Celebrando di nuovo Day-Psychotherapy nazionale!

Giornata nazionale di psicoterapia del 9.25.2013

Questo mercoledì, 25 settembre 2013, segna la seconda celebrazione della Giornata nazionale della psicoterapia . National Psychotherapy Day nasce da un'idea del blogger PT e dello psicologo clinico Dr. Ryan Howes, che merita credito e congratulazioni per averlo ideato, organizzato e messo in moto. Questo riconoscimento annuale del valore terapeutico e dell'importanza della psicoterapia e di coloro che lo forniscono è stato approvato da luminari come Irvin Yalom, David Burns, Judith Beck e altri da diversi orientamenti terapeutici per onorare e promuovere la pratica della psicoterapia in generale. In questo giorno stiamo insieme, nonostante le nostre numerose differenze e litigi nel campo, per sostenere la psicoterapia, che è stata dimostrata da numerosi studi scientifici come un metodo efficace per aiutare le persone, indipendentemente dal particolare orientamento teorico praticato. La ricerca ha anche dimostrato che la psicoterapia può, in molti casi, essere almeno altrettanto efficace dei farmaci psichiatrici da sola, spesso con benefici più duraturi. E che nella maggior parte dei casi potenzialmente beneficiano di farmaci, un trattamento combinato di psicoterapia più farmaci è in genere più efficace rispetto all'uso di farmaci da solo. Mentre oggi ci sono un numero confuso di diversi tipi di psicoterapia disponibili, incoraggiamo i consumatori di salute mentale a fare i compiti a casa nella ricerca di varie forme di psicoterapia e nel trovare uno psicoterapeuta con cui sentirsi a proprio agio e sicuri di lavorare insieme.

In onore del National Psychotherapy Day , sto posticipando una serie di pezzi precedentemente pubblicati sulla teoria e la pratica della psicoterapia. Un post diverso ogni giorno di questa settimana, dal lunedì al venerdì, in pratica, estendendo la Giornata Nazionale di Psicoterapia alla Settimana Nazionale di Psicoterapia qui a Psychology Today . Per dare il via, ecco il primo post della serie. Spero ti diverta! Se i lettori si preoccupano di inviare domande o commenti riguardanti la psicoterapia, che cos'è e come viene praticata oggi, non esitare a farlo. Vorrei anche dare il benvenuto e provare a rispondere a chiunque desideri condividere la sua esperienza personale con psicoterapia, pro o contro. E ricorda che la Giornata Nazionale della Psicoterapia si ripeterà l'anno prossimo, il 25 settembre 2014. Quindi inizia a pianificare per ora!

Cos'è la psicoterapia? Una domanda apparentemente semplice e diretta. Qualcosa che coloro che non hanno mai sperimentato questo processo segreto, enigmatico e misterioso sono comprensibilmente curiosi. Forse abbastanza curioso di leggere questo adesso. Ma, stranamente, rimane una domanda ponderosa anche per coloro che sono stati pazienti o clienti di psicoterapia, una o più volte, brevemente o per decenni e più. E, per dirla tutta, per quanto possa sembrare strano, questa è ancora una proposta aperta per i fornitori di psicoterapia: psicologi, psichiatri, assistenti sociali, terapisti del matrimonio e della famiglia e altri professionisti della salute mentale che hanno passato anni a studiare, praticare, insegnare e, in molti casi, ricevendo la stessa psicoterapia. Infatti, a seconda di chi tu chiedi, la definizione e la descrizione della psicoterapia possono variare immensamente – il che è tutto parte della nube oscura di confusione e controversia che circonda ancora la psicoterapia più di un secolo dopo essere stata creata dallo psichiatra Sigmund Freud.

Anche ora, per la maggior parte delle persone, il termine "psicoterapia" in genere porta alla mente due immagini simultanee: un paziente tormentato disteso sul divano e interpretazioni, di solito di natura sessuale, punteggiate da occasionali "E come ti ha fatto sentire? "Essere fornito dall'analista o dal terapeuta. Tuttavia, negli ultimi cento anni, molto è cambiato nella psicoterapia, nel bene e nel male. E molto rimane lo stesso. I pazienti del ventunesimo secolo presentano sintomi o sindromi drammaticamente diversi e lottano con conflitti e problemi diversi da quelli della Vienna vittoriana di Freud. Tuttavia, essi, come i pazienti nevrotici di Freud, devono ancora confrontarsi con le complessità e le perplessità della condizione umana. Viviamo in tempi incerti. Le persone sono insicure, ansiose, frustrate, arrabbiate, amareggiate, scoraggiate e confuse. Alcuni si sentono spiritualmente alla deriva e disillusi dalla religione organizzata, che tradizionalmente ha fornito conforto, aiuto e direzione di fronte ai problemi più difficili e sconcertanti della vita. Altri hanno simili frustrazione e insoddisfazione per i trattamenti cognitivo-comportamentali e farmacologici contemporanei per i disturbi mentali che non esistevano nemmeno ai tempi di Freud. Tuttavia, da quando Freud formulò il primo trattamento psicologico ben strutturato e strutturato che chiamò notoriamente "psicoanalisi", conosciuto colloquialmente come la "cura parlante", gli psicoterapeuti hanno prestato assistenza a tale sofferenza esistenziale, spirituale, nevrotica o psicotica in vari modi con un po 'di successo. In effetti, nel suo periodo di massimo splendore del ventesimo secolo, la psicoterapia era una volta considerata come "religione per i non-religiosi".

Il grande segreto, sia per i consumatori che per i fornitori di psicoterapia, è che non esiste realmente una "psicoterapia" generica: solo teorie disparate e tecniche divergenti adottate da medici molto diversi con stili di personalità dissimili, esperienza di vita, formazione , valori, obiettivi, nevrosi, complessi e visioni del mondo che praticano ciò che, solo nel senso più ampio possibile, oggi siamo venuti collettivamente per chiamare la psicoterapia. Quando qualcuno dice di essere stato in psicoterapia o di praticare la psicoterapia, la realtà è che la sua esperienza con la terapia può differire radicalmente da quella di un'altra persona. Parlare di psicoterapia in generale è simile a parlare di gelato: si può dire di consumare il gelato, ma tutto ciò che ci dice è che lui o lei mangia qualcosa di dolce, cremoso, ghiacciato e delizioso. Eppure sappiamo tutti che degustare gelato alla vaniglia, al cioccolato, alla fragola o al pistacchio sono esperienze totalmente diverse. E che qualsiasi sapore non soddisfa necessariamente il gusto di tutti. Quindi è con la psicoterapia. La psicoterapia non è e non lo sarà mai, nonostante gli sforzi di sistematizzare scientificamente, manualizzare, oggettivare e renderlo più formulaico – qualcosa di prevedibile, prescritto e predeterminato in modo coerente o affidabile. Piuttosto, è, come hanno capito Rank e Jung, un processo archetipico di guarigione che è, per necessità, al meglio re-inventato con ogni nuovo paziente e da ogni praticante. Non ci sono mai due cicli di trattamento psicoterapeutico – almeno una terapia che valga la pena – mai esattamente lo stesso. Né dovrebbe.

Recentemente c'è stata una tempesta di fuoco rinnovata che infuria sulla psicoterapia e la sua efficacia – in particolare la psicoanalisi, la terapia psicodinamica o la psicologia del profondo – dalla pubblicazione del New York Times del giornalista di psicologia cronica e giornalista / saggista / scrittrice / scrittrice Daphne Merkin. (Vedi il suo articolo.) Mentre potrei essere un po 'in ritardo per accettare la difesa della psicoterapia psicodinamica (anche se non necessariamente il tipo di trattamento psicoanalitico tradizionale che ha ricevuto), notando che molti dei miei colleghi PT hanno già commentato (vedi, per esempio, psicoanalista Michael Bader's posting), voglio offrire la mia risposta alla signora Merkin, ai lettori del suo pezzo controverso, ai pazienti in psicoterapia e a tutti quelli che considerano la psicoterapia.

Il titolo della signora Merkin, "La mia vita in terapia", potrebbe essere ugualmente ben applicato alla mia esperienza professionale come fornitore di psicoterapia psicodinamica per la maggior parte della mia vita adulta. In effetti, ho avuto il sacro onore e il privilegio di essere uno psicoterapeuta praticante per quasi tutto il tempo in cui la signora Merkin è stata una paziente in psicoterapia. Ho anche avuto più di un decennio di analisi personale didattica con due analisti junghiani (maschi e femmine), anche se la mia esperienza è stata, fortunatamente, molto diversa dalla sua. Per quelli di voi che non hanno avuto il tempo di leggere la storia coraggiosa e schietta della signora Merkin della propria esperienza personale come paziente con "innumerevoli" (evidentemente più di quindici ma meno di cinquanta?) Clinici, la maggior parte dei quali erano entrambi medici dottori e psicoanalisti, ecco l'essenza del suo viaggio: All'età di dieci anni, apparentemente vide una serie consecutiva di psichiatri (con l'eccezione di uno o due non-MD) senza interruzione fino alla metà degli anni '50, fino a molto recentemente deciso di interrompere la psicoterapia del tutto, almeno per ora. La sua narrazione di tempo, sforzi, lacrime e una considerevole piccola fortuna spesa per ricevere la psicoterapia in modo costante per oltre quattro decenni contiene una certa qualità di amarezza, frustrazione, confusione e senso di futilità per quanto, alla fine, ne ha ricavato: "Tutti quegli anni , Ho pensato, tutti quei soldi, tutto quell'amore non corrisposto. Dove l'esperienza mi ha portato ed è valsa la pena del giro lungo e costoso? Non ho potuto fare a meno di chiedermi se mi ha tenuto troppo confuso nel passato a scapito del presente, troppo fissato su un'infanzia infelice per sfruttare le opportunità dell'età adulta. "Qui esprime intuitivamente una delle critiche centrali della psicoanalisi della psicoterapia esistenziale : la sua tendenza a soffermarsi troppo sul passato, sull'infanzia e sui traumi infantili, con l'incuria di concentrarsi praticamente e concretamente sulla situazione attuale, sul qui-e-ora e sul futuro. (Vedi il mio post precedente "Cos'è la psicoterapia esistenziale?)

Tuttavia, mi sembra che, allo stesso tempo, il libro di memorie di Merkin sveli il suo difficile riconoscimento di come le aspettative non realistiche, infantili, romantiche o magiche su ciò che la psicoterapia è e non è, può o non può fare, tende a minare il processo quando non esplicitamente trattato durante il trattamento. Per cominciare, credo che la signora Merkin possa sottovalutare ciò che ha imparato cumulativamente dalla psicoterapia in tutti questi anni. Primo, che la fantasia di trovare la "perfetta corrispondenza terapeutica" è, come cercare il compagno perfetto, solo, quella, una fantasia. In secondo luogo, sì, è del tutto possibile "rimanere in terapia per sempre senza molti reali progressi". Ecco perché sia ​​la psicoterapia senza successo che quella di successo devono finire inevitabilmente ad un certo punto. (Vedi il mio post precedente su "Il potere e il terrore della risoluzione.") In terzo luogo, che, inevitabilmente, nella terapia, "il peso della responsabilità è sopportato quasi interamente dal paziente …" In quarto luogo, è il riconoscimento che costantemente alla ricerca di crescita, trascendenza, "auto-trasformazione" o "cambiamento di carattere" possono essere un mezzo per rifiutarsi di accettare se stessi per chi e cosa sia veramente. Quinto, che "l'intuizione" non è abbastanza di per sé per portare a cambiamenti comportamentali o caratteriali. In sesto luogo, non c'è "nessuna magia da avere, che le intuizioni di un terapeuta non valessero nulla a meno che non le aveste fatte proprie e che nulla di ciò che era successo a me potesse essere annullato, non importa quante volte ci sono passato sopra". Nessuna quantità di terapia può cambiare il passato. Settimo, quella psicoterapia è, o dovrebbe essere "un luogo per dire ad alta voce tutto ciò che ci siamo abituati a tacere, nella speranza che potremmo capire meglio noi stessi e le nostre missioni, … per ordinare i contenuti della tua mente … alla presenza di qualcuno che è addestrato a fare ordine fuori dal caos mentale. "Gli psicoterapeuti, nonostante i nostri reali limiti e fallibilità, in genere possiedono determinate abilità, esperienze e talvolta anche preziose conoscenze da condividere con pazienti presi in preda alla confusione della vita, tumulto emotivo e sofferenza. In effetti, psicoterapeuti psicodinamici ben addestrati partecipano di una tradizione altamente specializzata, collaudata e vera di saggezza clinica cumulativa con cui assistere i loro pazienti o clienti in difficoltà. Ottavo, che a volte è la responsabilità dello psicoterapeuta – indipendentemente dall'orientamento teorico – ad intervenire attivamente piuttosto che rimanere rigidamente neutrali e passivi, che potrebbe includere a volte offrire un suggerimento, scoraggiando certi comportamenti auto-distruttivi o che sovvertono la terapia, esprimendo in modo appropriato alcuni sentimenti verso il paziente, e, in rare occasioni, anche dando consigli paternalistici, materni, esperti o amichevoli. E, ultimo ma non meno importante, nono, la sua profonda percezione, anche se disincantante, che dietro ogni onnipotente "Mago di Oz" lei e altri così disperatamente cercano e proiettano su un medico o uno psicoterapeuta, c'è sempre "solo un altro piccolo uomo dietro un tenda di velluto. "O piccola donna. Un altro pellegrino imperfetto, solo umano, imperfetto, che arranca nella vita il più produttivamente possibile. Non ci sono analisti perfettamente analizzati. Nessun insegnante o mentore totalmente illuminato. (Vedi il mio post precedente "Credi nella magia?") Gli psicoterapeuti, a prescindere dal loro orientamento, non sono onniscienti, onnipotenti o sovrumani, proprio come vorremmo che fossero.

Cosa non può fare la psicoterapia? Questa è una domanda cruciale come quello che può fare. Perché, come tutti i percorsi per la salute, la spiritualità e l'integrità, la psicoterapia ha dei veri limiti. Non può "curare" tutti i nostri sintomi. Non può alleviare tutta la nostra sofferenza. Non può risolvere tutti i nostri problemi. Non può esorcizzare tutti i nostri demoni. Non può trasformarci in qualcosa che fondamentalmente non siamo. Né può alterare o sradicare il passato e tutto ciò che ci è accaduto o meno. La psicoterapia non può estirpare gli inevitabili aspetti tragici della vita, ciò che Freud intendeva per ciò che causa "infelicità comune". Non può cambiare i fatti esistenziali della vita, le leggi immutabili della natura alle quali siamo tutti ineluttabilmente soggetti. Non può sollevarci dalla nostra responsabilità per le nostre vite, scelte e azioni. O il nostro senso di colpa esistenziale per non aver trovato il coraggio di essere fedeli a noi stessi o di comportarci male. Né può eliminare la nostra ansia di dover fare costantemente scelte e decisioni, anche quando il risultato di farlo è in dubbio. La psicoterapia non può renderci perennemente felici, beati o contenti. Aspettarsi tali spettacolari miracoli dalla psicoterapia sarebbe frustrante e irrealistico. Cosa può fare la psicoterapia, ma sfortunatamente non riesce a fare oggi, come Merkin ha trovato dolorosamente, è aiutare i pazienti ad accettare il mondo, la realtà, se stessi, il loro passato, la loro rabbia, i loro limiti e quelli della psicoterapia, mentre allo stesso tempo scoprendo e abbracciando con entusiasmo la loro intrinsecamente potenziale libertà, volontà, creatività e potere di influenzare significativamente il mondo nel bene e nel male, nel bene e nel male, ora e nel futuro.

Certo, alcuni degli psicoterapeuti che descrive vedono il suono semplicemente traballante. E alcuni incompetenti borderline. Ma questo purtroppo arriva con il territorio. Ecco perché chi cerca la psicoterapia dovrebbe fare i compiti, guardarsi attorno, essere selettivo e fidarsi del proprio istinto quando si tratta di scegliere di entrare o di interrompere una relazione così significativa. Una cosa che sembra non sia mai accaduta, almeno dal racconto della signora Merkin, è un'analisi soddisfacente delle sue reazioni transferali, sia positive che negative, a vari analisti e analisi stessa, nonché a quanto – a causa di lei evidentemente profondamente radicata paure di abbandono e sentimenti di inferiorità, insicurezza e invalidità – potrebbe aver evitato la vera intimità in terapia (e altrove) passando da una relazione all'altra. Certamente non è quello di creare scuse per le numerose carenze e rigidità dogmatiche della psicoanalisi ortodossa – compresa la spesa esorbitante di 3-5 sessioni a settimana – che la sua storia rende fin troppo chiara.

Un altro problema mai apparentemente adeguatamente affrontato da nessuno dei suoi analisti è stato, suppongo, la rabbia o la rabbia repressa cronicamente alla radice della sua depressione, probabilmente originata da ferite traumatiche narcisistiche durante l'infanzia e la prima infanzia. Questo è uno dei punti centrali della psicoterapia di tutti i tipi: come affrontare costruttivamente questa collera tipicamente inconscia e ben mascherata contro la realtà. (Vedi i miei post precedenti). Il racconto del tipo di trattamento evidentemente ipersviluppante, intellettualizzato e eccessivamente cognitivo che ha ricevuto ricorda l'importanza vitale dell'antica discepola freudiana dell'osservazione di Otto Rank secondo cui ciò di cui il paziente ha realmente bisogno non è una spiegazione razionale riguardo alla sua difesa meccanismi, ma un'esperienza emotiva . Per esempio, Merkin descrive una stretta alleanza terapeutica che ha sviluppato con uno psichiatra di mezza età "che ha prestato molta attenzione al mio essere più profondo: mi sentivo pienamente riconosciuto da lui, sentivo che mi vedeva come me e che quindi potevo fidarmi di lui il male e il bene di me stesso. "Questo suona certamente come una promettente, empatica atmosfera di quello che lo psicologo umanista Carl Rogers chiamava" considerazione positiva incondizionata ", in cui lavorare su se stessi, affrontare la propria tristezza, dolore, ansia o rabbia, ricevere i benefici di ciò che lo psicanalista Franz Alexander ha definito una "esperienza emotiva correttiva" e risolvere i problemi di transfert sottostanti. Sfortunatamente, questo terapeuta interruppe bruscamente il loro rapporto a causa di problemi di salute, e presto morì. Sfortuna. Ma anche questo fa parte della vita. Forse questa e altre perdite o abbandoni di terapeuti precedenti le hanno insegnato qualcosa di terribilmente importante: la vita è transitoria. Moriamo tutti. Nessuno, nemmeno il tuo psicoterapeuta, è immune. Quindi, alla fine, siamo tutti da soli. Solo. E non possiamo rimanere infantilmente dipendenti dagli altri per sempre – siano essi genitori, coniugi o psicoterapeuti – per il nostro fondamentale senso di sicurezza, autostima e benessere.

Alla fine, la signora Merkin ha trovato il coraggio, in parte alimentato dalla rabbia legittimamente generata durante il suo ultimo tentativo di trovare "il mio terapeuta perfetto" – per provare a lasciare andare la sua estrema dipendenza emotiva, il suo "attaccamento quasi-dipendenza" confessato a , psicoterapia, e avventurarsi da solo nella vita, in piedi, anche se provvisoriamente, da sola, per la prima volta, un'esperienza che lei descrive come "sentirsi liberata e spaventata allo stesso tempo". La chiamo "volare da solo". "Questo tipo di ambivalenza è tipica quando i pazienti lasciano l'utero protettivo e protettivo della psicoterapia, anche quando le cose sono andate bene. (Di nuovo, vedi il mio post precedente "Can Therapy Be Addictive?") E lei apparentemente ha portato con sé alcune preziose intuizioni e abilità: "Riconobbi che la terapia mi serviva bene in qualche modo, fornendomi un'abitudine mentale che mi permetteva guardare me stesso con un terzo occhio e prendere una certa distanza dai miei schemi ripetitivi e compulsioni. "Essere in grado di osservare se stessi e il comportamento con una certa obiettività, intuizione e distacco è un prerequisito per diventare un adulto indipendente, cosciente e responsabile. "Ho affinato le mie percezioni su me stesso e ho raggiunto una comprensione più profonda della persistente rivendicazione di desideri precoci e insoddisfatti in tutti noi." Essere consapevoli e più consapevoli di come siamo tutti influenzati, sottilmente e non così sottilmente, dal nostro complessi o demoni inconsci è un altro passo cruciale verso l'autodeterminazione e l'individuazione. "Soprattutto", scrive Merkin, "forniva uno spazio per l'esame interiore, un'educazione in un realismo disilluso che non esisteva da nessun'altra parte su questo pianeta cacofonico e frenetico." Un'educazione nel realismo disincantato! Accettazione della realtà, sia presente che passata, così come è e alle sue condizioni, piuttosto che come desideriamo che sia. Di noi stessi come siamo. Di finitudine, destino e destino; i tragici fatti esistenziali della vita. Di realtà dura (ma anche bella e misteriosa) senza eccessivo rivestimento zuccherino, buffering, sedazione o anestesia. Questa è una lezione potente che i suoi antidepressivi apparentemente non hanno mai fornito. Né possono. Doloroso, costoso, frustrante, imperfetto e dispendioso in termini di tempo, qualsiasi trattamento psicoterapeutico che fornisce una buona "educazione nel realismo disilluso" non può essere affatto male.

Ma, se e quando la signora Merkin sceglie di dare un'altra possibilità alla terapia – e io, come psicologa, la incoraggerei a farlo se lei sente il bisogno o il desiderio – forse è tempo di prendere una virata diversa, di provare un Junghiano (piuttosto che freudiano) analisi o psicoterapia esistenziale (vedi il mio post precedente), o forse anche un approccio cognitivo-comportamentale piuttosto che perpetuare ulteriormente quello che Freud stesso chiamava una "compulsione alla ripetizione": il ritorno futile ma ripetuto alla stessa situazione frustrante e insoddisfacente o relazione nella speranza di cambiare un giorno il risultato. Qui troviamo un'ultima utile lezione di psicoterapia per la signora Merkin e il resto di noi per considerare attentamente. Come ci ricorda il vecchio proverbio giapponese: non puoi prendere l'acqua dalla luna .

Tutte citazioni tratte da "La mia vita in terapia", di Daphne Merkin, pubblicate sul New York Times Magazine (4 agosto 2010).

Solutions Collecting From Web of "Celebrando di nuovo Day-Psychotherapy nazionale!"