Cattivo umore e Internet

L'auto-espressione è così evidentemente una necessità umana perché il suo opposto, l'incapacità di esprimersi, porta inevitabilmente alla frustrazione. Le persone hanno la capacità di esprimersi, naturalmente, e possono esserci ostacoli politici oltre che personali per l'auto-espressione. Una delle ragioni per cui le persone dietro gli sportelli dell'ufficio di sicurezza sociale vicino a dove lavoravo erano protette da finestre di vetro a prova di pugno era che molte delle persone con cui si occupavano potevano esprimere la loro frustrazione (che, data la natura della burocrazia, era spesso giustificato) solo da pugni e calci.

Undici anni di istruzione obbligatoria, o almeno di frequenza a scuola, li avevano lasciati incapaci di comporre una lettera o di perseguire una discussione se non per aggressione e violenza. Mi sembra, però, che anche un modo troppo semplice di espressione verbale di sé abbia i suoi svantaggi: perché ho notato che non appena è diventato possibile per chiunque rispondere quasi istantaneamente a ciò che è stato scritto in un giornale o in un articolo online, il tono del commento diventava spesso acuto, offensivo e vizioso. Prima l'autore viene insultato e quindi i commentatori iniziano a insultarsi l'un l'altro, spesso in modo molto sgradevole.

Nei giorni in cui l'unico modo di rispondere a ciò che qualcuno aveva scritto era scrivere una lettera da soli, che di solito richiedeva molto tempo per raggiungerlo attraverso la sua pubblicazione, generalmente veniva mantenuta una certa politesse. Gli argomenti in lettere non erano sempre validi, ma almeno erano argomenti. Persino i matti, che di solito potevano essere riconosciuti subito dalle buste delle loro lettere, non ricorrevano ad abusi. A volte non era facile capire cosa stavano cercando di dire, ma almeno non era un insulto. Tutto ciò è cambiato con lo sviluppo di Internet e dei social media. Gli animi sembravano salire. Il vecchio detto che non si dovrebbe scrivere con rabbia e che dovrebbero passare ventiquattr'ore prima di rispondere era del tutto dimenticato.

Anch'io ero sorpreso che non fossero solo gli analfabeti a ricorrere quasi subito all'abuso: lo facevano anche i professori. In effetti, spesso sembrava che l'abuso non fosse tanto un sostituto della discussione quanto l'unica forma di discussione. Nessun soggetto era troppo oscuro o anodino per provocare il cattivo umore e il linguaggio di qualcuno. Per dare un'idea di cosa sto parlando, citerò due post su un sito web che ho guardato di recente quando volevo avere le cifre per il prezzo delle sigarette nei diversi stati degli Stati Uniti (il più grande beneficiario finanziario del la vendita di un pacchetto di sigarette è sempre il governo).

Ecco cosa ho trovato: hanno dimenticato di includere il prezzo di alcune mazze da baseball [sic] da speronare nelle persone che usano il cancro come scusa povera e malata per rendere le sigarette ancora più costose. Solo i perdenti [sic] fumano. Spero che tutti muoiano una morte dolorosa. Gli autori di questi bei sentimenti non sembrano ben educati (anche se non si sa mai in questi giorni). Ma eminenti professori di letteratura hanno risposto con una vena simile, anche se meglio spiegata, ad alcuni dei miei articoli letterari che, sebbene intenzionalmente controversi, sono stati discussi su prove che, se non definitive, erano per lo meno reali. Non hanno risposto con la contro-prova ma con l'abuso.

La mia domanda è la seguente: esisteva tutta questa bile prima che i mezzi della sua comunicazione pubblica immediata fossero possibili, o è stata chiamata in essere con questi mezzi? Coloro che preferiscono la teoria idraulica delle emozioni – per esempio che c'è sempre una certa dose di aggressività da esprimere, e se non è rivolta verso l'esterno in qualche modo costruttivo, si rivolgerà verso l'interno o verso l'esterno in modo distruttivo – presumibilmente penserebbe che la bile era sempre lì e in precedenza si esprimeva in qualche modo ancora più spiacevole di questi post su internet.

In altre parole, non è una cosa ma una cosa buona che tali sentimenti come quelli citati sopra debbano essere espressi in pubblico. Come disse William Blake, "Presto ucciderebbe un bambino nella sua culla piuttosto che nutrire un desiderio isolato". Ma coloro che preferiscono l'idea che l'appetito cresca con l'alimentazione, penserebbero che la capacità e la volontà di esprimere la bile porteranno semplicemente alla produzione e all'espressione di ancora più bile. In altre parole, l'abitudine di esprimere la tua bile o il tuo veleno ti rende più bilioso o velenoso. Se controlli te stesso, la tua bile e il tuo veleno tenderanno a scomparire.

Questi due atteggiamenti contrastanti potrebbero essere chiamati il ​​romantico e il classico. Avendo avuto una volta un brutto carattere, tendo (vale a dire preferisco) il classico. Non esprimere la calma mi ha aiutato a controllarlo. Ma se la visione romantica o classica dell'irritabilità di così tanti commentatori su internet e sui social media sia più accurata non posso dire. Tuttavia, credo che Blake avesse torto quando disse che le Tigri dell'Ira erano più saggi dei Cavalli dell'Istruzione.

Solutions Collecting From Web of "Cattivo umore e Internet"