Cattivi e genitori malvagi (Alice Miller's Insights)

PARTE 3

Nella Parte 2 abbiamo discusso di come i comportamenti abusivi siano tipicamente trasmessi di generazione in generazione attraverso le pratiche genitoriali, a meno che il genitore non diventi consapevole di sé e lavori attraverso alcune delle emozioni imbottigliate fin dall'infanzia.

Come ha sottolineato Alice Miller, la cultura può essere una barriera per prendersi cura dei bambini. Ci sono alcune nozioni profondamente radicate sui bambini all'interno delle culture occidentali che sono contrarie allo sviluppo umano.

"A volte si ha l'impressione che per molte persone il tema della" fanciullezza "sia sufficiente per evocare automaticamente derisione, arroganza, meschinità, o anche atti illegali, esattamente gli stessi atteggiamenti e comportamenti che essi stessi hanno sperimentato e imparato nella loro infanzia dagli adulti. "(Miller, 1990, pag 87)

Alice Miller, che viveva in Svizzera, nota che quando ha tenuto conferenze al personale clinico, indipendentemente da ciò che ha detto, si è attenuta al loro credo che i bambini nascono con "pulsioni distruttive" (ad esempio, la pulsione di "morte" di Freud). Come esempio di credenze comuni nel 20 ° secolo, Miller cita il rispettato psicoanalista Edward Glover:

"Esprimendo queste scoperte tecniche in termini sociali possiamo dire che il bambino perfettamente normale è quasi egocentrico, avido, sporco, di carattere violento, distruttivo nell'abitudine, profondamente sessuale nello scopo, esaltante nell'atteggiamento, privo di tutto tranne che della realtà più primitiva senso, senza coscienza o sentimento morale, il cui atteggiamento nei confronti della società (come rappresentato dalla famiglia) è opportunista, sconsiderato, prepotente e sadico. E quando arriveremo a considerare il tipo criminale etichettato come psicopatico, sarà chiaro che molte di queste caratteristiche possono in certe circostanze persistere nella vita adulta. In effetti, secondo gli standard sociali adulti, il bambino normale è per tutti gli scopi pratici un criminale nato. "(Da un discorso del 1922 e pubblicato su The Roots of Crime, 1960) (Miller, 1990, 40)

Pensa: se credi che il tuo bambino sia nato criminale come vorrai costringere, ignorare, trascurare e trattarlo duramente con altre punizioni per "insegnargli una lezione" sul negare il suo sé malvagio. Sfortunatamente, la nozione di peccato originale (da Agostino verso il 400 d.C.) promuove l'idea che i bambini siano nati immorali. Se i genitori agiscono sulla nozione di spirito del bambino = cattivo, è probabile che i genitori cerchino di uccidere lo spirito del bambino, qualcosa che Alice Miller documenta nei suoi libri (vedi in particolare, Per il tuo bene ). Il bambino viene insegnato a sopprimere il proprio spirito e invece a seguire una serie di regole per adulti (qualsiasi cosa decidano i genitori) come segno di bontà. Il bambino sarà ferito per sempre ma pensa che sia normale.

"Un essere umano nato in un mondo freddo e indifferente considererà la sua situazione come l'unica possibile. Tutto ciò che in seguito crede, sostiene e ritiene giusto è fondato sulle sue prime esperienze formative … La repressione dei tormenti passati e il suo costo rendono le persone sorde alle urla dei bambini e cieche alle ovvie connessioni … i fattori così chiaramente rivelati da le statistiche vengono ignorate per bloccare l'eruzione del dolore una volta rimosso, per impedire il riconoscimento della verità. "(Miller, 1990, p 3)

Perché i genitori continuano a danneggiare i loro figli attraverso le generazioni?

Di nuovo, la cultura modella anche le nozioni dei genitori su ciò che è appropriato. Una cultura che condona l'abuso di minori lo perpetuerà. Come ho scritto, il bullismo inizia con i bambini. Gli adulti hanno spesso atteggiamenti che portano ad abusi sui minori, ma sono circondati negativamente da tutti i lati.

"Ancora e ancora la parte del bambino della colpa viene cercata e trovata, con il risultato che solo i casi estremamente brutali sono menzionati con il termine" abuso di minori ", e anche allora con riserve, con l'ampio spettro di maltrattamenti psichici è contestato o addirittura totalmente negato. In questo modo le voci delle vittime vengono messe a tacere quasi prima di essere sollevate, e la verità, l'intera verità oggettiva, dei fatti rimane nell'oscurità. "(Miller, 1990, pp. 94-95)

Per fortuna, le cose sono cambiate, almeno negli Stati Uniti, dove il governo richiede ai professionisti che lavorano con i bambini di segnalare i segni dello stato di possibili abusi sui minori.

In secondo luogo , la soppressione da parte dei genitori delle loro prime esperienze è uno dei motivi per cui l'abuso sui minori continua. Come notato nella Parte 1 e nella Parte 2 , i genitori devono affrontare consapevolmente il loro trauma infantile perché sia ​​guarito.

Ma Miller sottolinea quanto sia difficile per i bambini maltrattati accusare i loro genitori, una combinazione di stampa culturale e smentita individuale. I bambini maltrattati (anche da adulti) spesso difendono i loro genitori:

"Nella mia generazione il bambino ha imparato a identificarsi completamente con la prospettiva dei genitori e mai a metterlo in discussione. Nelle opere di tutti gli autori che conosco, ho osservato che, a dispetto di occasionali ribellioni, finiscono per difendere i propri genitori dalle proprie accuse. Le accuse contro i genitori sono spesso associate a paure mortali, non solo a causa di minacce reali, ma perché un bambino piccolo si sente in pericolo mortale se perde l'amore della persona più vicina a lui. "(Miller, 1990, pp. 96-97 )

In terzo luogo , Miller sottolinea che i bambini, come la stessa forza vitale, sono resilienti in molti modi, che Miller dice inganna gli adulti.

"La grande adattabilità del neonato al nostro mondo crudele, questa tenacia, da tempo immemorabile ha indotto le persone a credere che si possa infliggere qualsiasi impunità a un bambino: completamente trascurato, tenere sigarette accese contro la sua pelle, scuoterlo, lanciare lui contro il muro, urla contro di lui. Fino a poco tempo fa nessuno correggeva queste nozioni perché nella loro indifferenza i bambini feriti non potevano parlare dei tormenti a cui erano esposti; i loro segnali passarono inosservati. E più tardi, da adulti, si erano dimenticati di tali esperienze, o almeno il ricordo non era abbastanza vivido da indurli a parlare di loro. Ma in qualche modo dovevano averlo saputo, i loro cervelli avevano evidentemente memorizzato la conoscenza, perché in una sorta di compulsiva repressione passavano le loro esperienze traumatiche ai loro figli, di nuovo dimentichi delle conseguenze. "(Miller, 1990, p.4)

In quarto luogo , i genitori e la cultura fraintendono i bisogni dei bambini

I bambini sono nati 9-18 mesi prima rispetto ad altri animali (Trevathan, 2011). Dovrebbero essere davvero nell'utero altri 18 mesi (!), Quindi il loro primo paio di anni dovrebbe essere un nido caldo e di supporto. La prima esperienza ha effetti profondi sulla psiche del bambino:

"Un bambino richiede la certezza che sarà protetto in ogni situazione, che il suo arrivo è desiderato, che le sue grida sono ascoltate, che i movimenti dei suoi occhi sono risposti e le sue paure calmate … L'unica possibilità di ricorso che un bambino ha quando il suo le urla sono ignorate è quello di reprimere la sua angoscia, il che equivale a mutilare la sua anima, poiché il risultato è un'interferenza con la sua capacità di sentire, di essere consapevole e di ricordare ". (Miller, 1990, p.1, 2)

"Quando questa innata capacità di sentire non può sbocciare, una persona non può sapere più tardi nella vita cosa significa, ad esempio, essere indifesa e quindi è incapace di fornire al proprio figlio la protezione e l'amore in cui anche questo bambino si reggerà in urgenza. I genitori che non hanno mai conosciuto l'amore, che entrando nel mondo si sono incontrati con freddezza, insensibilità, indifferenza e cecità e il cui intero bambino e giovani sono trascorsi in questa atmosfera, non sono in grado di donare l'amore, anzi, come possono, dal momento che hanno nessuna idea di cosa sia e può essere l'amore? (Miller, 1990, pagina 2)

Le istituzioni degli Stati Uniti hanno costruito tutti i modi per minare il benessere dei bambini (ad esempio, non assicurando un congedo parentale retribuito per madri e padri, non fornendo alloggi a prezzi accessibili o salari di sussistenza in modo che i genitori non debbano lavorare in più posti di lavoro, ecc.).

Molti ospedali minano ancora il benessere del bambino e della madre, non rispettando i tempi di nascita del bambino, imponendo procedure dolorose, separando la madre e il bambino e altri trattamenti duri (anche se la Baby-Friendly Hospital Initiative è iniziata nel mondo nel 1990 e negli Stati Uniti nel 2011) .

Gli effetti della separazione madre-bambino sono noti da Miller (1990). Parla di una donna il cui primo figlio è stato separato da lei dopo la nascita e di quanto si sentisse disperata e depressa, con il seno infiammato. Il secondo bambino è stato posto sul suo stomaco subito dopo la nascita. "La sua totale gioia per questa condivisione ravvicinata e beata le ha permesso per la prima volta di sentire il vecchio dolore della sua solitudine da bambino. Inoltre, ha scoperto che negli anni successivi il suo rapporto con questo secondo figlio era molto meno "gravoso" e sorprendentemente spensierato ". (Miller, 1990, p. 84)

Un'ultima cosa sui maltrattamenti infantili di Alice Miller relativi alla cultura della violenza dei media negli Stati Uniti:

"Secondo me, un bambino che non nutre rabbia repressa non mostrerà alcun interesse per un programma televisivo brutale e sadico. Tuttavia, i programmi brutali sono avidamente assorbiti dai bambini a cui non è mai stato permesso di difendersi da un tormento evidente o sottile a casa o come, per altri motivi, non possono mai esprimere i loro sentimenti, ad esempio per risparmiare un genitore minacciato. Così possono soddisfare i loro desideri segreti di vendetta identificandosi con ciò che vedono in TV. Questi bambini portano già in sé i semi della futura distruttività. .. il bambino impara la crudeltà non guardando la TV ma sempre soffrendo e reprimendo. (Miller, 1990, pagina 44)

Potrebbe la popolarità di film / TV viziosi *, che dominano i film e gli spettacoli televisivi di Hollywood, essere segno di rabbia infantile repressa?

Altri post su come capire i bambini

Dieci cose che tutti dovrebbero sapere sui bambini

Cinque cose da NON fare ai bambini

Come NON rovinare un bambino

Il bullismo inizia con i bambini

I bambini isolati possono diventare "veri" esseri umani?

"Grit" Training for Babies?

Alzare un bambino bene: come scalare l'Everest

RIFERIMENTI

Sito Web di Alice Miller

Glover, E. (1960). Radici del crimine New York: International Universities Press.

Miller, A. (1990). Conoscenza banale: Affrontare le ferite infantili , Rev. ed. (trans., L. Vennewitz). New York: Anchor.

* NOTA: Io dico "vizioso" per riferirmi al focalizzare sul danneggiare o ingannare gli altri, o mostrare in dettaglio come essere malvagio.

Serie in tre parti sulle intuizioni di Alice Miller in Banished Knowledge:

PARTE 1: Giustificazione per adulti di umiliazione e maltrattamento infantile

PARTE 2: Come smettere di mancare di rispetto ai tuoi figli

PARTE 3: Cosa aspettano i bambini (le intuizioni di Alice Miller)

Solutions Collecting From Web of "Cattivi e genitori malvagi (Alice Miller's Insights)"