Casey Kill Caylee? Uno psicologo clinico e forense Commenti sul caso (di nuovo)

Il filicidio è definito come l'uccisione di un figlio da parte del suo genitore. I motivi del filicidio variano dal cosiddetto "altruistico" filicidio o apparentemente ben intenzionata misericordia della prole malata e sofferente, al filicidio "accidentale" durante severa pedofilia o abbandono, alla rabbia retribuzione nei confronti di un coniuge offensivo come nel l'antica tragedia greca Medea , alla soluzione opprimente o egoistica di uccidere bambini indesiderati, esigenti, ingombranti, socialmente inopportuni, alle delusioni paranoiche e alle allucinazioni di comando della psicosi acuta. In che modo uno psicologo forense valuta le cattive azioni come i genitori che uccidono i propri figli? Ho pubblicato due post precedenti (qui e qui) sui genitori che hanno ucciso i loro figli. Ora, in un altro processo ad alto profilo appena iniziato a Orlando, in Florida, Casey Anthony, venticinque, è accusato (ma rimane innocente fino a prova contraria) con omicidio di primo grado per aver presumibilmente ucciso la figlia di due anni Caylee nel 2008 Quando si tratta di prove sensazionalistiche come questa, il pubblico sembra ugualmente respinto e affascinato. Questi casi preoccupanti sollevano le questioni psicologiche: se viene giudicato colpevole, cosa rende una madre giovane e vivace uccidere il suo unico figlio? Lei è cattiva? Malati di mente? O entrambi? Chi commette il filicidio? E perché? (Vedi i miei due post più recenti su questo caso qui e qui.)

Nelle sorprendenti dichiarazioni di apertura, la squadra di difesa di Casey Anthony dichiarò bruscamente che, contrariamente a tutto ciò che Casey aveva ripetutamente affermato dopo la "sparizione" di Caylee, cioè che sua figlia era stata rapita da una tata ora apparentemente fittizia, quel piccolo Caylee annegò accidentalmente nella piscina della famiglia piscina. E che sia Casey che suo padre, il nonno di Caylee, l'ex detective di omicidio George Anthony erano presenti, e successivamente hanno cospirato insieme per coprire la morte di Caylee. Per buona misura, il team di difesa ha inoltre affermato che George aveva iniziato a abusare sessualmente di sua figlia, Casey, quando aveva otto anni, qualcosa che ha già negato sotto giuramento in tribunale durante il processo, insieme a qualsiasi coinvolgimento nel nascondere Caylee Morte. Naturalmente, gli autori di incesti negano quasi sempre le loro azioni quando vengono affrontati. Quindi, se si scopre che George Anthony, in effetti, ha molestato sessualmente Casey per un periodo di anni, come sostenuto dalla difesa, dopo averlo negato sotto giuramento, tutta la sua testimonianza potrebbe diventare sospetta. Che potrebbe teoricamente funzionare per il vantaggio delle squadre di difesa.

Tuttavia, anche se le accuse di abusi sessuali sono vere, il che è certamente possibile, sembrerebbe a questo osservatore che la difesa sta disperatamente cercando di deviare il focus di questo processo per omicidio di morte dall'imputato a suo padre, George, implicando lui sia nella copertura che nell'inserire l'aspetto dell'abuso sessuale. Qualcosa da suggerire che l'imputato non ha ucciso sua figlia Caylee a sangue freddo, e per spiegare perché ha reagito (facendo festa di cuore) come ha fatto dopo la presunta morte o scomparsa di Caylee. Oppure, in mancanza di ciò, iniziando a costruire una causa per una sorta di mitigazione della difesa mentale come "diminuita capacità" (abolita in California dopo la famosa "Twinkie Defense" durante il processo di Dan White) o ridotta condanna (qualcosa di meno della morte) basata su la presunta storia di abusi sessuali cronici di Casey da parte di suo padre. È interessante notare che in uno dei miei precedenti articoli su questo caso, ho ipotizzato che l'imputato avrebbe potuto accidentalmente, piuttosto che deliberatamente causato, per asfissia, la morte della figlia, o che avrebbe potuto annegare accidentalmente nella piscina della famiglia. Ma l'accusa crede chiaramente che la morte di Caylee non sia stata casuale. Possono dimostrarlo?

Che cosa in genere fa sì che le donne (e alcuni uomini) commettano tali crimini incomprensibili? Nel caso del filicidio di Andrea Yates, la malattia mentale cronica sotto forma di depressione e psicosi postpartum sembra essere stata un fattore. In altri, i disturbi della personalità giocano un ruolo primario. L'imputato in questo caso potrebbe essere psicotico, come Andrea Yates? Bipolare? Borderline? Narcisista? O Casey Anthony è un sociopatico freddo come la pietra, come suggeriscono prematuramente alcuni esperti della televisione? Qual è la relazione tra sociopatia (disturbo della personalità antisociale) e narcisismo patologico? Affronterò alcuni di questi argomenti dalla mia esperienza personale di psicologo forense, generalizzando in base a ciò che sappiamo sulla valutazione dei criminali violenti che commettono tali cattive azioni.

Il Disturbo Narcisistico di Personalità (NPD) condivide alcuni punti in comune con il disturbo antisociale di personalità (APD). I sociopatici o gli psicopatici tendono ad essere narcisisti e i narcisisti tendono a certi tratti antisociali. I narcisisti credono di essere – senza meriti sufficienti – di essere speciali o superiori agli altri, nutrendo un senso grandioso di diritto che a volte sentono li solleva al di sopra della legge e dà loro il diritto di ignorare i diritti e i limiti degli altri. Hanno una marcata mancanza di empatia per i sentimenti e i bisogni degli altri. È tutto su di loro. I sociopatici condividono questa netta mancanza di empatia, insieme a un'enorme mancanza di rimorso in generale per aver ucciso, violentato, ferito, maltrattato o rubato agli altri.

L'inganno e la menzogna patologica sono tipici del disturbo antisociale di personalità, ma sono anche comunemente visti nel disturbo narcisistico di personalità, specialmente nella forma della manipolazione interpersonale. Possono essere entrambi personaggi superficialmente attraenti, affascinanti e persino carismatici. Le personalità antisociali esibiscono anche impulsività, incapacità di pianificare in anticipo, spericolato disprezzo per la sicurezza di sé o degli altri e schemi persistenti di irresponsabilità. Per definizione, tuttavia, l'APD richiede prove significative di tali comportamenti problematici (Disturbo della condotta) almeno a partire da quindici anni. In questo caso, le informazioni di base su Casey Anthony (a parte il presunto abuso sessuale infantile e il modello di menzogne ​​patologica) non sono state rese disponibili ai media in questo momento, ma sarebbero state fondamentali per arrivare a qualsiasi diagnosi psichiatrica accurata . Qualsiasi precedente storia di trattamento della salute mentale, farmaci psichiatrici, ospedalizzazione, ecc. È particolarmente importante. Un'altra comunanza di base tra APD e NPD, secondo me, è una rabbia di fondo: profonda rabbia nei confronti dei genitori, figure autoritarie, società e vita. In effetti, vedo sia l'APD che l'NPD come tipi di disturbi della rabbia, inconsciamente alimentati da una grave ferita narcisistica e dalla conseguente rabbia narcisistica. (Per ulteriori discussioni, vedi il mio post precedente su "Rilevare i disturbi della personalità mascherati" e il capitolo sulla psicologia dei criminali violenti intitolato "Violenza come male secolare" nel libro di testo Forensic Psychiatry: Influences of Evil .)

Secondo la massiccia copertura mediatica, il ventiduenne Casey Anthony sembra aver portato avanti un'elaborata sciarada che precede quella misteriosa scomparsa di sua figlia quell'estate. Sembra che abbia detto ad amici e parenti che ha continuato a lavorare negli Universal Studios, quando in realtà aveva perso il lavoro lì (se mai ne aveva avuta una) anni fa. A quanto pare Casey da allora non aveva più lavorato. Uno dei suoi numerosi fidanzati la descrive come una bugiarda cronica. Secondo quanto riferito, regolarmente ha rubato ingenti somme di denaro dai suoi genitori prima della scomparsa di Caylee e, successivamente, da una delle sue amiche. Sembra anche che fosse riluttante ad accettare la piena responsabilità per le cure di Caylee, affidandosi o delegando gran parte di questo a sua madre, che aveva fortemente sostenuto la gravidanza forse indesiderata della figlia.

Inoltre, sembra da alcune notizie che Casey sia uscito di casa dopo una discussione con sua madre poco prima che Caylee scomparisse. Coincidenza? Forse. Ma la rabbia di Casey con sua madre avrebbe forse motivato l'omicidio? Rabbia, rabbia, gelosia, dispetto e vendetta sono alcuni dei principali impulsi motivanti nei casi di omicidio. Se in questo caso è stato commesso un crimine omicida, come sostengono i pubblici ministeri, collocando del nastro adesivo sulla bocca e sul naso della vittima, è stato un crimine di passione diretto contro Caylee? O era un atto di vendetta a sangue freddo e premeditato? Casey potrebbe essere stata così arrabbiata con sua madre da aver deliberatamente ucciso sua figlia per dispiacere a Cindy Anthony? Era gelosa e risentita del rapporto stretto e caritatevole di sua madre con Caylee?

La convenienza è un'altra potenziale motivazione. Nei mesi precedenti la scomparsa di Caylee, Casey aveva apparentemente desiderato di accompagnare gli amici in vacanza a Puerto Rico, ma a quanto si dice fu impedito di andare perché non riusciva a trovare nessuno con cui lasciare la figlia. Casey era risentito nei confronti di Caylee? Quando ha deciso di lasciare la casa dei suoi genitori, senza soldi e senza lavoro, dove poteva andare con un bambino di due anni al seguito? Questa potrebbe essere una motivazione sufficiente per uccidere il proprio figlio? La libertà? Per vivere la bella vita , la bella vita, come sostiene l'accusa?

Questo sembra essere esattamente quello che è successo nel famigerato caso Susan Smith. Smith, allora ventitré, annegò nella sua auto i suoi due figli (entrambi di età compresa tra i Caylee), presumibilmente per poter stare con il suo nuovo fidanzato. Prima di confessare, ha incolpato gli omicidi di un fantomatico pirata. Smith era stato ferito emotivamente durante l'infanzia, abusato sessualmente, era suicidamente depresso e poteva soffrire di una sorta di disturbo di personalità. Gli individui estremamente immaturi e narcisisticamente feriti possono avere grandi difficoltà a mettere in secondo piano i propri bisogni egoistici rispetto ai propri figli.

Il narcisismo è una forma patologica di immaturità egoista. Un altro rapporto suggerisce che, in seguito al litigio con sua madre, Casey Anthony chiamò un fidanzato per chiedere se poteva rimanere con lui. Presumibilmente ha risposto che poteva, ma non con Caylee. Quindi Casey potrebbe aver provato a sedare Caylee con cloroformio fatto in casa, lasciandola addormentata nella sua macchina in modo da poter passare la notte nell'appartamento del suo ragazzo. In effetti, le ricerche di ricette di cloroformio prima della misteriosa scomparsa di Caylee sono state presumibilmente trovate sul computer di Casey. Questo tragico scenario suggerisce la possibile morte involontaria di sua figlia a causa di una combinazione letale di narcisismo, immaturità, ingenuità e stupidità, e una successiva ampia copertura. La polizia sembra avere testimonianze di testimoni che dicono Casey misteriosamente e brevemente preso in prestito una pala da un vicino due giorni dopo che Caylee è scomparsa. Stava seppellendo il corpo? O scavandolo per metterlo nel suo bagagliaio?

Come, ci chiediamo, Casey avrebbe potuto negare che sua figlia fosse morta – per annegamento "accidentale", per asfissia o con la sua stessa mano – e proseguisse apparentemente in seguito come se nulla fosse accaduto? Dov'era la sua coscienza? È una psicopatica senza coscienza, come in qualche modo suggeriscono in modo semplicistico? Come poteva suo padre, e forse sua moglie Cindy, presumibilmente aver fatto lo stesso, sapendo che la loro nipotina annegava in piscina o era morta per mano di sua madre? Come hanno potuto così appassionatamente difendere la loro figlia dalla stampa e dalla polizia? Per quanto riguarda i genitori, l' amore è una risposta: l'amore incondizionato dei genitori per la loro figlia, non importa cosa, e il desiderio di proteggerla a tutti i costi. L'altra risposta è la negazione .

La negazione, come si suol dire, non è solo un fiume in Egitto. La negazione è un potente meccanismo di difesa. Nessuno di noi è al di là di ingannare noi stessi. Tale autoinganno, che riteniamo illusoria nelle sue forme più estreme e patologiche, è molto più pervasivo di quanto si immagini. Considera l'esempio ordinario di un conflitto acceso con un coniuge, un amante, un parente o amico intimo. Com'è possibile che dopo il fatto, ogni partecipante possa avere una versione completamente contraddittoria di quello che è successo? Oggettivamente parlando, prima A è successo, poi B è accaduto, poi C è stato detto, D seguito, ecc. Ma cosa succede se i fatti oggettivi o il nostro comportamento non si comportano bene con il modo in cui ci vediamo? Distorsione dei fatti per supportare il nostro particolare punto di vista e sostenere le nostre convinzioni sul tipo di persona che siamo o vogliamo essere.

Quando i fatti oggettivi minacciano l'ego e la sua integrità, sperimentiamo ciò che gli psicologi sociali chiamano parzialità di conferma , una sorta di dissonanza cognitiva conosciuta più recentemente come "Demone di Morton": escludiamo certi fatti incompatibili con il nostro mito di noi stessi in favore di altri meno minacciosi e più corroborativi. Noi distorciamo la verità. E ci convinciamo della veridicità di questa verità distorta. E facciamo tutto questo inconsciamente. Non sappiamo nemmeno che lo stiamo facendo. Questo va oltre la semplice "distorsione cognitiva", risultante in una radicale riscrittura della storia e della realtà allo scopo di preservare la nostra preziosa immagine di sé o persona. Nella sua forma più estrema, tale autoinganno può portare a certe credenze deliranti sintomatiche della psicosi.

Fin dall'inizio, Casey ha negato qualsiasi colpevolezza, sostenendo fermamente che sua figlia è stata rapita dalla sua inesistente baby-sitter. Ora, la sua storia (o almeno quella della sua difesa) è improvvisamente cambiata in seguito all'annegamento accidentale. Se questa nuova versione di eventi è originata da Casey, è questa la verità oggettiva? O è anche una bugia? Se è una bugia, è una bugia cosciente o inconscia? In altre parole, Casey sa che sta mentendo? O crede davvero alle bugie? Se si scopre di essere completamente convinta che la bugia è vera, sta davvero mentendo? O sta dicendo la verità mentre la vede? Se quest'ultimo risulta essere il caso, allora Casey potrebbe essere considerato delirante. Da una prospettiva di psicologia forense, questo potrebbe teoricamente diventare una componente chiave della sua difesa legale. Ma, per ora, non c'è stata nessuna affermazione di una difesa della follia in questa prova fino ad ora. Almeno non ancora.

Non so se la signora Anthony è colpevole di colpevolezza e non ha avuto alcun coinvolgimento diretto in questa faccenda. Né posso parlare in modo definitivo al suo stato mentale passato o presente o quello della sua famiglia senza averli intervistati direttamente. Tuttavia, come ho menzionato in un post precedente, questo caso riporta alla mente una sindrome clinica chiamata Disturbo Psicotico Condiviso o folie a deux, trois o forse quatre . Questo insolito fenomeno coinvolge tipicamente una persona primaria o un "induttore" che diventa delirante e gli altri vicino a lei o lui a livelli diversi che adottano quella distorsione della realtà. Tra i quattro membri della famiglia, George, l'ex detective della omicidi, potrebbe essere il minimo nel negare ciò che è successo, il che potrebbe spiegare la sua reazione suicida: alcuni studi suggeriscono che gli individui depressi percepiscono la realtà più chiaramente delle persone non depresse. Ma sembrerebbe che sia il fratello di Casey, Lee, sia sua madre, Cindy, se non nascondono consciamente, potrebbero essere ancora sotto l'incantesimo, nonostante siano stati fisicamente separati da Casey dalla sua incarcerazione. Se Casey potesse essere raffigurata da una giuria come se fosse stata psicotica, ad esempio, all'epoca in cui avrebbe ucciso sua figlia Caylee- invece di essere percepita come semplicemente egoista, immatura e mentendo manipolativamente per sfuggire alla responsabilità e alla punizione per questa cattiva azione- questa sarà la base per una prossima difesa della follia?

Nel mio primo intervento su questo caso nel 2008, ho sollevato la stessa domanda, che, senza valutare ampiamente un tale imputato, è impossibile rispondere. Casey potrebbe soffrire di Disturbo Bipolare? Se fosse dimostrato in modo convincente che il presunto crimine si è verificato durante un grave episodio maniacale o depressivo – uno dei quali può a volte diventare psicotico e includere delusioni – questo potrebbe sostenere una difesa della follia. Questo potrebbe anche spiegare il comportamento apparentemente maniacale o ipomaniacale di Casey, l'umore elevato, le follie di shopping e la possibile ipersessualità nelle settimane e nei mesi successivi al presunto crimine.

Ora che le accuse di incesto con suo padre sono state fatte, questo pone la questione di come qualcuno si occupi psicologicamente ed emotivamente di essere stato sessualmente coinvolto con il proprio padre per un periodo di anni. Avendo entrambi valutato e trattato i sopravvissuti all'incesto in passato, posso dire che, ancora una volta, la negazione gioca un ruolo fondamentale, così come il meccanismo di difesa della dissociazione. La dissociazione è il taglio o la repressione e la compartimentalizzazione nell'inconscio di sentimenti inaccettabili o intollerabili, una "rottura nelle funzioni solitamente integrate della coscienza" (DSM-IV-TR). Le vittime di abusi sessuali, in particolare l'incesto, imparano presto a mentire agli altri ea se stessi, a comportarsi come se nulla fosse sbagliato ea vivere con profondi sentimenti di colpa, terrore, vergogna e rabbia. La maggior parte, se non tutti, i malati di Disturbo Borderline della Personalità, ad esempio, hanno sperimentato alcune forme di abuso emotivo, fisico e / o sessuale come bambini. Quindi, in particolare se Casey è una vittima dell'incesto, il disturbo borderline della personalità prende in considerazione in questo caso. Una tale storia di abusi fisici o sessuali non si trova insolitamente in pazienti con Disturbo di personalità antisociale, Disturbo bipolare, Disturbi d'abuso di sostanze, Disturbo dell'identità dissociativo e alcuni disturbi psicotici.

Nell'improbabile eventualità che ci fosse uno spostamento di strategia verso una difesa della follia nel caso Casey Anthony, i suoi avvocati avrebbero dovuto dimostrare che Casey non poteva distinguere tra giusto o sbagliato al momento del presunto crimine e non apprezzava la natura e qualità della sua cattiva azione. La difesa della follia è difficile: meno dell'1% delle prove della giuria tenta di provare la pazzia legale. Di quelli, solo circa uno su quattro ha successo. La scoperta di Not Guilty by Reason of Insanity (NGRI) è in genere un duro acquisto per le giurie. L'imputato può essere palesemente malato di mente, o, qui in California, chiaramente in uno stato di diminuita capacità mentale al momento del crimine, ma non ancora tecnicamente legalmente pazzo. La follia legale è un bar alto. La semplice presenza di gravi disturbi mentali o psicosi non soddisfa necessariamente lo standard severo per l'insanità legale. Né la diagnosi di un disturbo di personalità da solo o essendo stata sotto l'influenza o dipendente da qualche sostanza lecita o illecita quando si commette il crimine.

Lo statuto di difesa della follia della Florida, come quello della California, consente agli imputati di riconoscere che hanno commesso l'atto per il quale sono stati accusati, ma sostengono che non dovrebbero essere giudicati colpevoli perché hanno una malattia o un difetto mentale. Lo stato mentale dell'imputato deve essere stato così severo da impedirle di sapere cosa stava facendo e le conseguenze del suo comportamento nel commettere il crimine. In alternativa, l'imputato potrebbe aver capito cosa stava facendo e le conseguenze delle sue azioni, ma può ancora invocare la difesa della follia se non avesse capito che le sue azioni erano sbagliate. Come in California e nella maggior parte degli altri stati, la difesa della follia della Florida si basa sulla regola M'Naghten , che prende il nome da un famoso caso britannico del diciannovesimo secolo in cui un uomo gravemente delirante, Daniel. M'Naghten, ha cercato di assassinare il primo ministro, uccidendo per errore invece il segretario del primo ministro. È stato giudicato non colpevole a causa della pazzia, ma a causa di proteste pubbliche (non diversamente da quella che seguì il processo di John Hinckley, Jr. nel 1982 qui negli Stati Uniti), fu stabilito il cosiddetto standard M'Naghten , che richiedeva che per tale difesa, l'imputato, a causa di un "difetto di ragione", deve dimostrare di non conoscere la natura e la qualità delle sue azioni o che tali azioni erano sbagliate.

Proprio questa settimana, un tribunale dell'Arizona ha trovato Jared Lee Loughner, il giovane evidentemente psicotico (vedi il mio precedente post) che ha fatto una sparatoria mortale a Tucson lo scorso gennaio, incompetente per essere processato. Secondo quanto riferito, lo psicologo forense e lo psichiatra che lo ha valutato per la corte hanno concordato una diagnosi di schizofrenia paranoide, che, di per sé, non rende un imputato incompetente o inadatto al processo. La competenza ha a che fare con lo stato mentale del convenuto al momento , e la sua capacità di cooperare con i difensori in modo razionale, comprendere le accuse penali e comprendere, almeno fondamentalmente, come funzionano il procedimento e l'ordinamento giuridico, vale a dire, ruolo del giudice, della giuria, del pubblico ministero, ecc. Con ogni probabilità, se Loughner sarà mai giudicato abbastanza bene da essere giudicato per i suoi crimini atroci, i suoi avvocati invocheranno la difesa della follia.

Controverso com'è, la difesa della follia va al cuore stesso della nozione di responsabilità personale: siamo sempre pienamente responsabili del nostro comportamento? Ci sono certi disturbi, malattie, sindromi, stati mentali pericolosi o circostanze attenuanti che possono annullare o ridurre la responsabilità personale? Se sì, quali sono? E dove noi come società disegniamo quella linea? Questi sono proprio il genere di complesse questioni esistenziali, filosofiche, psicologiche e legali che la squadra di difesa di Casey Anthony, come quella di Jared Lee Loughner, avrebbe dovuto affrontare se decidessero di invocare la rara e rischiosa difesa della follia. Ma, finora, c'è poca indicazione che si muovano in quella direzione, avendo scelto invece di negare che un omicidio sia stato commesso affatto, rivendicando la morte accidentale annegando, e puntando il dito di colpevolezza sul padre dell'imputato, il loro ultimo capro espiatorio o (possibilmente intimamente disposto) agnello sacrificale.

Solutions Collecting From Web of "Casey Kill Caylee? Uno psicologo clinico e forense Commenti sul caso (di nuovo)"