CBT aumenta la connettività cerebellare ad altre regioni cerebrali

Wikimedia/Life Sciences Database

Cervelletto (in latino per "piccolo cervello") in rosso.

Fonte: database Wikimedia / Life Sciences

Un nuovo studio dell'Università della California a Los Angeles (UCLA) riporta che la terapia cognitivo comportamentale migliora la connettività funzionale tra il cervelletto e le altre regioni del cervello in modi che possono compensare le disfunzioni sottostanti associate al disturbo ossessivo-compulsivo. Questo studio, "Meccanismi di terapia comportamentale cognitiva per disturbo ossessivo-compulsivo coinvolge aumenti solidi ed estesi nella connettività di rete cerebrale", è stato pubblicato online il 5 settembre sulla rivista Translational Psychiatry .

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è tipicamente un tipo di trattamento di psicoterapia a breve termine, orientato all'obiettivo, che mira ad aiutare i pazienti ad affrontare specifici schemi di pensiero e comportamento disadattivi utilizzando una varietà di tecniche. Il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) è un disturbo psichiatrico comune caratterizzato da pensieri ossessivi e comportamenti compulsivi difficili da controllare e comportamenti compulsivi che qualcuno con OCD è costretto a ripetere più e più volte.

Il cervelletto (latino per "piccolo cervello") fu identificato per la prima volta da Leonardo da Vinci nel 1504 dopo aver fatto colare la cera del cervello umano e osservato due piccoli emisferi cerebrali ben nascosti sotto i relativamente colossali emisferi destro e sinistro del cervello (latino per "cervello"). Cerebellar è la parola sorella per cerebrale e significa "relativa o localizzata nel cervelletto".

Storicamente, i neuroscienziati ritenevano che il cervelletto fosse una parte "non-pensante" del cervello, principalmente responsabile della coordinazione muscolare fine-tuning che non era coinvolta nella cognizione. Tuttavia, questa visione obsoleta del cervelletto sta cambiando rapidamente. Ad esempio, Jeremy Schmahmann della Harvard Medical School è un esperto di atassia che per primo ha definito la sindrome cognitiva affettiva cerebellare (CCAS) e la "dismetria del pensiero". Schmahmann ritiene che specifici microzoni all'interno degli emisferi cerebellari sinistro e destro possano svolgere un ruolo in fine- accordando i nostri pensieri più o meno allo stesso modo in cui perfezionano la coordinazione motoria bilaterale.

Durante il recente studio UCLA sulla CBT e sulla connettività cerebrale, 43 pazienti con DOC hanno subito quattro settimane di terapia cognitivo-comportamentale quotidiana per apprendere le tecniche personalizzate che ogni persona potrebbe usare per interrompere i suoi cicli unici di pensiero ossessivo e comportamenti compulsivi. C'era anche un gruppo di controllo di persone con disturbo ossessivo compulsivo che sono state messe in lista d'attesa per ricevere CBT in un secondo momento e un altro gruppo di controllo senza DOC che non ha mai ricevuto CBT.

Wikimedia/Life Sciences Database
La corteccia prefrontale (in rosso) è ospitata nei lobi frontali del cervello (in latino "cervello").
Fonte: database Wikimedia / Life Sciences

All'inizio di questo esperimento, tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a scansioni cerebrali con risonanza magnetica funzionale (fMRI). Dopo un mese di CBT, i ricercatori hanno riesaminato tutti i partecipanti con DOC nella fMRI. Come accennato in precedenza, il team dell'UCLA ha osservato robusti aumenti della connettività funzionale tra cervelletto e altre regioni del cervello, insieme a una riduzione dei sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo nel gruppo che aveva ricevuto CBT intensiva, ma non nel gruppo che era stato messo in attesa elenco.

Più specificamente, quando i neuroscienziati dell'UCLA hanno confrontato le scansioni cerebrali fMRI dei partecipanti con DOC che avevano ricevuto CBT prima e dopo il trattamento, hanno osservato l'aumento più forte della connettività funzionale tra cervelletto e corteccia prefrontale, così come il cervelletto e lo striato . Gli autori riassumono i loro risultati nella sezione di discussione del loro ultimo articolo:

"In sintesi, le prove crescenti sottolineano l'attività cerebellare e la connettività gioca un ruolo nella patofisiologia e / o trattamento dell'OCD. Nel nostro studio, diversi cambiamenti di connettività che coinvolgono il cervelletto ricordano gli effetti specifici della CBT osservati in altri disturbi.

Il cervelletto ha un ruolo nelle funzioni motorie, dalla coordinazione del movimento all'inibizione della risposta ed è strumentale nell'acquisizione del comportamento diretto verso l'obiettivo e nell'ottimizzazione delle risposte motorie. Inoltre, la dismetria della teoria del pensiero postula un coinvolgimento modulatorio cerebellare nella cognizione e nelle emozioni.

Inoltre, gli effetti rilevanti per la CBT possono essere mediati dal verme attraverso la formazione di nuove associazioni condizionate incondizionate nella memoria della paura per consentire risposte appropriate a nuovi stimoli e situazioni. Anche se resta ancora molto da chiarire, le attuali opinioni sull'anatomia funzionale in concomitanza con le precedenti neuroimmagini OCD sono coerenti con il cervelletto che ha un ruolo chiave nella risposta alla CBT. "

In una dichiarazione, Jamie Feusner, direttore del Programma di disturbo ossessivo-compulsivo per adulti presso l'Istituto Semel per Neuroscienze e Comportamento Umano presso l'UCLA e autore senior dello studio ha concluso, "I cambiamenti sembravano compensare, piuttosto che correggere, la disfunzione cerebrale sottostante. I risultati aprono le porte a future ricerche, nuovi obiettivi terapeutici e nuovi approcci ". Teena Moody, un ricercatore dell'UCLA e primo autore dello studio, ha aggiunto:" I risultati potrebbero dare speranza e incoraggiamento ai pazienti affetti da DOC, mostrando loro che la CBT si traduce in cambiamenti misurabili nel cervello che sono correlati con sintomi ridotti. "

"Non sappiamo esattamente cosa stia facendo il cervelletto. Ma qualunque cosa stia facendo, ne sta facendo un sacco. "-Richard Bergland, MD (1932-2007)

Una nota personale su questo innovativo studio UCLA: ho studiato e scritto sul cervelletto da oltre un decennio. Il mio defunto padre, Richard Bergland, era un neurochirurgo del ventesimo secolo, neuroscienziato e autore di The Fabric of Mind (Viking). Poiché il cervelletto è solo il 10 percento del volume del cervello ma ospita ben oltre il 50 percento dei neuroni totali del cervello, mio ​​padre direbbe spesso " Non sappiamo esattamente cosa stia facendo il cervelletto. Ma qualunque cosa stia facendo, ne sta facendo un sacco.

Nel 2005, mio ​​padre ed io abbiamo creato un modello di cervello diviso che abbiamo chiamato "cervello cerebrale" che ho pubblicato su The Athlete's Way (St. Martin's Press) come parte di un duplice prescrizione di autoaiuto che mirava specificamente al cervello (su cervello) e funzioni cerebellari (giù cervello) in modo simile alla CBT con l'obiettivo di ottimizzare la mentalità e il comportamento atletico.

Photo and illustration by Christopher Bergland (Circa 2009)
Questo abbozzo rudimentale aiuta ad illustrare come l'ottimizzazione della connettività funzionale tra varie microzone all'interno di entrambi gli emisferi del cervelletto e di altre regioni cerebrali (incluse cortecce prefrontali) possa essere correlata con l'efficacia della terapia cognitivo comportamentale (CBT) per il trattamento del DOC, come recentemente scoperto dai ricercatori alla UCLA.
Fonte: foto e illustrazione di Christopher Bergland (Circa 2009)

Sfortunatamente, quando il "modello del cervello diviso di Bergland" fu pubblicato oltre un decennio fa, le nostre idee radicali sull'interazione cervelletto-cervello furono ampiamente respinte e il libro cadde. E 'stato deludente. Detto questo, quando mio padre è morto nel 2007, ho fatto voto di continuare il lavoro della sua vita e di mantenere le mie antenne in cerca di qualsiasi ricerca cerebellare all'avanguardia con la speranza di avere un giorno più prove empiriche per rispondere al vecchio enigma di cosa tutti quei neuroni nel cervelletto stanno effettivamente facendo. Inutile dire che ero entusiasta di leggere l'ultimo studio dell'UCLA, che identifica nuovi modi in cui il cervelletto è, in realtà, coinvolto in molto di più della semplice regolazione della coordinazione muscolare e del mantenimento dell'equilibrio.

Dopo anni passati a pensare incessantemente alla struttura del cervelletto e alla connettività con il cervello … un giorno del 2009, ho avuto un'illuminazione mentre stavo tornando a casa dalla palestra. Quel " Aha! "Il momento risultò in una mappa del cervello" Super 8 "molto basilare (sopra), che ho disegnato per illustrare l'importanza della connettività funzionale del cervelletto ad altre regioni del cervello. In particolare, gli "infiniti eights" gialli e verdi con frecce di razzo ispirate da asteroidi sono disegnati per rappresentare un loop di feedback multidirezionale che scorre dall'alto verso il basso e dal basso verso l'alto tra il cervelletto posteriore e le cortecce prefrontali.

Per saperne di più sull'evoluzione in atto del modello del cervello "up brain-down", controlla il post sul mio blog Psychology Today "The Split-Brain: An Hypothesis in continua evoluzione".

Solutions Collecting From Web of "CBT aumenta la connettività cerebellare ad altre regioni cerebrali"