in cui anche gli altri credevano. La gente andava a sentirlo da sé, non per il re. Sinek dice che non si tratta del piano analitico guidato da "Cosa" sta facendo un'azienda, o "Come" lo fa che ci convince a sostenerli, a fidarsi e acquistare i loro prodotti, o ad ascoltare l'oratorio di un leader, ma perché iniziano con il Perché e non con il Cosa, ed è proprio questo il motivo per cui brilla e persuade nel loro marketing e discorsi.

(Sinek ha paragonato il suo Cerchio d'oro al cervello, con il cerchio esterno "Quello che stai facendo" equivale alla neocorteccia, in particolare le parti linguistiche / pianificanti del cervello, e il perché identificato al sistema limbico primitivo, e il nostro " Non sono così sicuro di essere d'accordo con la sua idea che le nostre passioni e valori provengono interamente dal sistema limbico, più probabilmente l'intero cervello, inclusa la nostra neocorteccia, può essere utilmente coinvolto con il perché. , è che il "perché" non è analitico e può essere facilmente spiegato dal linguaggio, ma è basato sull'emotività e "istintivo", entrambe primitive funzioni limbiche).

Il perché non ha mai a che fare con i soldi, un rinforzo secondario, ma su un rinforzo o una spinta primaria, qualcosa che è integrato, e di per sé necessario per la nostra sopravvivenza o per farci sentire bene. Cibo, acqua e piacere sono visti come pulsioni primarie biologiche. Il piacere include i rapporti sessuali che sono essenziali per la sopravvivenza dei nostri geni e della specie. Potremmo concettualizzare il "Perché" come un rinforzo primario per "piacere", perché il nostro Perché può essere equiparato alle nostre convinzioni, ai nostri valori, alle nostre passioni. Se possiamo assecondarli, ci sentiremo più felici, più soddisfatti, più completi. Sia che siamo al lavoro, al gioco, o al momento del pensionamento, è il perché che rende le nostre vite appaganti e meritevoli dello sforzo di saltar giù dal letto ogni mattina (a meno che una delle nostre passioni non sia quella di mentire con un buon libro !)

(Il lato negativo di Perché è che quando immaginiamo quale sia il motivo di alcuni leader mondiali possiamo giustamente temere, perché il loro perché, se basato sulle loro profonde convinzioni, potrebbe essere molto lontano dal nostro perché).

Molti di noi conoscono i nostri Perché: ciò che ci rende felici, ciò che ci entusiasma, ciò che ci fa sentire bene. Ma forse questa conoscenza è stata schiacciata sotto le necessità della vita, della depressione o della povertà, ma è lì da qualche parte, probabilmente formata durante l'infanzia. Se hai avuto un'infanzia felice, probabilmente eri dotato di valori e credenze e forse anche di passioni che hai continuato a sviluppare ed espandere man mano che vivevi. Se la tua infanzia è stata infelice, il tuo Perché è probabile che sia un sogno per essere diverso, per essere felice e sentirsi realizzato.

Trovare modi per "iniziare con Why", come suggerisce saggiamente Simon Senik, dovremmo fare tutti, potrebbe non essere un compito facile, soprattutto per i più giovani che cercano e trovano un lavoro che amano o una passione post-lavoro che li soddisfa . L'ultimo libro di Sinek, "Trova il tuo perché: una guida pratica per scoprire lo scopo per te e il tuo team" è stato appena pubblicato e non l'ho ancora letto. Si concentra sul posto di lavoro, ma suppongo che le sue idee ti daranno anche idee per trovare il tuo perché in altre aree della tua vita. Quindi, siate innovativi (come lo sono le aziende e gli individui) quando pensate ai vostri perché e come potete renderli centrali nella vostra vita. Ovviamente questo significa anche che è necessario trovare il coraggio di scegliere il lavoro Why rispetto a quello che fa più soldi o ti dà più potere o sembra fare a breve termine. A lungo termine, chi lo sa? Sappiamo che ci sono aziende per cui, alla fine, fanno molto meglio economicamente rispetto alle aziende Quali. (E poi ci sono le aziende che hanno iniziato come aziende "Why" e sono diventate "What", come Amazon forse …).

Per favore iscriviti alla mia e-newsletter mensile!

Visita il mio sito web dell'autore

Come la mia pagina Facebook dell'autore

Seguimi su Facebook

Connetti su LinkedIn

Seguimi su Twitter

Amico su Goodreads!

Solutions Collecting From Web of "Cerca i tuoi perché e trova la felicità."