Categorie, essenzialismo, razza e cultura.

Inserire qualcosa in una categoria e descriverne le proprietà ha effetti molto diversi sul modo in cui pensiamo alle cose. Nel mio ultimo post, ho sottolineato che chiamare qualcuno un musicista rende la musica sembrare molto più centrale per il loro essere – più essenziale – del solo dire che suona musica. Che dire di classificare le persone in base alla loro razza?

In tutto il mondo, le differenze razziali, culturali ed etniche vengono utilizzate per collocare le persone in diverse categorie. Una volta che categorizziamo le persone in questo modo, assumiamo automaticamente che abbiano l'essenza di questa categoria. Per esempio, nel 1994, Richard Herrnstein e Charles Murray scrissero un libro intitolato The Bell Curve in cui documentavano le differenze razziali nei punteggi dei test del QI. Un'ipotesi implicita di questo libro era che era significativo classificare le persone per razza e che queste categorie razziali riflettevano qualcosa di essenziale sulle persone che erano state categorizzate.

Come si sviluppano le categorie razziali? Questo problema è stato affrontato in un documento di Marjorie Rhodes e Susan Gelman in un articolo del 2009 in Psicologia cognitiva . Hanno esaminato due fattori: età e background culturale. I partecipanti al loro studio erano principalmente bianchi. Venivano da una città di medie dimensioni politicamente liberale o da un'area rurale politicamente conservatrice. I partecipanti avevano un'età compresa tra i 5 e i 18 anni.

I bambini più piccoli hanno giocato una partita con un fantoccio. Gli è stato detto che il burattino proveniva da un altro posto dove hanno sbagliato qualcosa, ma fanno altre cose in modo diverso dal modo in cui li facciamo, ma non hanno torto. Dopo un po 'di pratica con il gioco, ai bambini è stato mostrato un oggetto o una persona e poi è stato mostrato un secondo oggetto o persona e gli è stato detto che il burattino pensa di essere lo stesso tipo di cosa e gli è stato chiesto se avevano ragione. Ad esempio, potrebbero essere mostrati un lupo e un leone e fu detto loro che i burattini pensavano che fossero lo stesso tipo di cosa. Nel corso dello studio, gli animali classificati come fantocci e manufatti (come automobili, forchette e abiti). Il burattino ha anche classificato le persone in base al sesso e alla razza.

I bambini più grandi hanno svolto un compito simile, ma senza il fantoccio. I bambini più grandi in questo compito (che avevano circa 17 anni) sono stati posti a queste domande in un test a matita e carta.

Allora, cos'è successo?

Per semplicità, mi concentrerò solo sulle categorie animali e razziali. Per gli animali, i bambini di tutte le età tendevano a dire che il burattino aveva torto quando metteva insieme animali di diverse categorie. Cioè, a partire dall'età di 5 anni e fino all'età di 17 anni, i bambini sentivano che non era corretto mettere diversi animali nella stessa categoria.

I dati per la gara erano molto più complessi.

Ad esempio, il partecipante potrebbe vedere una ragazza bianca e poi una ragazza asiatica e sentirsi dire che il burattino pensava che fossero entrambi lo stesso tipo di persona.

I bambini più piccoli (di 5 e 7 anni) non hanno mostrato alcuna preferenza per affermare che il burattino aveva ragione o torto nel mettere insieme persone di razze diverse. Circa la metà delle volte hanno detto che il burattino aveva ragione e la metà delle volte hanno detto che il burattino aveva torto.

Per i bambini più grandi (di 10 anni e di 17 anni), la loro risposta dipendeva da dove erano cresciuti. I bambini più grandi cresciuti nell'area politicamente liberale hanno affermato che era corretto classificare persone di razze diverse. Coloro che sono cresciuti nell'area politicamente conservatrice hanno affermato che non era corretto classificare persone di razze diverse. Cioè, i ragazzi più grandi di ambienti liberali non avevano problemi con una categoria che coinvolgeva persone di razze diverse, mentre i ragazzi più grandi di un ambiente conservatore pensavano che fosse sbagliato classificare persone di razze diverse nella stessa categoria.

La prima cosa da notare su questi dati è che la convinzione che la razza sia una base possibile per classificare le persone emerge tardi. Questa osservazione è simile a quella che l'antropologo Lawrence Hirschfeld ha osservato nella sua ricerca.

La seconda cosa da vedere è che le convinzioni sul fatto che sia necessario classificare le persone in base alla loro razza dipendono da ciò che gli altri membri della propria cultura suggeriscono. È molto più probabile che tu pensi che sia necessario classificare le persone in base alla razza se cresci in un ambiente politicamente conservatore che se cresci in un ambiente politicamente liberale.

La ragione per cui questo tipo di classificazione è importante è che classificare le persone in un gruppo porta con sé la convinzione che i membri di quel gruppo condividono alcune caratteristiche essenziali. Coerentemente con ciò, Rhodes e Gelman hanno chiesto ai diciassettenni di compilare le scale su quanto fortemente credano che i membri della stessa razza condividano profonde caratteristiche di base non condivise da altre razze. Quei ragazzi che erano più propensi a pensare che fosse necessario classificare le persone in base alla razza erano anche i più propensi a pensare che le categorie razziali riflettessero qualcosa di profondamente simile ai membri di quella razza.

Per ognuno di noi, penso, vale la pena riflettere su quanto sia probabile che trattiamo le persone in modo diverso a causa del modo in cui le classifichiamo.

Solutions Collecting From Web of "Categorie, essenzialismo, razza e cultura."