Ce l'hanno? (E per questo?)

Fonte: Laura Weis con permesso

Ci sono solo due domande fondamentali per i pianificatori di successione al lavoro: è lui / lei "fino ad esso" e "up per esso"? Le domande riguardano abilità e motivazione. Può fare il lavoro (bene) e lo vuole davvero? Un piccolo dubbio sollevato da entrambe le risposte merita un'indagine seria.

La maggior parte della gente è ansiosa per i crismi e le ricompense della promozione: salario più grande, macchina, ufficio; titolo di fantasia, ma sono pronti a sopportare lo stress e la pressione delle sfide che comporta la leadership?

Un problema con la pianificazione delle successioni e, in effetti, con molta selezione, è che alcuni lavori cambiano in modo significativo e rapido nel tempo. Le abilità e le conoscenze, così come le attitudini e i valori, che sembrano predire il successo nel lavoro ora, potrebbero semplicemente non essere applicabili in pochi anni poiché la concorrenza, la tecnologia e le richieste dei clienti cambiano. E non è solo il cambiamento di lavoro, ma c'è un mondo di differenza tra avere un lavoro altamente qualificato e la gestione di lavoratori altamente qualificati.

Avere un occhio per le capacità di supervisione e strategiche di una persona può essere davvero una buona cosa. In effetti, per essere semplici, ci sono solo tre tipi di posti di lavoro: tecnici, di supervisione e strategici. Sei assunto per le tue conoscenze e abilità tecniche e professionali. Alcuni potrebbero richiedere anni per ottenerlo e per questo paghi molto. Ma il passo successivo è la supervisione e la gestione e l'applicazione di competenze molto diverse. Bene, e potresti essere autorizzato ad unirti agli adulti e fare la strategia.

Alcune attitudini funzionano per tutti i lavori: l'intelligenza emotiva, la capacità di apprendere in modo rapido ed efficiente, le capacità di negoziazione, la tolleranza allo stress, ecc., Ma altri possono essere molto specifici del lavoro. Il lavoro ideale è dove le richieste di lavoro sono abbinate alla capacità dell'individuo di adempiere a tali richieste in modo facile e felice.

Il gioco up-to-it / up-for-it produce una matrice 2 × 2 molto semplice basata su sì e no. I candidati che ottengono "sì" per entrambe le domande o "no" per entrambi sono chiari: la persona vuole il lavoro e può farlo, oppure non lo vuole (per fortuna) perché sono giudicati essenzialmente non in grado di farlo.

Ma considera le altre due opzioni e cosa potrebbero voler dire. Il primo è "Può farlo ma non lo vuole". Presumendo che si tratti di una promozione prestigiosa e ben pagata, perché l'individuo non "si pone alla sfida", "coglie questa (meravigliosa) opportunità" o "salta alle it”?

Ci possono essere molte ragioni. In primo luogo, una semplice analisi costi-benefici: sebbene abbiano la capacità, le capacità e la forza per svolgere il lavoro, possono decidere che lo stress, i combattimenti politici o il tempo richiesto non ne valga la pena. La differenza nella ricompensa non è concomitante con l'aumento del costo personale.

Potrebbe essere che hanno una serie di impegni ricchi o impegnativi al di fuori del lavoro – famiglia, hobby, passioni particolari. Alcuni guru – sempre uomini – sembrano pensare che l'unico appagamento nella vita viene dal lavoro, con premi come anzianità, bonus e potere sugli altri. Con loro sorpresa non tutti prendono questa linea. Le persone possono essere molto felici dove sono; soddisfare. Livello più basso significa più contentezza, non meno.

Potrebbe essere un problema di fiducia in se stessi. Cioè, colleghi e superiori sono convinti che la persona sia all'altezza del lavoro, ma non lo sono. Questa può essere un'umiltà profondamente radicata, o una scarsa valutazione di sé di abilità innate. Potrebbe rivelarsi una sfida interessante e importante per gli altri.

Ma il vero problema in questo piccolo gioco 2 × 2 è la persona che è all'altezza, ma non proprio all'altezza. Supponendo che la diagnosi sia corretta, cioè non hanno la capacità, la domanda è cosa fare.

Abbiamo incontrato persone che credono di essere abbastanza speciali (e probabilmente noi stessi, siamo stati in una fase simile). Alimentato da tutta l'alta autostima, "tutti hanno talento" (nel loro modo speciale), "tutti devono avere assurdità". Alcuni (osano ammettere) i giovani reagiscono con rabbia narcisistica di fronte al rifiuto.

Detto che non hanno la maturità, l'abilità o la saggezza per il ruolo – cioè, non sono essenzialmente up-to-it-si può ottenere uno scatto d'ira sorprendente. Furia, broncio, minacce.

La domanda è da dove la scarsa autovalutazione. Perché si superano rispetto a (tutti) gli altri? Forse è l'immaturità, una fase che stanno attraversando. Può migliorare: alcune persone crescono ma altre no.

Questa essenziale mancanza di consapevolezza può, tuttavia, nascondere qualcosa di più serio. Sovrastimare capacità e motivazione può essere un segno di scarsa intelligenza sociale: l'incapacità di osservare gli altri. Potrebbe anche essere dovuto a scarsa intelligenza.

La consapevolezza di sé viene da due fonti. In primo luogo, cercando e accettando il feedback degli altri. Se tutti tendono a dire la stessa cosa, è chiaramente più che semplicemente malizioso non essere d'accordo. Alcuni bloccano i feedback che non gli piacciono. Secondo, l'autocoscienza deriva dall'auto-rivelazione – dal raccontare agli altri cose e vedere come reagiscono.

Essere all'altezza, ma non all'altezza, può ispirare l'azione – acquisire più esperienza o qualifiche; cambiare abitudini; per cambiare le auto-percezioni. Succede a molte persone ad un certo punto della loro vita, e il rifiuto è un'esperienza di crescita utile.

Solutions Collecting From Web of "Ce l'hanno? (E per questo?)"