Cartellino del prezzo della sessione iniziale: $ 150? O libero?

Questo post è stato scritto insieme a Mitchell M. Handelsman, PhD, il cui blog è "The Ethical Professor" e coautore del libro Ethics for Psychotherapists and Counselors.

L'incontro iniziale tra potenziali clienti e psicoterapeuti è di importanza fondamentale [Anderson & Handelsman, in stampa]. Fare acquisti per il terapeuta giusto è un investimento importante in termini di tempo e denaro. Prima di impegnarsi nella relazione, il potenziale cliente ha bisogno di risposte a domande importanti. Nei post precedenti del blog, dove abbiamo parlato di shopping per uno psicoterapeuta e cosa cercare, abbiamo suggerito alle domande che i potenziali clienti possono chiedere ai terapeuti di prendere buone decisioni e alla fine rispondere alla domanda: "Questo terapeuta è il terapeuta giusto per me?" questa voce affrontiamo la questione dell'etica della ricarica dei soldi per la prima sessione.

Recentemente abbiamo sentito parlare di una studentessa di salute mentale e laureata, Katherine Morris di Seattle, che ha scritto:

Mi viene richiesto di intraprendere un anno di consulenza personale durante il mio programma di formazione per il dottorato (che ritengo sia un buon requisito) e ho riscontrato quanto segue tra molti, se non la maggior parte degli psicologi elencati dal mio assicuratore.

I consulenti e gli psicologi troppo spesso non rendono disponibili al pubblico alcuna informazione di base su se stessi, a parte il luogo in cui andavano a scuola e il loro numero di licenza, ma questo non dice quasi nulla. Invece, cercano di fissare un appuntamento con il potenziale cliente, al fine di rispondere alle domande più elementari e di addebitare i soliti $ 150 solo per rispondere a domande come: Qual è il tuo orientamento teorico? … Perché il potenziale cliente paga $ 150 ad ogni psicologo mentre stanno cercando un "miglior adattamento"?

La nostra domanda è: "Questa pratica è etica o non etica?"

È questa una bandiera rossa del futuro comportamento non etico a venire? O è una bandiera verde che rappresenta una buona pratica da parte di un terapeuta che è anche una brava persona d'affari?

Un modo per vedere questa tariffa iniziale è che gli psicoterapeuti si guadagnano da vivere parlando con le persone e hanno certamente il diritto di far pagare per il loro tempo. I medici possono (e fanno) pagare per i controlli, anche quando non esiste alcuna condizione medica e nessun risultato del trattamento. Pianificatori finanziari, contabili e avvocati incaricano le consultazioni. Si potrebbe sostenere che l'addebito per una sessione iniziale potrebbe incoraggiare i clienti a prendere più sul serio l'intervista.

Un altro argomento che è stato avanzato (e non solo dai terapeuti!) È che una prima sessione gratuita potrebbe essere un incentivo per alcuni clienti. (Di conseguenza, alcune persone hanno raccomandato di dare l'ultima sessione gratuitamente).

D'altra parte, si potrebbe sostenere che l'addebito per una sessione che consiste principalmente nel rispondere alle domande dei clienti e non nel valutare le situazioni, i bisogni o la personalità dei clienti, potrebbe essere – o dare l'impressione di essere – un modo per fare un buck veloce. Questo potrebbe essere particolarmente vero nell'era di Internet. Come dice Morris, "Perché non hanno siti web con informazioni sul loro orientamento teorico e su come vedono la natura umana, ecc.? Oggi non ci sono scuse per non avere nemmeno un profilo di pagina web che fornisce queste informazioni di base. "Ciò potrebbe essere particolarmente vero in quanto i clienti sono sempre più incoraggiati a guardarsi attorno per i terapeuti.

Quindi, un'opzione per gli psicoterapeuti per praticare l'etica positiva è fornire informazioni veramente utili su una pagina web. Nel breve periodo questa pratica può costare agli psicoterapeuti l'opportunità di fare gli strani $ 150. Ma a lungo termine, crediamo che tali terapeuti raccoglieranno i vantaggi economici ed emotivi della reputazione come professionisti onesti che si preoccupano tanto delle persone quanto dei loro profitti. Ovviamente, i terapeuti sono eticamente responsabili di fornire informazioni accurate e utili. Morris parla di un terapista a Seattle che "ha una singola pagina pubblicitaria su Psychology Today, senza informazioni sul suo quadro teorico, solo una lunga lista di ciò che è" specializzato ". In effetti, la lista è così lunga, non poteva potrebbe essere un vero specialista in tutte queste cose! "Ci ricordano i" Car Guys "su NPR che ridono alle officine con cartelli che dicono:" Siamo specializzati in tutte le marche straniere e domestiche! "I terapeuti che hanno tali pubblicità realizzano quanto suona inano? Non è etico essere insensati?

Più terapisti (utili) forniscono sulle loro pagine web, più giustificati sono in carica per le loro prime sessioni. Dopotutto, possono incoraggiare e aspettarsi che i clienti abbiano già preso una certa responsabilità per il proprio processo terapeutico. Un'opzione qui è quella di addebitare una tariffa ridotta per la prima sessione, tipo di "dividere la differenza".

Per aggiungere un ulteriore livello di eccellenza etica, alcuni terapeuti addebiteranno la prima sessione se il cliente continua, ma non se il cliente decide di non tornare. Pensiamo che questo accordo sia una bandiera verde; a beneficio di entrambe le parti, purché il terapeuta dica la verità e non sia motivato a dire qualcosa solo per far tornare il cliente. (Tuttavia, più informazioni sulla pagina web, meno il terapeuta può farlo.) I potenziali clienti che stanno acquistando uno psicoterapeuta potrebbero sentirsi meno come se ne approfittassero, ei terapeuti potrebbero sentirsi a prescindere da ciò che accade nel prima riunione non stanno compromettendo i loro bisogni finanziari avendo sempre la visita iniziale gratuita.

Morris suggerisce (e riferisce di aver usato nel suo studio con grande successo) un'altra opzione: una garanzia di rimborso. Piuttosto rispettoso dei clienti, eh?

Qualunque sia la loro politica, i terapeuti dovrebbero chiarire quale sarà il costo e quali sono le opzioni. Devono anche praticare la beneficenza e rispettare l'autonomia dei clienti evitando di eludere le domande dei clienti sui costi, sulla durata potenziale del trattamento, sulle strategie di trattamento e su altri fattori importanti.

Riferimento:

Anderson, SK, & Handelsman, MM (in corso di stampa). Un approccio positivo e proattivo all'etica del primo colloquio. Journal of Contemporary Psychotherapy.

Solutions Collecting From Web of "Cartellino del prezzo della sessione iniziale: $ 150? O libero?"