Cattivi umori possono essere buoni per te!

Trovare modi per far funzionare bene i nostri malumori nelle nostre vite implica prestare attenzione a come modellano le nostre esperienze.

Abbiamo tutti sperimentato come gli stati d'animo negativi possano disorganizzare il nostro cervello e portarci in luoghi che sono controproducenti per un obiettivo imminente. Di fatto, bastano pochi millisecondi perché la negatività possa trasformare chiunque (e non importa quanto intelligente possiamo essere) in comportamenti bizzarri, a volte persino auto-sabotatori. Inoltre, questi stati d'animo possono trarre da noi tutti i tipi di altri problemi negativi che depositiamo nelle nostre teste e in nessun momento li affliggono come una vera stampa di tribunale.

Ho visto simili epopee suonare in classe molte volte. Uno studente si surriscalda su una tesi che sta cercando di dimostrare e un punto potenzialmente valido va in fiamme. Sul rovescio della medaglia, non mi sorprende quanto possano essere produttivi certi studenti anche quando vivono con depressione, rabbia, paura e così via. Un mio recente studente, affetto da depressione, è stato comunque in grado di comporre un portfolio formidabile di cortometraggi originali. Atleticamente, una delle più belle esibizioni di kata (movimenti di arti marziali che sembrano una danza) che io abbia mai visto è stata data da una giovane donna che vive con la leucemia. Quindi, cos'è che permette ad alcune persone di risplendere sotto l'influenza di cattivi sentimenti e ad altri di essere "fatte" da loro?

Molto ha a che fare con la nostra sensibilità verso il modo in cui i "nostri" stati d'animo negativi ci influenzano. Per esempio, potrei rispondere alla rabbia in modo diverso da te. Il mio lavoro è capire la mia risposta.

Un maestro maestro di karate una volta mi ha corretto molto presto durante il mio allenamento di arti marziali quando mi ha visto rabbiosamente radunare la pesante borsa. "Non ti stai comportando bene," urlò dall'altra parte della stanza. "O farai del male a te stessa o ti allenerai per lanciare deboli, inutili calci." Non l'ho capito, ma come da lui suggerito, mi sono calmato e ho messo la mia attenzione sul tentativo di eseguire la tecnica correttamente e senza intoppi.

Con la pratica, ho imparato a diventare più sensibile a ciò che stava accadendo nel mio corpo quando provavo certe emozioni. Ho scoperto che il mio corpo si stringeva, in alcuni casi paralizza, se tentavo le manovre marziali con rabbia. La paura mi costringerebbe a bloccare scioperi irrilevanti, a volte simulati e a lasciarmi incapace di cogliere quelli rilevanti. I giocatori più esperti, infatti, lavorerebbero per farti arrabbiare come uno stratagemma, osservare le tue reazioni e poi trarne vantaggio in seguito. La strategia di scommessa che Mohammed Ali ha usato contro George Foreman nella storica boxe del campionato Rumble in the Jungle sconvolta in Zaire è un buon esempio. Ali non si è stancato del corpo di Foreman, ma ha paralizzato anche la mente di Foreman, così Foreman non ha più potuto prestare attenzione al quadro generale, che includeva l'identificazione di obiettivi rilevanti e la priorità delle sue energie in modo da poter affrontare l'intera partita. Il risultato: un ottavo round completamente inatteso e vittoria per Ali.

Il prossimo passo, dopo essere diventato sensibile a come certi stati d'animo ci influenzano, è imparare a renderli benefici.

Una volta un'amica scrittrice mi ha detto che ha fatto la sua migliore scrittura quando si sentiva "blu". Mi ha detto che, in realtà, non scrive affatto bene quando è di buon umore. Quindi il successo dipende, in parte, dall'accoppiamento di stati d'animo specifici e con determinati obiettivi. Su una nota personale, non posso scrivere di salvarmi la vita se ho avuto una discussione con qualcuno. Tuttavia, posso fare il mio miglior lavoro critico quando sono arrabbiato.

Quindi diciamo che sono su un progetto di scrittura e sfortunatamente finisco per averlo fuori con qualcuno nel frattempo. Ho imparato che è il momento per me di cambiare. Certo, potrei voler scrivere, ma so che posso avanzare allo stesso obiettivo, spendendo il mio tempo quel giorno di lavoro di editing che ho già scritto o individuando la migliore ricerca per il prossimo segmento del mio progetto di scrittura. Ho anche scoperto che abbinare gli stati d'animo alle attività mi aiuta a rimanere in linea con i miei obiettivi, che alla fine possono dissolvere i "cattivi sentimenti" e, a loro volta, farmi sentire bene nel realizzare qualcosa.

In definitiva con un po 'di autocoscienza, puoi usare i cattivi stati d'animo per aiutare a iniziare a mettere le cose in una direzione migliore. E quando senti di volare di nuovo "alto", la sensazione è reale. In effetti, l'effetto può essere sinergico: più ti senti vicino ai tuoi obiettivi, più il tuo cervello ti ricompensa con una cascata di droghe di piacere prodotte da te, più ti senti meglio, più il "bene" puoi fare, e così sopra.

Usare le tue emozioni in questo modo implica spostare l'attenzione dal provare un'emozione e lasciarsene travolgere per identificare l'emozione e rivedere quali sono le tue opzioni e tenere o lasciar andare.

Ciò che è necessario per rendere efficace questo approccio è la riflessione, la comprensione delle responsabilità e delle risorse dei propri stati d'animo negativi, e quindi un senso di consapevolezza quando si immerge e si esce da esse. L'obiettivo è abbinare gli stati d'animo giusti con i compiti giusti. Con la pratica, puoi trasformare molti cattivi stati d'animo in un plus.

Nota: il mio libro può avere la vostra attenzione? presenta più del quadro riguardante le connessioni tra attenzione, capacità di messa a fuoco / esecuzione, chimica del sangue, memoria ed emozioni. Per una visione più completa del ruolo delle emozioni date un'occhiata al lavoro del Dr. John Mayer sull'Emotional Intelligence e sul libro del Dr. Daniel Goleman intitolato Emotional Intelligence.

(Immagine di Kevin Walsh)

Solutions Collecting From Web of "Cattivi umori possono essere buoni per te!"